UK, le cam totali funzionano

Le forze di polizia considerano ottimi i risultati dei nuovi dispositivi di monitoraggio, compresi quelli mobili. Si fa largo un documento che si focalizza su roba vecchia, come il diritto alla privacy

Londra - Le forze dell'ordine del Regno Unito sono soddisfatte dell'implementazione degli occhi elettronici, che svettano vigili sul lato del copricapo di ordinanza. Le helmet cam hanno garantito un aumento dell'85 per cento degli arresti nell'area metropolitana di Plymouth. Il responsabile delle forze dell'ordine di Devon e Cornovaglia, Morris Watts, annuncia: la sperimentazione, che fino al mese di marzo doterà 250 bobby di un terzo occhio elettronico, rappresenta un deterrente che ha ridotto sensibilmente le attitudini più violente e riottose dei cittadini di Plymouth.

Leggerissime, le mini cam da 1800 sterline agganciate ai cappelli dei bobby, registrano fino a quattrocento ore di suoni e video: una fonte inestinguibile di testimonianze da impugnare in tribunale, assicurano le forze di polizia inglesi. Una mole di dati che va ad aggiungersi alle prove di flagranza che quotidianamente raccolgono gli oltre quattro milioni di telecamere a circuito chiuso che punteggiano ogni angolo delle città inglesi.

Se i tutori dell'ordine sono entusiasti dei nuovi strumenti di controllo che facilitano loro il lavoro, nel contempo si lamentano, sostenendo che l'autorità sull'Informazione, nel tentativo di regolamentare alcuni utilizzi delle videocamere nel Data Protection Act, rischia di nuocere al raggiungimento dell'obiettivo sicurezza.
Negli Stati Uniti, classificati nella graduatoria di Privacy International in una posizione appena più meritevole rispetto al Regno Unito per quanto riguarda la privacy, le acque si sono smosse proprio di recente. Nel momento in cui si è tentato di imporre un regime di sorveglianza che avrebbe fatto somigliare San Francisco alla Londra pullulante di occhi elettronici, due associazioni che si battono per la difesa dei diritti civili, Electronic Frontier Foundation e American Civil Liberty Union, hanno tentato di scuotere l'opinione pubblica. Un'opinione pubblica spesso "assuefatta" e inerte, che anche i ricercatori inglesi, da parte loro, stanno tentando di pungolare. Tra questi, Andrew Adams, della University of Reading: ha in programma di esporre il problema alla platea internazionale di Ethicomp, evento che si svolgerà a Tokio in primavera.

Il suo rapporto, Regulating CCTV, sta già circolando in questi giorni: è un'invettiva contro la gestione non oculata delle tecnologie di sorveglianza nel Regno Unito, tecnologie che stanno diventando sempre più invasive, divenendo tentacolo di una piovra automatica ma intelligente, dotata di mille risorse con cui tracciare i movimenti di ogni singolo cittadino, fino ad arrivare persino a prevederne i comportamenti. Un uso della tecnologia che facilmente rischia di scivolare in un abuso da parte delle forze dell'ordine, oltre a rappresentare una ghiotta occasione per i malintenzionati.

Quel che preoccupa il ricercatore inglese è la "data shadow", la data-immagine capace di marchiare il cittadini con una raggiante reputazione o con uno stigma indelebile. "L'esempio estremo del pericolo rappresentato da questa situazione si può ravvisare nell'episodio che ha coinvolto Jean Charles de Menezes, colpito mortalmente nella metropolitana di Londra a causa di informazioni errate, che lo catalogavano come terrorista", chiosa Adams sulle pagine di The Register.

Inoltre, Adams nel suo report sottolinea come l'identità di ciascuno sia costituita dalla percezione che l'individuo ha di sé, incrociata con la percezione che gli altri hanno di lui, trasmessa nei feedback delle interazioni sociali. La data-immagine con cui lo Stato scheda i cittadini giocherebbe quindi un ruolo significativo, insinuandosi nelle dinamiche con cui gli individui intessono delle relazioni, e condizionando, essa stessa, l'autopercezione di ciascuno. Solo basandosi su questo presupposto, solo consentendo alle persone di negoziare la propria identità con il mondo che lo circonda, si possono definire i paletti per l'invadenza di una società che ha deciso di abbandonarsi alla sorveglianza continua.

