Singapore vuole robot da guerriglia urbana

Lauta ricompensa a chi riuscirÓ a produrre droni da battaglia capaci di operare in ambiente metropolitano, spostarsi autonomamente, aprire porte... e colpire duro il nemico

Roma - Singapore ha lanciato un concorso per premiare chi sarà in grado di realizzare i migliori roboguerrieri da città, robot cioè capaci di far fronte a situazioni di guerriglia urbana.

Non considerando le critiche che pure si cominciano a muovere all'impiego di macchine tecnologicamente sofisticate in scenari di guerra, la Defense Science and Technology Agency (DSTA) dell'ex-colonia britannica offre un milione di dollari locali (vale a dire circa 500mila euro) a chi sarà capace di "costruire un robot in grado di operare autonomamente in condizioni di guerra urbana".

L'offerta di partecipazione è aperta a tutti: individui, istituzioni o aziende specializzate. Scopo ultimo è quello di dotarsi di un'armata meccanica in grado di soppiantare i fragili soldati umani, composta da droni in grado di muoversi da soli interpretando elaborate mappe 3D della zona, di entrare ed uscire dagli edifici, aprire e chiudere porte e ovviamente "cercare&distruggere" gli obiettivi primari come la milizia in carne ed ossa.
Tutto più facile a dirsi che a farsi, ma il TechX Challenge, questo il nome dell'iniziativa, potrebbe rappresentare un interessante termometro dell'utilità pratica di tanta teoria sulla guerra tecnologica da tempo contrabbandata per imminente o prossima al compimento. E uno stimolo ulteriore di sviluppo del già formidabile settore hi-tech dell'isola-nazione: unica condizione imposta ai soggetti stranieri che vogliano partecipare al concorso è l'obbligo di collaborare con partner locali nell'eventuale costruzione del robot.

Robot autosufficienti privi di controllo da remoto: "La competizione potrebbe presentare una sfida improba persino per il robot più sofisticato", ha dichiarato a riguardo di TechX Challange Robert Richardson dell'Università di Manchester, indicando nella capacità di superare porte ed ascensori il problema principale da affrontare per i droni intelligenti.

Per chi fosse interessato, gli esemplari di macchina da guerra iper-tecnologica dovranno essere consegnati entro maggio di quest'anno. I droni dovranno poi superare alcune eliminatorie che si concluderanno ad agosto del 2008, quando verrà infine decretato il vincitore del contest.

Alfonso Maruccia
34 Commenti alla Notizia Singapore vuole robot da guerriglia urbana
Ordina
  • wow certo che Kojima è un genio....

    Metal gear solid 4 anticipa esattamente lo scenario futuro, in cui si vedono enormi droni metà biologici e metà meccanici combattere nei centri urbani....

    non temete presto arriveranno anche gli Arm Slave http://en.wikipedia.org/wiki/Arm_Slave A bocca aperta
    non+autenticato
  • A parte dubbi morali etc.... a voi sembra che mezzo milione di euro siano una ricompensa allettante per inventare una cosa che è attualmente ancora fantascienza?

    Io credo che chi riuscisse ad inventare un cyborg totalmente autonomo si vedrebbe arrivare ben altre offerte... voglio dire... han venduto youtube per 1.9 miliardi di euro!!! (idem per skype e idem per myspace) Cylon
    non+autenticato
  • Appunto.

    Qualcuno citava i veicoli automatizzati che dopo anni di tentativi il DARPA pare sia riuscito a produrre. Per realizzare un'automobile che riesce solamente a guidarsi da sè ci sono voluti fondi di gran lunga superiori.

    Ora per ottenere una cosa relativamente banale come un tank robotico dovranno spendere nuovamente una quantità di tempo e soldi equivalente per ognuno dei seguenti obiettivi:

    1) Controllo automatico di tutti i sistemi di bordo (e non è così facile. I carri USA hanno ancora un uomo il cui compito è quasi solo quello di caricare il cannone perchè i Russi a fare un autoloader che non si inceppi ci hanno messo più di dieci anni)

    2) Riconoscimento automatico di tutti i bersagli in vista, cosa che al momento è difficile anche per un uomo

    3) Riconoscimento automatico di amici e nemici, attività che come sappiamo dai telegiornali è abbastanza difficile anche per i comandanti umani

    4) Sistema decisionale autonomo di cui un militare si possa fidare (è questa è probabilmente la cosa più difficile) e NON radiocomandato, perchè a parte gli iracheni quasi tutti ormai hanno uno straccio di jammer radio.


    A questo aggiungeteci il dover camminare o comunque avere un modo di locomozione che permetta di salire scale e simili, aprire le porte, muoversi in ambienti sconosciuti e in TRE dimensioni (mentre il carro si deve preoccupare solo di due e probabilmente ha mappe preesistenti), e avere un'autonomia decente.

    Con mezzo MILIARDO di dollari, forse, ce la fanno.
    non+autenticato

  • > I carri USA hanno
    > ancora un uomo il cui compito è quasi solo quello
    > di caricare il cannone perchè i Russi a fare un
    > autoloader che non si inceppi ci hanno messo più
    > di dieci
    > anni)

    Si inceppa ancora, e la cadenza di tiro è inferiore a quella garantita da un servente umano. Il Leclerc francese invece ha una cadenza di tiro di 12 colpi al minuto, ma ha dovuto essere progettato interamente intorno al sistema di caricamento automatico. Inoltre non permette di cambiare il colpo in canna se si decide di passare ad un altro tipo di munizione (sai che bello se hai caricato uno HEAT e ti serve un APFSDS perchè c'é un MBT che ti arriva addosso).

    Preferisco il caro vecchio Leo 2.
    non+autenticato
  • ...e presto i robot prenderanno il sopravvento sui loro creatori umani e domineranno il mondo! CylonCylonCylonCylonCylon
    non+autenticato
  • già me lo vedo il mondo di domani.
    quattro ricconi su di un isola, e noi a lavorare controllati da robot e telecamere.
    non dovranno neanche scervellarsi più per inventare strane leggi che obblighino altri esseri umani a credere che difendano uno staus quo per il bene di tutti.

    ahhh, che lusso.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > già me lo vedo il mondo di domani.
    > quattro ricconi su di un isola, e noi a lavorare
    > controllati da robot e
    > telecamere.
    > non dovranno neanche scervellarsi più per
    > inventare strane leggi che obblighino altri
    > esseri umani a credere che difendano uno staus
    > quo per il bene di
    > tutti.
    >
    > ahhh, che lusso.

    Oligarchia mondiale al potere.
    Ricconi dipendenti dall'oligarchia sull'isola.
    Relativamente fortunati a lavorare sotto il controllo di robot e telecamere per controllare il lavoro di altri robot.
    Robot che lavorano a tutto spiano.
    Masse senza lavoro. Masse clientelarmente legate al potere mantenute dal lavoro dei robot a un tenore di vita sufficiente a consumare, a mantenere una parvenza formale di democrazia.
    Chi non sarà d'accordo verrà 'tenuto sotto controllo' da droni, robot, microonde, ultrasuoni.

  • - Scritto da: Gatto Selvaggio
    >


    > Robot che lavorano a tutto spiano.

    The Cylons were created by Man.

    They rebelled.

    They evolved.

    They look and feel like us.

    There are many copies.

    And they have a plan.


    "Are you alive?"

    CylonCylonCylon
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)