Cassandra Crossing/ La libertà è schiavitù

di Marco Calamari - Il tecnocontrollo porterà ad una riduzione della criminalità? E se questo avviene calpestando i diritti civili sarà ancora un vantaggio? In Italia c'è chi risponde di sì ad entrambe le domande

Roma - I metodi di "1984" sono utilizzati dal governo? Fanno parte dei metodi usati dalla nostra classe politica? Rappresentano la direzione dell'evoluzione della società digitale italiana? Dando oggi via libera al Cassandra-pensiero e fissando l'attenzione sulle recenti novità legislative riguardanti la Rete sembrerebbe proprio di sì.

Alcuni dei 24 lettori di questa rubrica ricorderanno gli slogan che il Partito descritto da Orwell in 1984 affigge su tutti i muri:

LA GUERRA È PACE
LA LIBERTÀ È SCHIAVITÙ
L'IGNORANZA È FORZA
Il primo slogan, "La guerra è pace", si materializza nella visione della vita in Rete come continua guerra contro criminali, terroristi e pedofili. Questa visione permea le parole e le azioni della classe politica italiana, come pure di molte altre nazioni che si dicono "democratiche" e che si ergono a paladini della libertà in altri paesi non democratici, ad esempio in Cina.

Il secondo slogan "La libertà è schiavitu" è perfettamente rappresentato in una recente quanto mirabile dichiarazione del Ministro delle Comunicazioni Gentiloni, già citata nella precedente release di questa rubrica: "Internet è una straordinaria fonte di informazione ed un motore dell'innovazione. Per difendere la libertà contro ogni tentazione di censura preventiva e generalizzata, peraltro impraticabile, occorre colpire in modo certo ed efficace chi ne fa un uso criminoso contro i bambini"

Colpirlo come? Ovviamente controllando e censurando preventivamente la Rete.
La libertà di navigare in Rete senza essere costantemente ed eternamente monitorati rappresenta quindi nel pensiero del Ministro una schiavitù; per fortuna la sua pronta reazione censoria e di tecnocontrollo ce ne libererà restituendoci la vera libertà, quella di scegliere le suonerie da comprare per i nostri cellulari.

Il terzo slogan "L'ignoranza è forza" si ritrova nell'atteggiamento che la classe politica da sempre ha nei confronti della Rete, cioè quello di considerarla un mero fatto tecnico che la loro superiore volontà "politica" puo' e deve controllare, affidandone poi i "dettagli" realizzativi a "tecnici", certo bravi e competenti ma del tutto estranei ai processi decisionali. Il seguente brano, sempre del ministro Gentiloni ne è un esempio: "Sono soddisfatto perché saranno proprio gli Internet Provider a collaborare con la Polizia Postale e delle Comunicazioni per oscurare i siti illegali"

Uuna visione di questo tipo è brutale in quanto ignora (non considera oppure non conosce) la realtà ed il funzionamento della Rete, e si rende forte del proprio potere per redimere e guidare in maniera illuminata i provider, anche loro percepiti come "complici" di pedofili e terroristi nell'eterna guerra contro i cattivi che popolano la Rete. Il tutto per assicurare pace e tranquillità ai bravi cittadini, ai loro figli e ai loro nipoti.

Ci stiamo muovendo verso una società dotata di una architettura tecnologica e legale che crea un mondo in cui "disubbidire" (cioè prendere iniziative non totalmente e pienamente conformiste) sarà tecnicamente sempre più difficile. Questo è per un verso desiderabile, per un altro pericolosissimo.

Per i cittadini della Rete il vantaggio di avere (posto che sia realizzabile) meno criminali in Rete è incommensurabilmente più piccolo dello svantaggio di avere i propri diritti civili (libertà, privacy) completamente ed eternamente rimossi.