Il ricercatore, dunque, invoca l'avvento di un CCTV Act per tracciare dei confini tra identificazione e monitoraggio, rendere consapevoli i cittadini della presenza di occhi elettronici, bilanciare e proporzionare motivazioni e usi delle tecnologie di sorveglianza nonché garantire ai cittadini l'inviolabilità dei database in cui sono immagazzinate le loro informazioni. Utopia?

Gaia Bottà
26 Commenti alla Notizia UK, le cam totali funzionano
Ordina

  • Ma con tutta questa prolissità di arresti alla fine non dovranno costruire altri penitenziari?

    Arresti tutti, pure quello che taccheggia un Duplo dal tabaccaio e poi?
    Dove li metti?

    Il problema dell'indulto in Italia non è stato molto capito, soprattutto perché quando si parla dell'indulto si da enfasi a chi è uscito e cosa ha poi fatto, ma non si dice dello stato in cui vivono detenuti e secondini. Della fatiscenza dello spazio ormai esaurito.

    L'Italia è un paese talmente regolamentato e le pene sono talmente senza senso come durata in rapporto al crimine, che ormai non si sa più dove mettere i detenuti.

    Senza contare quanto costa allo Stato il loro mantenimento..

    Ogni giorno in Italia c'è una leggina che fa diventare penali delle minchiate. È penale scaricare una canzonetta, è penale mettere alcol o olio di colza nel proprio serbatoio, è penale dare del cornuto ad un tizio su un forum di cazzeggio su Internet. Tutto è penale tranne i reati veri quelli ben organizzati ma soprattutto economici, premeditati e i cui effetti si fanno sentire su migliaia di individui ridotti in mutande...

    non+autenticato
  • "E tutti i cavalli e i cavalieri del Re non poterono rimettere insieme il povero Humpty Dumpty"

    Nel luglio del 2005 le telecamere e tutti i loro sistemi di controllo orwelliani non servirono ad impedire l'attentato nella metropolitana.

    Inoltre, tutte le telecamere si trasformano orwellianamente in non-telecamere quando a uccidere nella metropolitana sono dei poliziotti.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > "E tutti i cavalli e i cavalieri del Re non
    > poterono rimettere insieme il povero Humpty
    > Dumpty"

    >
    > Nel luglio del 2005 le telecamere e tutti i loro
    > sistemi di controllo orwelliani non servirono ad
    > impedire l'attentato nella
    > metropolitana.

    che strano eh?
    e che strane le foto in cui sembra, dalle lamiere contorte verso l'alto, che l'esplosivo sia stato sotto il treno e non sulla valigia...

    > Inoltre, tutte le telecamere si trasformano
    > orwellianamente in non-telecamere quando a
    > uccidere nella metropolitana sono dei
    > poliziotti.
    ma che incredibile coincidenza, eh? Occhiolino
    non+autenticato
  • L'uso di cam indiscriminate pone seri problemi di privacy, ma le cam sugli elmetti non possono che incontrare il mio favore.
    Se i pulotti del g8 a genova avessero avuto cam sugli elmetti, avrebbero dovuto giustificare certe loro azioni, compreso l'assoluta indifferenza dinnanzi al vandalismo di alcuni cosiddetti black block (testimoniata) e invece la furia cieca nei confronti di giornalisti e persone in fuga.

    Ovviamente ciò non implica che non sia necessario un protocollo che regolamenti l'uso delle cam, impedendo circostanze, diciamo, bizzarre (come il brasiliano morto guardacaso in un punto dove le cam erano guaste...), ma penso che non sia proficuo schierarsi sul fronte del NO a tutti i costi, piuttosto sia meglio riflettere sui possibili abusi di questa tecnologia in maniera non faziosa, e considerando anche l'eventualità che certe paure possano essere dissolte non solo evitando la tecnologia ma anche pianificandola con determinati criteri e regole.

