Domini .it sotto sforzo? La risposta

Il responsabile del Registro del ccTLD .it ha trasmesso a PI la posizione ufficiale in merito alle polemiche sull'attuale gestione delle registrazioni dei domini .it. La pubblichiamo di seguito integralmente

Roma - In riferimento all'articolo Domini.it sotto sforzo? La protesta, che descriveva la mobilitazione in corso su web con cui molti chiedono una revisione della gestione delle registrazioni dei domini, la direzione dell'Istituto di Informatica e Telematica del Cnr ha trasmesso a Punto Informatico questa nota, che pubblichiamo integralmente:

"L'attività di assegnazione dei nomi a dominio sotto il ccTLD.it è da sempre ispirata a criteri di equità, trasparenza e pari opportunità di accesso per tutti gli utenti. In questo senso il ricorso al fax come mezzo primario di trasmissione delle lettere di assunzione di responsabilità - nonostante possa apparire anacronistico - è e resta lo strumento più efficace di garanzia nei confronti degli utenti finali: la Lar, infatti, identifica in modo chiaro e univoco diritti e doveri dell'assegnatario di un nome a dominio che, firmando il documento, rende specifiche dichiarazioni assumendosene le relative responsabilità.

Non è così in altri registri: non a caso la struttura italiana si caratterizza per tassi di contestazione minimali (nell'ordine di un contenzioso ogni 10mila domini registrati).
Il sistema di ricezione dei fax, allo stato attuale, non presenta criticità. Ma la polemica appare quantomeno intempestiva, se si considera che fin dall'inizio del 2006 il Registro del ccTLD.it - di concerto con la Commissione Regole: l'organo consultivo che vede rappresentati esponenti del Ministero delle Comunicazioni, dei provider, degli utenti e del Registro stesso - ha avviato una radicale riforma del Regolamento di assegnazione dei nomi a dominio sotto il ccTLD.it.

Tale riforma, definita "nuovo asincrono", sarà operativa fin dalle prossime settimane ed è destinata a tutelare in maniera ancora più trasparente ed efficace gli interessi dei provider e dell'utenza finale.

Non solo: contestualmente al varo del nuovo regolamento sarà consentito l'invio delle Lar anche attraverso la posta elettronica; tale facoltà sarà comunque limitata ai provider che aderiranno all'iniziativa in quanto sarà necessario identificare con certezza il mittente di tutte le email contenti Lar (facoltà che, allo stato attuale, non è estendibile anche all'utenza finale).

Il nuovo regolamento di registrazione asincrona è comunque solo il passaggio verso una "riforma" ancor più radicale che prossimamente porterà all'introduzione, anche nel Registro italiano, delle modalità di registrazione sincrona dei nomi a dominio: un sistema moderno ed efficace che permetterà l'assegnazione dei nomi a dominio.it in tempo reale.

Tale percorso è ben noto agli operatori del settore che ne sono stati informati da tempo sia attraverso le comunicazioni ordinarie del Registro sia - a più riprese - durante gli incontri con lo staff del Registro.
Il Registro è dunque impegnato in una delicata fase di transizione, dove i due sistemi dovranno necessariamente coesistere senza strappi al fine di garantire pari opportunità di accesso al servizio da parte di tutti gli utenti: ai quali, di tutta evidenza, non potrà essere imposta alcuna penalizzazione.

Un'ultima notazione sulle presunte irregolarità nell'assegnazione di nomi a dominio particolarmente appetibili: il Registro agisce in un sistema di regole rigido e ben definito.

Cordialmente
Ing. Enrico Gregori
Direttore dell'Istituto di Informatica e Telematica del Cnr
e responsabile del Registro del ccTLD.it
"
63 Commenti alla Notizia Domini .it sotto sforzo? La risposta
Ordina
  • L'articolo che lamentava i disservizi e i tempi era intempestivo e anacronistico. Chiunque si occupi di registrazioni sa che attualmente si riesce ad effettuare un cambio Maintainer in 2 giorni (purchè si paghi subito), e una settimana per un cambio Registar per i domini com, net, org e via discorrendo, oltre mail, codici di autorizzazione che circolano, e che magari arrivano ad una casella che non controlliamo più, o non controlliamo noi, ma il nostro provider.

