Licenze WiMax, entro giugno il bando

Lo annuncia il ministro delle TLC Paolo Gentiloni proprio nei giorni in cui si affermano in rete le tesi di Lawrence Lessig contro la regolamentazione dello spettro

Roma - Entro questa estate, entro giugno, partiranno i bandi di gara per l'assegnazione delle licenze WiMax, quelle che consentiranno agli operatori di offrire finalmente gli attesi servizi wireless broad band.

Lo ha affermato ieri il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni, spiegando che il WiMax può rivelarsi una risorsa indispensabile per abbattere il digital divide che affligge tuttora moltissimi italiani, in particolare nei comuni più piccoli. Una tesi condivisa anche dai molti che però sostengono la campagna contro le licenze WiMax italiane, secondo cui è necessario puntare anche su uno WiMax "libero".

Secondo Gentiloni, è necessario continuare ad investire nell'infrastruttura telefonica digitale, che oggi copre l'89 per cento del territorio, ma è altrettanto indispensabile "dare nuove opportunità di accesso alla banda larga attraverso le onde radio. Abbiamo un'intesa con il ministero della Difesa che ci consentirà di introdurre anche in Italia il WiMax, che consente l'accesso senza fili a Internet e banda larga. Fatto importantissimo per i piccoli comuni, più difficilmente raggiungibili da investimenti privati".
Ed è curioso che proprio nei giorni in cui arriva il sospirato annuncio per un "WiMax all'italiana" in rete non si faccia che parlare di Deregulating Spectrum, l'ultima offensiva del celeberrimo professore di Stanford Lawrence Lessig, tra l'altro promotore di Creative Commons.

Secondo Lessig "il punto è la deregolamentazione delle frequenze. Deregolamentazione non significa che mettiamo all'asta le frequenze (come prevede di fare il governo italiano, ndr.). Perché le aste richiedono un diritto di proprietà del governo ed è una forma di regolamentazione dello spettro. Deregolamentare nel senso che lasciamo ampie porzioni dello spettro disponibili per un uso senza licenza.

Lessig sostiene da sempre queste posizioni e oggi, viste le iniziative legislative del Congresso USA per molti aspetti simili a quelle italiane, sta anche diffondendo via Google Video una presentazione in cui spiega il motivo della campagna.
43 Commenti alla Notizia Licenze WiMax, entro giugno il bando
Ordina
  • E perchè non liberalizzano le frequenze del wimax come sono libere quelle del wifi ?

    Troppo pericoloso ?

    Andrebbero fallite froppe compagnie di telecomunicazione che hanno sborsato fior di quattrini per le frequenze UMTS ?

    E' uno scandalo !!!
    non+autenticato
  • Non esultate gente, succederà come all'UMTS, prezzi altissimi, anni di attesa, e ancora prezzi elevatissimi. E' la storia italiana all'infinito, noi idioti illusi e spennati e loro che "stranamente" buttano i soldi. Dico stranamente perchè quelli i soldi li sanno fare, allora perchè li buttano? Perche non lasciamo fare le cose alla concorrenza? Perchè "licenze" = strumenti per creare mnopoli? Sono stanco di essere preso in giro. Dopo anni il GPRS, EDGE ancora non sono liberi da limiti di traffico e ormai non interessano più perchè sono quasi obsoleti. La cina sta già testando il 4G sui cellulari e il 3G lo ha lasciato perdere perchè già vecchio. E qui noi siamo sempre arretrati e sempre resteremo arretrati.

    Ricordatevi che siamo in ITALIA, un passo sopra la NAMIBIA (Africa) come indice di sviluppo tecnologico.

    Sperate gente, sperate che chi vive sperando... lo sapete vero?
    non+autenticato
  • Non sono grancheè informato su questo argomento, e mi stupisce un po il fatto che nessuno ne parli, tuttavia non credo che un bella dose massiccia di onde radio Wimax o semplicemente WiFi cfacciano bene alla salute... o mi sbaglio?

    Per di più pensare che qualche privato,con il pretesto colmare il digital-divide, sia leggittimato dallo stato a lucrare a scapito della mia salute, ebbene questo proprio mi sembra una assurdità...

    non abbiamo già abbastanza onde radio (gsm,TV,satelliti,etc..etc..) ?
  • - Scritto da: momo87
    > Non sono grancheè informato su questo argomento,
    > e mi stupisce un po il fatto che nessuno ne
    > parli, tuttavia non credo che un bella dose
    > massiccia di onde radio Wimax o semplicemente
    > WiFi cfacciano bene alla salute... o mi
    > sbaglio?

    Sai qual'è l'emissione massima dell'antenna di un AP Wi-Fi?
    100mW

    E di un cellulare GSM?
    2W, VENTI volte tanto, e pure vicino al cervello.

    Per non parlare di quanto emettevano gli ETACS...

    Più andiamo avanti e più le potenze calano, quindi, nell'ipotetico rischio per la salute, MEGLIO andare avantiSorrideOcchiolino
    non+autenticato
  • qualcuno ha letto studi seri su l'inquinamento delle onde radio del wifi, o peggio del wimax?
    ne dubito, e non penso quindi che conclusioni basate sui "numeri" abbiano rilevanza scientifica.


  • interessante, e se non chiedo troppo, che potenza hanno i "pali" del gprs e dell'umts? meno o più del gsm?
    grazie
    ciao
    non+autenticato
  • Ma Bastaaaaa

    Ogni cosa nuova di cui si parla qualcuno alza la testa e si domanda se fa male alla salute!