  • - Scritto da: avvelenato
    > L'uso di cam indiscriminate pone seri problemi di
    > privacy, ma le cam sugli elmetti non possono che
    > incontrare il mio
    > favore.
    > Se i pulotti del g8 a genova avessero avuto cam
    > sugli elmetti, avrebbero dovuto giustificare
    > certe loro azioni, compreso l'assoluta
    > indifferenza dinnanzi al vandalismo di alcuni
    > cosiddetti black block (testimoniata) e invece la
    > furia cieca nei confronti di giornalisti e
    > persone in
    > fuga.
    >
    > Ovviamente ciò non implica che non sia necessario
    > un protocollo che regolamenti l'uso delle cam,
    > impedendo circostanze, diciamo, bizzarre (come il
    > brasiliano morto guardacaso in un punto dove le
    > cam erano guaste...), ma penso che non sia
    > proficuo schierarsi sul fronte del NO a tutti i
    > costi, piuttosto sia meglio riflettere sui
    > possibili abusi di questa tecnologia in maniera
    > non faziosa, e considerando anche l'eventualità
    > che certe paure possano essere dissolte non solo
    > evitando la tecnologia ma anche pianificandola
    > con determinati criteri e
    > regole.

    I sindacati italiani non ne permetterebbero l'uso, non è consentito videosorvegliare un lavoratore.
    E' vero che la cam sull'elmetto non riprende il lavoratore, ma riprende quello che fa.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    > > L'uso di cam indiscriminate pone seri problemi
    > di
    > > privacy, ma le cam sugli elmetti non possono che
    > > incontrare il mio
    > > favore.
    > > Se i pulotti del g8 a genova avessero avuto cam
    > > sugli elmetti, avrebbero dovuto giustificare
    > > certe loro azioni, compreso l'assoluta
    > > indifferenza dinnanzi al vandalismo di alcuni
    > > cosiddetti black block (testimoniata) e invece
    > la
    > > furia cieca nei confronti di giornalisti e
    > > persone in
    > > fuga.
    > >
    > > Ovviamente ciò non implica che non sia
    > necessario
    > > un protocollo che regolamenti l'uso delle cam,
    > > impedendo circostanze, diciamo, bizzarre (come
    > il
    > > brasiliano morto guardacaso in un punto dove le
    > > cam erano guaste...), ma penso che non sia
    > > proficuo schierarsi sul fronte del NO a tutti i
    > > costi, piuttosto sia meglio riflettere sui
    > > possibili abusi di questa tecnologia in maniera
    > > non faziosa, e considerando anche l'eventualità
    > > che certe paure possano essere dissolte non solo
    > > evitando la tecnologia ma anche pianificandola
    > > con determinati criteri e
    > > regole.
    >
    > I sindacati italiani non ne permetterebbero
    > l'uso, non è consentito videosorvegliare un
    > lavoratore.
    > E' vero che la cam sull'elmetto non riprende il
    > lavoratore, ma riprende quello che
    > fa.

    Ai sindacati italiani darei tante di quelle bastonate, con o senza cam!
    Poi eventualmente i filmati li uploaderei nella sezione "fun" di google video, al posto del video del down picchiato (ma almeno questo farebbe ridere sul serio!)

