Qualsiasi superficie trasformata in touchpad

Ci hanno lavorato gli scienziati del Politecnico di Milano che, dopo aver incassato gli applausi dell'Unione Europea, ora propongono la nuova generazione delle... macchine che percepiscono il tocco, il suo movimento e la sua intensità

Milano - "Pensiamo ad una tecnologia in grado di trasformare qualsiasi tipo di oggetto (dai tavoli ai muri, dalle finestre alle lampade, dagli schermi dei televisori agli specchi) in un vero e proprio mousepad di ultima generazione per impartire comandi a un computer". Così i ricercatori del Laboratorio ISPG e di Audio e Acustica del Politecnico di Milano descrivono il sistema appena sviluppato nell'ambito del progetto europeo Tai-Chi (Tangible Acoustic Interfaces for Computer-Human Interaction).

Quando si tocca una superficie, con un dito ad esempio, si producono delle piccole vibrazioni che si diffondono in tutto l'oggetto, come se il dito provocasse una piccola scossa tellurica, con epicentro nel punto di contatto. Per trasformare questa sollecitazione in un'informazione di controllo per un computer occorre, quindi, un "rivelatore di epicentri" in grado di funzionare in tempo reale. È questo il principio su cui si basa il sistema sviluppato dal Politecnico, che analizza segnali acustici captati da alcuni microfoni a contatto (i "rivelatori sismici") ai bordi della superficie. "Il sistema - assicurano i ricercatori - è così sensibile e accurato che localizza e insegue il movimento provocato anche da un lieve sfioramento".

Una dimostrazioneCon questa tecnologia, usando solamente i suoni captati, si può leggere cosa sta scrivendo un dito che sfiora una superficie. Inoltre, elaborando questa informazione acustica con un computer, è anche possibile riconoscere come e con cosa la persona sta toccando la superficie.
In pratica, se si applicano a una lavagna tradizionale quattro microfoni a contatto che captino i suoni che si producono quando si scrive col gesso, questa si trasforma in una lavagna elettronica e mentre si scrive compare sullo schermo del PC il testo. Se invece un pittore agisce sulla superficie con diversi oggetti (pennelli, spazzole, attrezzi ecc.), il PC oltre a localizzare e a inseguire il punto di contatto, riconosce anche l'oggetto con cui si tocca e traduce le azioni in immagini.

Possiamo così immaginare un futuro con elettrodomestici sensibili a come vengono toccati e che reagiscono di conseguenza, con pavimenti che sanno come si spostano le persone che vi camminano sopra e in caso di pericolo danno l'allarme. Un futuro, insomma, nel quale le macchine dialogheranno con noi attraverso modalità sempre più simili alle nostre.

"Il progetto Tai-Chi - spiega il Politecnico - è stato presentato al recente IST 2006 di Helsinki, la manifestazione organizzata dall'Unione Europea sulle tecnologie della Società dell'informazione, vincendo il gran premio Best Exhibit per la qualità della dimostrazione (interessante, d'effetto e interattiva), la semplicità del messaggio, il basso costo della tecnologia e l'originalità dell'idea".
31 Commenti alla Notizia Qualsiasi superficie trasformata in touchpad
Ordina
  • dev'essere una di quelle 2 scqkuole di milano che hanno già adottato Vista.... quindi aspettiamoci Windows Tocco (e io già mi tocco....)
    non+autenticato
  • Non so a voi ma a me è venuta in mente subito il touchscreen....

    Tra qualche anno potrebbe prendere piede questa soluzione al posto di utilizzare monitor touchscreen (ad oggi molto costosi) non credete?

  • - Scritto da: Claudius
    > Non so a voi ma a me è venuta in mente subito il
    > touchscreen....
    >
    > Tra qualche anno potrebbe prendere piede questa
    > soluzione al posto di utilizzare monitor
    > touchscreen (ad oggi molto costosi) non
    > credete?
    Che idea, si potrebbe usare per dispositivi portatili, magari addirittura per un telefono sensibile allo sfioramento!
    http://www.apple.com/iphone/
    non+autenticato
  • Come si può leggere in articoli apparsi tempo fa, l' Italia ha co-prodotto la ricerca assieme a Svizzera,Regno Unito,Germania,Francia.. quindi dire invenzione italiana o del Politecnico di Milano è un vero azzardo ed un'esagerazione:


    -------
    http://www.newscientisttech.com/article/dn10673-ac...

    Acoustic sensors make surfaces interactive


        *   14:22 28 November 2006
        * NewScientist.com news service
        * Tom Simonite

    A series of acoustic sensors that turn any surface into a touch-sensitive computer interface have been developed by European researchers.

