Una CPU Power sfida tutti sui consumi

Una piccola società californiana ha distribuito i primi campioni di un processore con architettura Power capace di fornire una potenza equiparabile a quelle delle moderne CPU x86, consumando però una frazione dell'energia

Santa Clara (USA) - Silicon Valley è ancora capace di partorire topolini capaci di sfidare i giganti. L'ultimo esempio è quello della startup di Santa Clara P.A. Semi, che ieri ha presentato un processore dual-core con un rapporto performance per watt di tutto interesse.

Il PA6T-1682M è una CPU dual-core basata sull'architettura Power a 64 bit che, alla frequenza di 2 GHz, vanta un consumo tipico compreso tra i 5 e i 13 watt. Una caratteristica che, secondo P.A. Semi, rende questo chip fino al 400% più efficiente rispetto agli equiparabili processori della concorrenza: ad esempio, l'Athlon 64 X2 di AMD e il Core 2 Duo di Intel.

A differenza delle succitate CPU x86, il PA6T-1682M ha però come suo target primario il mercato dei dispositivi embedded ad elevate prestazioni, quali router, sistemi di storage, apparati di telecomunicazione, computer di bordo e device militari e aerospaziali. Il chip potrebbe salire a bordo anche dei server blade, ma in questo settore lo spazio a disposizione dei sistemi non x86 è sempre più esiguo e controllato in modo stretto da IBM e Sun.
La famiglia di processori PWRficient inaugurata dal PA6T-1682M è stata annunciata per la prima volta verso la fine del 2005. In quell'occasione P.A. Semi ha predetto che i suoi chip raggiungeranno un clock di almeno 2,5 GHz integrando fino ad 8 core, ed ha spiegato che l'efficienza energetica di PWRficient è frutto sia di un'architettura particolarmente ottimizzata, sia dell'integrazione nel processore di northbridge e southbridge: il primo include i controller di memoria, il secondo il sottosistema di I/O (capace di supportare fino ad otto controller PCI Express, due controller 10 Gigabit Ethernet e quattro controller Gigabit Ethernet).

Il PA6T-1682M, il cui sviluppo ha richiesto tre anni, utilizza circuiti da 65 nanometri ed integra 2 MB di cache L2, due controller di memoria DDR2, e accelerazioni hardware per l'elaborazione dei pacchetti TCP/IP e le funzionalità di sicurezza.

Il PA6T-1682M è attualmente disponibile in quantità limitate destinate alla valutazione, mentre la produzione in volumi è attesa per l'ultimo trimestre dell'anno.

P.A. Semi fa parte della comunità Power.org inaugurata da IBM sul finire del 2004. Il suo CEO è Dan Dobberpuhl, che in passato ha supervisionato la progettazione della architetture di calcolo Alpha e StrongARM.
38 Commenti alla Notizia Una CPU Power sfida tutti sui consumi
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)