  • - Scritto da: avvelenato
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da: avvelenato
    > > > L'uso di cam indiscriminate pone seri problemi
    > > di
    > > > privacy, ma le cam sugli elmetti non possono
    > che
    > > > incontrare il mio
    > > > favore.
    > > > Se i pulotti del g8 a genova avessero avuto
    > cam
    > > > sugli elmetti, avrebbero dovuto giustificare
    > > > certe loro azioni, compreso l'assoluta
    > > > indifferenza dinnanzi al vandalismo di alcuni
    > > > cosiddetti black block (testimoniata) e invece
    > > la
    > > > furia cieca nei confronti di giornalisti e
    > > > persone in
    > > > fuga.
    > > >
    > > > Ovviamente ciò non implica che non sia
    > > necessario
    > > > un protocollo che regolamenti l'uso delle cam,
    > > > impedendo circostanze, diciamo, bizzarre (come
    > > il
    > > > brasiliano morto guardacaso in un punto dove
    > le
    > > > cam erano guaste...), ma penso che non sia
    > > > proficuo schierarsi sul fronte del NO a tutti
    > i
    > > > costi, piuttosto sia meglio riflettere sui
    > > > possibili abusi di questa tecnologia in
    > maniera
    > > > non faziosa, e considerando anche
    > l'eventualità
    > > > che certe paure possano essere dissolte non
    > solo
    > > > evitando la tecnologia ma anche pianificandola
    > > > con determinati criteri e
    > > > regole.
    > >
    > > I sindacati italiani non ne permetterebbero
    > > l'uso, non è consentito videosorvegliare un
    > > lavoratore.
    > > E' vero che la cam sull'elmetto non riprende il
    > > lavoratore, ma riprende quello che
    > > fa.
    >
    > Ai sindacati italiani darei tante di quelle
    > bastonate, con o senza
    > cam!
    > Poi eventualmente i filmati li uploaderei nella
    > sezione "fun" di google video, al posto del video
    > del down picchiato (ma almeno questo farebbe
    > ridere sul
    > serio!)

    Parli proprio te che ti hanno assunto alle poste grazie proprio ai sindacati? Sorpresa
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da: avvelenato
    > > > > L'uso di cam indiscriminate pone seri
    > problemi
    > > > di
    > > > > privacy, ma le cam sugli elmetti non possono
    > > che
    > > > > incontrare il mio
    > > > > favore.
    > > > > Se i pulotti del g8 a genova avessero avuto
    > > cam
    > > > > sugli elmetti, avrebbero dovuto giustificare
    > > > > certe loro azioni, compreso l'assoluta
    > > > > indifferenza dinnanzi al vandalismo di
    > alcuni
    > > > > cosiddetti black block (testimoniata) e
    > invece
    > > > la
    > > > > furia cieca nei confronti di giornalisti e
    > > > > persone in
    > > > > fuga.
    > > > >
    > > > > Ovviamente ciò non implica che non sia
    > > > necessario
    > > > > un protocollo che regolamenti l'uso delle
    > cam,
    > > > > impedendo circostanze, diciamo, bizzarre
    > (come
    > > > il
    > > > > brasiliano morto guardacaso in un punto dove
    > > le
    > > > > cam erano guaste...), ma penso che non sia
    > > > > proficuo schierarsi sul fronte del NO a
    > tutti
    > > i
    > > > > costi, piuttosto sia meglio riflettere sui
    > > > > possibili abusi di questa tecnologia in
    > > maniera
    > > > > non faziosa, e considerando anche
    > > l'eventualità
    > > > > che certe paure possano essere dissolte non
    > > solo
    > > > > evitando la tecnologia ma anche
    > pianificandola
    > > > > con determinati criteri e
    > > > > regole.
    > > >
    > > > I sindacati italiani non ne permetterebbero
    > > > l'uso, non è consentito videosorvegliare un
    > > > lavoratore.
    > > > E' vero che la cam sull'elmetto non riprende
    > il
    > > > lavoratore, ma riprende quello che
    > > > fa.
    > >
    > > Ai sindacati italiani darei tante di quelle
    > > bastonate, con o senza
    > > cam!
    > > Poi eventualmente i filmati li uploaderei nella
    > > sezione "fun" di google video, al posto del
    > video
    > > del down picchiato (ma almeno questo farebbe
    > > ridere sul
    > > serio!)
    >
    > Parli proprio te che ti hanno assunto alle poste
    > grazie proprio ai sindacati?
    >Sorpresa


    Certo!
    Regola principale: sputare nel piatto dove si mangiaFicoso

  • - Scritto da: avvelenato

    > Se i pulotti del g8 a genova avessero avuto cam
    > sugli elmetti, avrebbero dovuto giustificare
    > certe loro azioni, compreso l'assoluta
    > indifferenza dinnanzi al vandalismo di alcuni
    > cosiddetti black block (testimoniata) e invece la
    > furia cieca nei confronti di giornalisti e
    > persone in
    > fuga.

