Sequestrato portale italiano sugli stupefacenti

Chiuso d'autorità uno spazio web dedicato alle sostanze psicotrope, ai loro effetti e alle loro origini, con una quantità di dettagli che le normative italiane sembrano mal tollerare

Roma - "Questo sito è solo a scopo informativo - Tutte queste informazioni non sono presentate con lo scopo di incoraggiare la gente a sperimentare le sostanze psicoattive, bensì solo per dare un avvertimento a coloro che potrebbero farne uso. Siate informati, state attenti!".

Si presentava così psicoattivo.it, un disclaimer che non ha salvato quello spazio web da una denuncia all'autorità giudiziaria, che ne ha così disposto il sequestro.

Il sito, che Netcraft dà come attivo da diversi anni, è stato avvistato dai cybercop della Polizia Postale che, come noto, hanno il compito di monitorare le attività online allo scopo di contrastare la criminalità. La denuncia colpisce il titolare del sito, L.C., di 26 anni, che risiede nel milanese e che ora va incontro ad un processo. Il sequestro sarebbe dovuto al fatto che sulle pagine del sito si trovavano non solo informazioni sulle sostanze allucinogene in circolazione sul mercato illegale e sui loro effetti, ma, a quanto pare, anche indicazioni sulla loro coltivazione, sulla preparazione, sulle modalità di consumo.
La home page sotto sequestro"Il sito sequestrato - scrive N. a Punto Informatico - rappresentava l'equivalente italiano del più noto ed internazionale www.erowid.org". Dando un'occhiata alle pagine del sito indicizzate da Google è possibile verificare l'enorme quantità di dati che era presente sul sito il cui lead era qualcosa come: "Una miriade di informazioni sugli enteogeni, psichedelici, allucinogeni includendo l'uso tradizionale, spirituale, e responsabile, chimica, effetti".

Va detto che non si tratta del primo sequestro del genere in Italia.
Come ricorderanno i lettori di Punto Informatico, nell'estate 2005 furono censurati alcuni siti e il loro webmaster venne arrestato. Un caso che aveva sollevato feroci polemiche e che si è concluso con il ritorno online dei siti, da marjuana.it a semini.it, tuttora attivi sebbene dietro ingombranti disclaimer che avvertono i visitatori sulla severità delle attuali normative pensate per punire le persone, maggiorenni compresi, che intendano fare libero uso delle sostanze che ritengono di voler assumere. Proprio su marjuana.it è attivo un forum dedicato al sequestro di psicoattivo.it, sebbene mentre scriviamo non risulti funzionante.

A ridosso di quegli eventi e proprio in merito ai sequestri dei "siti di settore", Punto Informatico ha pubblicato Droghe e Internet, caccia aperta con una intervista al sostituto commissario Giovanni Ledda della Seconda sezione del servizio di Polizia Postale di Roma.
130 Commenti alla Notizia Sequestrato portale italiano sugli stupefacenti
Ordina
  • http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1853384&i...

    Sono io che ho moderato inutile quel post e questa è la prima ed ultima volta che mi metto a fornire spiegazioni.

    Il post sottolinea che per la legislatura è illegale fornire informazioni su come preparare ecc.

    Va da se che è illegale, la cosa è sottolineata anche nell'articolo, ma va da se anche che chi parla di censura lo fa proprio scagliandosi contro una legge ottusa e non contro l'applicazione della legge stessa.

    Dunque il post per me è assolutamente inutile.

    Poi che qualcuno, con la classica reazione pavloviana al piagnisteo, l'abbia rimoderato come interessante è opinione sua (o reazione sua).
    non+autenticato
  • L'hanno capito ormai...

    Se la gente NON SA, se ne frega
    Se la gente SA, SI RIBELLA...

    quindi....

    1) I N F O R M A T E V I
    2) R I B E L L A T E V I
    non+autenticato

  • >
    > 1) I N F O R M A T E V I
    > 2) R I B E L L A T E V I

    3) Fate in modo da avere una buona assicurazione contro gli infortuni perché le manganellate in testa fanno male, idem l'inalazione di lacrimogeni.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > L'hanno capito ormai...
    >
    > Se la gente NON SA, se ne frega
    > Se la gente SA, SI RIBELLA...
    >
    > quindi....
    >
    > 1) I N F O R M A T E V I
    > 2) R I B E L L A T E V I

    Sembra quasi di sentire il vecchio Timothy Leary!Sorride

    http://it.wikipedia.org/wiki/Timothy_Leary
  • Per evitare la censura dei ragazzi (italiani!) si sono inventati un nuovo sistema di creazione e gestione di portali e forum totalmente serverless (SENZA bisognio di hosting !!) che funziona grazie alla tecnologia P2P.

    Il software è ancora in versione alfa ma sembra promettere MOLTO bene.

