Google News è stato condannato in Belgio

Quello che temevano in tanti è accaduto: gli editori che non vogliono link dal servizio News di Google hanno la meglio in tribunale. Una sentenza potenzialmente molto pesante per Google, che ha subito annunciato appello

Bruxelles - No, Google non può riprodurre nella propria rassegna stampa dinamica Google News neppure piccole porzioni degli articoli pubblicati da un certo numero di giornali editi in Belgio: lo ha stabilito un tribunale belga nelle scorse ore, ponendo sul piatto una sentenza scoraggiante non solo per Google ma anche per tutti coloro che ritengono quel genere di servizi utili alla libera circolazione dell'informazione in rete.

Il caso è notissimo e verte sulla denuncia presentata da alcune aziende editoriali riunite nell'associazione Copiepress, convinte che Google non debba in nessun modo riprodurre, neanche parzialmente, i loro articoli, neppure se i link inseriti in Google News di fatto aumentano la popolarità dei propri prodotti. Un caso che aveva già portato ad una prima ingiunzione contro Google News, che prevedeva anche una multa da un milione di euro per ogni giorno di ritardo nel rimuovere quei contenuti dai propri servizi.

Con la sentenza di primo grado pronunciata ora, a Google viene ascritta la violazione delle leggi sul diritto d'autore, sebbene la "multa giornaliera" venga ridimensionata a 25mila euro. Gli editori dovranno comunicare via email a Google la propria volontà di veder rimossi i propri materiali.
Google, che ha già stretto accordi con altre testate del paese per continuare a rafforzare Google News, ha già annunciato che presenterà appello. Da parte sua Copiepress ha applaudito alla sentenza, pur criticando la riduzione della multa, e si è anche detta disponibile a fornire a Google i materiali che desidera, ma solo dietro compenso.

Il fronte Google News non si esaurisce nel solo caso belga. Come noto, Google da molto tempo combatte con l'agenzia Agence France-Press, che ha già chiesto decine di milioni di dollari di danni in una denuncia contro Google News presentata negli USA.
21 Commenti alla Notizia Google News è stato condannato in Belgio
Ordina
  • ...pagano i diritti alle testate giornalistiche per esporre i giornali nella loro edicola in modo che i passanti possano leggere gratis la prima pagina?

    Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...pagano i diritti alle testate giornalistiche
    > per esporre i giornali nella loro edicola in modo
    > che i passanti possano leggere gratis la prima
    > pagina?
    >
    > Rotola dal ridere

    Gli edicolanti VENDONO giornali, su richiesta e licenza di chi li produce. Mi sembra un caso un tantino ENORMEMENTE differenteA bocca aperta

    O.
    non+autenticato
  • Premessa: se fossi l'editore di un quotidiano, sarei felicissimo se Google mi piazzasse nella prima pagina delle news da oggi all'eternita'. Ti immagini la visibilita' che ne ricava la testata?

    Opinione: detto questo, Google lucra sui contenuti. Attira visitatori cui poi mostra adwords and Co. Google dovrebbe smetterla di voler sembrare Davide contro Golia. Se io chiedo a Google di non archiviare le news dei giorni precedenti, Google lo deve fare. Perche' il copyright e' mio e non di Google. Se po Google decide di rimuovere tutti i contenuti della mia testata, io me ne sto zitto perche' e' una scelta loro.

    Che ne pensi?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Premessa: se fossi l'editore di un quotidiano,
    > sarei felicissimo se Google mi piazzasse nella
    > prima pagina delle news da oggi all'eternita'. Ti
    > immagini la visibilita' che ne ricava la
    > testata?
    >
    > Opinione: detto questo, Google lucra sui
    > contenuti. Attira visitatori cui poi mostra
    > adwords and Co. Google dovrebbe smetterla di
    > voler sembrare Davide contro Golia. Se io chiedo
    > a Google di non archiviare le news dei giorni
    > precedenti, Google lo deve fare. Perche' il
    > copyright e' mio e non di Google. Se po Google
    > decide di rimuovere tutti i contenuti della mia
    > testata, io me ne sto zitto perche' e' una scelta
    > loro.
    >
    > Che ne pensi?