    Se la cam l'hai in testa vuol dire che hai anche le registrazioni. Per cui alla fine puoi tenere quello che ti interessa e far sparire quello che non ti interessa.

    Le immagini delle cam andrebbero mandate in broadcast in diretta a qualche organo di controllo, oppure dichiarate invalide se non sono complete (cioè se ci sono buchi nelle registrazioni).
    2678

  • - Scritto da: gerry
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    >
    > > Se i pulotti del g8 a genova avessero avuto cam
    > > sugli elmetti, avrebbero dovuto giustificare
    > > certe loro azioni, compreso l'assoluta
    > > indifferenza dinnanzi al vandalismo di alcuni
    > > cosiddetti black block (testimoniata) e invece
    > la
    > > furia cieca nei confronti di giornalisti e
    > > persone in
    > > fuga.
    >
    > Se la cam l'hai in testa vuol dire che hai anche
    > le registrazioni. Per cui alla fine puoi tenere
    > quello che ti interessa e far sparire quello che
    > non ti
    > interessa.
    >
    > Le immagini delle cam andrebbero mandate in
    > broadcast in diretta a qualche organo di
    > controllo, oppure dichiarate invalide se non sono
    > complete (cioè se ci sono buchi nelle
    > registrazioni).

    le cam dovrebbero essere inaccessibili dai poliziotti che le indossano.
  • - Scritto da: avvelenato

    > le cam dovrebbero essere inaccessibili dai
    > poliziotti che le
    > indossano.

    E da chi sono accessibili allora? Dai loro superiori? Cambierebbe qualcosa visto che sono responsabili lo stesso?

    Facciamo che le mandano direttamente in magistratura, ma non cambia molto da quello che ho detto io (mi pare).
    2678

  • - Scritto da: gerry
    > - Scritto da: avvelenato
    >
    > > le cam dovrebbero essere inaccessibili dai
    > > poliziotti che le
    > > indossano.
    >
    > E da chi sono accessibili allora? Dai loro
    > superiori? Cambierebbe qualcosa visto che sono
    > responsabili lo
    > stesso?
    >

    No, loro sono responsabili degli ordini, non delle modalità di esecuzione.
    Se andiamo sempre più in alto vedremo che c'è sempre una responsabilità diretta ma diluita, prendiamo di nuovo il g8 di genova: chi ha deciso la dislocazione degli agenti, il loro reclutamento, il loro equipaggiamento, le zone e le strategie?
    Però certo che se un diretto superiore ordina di arrestare un tipo, e il poliziotto va e lo manganella per bene prima che questo possa dire "A" la responsabilità del superiore è nulla.

    > Facciamo che le mandano direttamente in
    > magistratura, ma non cambia molto da quello che
    > ho detto io (mi
    > pare).

    Io credo che tra opzioni di crittografia, checksum e policy di accesso curate, questa obiezione sia puramente tecnica e risolvibile. Come ho scritto sopra, il fatto che sia favorevole ad un uso delle cam di questo tipo (ovvero ad elmetto) non esime dal prendersi cura di possibili abusi, cercando di risolverli, ma non mi sembra il caso di fasciarsi la testa prima di rompersela, specialmente se è solo per fare polemica gratuita (e di stampo politico).
  • - Scritto da: avvelenato

    > Però certo che se un diretto superiore ordina di
    > arrestare un tipo, e il poliziotto va e lo
    > manganella per bene prima che questo possa dire
    > "A" la responsabilità del superiore è
    > nulla.