Forse molti non avrebbero da obbiettare se questa architettura impedisse a terroristi di far saltare edifici, od a pedofili di violentare bambini, il tutto senza produrre abusi, derive autoritarie e paternalistiche, società sempre più autoritarie. Ma la richiesta che viene fatta ai cittadini è in realtà: "Permetteteci di fare qualsiasi cosa per la vostra sicurezza, abbiate fiducia in noi. Noi sappiamo cosa è meglio per voi e lo facciamo solo nel vostro interesse. Non abuseremo mai di questo potere, ma anzi impediremo a chiunque di farlo."

La storia ci insegna che così non è, che un potere assoluto corrompe in maniera assoluta. Il tecnocontrollo totale, di cui la censura della Rete è un tassello, è un potere di questo tipo; non deve essere ammesso, qualunque sia il presunto beneficio a cui possa portare.
Chi ritiene che lottare contro i criminali ne sia una giustificazione sta ingannando se stesso e facendo il proprio e l'altrui danno. Leggete (o rileggete) Orwell, è sempre più attuale ed ha molto da insegnare, come il suo messaggio finale:

"Al futuro o al passato, a un tempo in cui il pensiero è libero, quando gli uomini sono differenti l'uno dall'altro e non vivono soli, ad un tempo in cui esiste la verità e quel che è fatto non può essere disfatto. Dall'età del livellamento, dall'età della solitudine, dall'età del Grande Fratello, dall'età del Bispensiero... tanti saluti!"

Un saluto anche da parte mia.

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo
47 Commenti alla Notizia Cassandra Crossing/ La libertà è schiavitù
Ordina
  • Il punto è questo: SE vuoi la Libertà, RINUNCIA all'Ordine- SE vuoi l' Ordine, RINUNCIA alla Libertà. Credo che in ultima analisi, sia questo il nocciolo della questione...E' una scelta, quella che va fatta.
    Pretendere di usufruire della Libertà con tutti i suoi vantaggi senza tener conto del rovescio della medaglia, significa non essere realisti, vuol dire non avere i piedi per terra. Il concetto, più semplicemente , è il seguente: se vuoi qualcosa, devi dare qualcosa. Quando pero' ci sono di mezzo tutti gli abitanti di questo pianeta, la faccenda si complica, non credete? Se noi si prendesse un campione di dieci persone intervistate sull'argomento della Libertà, avremmo quasi certamente, dieci punti di vista completamente differenti. Se l'Italia, (per esempio) è stata collocata al 34° posto per quanto riguarda la libertà di stampa e al 46° per la libertà di parola, una ragione dovrà pur esserci , vi pare?

                                       ciao
                                     Il Musico
  • Agli elementi che portano a concludere come Calamari che "la libertà è schiavitù" è uno dei principi guida dell'azione governativa (senza distinzione di colore, ne di nazione, ormai) mi permetto di aggiungere:

    - i recenti tentativi di proibire il fumo tout court (compreso in luoghi privati tra persone consenzienti) con la scusa delle spese a carico del sistema sanitario (spese peraltro che potrebbero essere già coperte dalle tasse sulle sigarette, certo non modiche) facendo finta di ignorare che tale limitazione della libertà non è la sola ne la migliore soluzione al problema (banalmente, se il motivo della limitazione è il costo per il SSN, si calcola tale costo e si ricarica sulla causa, ad esempio modulando le tasse sulle sigarette).

    - l'inizio della campagna contro gli obesi, sempre per "il bene" del SSN (forse qualcuno ha visto "sani per legge" su La7?) che dovrà portare nel giro di qualche anno a decidere per noi cosa mangiare e quanto

    - il proibizionismo sulle droghe leggere come se fossero diverse dall'alcool

    - l'approccio comune tra i medici italiani verso le cure palliative

    - le idee di possesso e di prevaricazione che traspaiono dalla vicenda della morte di Welby (al di là delle ovvie strumentalizzazioni che ci sono state)