    Da quello che ho capito alcune testate non vogliono in alcun modo comparire su google... anzi voglio perfino farsi pagare!
    Io posso capire che non vogliano comparire... ma farsi pagare non mi sembra corretto, in fin dei conti è come se fosse pubblicità AGGRATIS!
    non+autenticato
  • Ma perché invece di continuare a fare la figura dei santerellini, quelli di google non iniziano a puntare i piedi per benino, e quando si ritrovano di fronte a boiate come queste non prendono le dovute misure, facendo la voce grossa nell'unico modo sensato che hanno a disposizione?
    Il sito pincopallino.quellocheè rompe con sBronzate simili? Ci fa scrivere dagli avvocati e minaccia querele e di portarci in tribunale? Bene. Non ci si arriva nemmeno in tribunale. Lo si toglie TOTALMENTE dai siti indicizzati. Ovunque. News, ricerca web, immagini. adsense e tutto il resto. Lo si fa sparire. Ok che google non ha il potere di far "sparire" un sito. Ma può benissimo togliergli visibilità fino a fargli crollare gli accessi. Google non è certo l'unico motore di ricerca, ma è certamente il più importante e il più usato. Sparire da google in un certo senso significa anche sparire da internet. E vorrei vedere poi se non tornerebbero strisciando, implorando di tornare indietro.
    Invece così google ottiene solo cattiva pubblicità, dato che i più non sono in grado di vedere l'entità della sBronzata di chi gli ha fatto causa. E lo sbronzone di turno invece di pubblicità ne ottiene tantissima.
    Quasi quasi faccio causa pure io a google. Tanto, vuoi che qui in italia non si riesca a trovare un magistrato che ignori completamente i meccanismi della rete? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Concordo con te.
    Venire completamente ignorati da google significa
    crollo degli accessi, crollo delle inserzione pubblicitarie, crollo degli introiti.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ma perché invece di continuare a fare la figura
    > dei santerellini, quelli di google non iniziano a
    > puntare i piedi per benino, e quando si ritrovano
    > di fronte a boiate come queste non prendono le
    > dovute misure, facendo la voce grossa nell'unico
    > modo sensato che hanno a
    > disposizione?
    > Il sito pincopallino.quellocheè rompe con
    > sBronzate simili? Ci fa scrivere dagli avvocati e
    > minaccia querele e di portarci in tribunale?
    > Bene. Non ci si arriva nemmeno in tribunale. Lo
    > si toglie TOTALMENTE dai siti indicizzati.
    > Ovunque. News, ricerca web, immagini. adsense e
    > tutto il resto. Lo si fa sparire. Ok che google
    > non ha il potere di far "sparire" un sito. Ma può
    > benissimo togliergli visibilità fino a fargli
    > crollare gli accessi. Google non è certo l'unico
    > motore di ricerca, ma è certamente il più
    > importante e il più usato. Sparire da google in
    > un certo senso significa anche sparire da
    > internet. E vorrei vedere poi se non tornerebbero
    > strisciando, implorando di tornare
    > indietro.
    > Invece così google ottiene solo cattiva
    > pubblicità, dato che i più non sono in grado di
    > vedere l'entità della sBronzata di chi gli ha
    > fatto causa. E lo sbronzone di turno invece di
    > pubblicità ne ottiene
    > tantissima.
    > Quasi quasi faccio causa pure io a google. Tanto,
    > vuoi che qui in italia non si riesca a trovare un
    > magistrato che ignori completamente i meccanismi
    > della rete?
    > Rotola dal ridere

    In perfetto stile mafioso.
    Se provi a denunciarmi ti ammazzo la famiglia.

    Non condivido per nulla...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > In perfetto stile mafioso.
    > Se provi a denunciarmi ti ammazzo la famiglia.
    >
    > Non condivido per nulla...

    Ti quoto in pieno.
    Se Google iniziasse a non indicizzare dei siti per ritorsione verrebbe meno la fiducia che gli utenti (consapevoli o meno) ripongono in lei.
    Un motore di ricerca, a prescindere dalle tecniche che utilizza, deve sempre essere trasparente sui risultati, senza filtrare nulla.
    In fondo Google non è la rete, semmai ne è un istantanea, pur approssimata che sia.
    non+autenticato
  • la funzione di un motore di ricerca è quella di indicizzare TUTTI i siti web

    google, come tu dici, è attualmente il motore di ricerca più utilizzato, e più utile IHMO in circolazione
    se iniziasse ad escludere dai risultati alcune pagine "perché fa comodo a quelli di google" cesserebbe rapidamente di essere un motore di ricerca utile o comunque apprezzato e verrebbe abbandonato, da me e da molti altri

    detto questo quella denuncia denota stupidità.. e la sentenza impone a google di fare qualcosa molto simile a quanto tu proponi!
    È ignoranza allo stato puro questa sentenza e crea un danno a google (oltre che al sito che ha sporto denuncia, di cui a questo punto mi interessa poco)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 febbraio 2007 15.17
    -----------------------------------------------------------
  • C'e' chi insinua, e neanche tanto sottovoce, che google si stia "impadronendo" della grande rete.