    Two or more sensors are attached around the edges of the surface. These pinpoint the position of a finger, or another touching object, by tracking minute vibrations. This allows them to create a virtual touchpad, or keyboard, on any table or wall.

    The system, called Tai-Chi (Tangible Acoustic Interfaces for Computer-Human Interaction), was developed by researchers from Switzerland, Italy, Germany, France and the UK. "We have made a system that can give any object, even a 3D one, a sense of touch," says Ming Yang, an engineer at Cardiff University, UK, who is coordinating the project.

    A video produced by the researchers shows four sensors attached to a flat, vertical surface, being used to trace a researcher's finger (4.6MB, wmv format). Another video shows a simple interactive instrument developed using the system. The sensors were also used to create an interactive globe that accesses geographical information on a computer screen when the user touches different regions.

    'Sonar' tracking

    "One advantage of the system is that for little cost you can have a much larger touch-sensitive area," says Yang. "The whole surface of your desk could become your keyboard and mouse-pad."

    Tai-Chi uses tiny piezoelectric sensors to sense surface vibrations. The sensors are connected to a desktop computer loaded with software developed by the team and the system can track up to two objects at once, in one of two ways.

    One method involves measuring differences in the amount of time vibrations take to arrive at two or three different sensors – a similar approach to sonar. Using this method any surface can be made touch sensitive simply by attaching the sensors.

    The other method requires just one sensor and can actually be more accurate – to within just a few millimetres. But this method requires the calibration of the system beforehand, so that it recognises the vibrations caused by contact at different points on the surface. It then uses a database of vibration "fingerprints" to identify the point of contact.

    Hygiene

    Workplaces in which hygiene is critical, such as hospitals, could particularly benefit from Tai-Chi, says Wang. "Keyboards are very difficult to keep clean and can harbour infection," he explains. "We could have a keyboard drawn onto the desks that would work perfectly and could be disinfected much more easily."

    William Harwin, a haptic interfaces researcher at Reading University, UK, thinks Tai-Chi has promise. "It is a very clever idea," he told New Scientist. "The technology is a neat and relatively simple solution to making ordinary objects touch sensitive."

    But Harwin adds that users might not find it easy to switch from a normal keyboard to simply tapping on their desk. "People expect a degree of feedback from pushing buttons and switches," Harwin explains. "It is important in giving people a sense of quality."
    non+autenticato
  • Immagino che chi scrive queste cose non sa bene come funziona una ricerca internazionale, come si costruiscono i gruppi di lavoro e si allocano i fondi.

    Spesso nei gruppi c'è un capofile (lo scrivo in modo eufemistico) che ha il peso politico di trovare i soldi e tenere insieme il gruppo, che altrimenti non beccherebbe neanche un centesimo.

    Poi all'interno normalmente ci sono i gruppi che lavorano davvero e portano a casa il risultato. Che naturalmente viene rivenduto da tutti.

    Questa volta abbiamo fatto le cose per bene, qualcosa di interessante, ma per i soliti trolletti di P.I. dobbiamo continuare a fare i tafazzi.

    Come si capisce bene da commenti come questi, il problema di fare ricerca in questo paese non sono solo i soldi, ma anche la testa e la mentalità della gente che ti circonda che a volta diventa l'ostacolo più grosso.

    Che tristezza...
    non+autenticato
  • La tristezza è vedere gente fanatica come te che vuole rigirare la frittata e far credere che le mucche volano...



    - Scritto da:
    > Immagino che chi scrive queste cose non sa bene
    > come funziona una ricerca internazionale, come si
    > costruiscono i gruppi di lavoro e si allocano i
    > fondi.
    >
    > Spesso nei gruppi c'è un capofile (lo scrivo in
    > modo eufemistico) che ha il peso politico di
    > trovare i soldi e tenere insieme il gruppo, che
    > altrimenti non beccherebbe neanche un
    > centesimo.
    >
    > Poi all'interno normalmente ci sono i gruppi che
    > lavorano davvero e portano a casa il risultato.
    > Che naturalmente viene rivenduto da
    > tutti.
    >
    > Questa volta abbiamo fatto le cose per bene,
    > qualcosa di interessante, ma per i soliti
    > trolletti di P.I. dobbiamo continuare a fare i
    > tafazzi.
    >
    > Come si capisce bene da commenti come questi, il
    > problema di fare ricerca in questo paese non sono
    > solo i soldi, ma anche la testa e la mentalità
    > della gente che ti circonda che a volta diventa
    > l'ostacolo più
    > grosso.
    >
    > Che tristezza...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > La tristezza è vedere gente fanatica come te che
    > vuole rigirare la frittata e far credere che le
    > mucche volano...