    - Allargando alla situazione internazionale (perchè nella Costituzione Italiana l'habeas corpus non è formalmente previsto), l'abolizione del habeas corpus negli Stati Uniti per i reati di supposto terrorismo

    - Tutte le nefandezze che si stanno facendo in nome della "sicurezza"

    Qualcuno riesce ad aggiungere qualcos'altro?
    Ritenete che sia un disegno concertato (ad esempio con lo scopo di mantenere il potere ad ogni costo) oppure una conseguenza dovuta al pensiero nascosto della classe politica (riconducibile a una sorta di "disprezzo per i perdenti, gli inferiori")?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 gennaio 2007 11.44
    -----------------------------------------------------------

  • - Scritto da: Marlenus

    Snip...

    > - Allargando alla situazione internazionale
    > (perchè nella Costituzione Italiana l'habeas
    > corpus non è formalmente previsto), l'abolizione
    > del habeas corpus negli Stati Uniti per i reati
    > di supposto
    > terrorismo
    >
    > - Tutte le nefandezze che si stanno facendo in
    > nome della
    > "sicurezza"
    >
    > Qualcuno riesce ad aggiungere qualcos'altro?
    > Ritenete che sia un disegno concertato (ad
    > esempio con lo scopo di mantenere il potere ad
    > ogni costo) oppure una conseguenza dovuta al
    > pensiero nascosto della classe politica
    > (riconducibile a una sorta di "disprezzo per i
    > perdenti, gli
    > inferiori")?

    Io ho la sensazione che si tratti di una serie di "contromisure".
    La tradizionale "mappa dei poteri" è basata essenzialmente sul controllo giurisdizionale di ambiti territorialmente e culturalmente delimitati grossomodo coincidenti con l'idea di stato.
    La globalizzazione ha innescato fenomeni e poteri che sono tutt'altro che controllabili secondo lo "schema tradizionale" che ho sinteticamente definito.
    Le multinazionali, l'economia globalizzata sono sedi di poteri (non solo economici) e ugualmente la circolazione delle informazioni e il modo di intendere le politiche generano strumenti e altri poteri anche "dal basso" (internet tra questi).
    Naturalmente tutto questo pone le strutture di potere e le istituzioni "tradizionali" in una posizione difficile e contempranamente con "l'obbligo" di stabilire modalità di coordinamento e quadri di riferimento con un "minimo di omogeneità" globale.

    Ovviamente questo è complicato (forse impossibile) per i nostri "governanti" e sentono la terra (e la poltrona) mancargli sotto i piedi (o sotto il c..)...

    Facendo 2+2 ci sono quindi 2 possibili risposte alla tua domanda (n.b. una risposta non esclude necessariamente l'altra).

    Risposta numero uno sono "colpi di coda" di forme "morenti" di potere.

    Risposta numero 2 si tratta di nuove forme di adeguamento del controllo dei "governati" in cui la struttura formale di tale controllo non ha più come riferimento le "culture" locali e territoriali e la "forma" diventa meno importante della sua efficacia!
    "Democrazia" ad esempio ha un significato e una forma più o meno codificata nel cosidetto mondo occidentale ma cosa succede se parliamo dell'asia?.

    In parole povere poco importa la forma importa che il controllo ci sia e sia efficace!

    Non ci sono ragioni particolari per essere entusiasti di nessuna delle due risposte...

    Ci sono tuttavia ottime ragioni per darsi da fare a trovare forme magari nuove di costruzione di alternative dal basso, il lavoro rischia di essere lunghissimo e arduo, ma ci sono alternative?
    non+autenticato

  • > "Democrazia" ad esempio ha un significato e una
    > forma più o meno codificata nel cosidetto mondo
    > occidentale ma cosa succede se parliamo
    > dell'asia?.