    Pardonnez-moi, ma questa è una cavolataSorride
    E' verò che in linea teorica un superiore è responsabile solo degli ordini che ha dato, però ogni tanto bisognerebbe anche essere pratici.

    Quando un poliziotto esagera il suo superiore ne va di mezzo sempre, che l'abbia ordinato o no. Come minimo viene crocifisso dalla stampa e può dare un calcio alla sua carriera.

    In quest'ottica al superiore conviene far finta che non sia successo niente e far sparire ogni prova.

    Perdonami ma io non ho molto fiducia nelle persone, quando vengono minacciate nei loro interessi sono capaci della qualunque.
    Specie poi se sono sinceramente convinte di essere nel giusto.

    > ma
    > non mi sembra il caso di fasciarsi la testa prima
    > di rompersela, specialmente se è solo per fare
    > polemica gratuita (e di stampo
    > politico).

    Beh, a me sembra una garanzia minima, per di più implementabile a basso costo.

    Non è logico che i documenti di un azione provengano da una fonte che è parte interessata, in caso di indagini poi sono prove a senso unico.
    2678

  • - Scritto da: gerry
    > - Scritto da: avvelenato
    >
    > > Però certo che se un diretto superiore ordina di
    > > arrestare un tipo, e il poliziotto va e lo
    > > manganella per bene prima che questo possa dire
    > > "A" la responsabilità del superiore è
    > > nulla.
    >
    > Pardonnez-moi, ma questa è una cavolataSorride
    > E' verò che in linea teorica un superiore è
    > responsabile solo degli ordini che ha dato, però
    > ogni tanto bisognerebbe anche essere
    > pratici.
    >
    > Quando un poliziotto esagera il suo superiore ne
    > va di mezzo sempre, che l'abbia ordinato o no.
    > Come minimo viene crocifisso dalla stampa e può
    > dare un calcio alla sua
    > carriera.
    >
    > In quest'ottica al superiore conviene far finta
    > che non sia successo niente e far sparire ogni
    > prova.
    >

    Adesso è così, in un futuro potrebbe reputare più conveniente un atteggiamento opposto.

    > Perdonami ma io non ho molto fiducia nelle
    > persone, quando vengono minacciate nei loro
    > interessi sono capaci della
    > qualunque.
    > Specie poi se sono sinceramente convinte di
    > essere nel giusto.
    >

    Sicuramente ci possono essere dei rischi dei quali occorre tener conto.

    >
    > > ma
    > > non mi sembra il caso di fasciarsi la testa
    > prima
    > > di rompersela, specialmente se è solo per fare
    > > polemica gratuita (e di stampo
    > > politico).
    >
    > Beh, a me sembra una garanzia minima, per di più
    > implementabile a basso
    > costo.
    >
    > Non è logico che i documenti di un azione
    > provengano da una fonte che è parte interessata,
    > in caso di indagini poi sono prove a senso
    > unico.

    La versione preliminare di questo post conteneva ipotesi di natura tecnica, come sistemi di crittazione e robe simili, ma alla fine penso siano precauzioni tanto ovvie quanto doverose, che tuttavia siano implementabili.
  • sono stato a brighton recentemente: pieno di telecamere e avvisi di sicurezza e nessuno che muova un dito malevolmente, a qualsiasi ora. ma parliamo di un altro mondo, il primo, non il terzo in cui viviamo.
    non+autenticato
  • Cioe' piu' di 2600 eur?
    Bello.

    Spero per le autorita' inglesi che i poliziotti con la cam in testa siano anche armati (non e' detto) perche' qualcuno potrebbe farsi venire delle idee.

    >GT<

  • - Scritto da: Guybrush
    > Cioe' piu' di 2600 eur?
    > Bello.
    >
    > Spero per le autorita' inglesi che i poliziotti
    > con la cam in testa siano anche armati (non e'
    > detto) perche' qualcuno potrebbe farsi venire
    > delle
    > idee.
    >
    > >GT<

    psss! hey!....
    uk is'not italy Occhiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)