    Questo è il sito dove trovereta la documentazione e il software da scaricare:

    http://osiris.kodeware.net/

    Faccio un copia/Incola delle caratteristiche principali (vi invito a provarlo per fare da beta test in modo che la versione stabile sia rilasciata quanto prima) Sorride


    Osiris è un sistema gratuito per la creazione di portali che non necessitano di un server centrale, sicuri, indistruttibili e anonimi.


    * Indistruttibile
         I dati che compongono i portali di Osiris non risiedono semplicemente su un pc, ma sono distribuiti e duplicati tra tutti i pc connessi e registrati al portale.
    Le stesse parti di un portale sono presenti in più pc connessi, per evitare che la disconnessione di un pc dal sistema non comporti l'integrità del portale stesso: ciò garantisce che quando nasce un portale su Osiris è per sempre.

    * Affidabile
         Un portale creato in Osiris è presente in più copie all'interno della rete, garantendo che nel caso di un guasto hardware (ad esempio ad un disco fisso), sia possibile ricostruire l'intera copia del portale semplicemente reinstallandolo e allineandolo.
    Inoltre non è richiesto il collegamento ad internet per la consultazione, dato che i dati sono in locale, garantendo che il portale non sia mai "offline" e garantendo prestazioni eccezionali durante le ricerche e la consultazione (richiede però il collegamento ad internet per poter aggiungere nuovi contributi).
    In definitiva più utenti sostengono il portale (anche senza aggiungere contributi), più la stabilità, la distribuzione e quindi le prestazioni del portale sono garantite.

    * Economico
         L'archittettura di Osiris permette agli utenti di aprire dei portali gratuitamente, senza dover pagare un servizio di hosting/housing, in quanto le risorse hardware necessarie per mantenere il portale sono rese disponibili dagli utenti stessi che si registrano al portale e che quindi contribuiscono, anche senza effettivamente aggiungere contributi al portale.

    * Anonimo
         Nei portali Osiris ogni utente "reale" può creare quante identità "virtuali" desidera. E' possibile risalire a quale identità "virtuale" ha creato un contributo nel portale, ma è tecnicamente impossibile risalire al nodo della rete in cui risiede tale identità perchè, secondo l'archittettura con cui è concepito il sistema, non viene fatta alcuna differenza tra chi "pubblica" un contributo e chi invece lo sta semplicemente redistribuendo.
    Si parla in ogni caso di riservatezza, non di segretezza, infatti indirizzi ip e messaggi sono visibili a chiunque, semplicemente non sono associabili univocamente un utente (ip) della board stessa: in sostanza più il numero di nodi del portale è grande, più questa riservatezza è garantita.

    * Sicuro
         Un sistema di firma digitale garantisce però la continuità delle conversazioni: anche se non sappiamo chi è veramente un utente, sappiamo che una serie di messaggi sono stati tutti scritti dalla stessa persona.

    * Anarchico
         Tutti gli utenti nei portali hanno gli stessi diritti e poteri, non esiste un'amministrazione centralizzata e chiunque è quindi libero di leggere, scrivere o persino modificare i contributi degli altri utenti. Di conseguenza, chiunque ha il potere di esprimere il proprio pensiero, e nessuno ha il potere di censurare i contributi altrui. Al massimo un utente può suggerire, secondo il suo punto di vista, che un contributo altrui non dovrebbe esistere, quindi 'proporre' una censura, che sarà tale solo se avvallata dall'intera comunità del portale. D'altro canto, è necessario che il sistema filtri possibili spammatori che creano differenti account in un portale e modificano messaggi altrui o inseriscono migliaia di messaggi off-topic per spam, altrimenti i forum diventerebbero illeggibili. Per risolvere il problema della mancanza di moderatori, in Osiris esiste il Reputation System, che viene utilizzato dal sistema per creare dei filtri di visione del contenuto del portale.
    Rei
    76
  • grande boiata,
    così adesso la PolPost invece di sequestrare un singolo server, busserà a molte porte alle 6 di mattina
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > grande boiata,
    > così adesso la PolPost invece di sequestrare un
    > singolo server, busserà a molte porte alle 6 di
    > mattina

    E' anonimo... A quali porte dovrebbero bussare secondo te ?
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > grande boiata,
    > > così adesso la PolPost invece di sequestrare un
    > > singolo server, busserà a molte porte alle 6 di
    > > mattina
    >
    > E' anonimo... A quali porte dovrebbero bussare
    > secondo te
    > ?

    perdona chi non sa leggere Imbarazzato
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > grande boiata,
    > così adesso la PolPost invece di sequestrare un
    > singolo server, busserà a molte porte alle 6 di
    > mattina

    si spera che abbiano di meglio da fare che tentare di tracciare gli utenti (sempre che riescano a farlo).
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)