    Francamente faccio fatica a definire democrazie le società asiatice. Il loro modello è Singapore, una società certamente meritocratica, certamente ricca ed efficiente, ma dove la libertà individuale non è un valore.
    Ma forse è colpa della mia cultura, che non considera "democrazia" nel senso letterale del termine, ma da per scontato che sia associata a "liberale". Comunque sono i valori liberali che mi interessano anche di più di quelli democratici (ben sapendo che i secondi non si sono mai rivelati in altre forme di governo per un tempo sufficientemente lungo)

    >
    > In parole povere poco importa la forma importa
    > che il controllo ci sia e sia
    > efficace!
    >
    > Non ci sono ragioni particolari per essere
    > entusiasti di nessuna delle due
    > risposte...
    >
    > Ci sono tuttavia ottime ragioni per darsi da fare
    > a trovare forme magari nuove di costruzione di
    > alternative dal basso, il lavoro rischia di
    > essere lunghissimo e arduo, ma ci sono
    > alternative?

    Forse no, ma come puoi arrivare a fare entrare nella zucca di certa gente concetti che contrastano con il loro interesse?
    Un governo che ruba a Pietro per dare a Paolo potrà sempre contare sull'appoggio di Paolo.
    Basta che i Paolo siano una minoranza sufficientemente ampia da potersi legittimare con "l'ordine" e la legge (scritta da loro e per loro) e il gioco è fatto... Aggiungi il giusto livello di propaganda per annubilare le menti più deboli, e hai descritto la società attuale.

    Trovo molto azzeccate le tesi di Crouch in Postdemocrazia, condisci con un po' di resoconti storici tipo "Come si diventa nazisti" di Allen e con analisi brillanti come quella di Amy Chua ("L'età dell'odio") e tutto diventa molto chiaro. E' la via d'uscita che non lo è....



    non+autenticato
  • dai, è talmente da blogger... e talmente da blogger "IO SONO COME MANZONI"...

    io ti stimo e ti ammiro... ma questa non la trovo simpatica, ma un po' caduta di stileSorride

    ecco, se scrivevi "dei miei 3 lettori" (anche se sai benissimo che siamo migliaia) non cercava di imitare il Manzoni, ma era autoironia veraSorride

    ciaoooooo
    non+autenticato
  • Si riferisce ai 24 vegliardi assisi sui 24 seggi (Apocalisse, 4,4)
    non+autenticato
  • Oltre alla società dipinta Orwell in "1984", c'è un interessante documentario che tutti dovrebbero conoscere: Gli Illuminati di david icke. Consiglio vivamente a tutti di guardarlo.
    non+autenticato
  • "Permetteteci di fare qualsiasi cosa per la vostra sicurezza, abbiate fiducia in noi. Noi sappiamo cosa è meglio per voi e lo facciamo solo nel vostro interesse. Non abuseremo mai di questo potere, ma anzi impediremo a chiunque di farlo."

    Sì sì certo...come no!
    Non sanno proprio niente di cosa vogliamo noi!
    Così dimostrano che invece non gli frega niente di noi, vogliono fare i supereroi ma fanno più danni del governo precedente!
    Non vi lasceremo calpestare i nostri diritti civili!


  • - Scritto da: Msdead

    > Non sanno proprio niente di cosa vogliamo noi!

    Perché, hanno forse bisogno di saperlo? Se comandano loro, che necessità hanno di sapere di cosa hai bisogno tu?

    > Così dimostrano che invece non gli frega niente
    > di noi, vogliono fare i supereroi

    No, vogliono essere sicuri di rimanere al loro posto. E no, non gliene frega niente di noi. Perché dovrebbe fregargliene qualcosa?

    > Non vi lasceremo calpestare i nostri diritti
    > civili!
    >

    E come pensi di impedirglielo? Con quale esercito?