    Si parla di come il suo motore abbia il monopolio quasi totale dei contenuti accessibili

    Si parla di come il suo servizio di posta, quello di chat, quello di blogging e tutti i servizi minori associati vengano sfruttati per schedare gli utenti, creando giganteschi database

    Si parla di come il suo sistema di analisi delle statistiche sui siti web sia il migliore in circolazione, gratuito, affidabile e ... poco adatto a proteggere la privacy

    Si parla delle "sue" news, news in qualche modo "sottratte" alla stampa ufficiale, cosi' da poter raccogliere dati su quali siano le notizie di maggior interesse per l'utenza, in che modo l'utenza vi accede, etc...

    Si parla del fatto che il motto "Completo, Funzionale e Gratuito" apparentemente portato avanti da Google, celi un qualche tipo di manovra occulta, mirata alla raccolta e catalogazione dei dati e delle identita' presenti in rete.
    Per farne poi cosa, non si sa...

    La rete un tempo era solo una struttura militare, e' bene ricordarselo.
    Non mi pare che i militari abbiano mai detto "Da oggi cediamo la rete ai comuni cittadini".
    Anzi.

    Pero'.... pero' essendo io un po' complottista di natura, mi chiedo : forse che a qualcuno google sta scomodo ?
    Forse che qualche potente ha capito di non poter piu' manipolare l'informazione come vorrebbe se google entra in gioco a tutto campo ?

    Forse... non e' google ad essere il cattivo di turno.

    notte Ficoso
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Pero'.... pero' essendo io un po' complottista di
    > natura, mi chiedo : forse che a qualcuno google
    > sta scomodo
    > ?
    > Forse che qualche potente ha capito di non poter
    > piu' manipolare l'informazione come vorrebbe se
    > google entra in gioco a tutto campo
    > ?

    Anch'io sono dietrologista, ma in questo caso propenderei piu' ad accreditare il meccanismo del parassita.

    Insomma, penso che google sia si' potente, ma soprattutto ricca, molto ma molto ricca, tanto ricca da far pensare che preferiranno sborsare quella che per loro e' solo qualche briciola (ma pur sempre cifre a sei zeri), piuttosto che rischiare in immagine o lungaggini legali.

    Cmq, da buon dietrologista, un posticino lo lascio aperto anche al complotto.Sorride

    k1
    non+autenticato
  • Rimuginavo stamani sul fatto che, da qui a 15 anni, la rete sara' accessibile solo con hardware e software autenticato, con rare e circoscritte eccezioni per via dei soliti smanettoni fanatici.

    Quindi, forse, google si sta scavando una nicchia di tutto rispetto, da cui successivamente raccogliera' dati con la fiducia degli utenti.

    Senza contare poi, che la gente iniziera' a usare la rete non solo per reperire informazioni ma anche come mezzo di interazione sul mondo del lavoro e delle questioni meramente pratiche (pagamento bollette, acquisto online (ancor piu' di adesso) sito personale quasi obbligatorio, dati personali medici per rapidi consulti obbligatori.......

    Google si scava una bella nicchia, guadagna la fiducia degli utenti e poi.-.-.-.-..-.-.-..-.-.-.-
    non+autenticato
  • POssibile che questo automatismo, molto piu' semplice ed immediato della notifica via mail, debba essere ignorato persino in un dibattimento in tribunale? BAh...

  • - Scritto da: Alessandrox
    > POssibile che questo automatismo, molto piu'
    > semplice ed immediato della notifica via mail,
    > debba essere ignorato persino in un dibattimento
    > in tribunale?
    > BAh...

    per risolvere definitivamente il problema dovrebbero imho invertire il concetto di robot, ovvero recuperare le news solo da chi lo consente esplicitamente con un file (appunto il robot) e non da chiunque non lo implementi opportunamente

    semplice e corretto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)