    Il fax... sono d'accordo, mezzo più antico e controsenso rispetto la possibilità di una mail non c'è, ma ad ogni modo, è un sistema che non viene usato soltanto dal Nic ma anche dalle banche per i bonifici, e negli alberghi per ricevere le prenotazioni dei clienti, magari inviate dalle loro segretarie.

    Il Nic italia non è più quello di qualche anno fa, almeno questo andrebbe riconosciuto, e lo si deve ad un cambio radicale di competenze e tiramolla burocratici tra più istituti pubblici.

    Peraltro, non si può nemmeno ignorare l'impennata di registrazioni negli anni, ed anche per questo, va dato atto di un'efficienza sulla quale forse non speravamo, o pelomeno, non così.

    Il mio consiglio è di confidare nei miglioramenti e di parteciparvi fattivamente tramite il dibattito costruttivo che si può svolgere sull'opportuna e dedicata board, e di lasciare fuori l'autolesionismo ad oltranza. Ripeto, l'articolo sembrava commentare la situazione di qualche anno fa.

    Un numero occupato o un fax che non legge bene (potrebbe dipendere da chi spedisce, anzi, senz'altro è così), sono aspetti facilmente risolvibili. Peraltro esiste la possibilità di schedulizzare l'invio di un fax e farlo partie nottetempo... se proprio abbiamo bisogno della linea libera.

    Nel mare dell'inefficienza non mi sembra il Nic l'esempio più negativo, considerato l'indice di sviluppo dell'Internet Italia, anche se di meglio è sempre opportuno e auspicabile.

    CIAO







    non+autenticato
  • "Il sistema di ricezione dei fax, allo stato attuale, non presenta criticità".

    Today:

    Avviso di ricevimento di Lettere di Assunzione di Responsabilita':

    Dominio: xxxxxxxx.it
    Data di arrivo: 2007-01-09
    Ora di arrivo: 10:20:00
    Maintainer: xxxxx-MNT
    Numero pagine ricevute: 2
    Documenti ricevuti: Lettera AR
    Ultimo modulo ricevuto: Not received

    La vostra lettera di AR richiedente il dominio sopra riportato e' stata esaminata e ci spiace comunicare che tale richiesta non puo' essere
    accettata per i seguenti motivi:

    Il fax ricevuto non risulta totalmente leggibile.
    ===================
    The fax we have received is completely not readable.

    Diceva, caro Ing. ?
    non+autenticato
  • lasciare il tld .IT in gestione a questi quaquaraqua è una perdita di tempo.
    suggerisco la creazione di uno o più ROOT-NAMSERVER
    autogestiti dove possono essere registrati in maniera free qualsiasi dominio .it
    per raggiungerli è sufficiente cambiare il vostro dns e la frittata è fatta.
    lo so è anarchica come cosa ma chi se ne frega
    mica vi costringe nessuno ad usare i loro sistemi
    di naming.
    il bello di internet è proprio questo se io voglio
    mettere su un tld .cazzo mi faccio il nameserver
    e lo propago agli altri nameserver amici che vogliono contribuire.....
    una cosa molto simile a questo concetto
    è anonet http://www.anonet.org
    non+autenticato
  • Non so se a qualcuno di voi sia capitato di leggere sul sito di Repubblica la rubrica intitolata "Carta canta".
    In pratica, vengono riportate dichiarazioni pubbliche di un qualche esponente politico che, a distanza di tempo, si contraddice clamorosamente.
    Beh, direi che l'Ing. Enrico Gregori è riuscito a fare di meglio: lui si contraddice all'interno della stessa dichiarazione!

    "L'attività di assegnazione dei nomi a dominio [...] è da sempre ispirata a criteri di equità, trasparenza e pari opportunità di accesso per tutti gli utenti. In questo senso il ricorso al fax [...] è e resta lo strumento più efficace di garanzia nei confronti degli utenti finali"

    Capito bene? Il fax è e resta lo strumento più efficace. Non c'è bisogno di alcuna modifica alle procedure.
    No... non avete capito niente!

    "Il nuovo regolamento di registrazione asincrona è comunque solo il passaggio verso una "riforma" ancor più radicale che prossimamente porterà all'introduzione, anche nel Registro italiano, delle modalità di registrazione sincrona dei nomi a dominio: un sistema moderno ed efficace che permetterà l'assegnazione dei nomi a dominio.it in tempo reale."

    Boh...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)