  • Borg_troll invece di replicare quello che dico e fare il santo innocentino, di la tua opinione come tutti!Sono sicuro che pure tu sei contro al loro volere e quindi sta zitto e non continuare col tuo comportamento da "angelo"!
    Inoltre i modi d'impedire ciò ci sono e ci sono leggi dell'Unione Europea e anche leggi dello stato quindi, a meno che non vogliano distruggere il significato del bene e del male, i modi ci sono per contrastare tutto.Come vedi, anche il DRM ha trovato il cammino molto difficile grazie al mercato e alle evidenze dei fatti e dicevi che non potevamo opporci neanche a quello.
    C'è gente che non condivide le decisioni di chi sta al potere ricordatelo, anzi chi ha promosso il DRM sì sta accorgendo che non va bene e uno alla volta stanno facendo marcia indietro e pausa di riflessione!

  • - Scritto da: Msdead
    > Borg_troll invece di replicare quello che dico e
    > fare il santo innocentino, di la tua opinione
    > come tutti!

    E a che scopo? Nessuno che può fare qualcosa la ascolta, e nessuno che ascolta può cambiare le cose. Quello che penso non conta nulla.

    > Sono sicuro che pure tu sei contro al
    > loro volere e quindi sta zitto e non continuare
    > col tuo comportamento da
    > "angelo"!

    Angelo? Io sono un Troll, non un angelo. Posso essere contro il "loro volere", ma che cosa cambia? Sono anche contrario ai terremoti e agli tsunami, ma non é che serva a molto.

    > i modi ci
    > sono per contrastare tutto.

    Provaci, buon divertimento.

    > Come vedi, anche il
    > DRM ha trovato il cammino molto difficile grazie
    > al mercato e alle evidenze dei fatti e dicevi che
    > non potevamo opporci neanche a
    > quello.

    Aspetta e vedrai.

    > C'è gente che non condivide le decisioni di chi
    > sta al potere ricordatelo, anzi chi ha promosso
    > il DRM sì sta accorgendo che non va bene e uno
    > alla volta stanno facendo marcia indietro e pausa
    > di
    > riflessione!

    Sicuro?
  • Leggi di più.Le notizie di questi giorni sembrano dare questa impressione.
    Prima EMI che fa una pausa riflessiva, le prove di vendita di prodotti con e senza DRM allo stesso prezzo, il mercato DRM che va male, CEA contro RIAA...vuoi dell'altro?Googla!IndiavolatoIndiavolatoIndiavolatoA bocca aperta

  • - Scritto da: Msdead
    > Leggi di più.Le notizie di questi giorni sembrano
    > dare questa
    > impressione.
    > Prima EMI che fa una pausa riflessiva, le prove
    > di vendita di prodotti con e senza DRM allo
    > stesso prezzo, il mercato DRM che va male, CEA
    > contro RIAA...vuoi dell'altro?Googla!IndiavolatoIndiavolatoIndiavolato
    >A bocca aperta

    non hai fatto i conti con telecom e con la rai, entrambi si sono affidati a microstop, il quale oltre ad aver blindato il soft vuole a tutti i costi blindare anche l'hard. In italia ci possono riuscire, la destra li ha facilitati in tutti i modi e la sinistra non sembra proprio in grado di rendersi conto della situazione, nonostante qualche mosca bianca in piu' che s'intende di queste cose. Se ci riescono in italia, e con un governo di sinistra, la cosa fara' molto scalpore e incoraggera' molti altri sbruffoni stranieri.
    pio bove ...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: Msdead
    > > Leggi di più.Le notizie di questi giorni
    > sembrano
    > > dare questa
    > > impressione.
    > > Prima EMI che fa una pausa riflessiva, le prove
    > > di vendita di prodotti con e senza DRM allo
    > > stesso prezzo, il mercato DRM che va male, CEA
    > > contro RIAA...vuoi dell'altro?Googla!IndiavolatoIndiavolatoIndiavolato
    > >A bocca aperta
    >
    > non hai fatto i conti con telecom e con la rai,
    > entrambi si sono affidati a microstop, il quale
    > oltre ad aver blindato il soft vuole a tutti i
    > costi blindare anche l'hard. In italia ci possono
    > riuscire, la destra li ha facilitati in tutti i
    > modi e la sinistra non sembra proprio in grado di
    > rendersi conto della situazione, nonostante
    > qualche mosca bianca in piu' che s'intende di
    > queste cose. Se ci riescono in italia, e con un
    > governo di sinistra, la cosa fara' molto scalpore
    > e incoraggera' molti altri sbruffoni
    > stranieri.
    > pio bove ...