    Bene, ora che l'hai scritto, puoi tornare nella tua cantina e fare debug.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > La tristezza è vedere gente fanatica come te che
    > > vuole rigirare la frittata e far credere che le
    > > mucche volano...
    >
    > Bene, ora che l'hai scritto, puoi tornare nella
    > tua cantina e fare
    > debug.

    Veramente programmo principalmente in Windows e DirectX. FreeBSD per programmare i DSP...
    non+autenticato
  • Già, ma è tutto lavoro sprecato. Sei italiano e qualsiasi cosa realizzerai sarà stata fatta da altri (non italiani) e/o sarà una porcheria. Mi dispiace, sei italiano, rassegnati.
    non+autenticato
  • Ciao a tutti
    Sono uno degli Str**zi che ha lavorato a questo progetto. Mi dispiace di aver visto solo ora questi commenti e mi sono caduti i cosiddetti vedendo tanta superficialità e negatività. Sono completamente d'accordo con la persona che ha già risposto a questo post.

    TAI-CHI è stato scritto principalmente da noi, ma per mancanza di risorse (eravamo già coordinatori di un altro progetto europeo) la coordinazione è stata affidata a Cardiff.

    Il maggior contributo (il sistema di localizzazione e tracking) è nostro e la persona rappresentata nella foto dell'articolo, tale Diego Rovetta (googlare per credere), ha portato uno dei maggiori contributi. I contributi delle altre università variano da dell'elettronica completamente inutile, a sistemi lenti e poco pratici o addirittura non funzionanti. Senza parlare della gente che si è presa dei soldi senza combinare niente o di quelli che sono entrati nel consorzio col solo intento di rubare brevetti agli altri partner.

    Non crediate che nelle altre parti d'Europa (del mondo) sia tutto rose e fiori.

    Disgusto.
    non+autenticato

  • Immagina per sbaglio di premere cancella ad una cartella importantissima ma di avere ancora il tempo di annullare l'operazione perché hai la finestra con il messaggio "Sei sicuro di voler eliminare la cartella ed il suo contenuto?", ed il malefico moscone che si poggia sul piano e ti preme "Conferma"... Rotola dal ridere

    non+autenticato
  • Ma il sistema percepisce le sei zampette, capisce che non sei tu (giusto? XD) e... fa uscire la palettina automatica per schiacciare il moscone!

    QUELLA "schiaccia" il [Conferma] A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta
    887

  • - Scritto da:
    >
    > Immagina per sbaglio di premere cancella ad una
    > cartella importantissima ma di avere ancora il
    > tempo di annullare l'operazione perché hai la
    > finestra con il messaggio "Sei sicuro di voler
    > eliminare la cartella ed il suo contenuto?", ed
    > il malefico moscone che si poggia sul piano e ti
    > preme "Conferma"...
    > Rotola dal ridere
    >

    Grazie, mi ha fatto davvero ridereA bocca aperta

    bye
    non+autenticato
  • Cominciamo a fare pavimenti non scivolosi nelle stazioni, al posto del marmo... anzi, vediamo di ripararli, ogni tanto, i pavimenti delle stazioni, a Milano hanno praticamente demolito la stazione di Porta Garibaldi per costruirci un centro commerciale, ma le banchine e i sottopassaggi fanno vomitare come e più di prima, non hanno nemmeno sistemato le infiltrazioni d'acqua. Mah.
    non+autenticato
  • Fischi fiaschi ....

    un'idea innovativa ....
    e Goglioni con un neurone che funziona male a commentarle !!!

    povera italia
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Cominciamo a fare pavimenti non scivolosi nelle
    > stazioni, al posto del marmo... anzi, vediamo di
    > ripararli, ogni tanto, i pavimenti delle
    > stazioni, a Milano hanno praticamente demolito la
    > stazione di Porta Garibaldi per costruirci un
    > centro commerciale, ma le banchine e i
    > sottopassaggi fanno vomitare come e più di prima,
    > non hanno nemmeno sistemato le infiltrazioni
    > d'acqua.
    > Mah.

    Ma sì, hai ragione. In c**o la ricerca scientifica, a che serve? Via i centri commerciali, piuttosto! Se arrivo in stazione non devo trovare negozi perché sarebbe troppo comodo! Voglio camminare con la valigia fino alla più vicina ipercoop di Cologno Monzese! A morte le cave di marmo! A pezzi il David di Michelangelo! E' di marmo, se lo tocchi potresti scivolare!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)