    Hai nominato due Aziende destinato al fallimento, come tutti ci auguriamo (salvo essere tra quelli che partecipano finchè possono al magna-magna).

    I servizi ed i prodotti di queste due fior fior di Aziende che disperatamente cercano di far sopravvivere il loro monopolio di fatto, già non ci interessano più ora, alle condizioni da loro poste, figurati dopo, quando faranno ricorso ai mezzucci che tu riferisci.

    Ormai la coscenza popolare si sta risvegliando, anche in un paese ottocentescamente arretrato come l'Italia, e non la spunteranno, queste due supreme superaziende italiche, semplicemetne perchè in un paese con un'autocoscenza arretrato di un secolo loro sono rimasti a sistemi da Medio Evo ...

    La Destra e la Sinistra, che difendono o comunque avvallano le malefatte legalizzate di queste due Supreme Aziende infarcite di Supereroi, non possono più di tanto contro l'avanzare di offerte alternative più o meno libere da lucchetti nostrani proditoriamente imposti, e d'altronde sappiamo benissimo quanto i nostri ineffabili politici, anche loro mostri di medioevale mentalità, malgrado la forza bruta dgli scagnozzi del regime, ben poco possono contro l'autocoscenza di un popolo che lentamente ma inesorabilmente si risveglia.

    La civiltà intorno a noi, nel bene e nel male va avanti, gli italiani si stanno svegliando molto lentamente ma sempre molto più velocemente delle pachidermiche ex monopoliste in oggetto, le alternative a loro ci sono, o quanto meno le "distrazioni" che distolgono un'utenza a loro un tempo indissolubilmente legata proprio per mancanza di alternative, e vedrai che tonfo faranno (e che risate ci faremo) se vorranno lucchettare i loro obdoleti e non più appetibili prodotti!

    Sarò ottimista, ma penso che il tonfo ormai lo faranno comunque, anche non lucchettando ulteriormente.

    Bye

  • - Scritto da: Msdead
    > "Permetteteci di fare qualsiasi cosa per la
    > vostra sicurezza, abbiate fiducia in noi. Noi
    > sappiamo cosa è meglio per voi e lo facciamo solo
    > nel vostro interesse. Non abuseremo mai di questo
    > potere, ma anzi impediremo a chiunque di
    > farlo
    .
    "
    >
    > Sì sì certo...come no!
    > Non sanno proprio niente di cosa vogliamo noi!
    > Così dimostrano che invece non gli frega niente
    > di noi, vogliono fare i supereroi ma fanno più
    > danni del governo
    > precedente!
    > Non vi lasceremo calpestare i nostri diritti
    > civili!
    >

    Che frasoni nobili per giustificare un potere arbitrariamente autoarrogatosi!

    Però, pensando alla realtà, alle mie orecchie la cosa suona così:

    Ci siamo permessi di fare qualsiasi cosa per la nostra sicurezza, facendovi necessariamente credere che sia per la vostra; abbiate fiducia in noi che siamo i vostri magnacc...papp... pardon "protettori". Noi e non voi sappiamo cosa è meglio per tutti e lo facciamo eventualmente anche nel vostro interesse se non cozza col nostro. Sempre a fin di bene, non accetteremo mai ostacoli al nostro potere, anzi impediremo a chiunque di farlo.

    .
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 gennaio 2007 14.45
    -----------------------------------------------------------
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)