    Anche il nuovo windows probabilmente verra' accusato di fare male alla... vista!

    Non se ne puo' piu'.

    Stai a preoccuparti di onde radio e magari mangi in modo sregolato tutti i giorni... quello si' che fa male e in modo rapido.

    Sorridi, i veri mali sono piu' evidenti e nessuno se ne cura!
    L'Inquinamento (si vede, soffiati il naso dopo avere camminato mezz'ora per strade trafficate e vedrai muco nero!)
    I cretini in autostrada (quelli che non stanno a destra nemmeno se li tamponi, in prima corsia ca..o, cosa la asfaltano a fare se nessuno poi ci cammina sopra!)
    I parlamentari (quelli che mangiano e sprecano i nostri soldi)
  • appunto!!! se già ci sono tante fonti di inquinamento perchè aggiungerne nuove?
    senza conoscere i rischi....

    io non ho trovato nessuno studio scentifico che ne dimostri la poca o molta incidenza sulla salute...

  • Non è che sia così indispensabile uno studio specifico per l'impatto sulla salute del wimax, è già possibile sapere se è pericoloso o no. Non è infatti il tipo di modulazione in sè a rendere un segnale dannoso! L'eventuale pericolosità per la salute è data dal rapporto tra la potenza di trasmissione in gioco, la frequenza utilizzata, la vicinanza della "vittima" alla fonte emettitrice (antenna), al tempo di esposizione al campo magnetico e ad altri fattori ancora. Uno dei fattori principali di rischio resta comunque la potenza di emissione del segnale. Il vero e proprio rischio per la salute si avrebbe in caso di emissioni molto ma molto superiori in termini di potenza a quelle utilizzate dai sistemi wimax, ossia con trasmettitori dell'ordine di diverse migliaia di Watts a distanza relativamente breve (qualche km.). Per farti un esempio: un forno a microonde non è altro che un generatore di radiofrequenza molto ma molto potente; alcuni telecomandi per apricancello utilizzano invece una potenza minuscola (il segnale del radiocomando si "perde" nel raggio di qualche decina di metri) per lanciare un impulso via radio atto ad azionare il congegno di apertura. Entrambi sono quindi dispositivi che emettono radiofrequenza, ma se azioni l'apricancello vicino ad un pollo non ne cuocerai una sola molecola neanche nell'arco di decine di anni... Ne consegue che non è la radiofrequenza in sè ad essere dannosa quanto piuttosto la somma dei fattori di cui ti accennavo all'inizio, che diventa pericolosa solo dopo il superamento di una soglia molto lontana da quella in gioco in wimax. Nel caso del wimax cioè questi fattori non sono neanche lontanamente paragonabili ai segnali emessi (ad esempio) da emittenti radio-TV dei quali non ti preoccupi lontanamente. Il suo impatto per la nostra salute è lo stesso impatto che l'apricancello ha per il pollo.
    non+autenticato
  • La salute? E chi ci pensa più ormai? Tra poco privatizzeranno la salute, e ci dovremo pagare tutto perciò sarà altro business, cancri e altri patologie del 3° millennio. E vai giù di euro e chemioterapie...

    Business ragazzo, business!
    non+autenticato
  • di come funzioni WiMax?!?!?

    Non si tratta di una nuova rete wireless!
    Un portatile/telefonino non potra' mai collegarsi ad essa!
    WiMax serve a sostituire/rimpiazzare alcune dorsali di comunicazione, ma l'accesso alla rete sara sempre tramite Wi-Fi o rete fissa.

    leggetevi
    http://it.wikipedia.org/wiki/WiMax

    oppure per chi sa l'inglese
    http://computer.howstuffworks.com/wimax1.htm[/img]...]
    non+autenticato
  • Seppur allo stato attuale 801.16e sia ancora poco più che un esperimento, per cosa credi che stia quella parolina mobile?Sorride
    non+autenticato
  • HEIIBBBELLOOOOO... SAMSUNG ha già realizzato i primi terminali (PDA) con funzioni WIMAX, informaatttiiiiiiiii!!

    "Samsung's SPH-8100 WinMo Pocket PC with Mobile WiMax, IMS, and DMB"

    Io l'ho già visto in KOREA ed in Cina, e ragazzi li si che la tecnologia avanza da paura!
    Per questo quest'anno emigro da questo museo a forma di scarpone e prendo il volo. Me ne vado da questo OSPIZIO di vecchi che lavoreranno fino a 80 anni occupando posti che noi giovani dovremmo occupare da 20 anni ormai.
    Non ce l'ho con i poveri vecchietti che devono smazzarsi per non morire di fame invece di andare in pensione. Ma qui arriverà una crisi che metterà in ginocchio tutti. Li in cina è stata fatta una statistica e una persona si 13 ha un milione di euro LIQUIDO in banca oltre alla casa e tutti gli altri beni. E come altri beni dico CASA non appartamento, e come auto non hanno una FIAT ma AUDI, MERCEDES, PORSCHE e altre ammiraglie. Shanghai sta raddoppiando di volume e anche gli altri poli industriali.
    L'economia galoppoa a ritmi di 40% annuo, vale a dire una media di 3.3% al mese! Noi cresciamo secondo l'ISTAT (che probabilmente calcola le statistiche con campioni inventati) dell' 2.5% anno, ANNO! Ma sono balle. Io viaggio il mondo e tutti dicono che ci stiamo affossando.

    Stanno preparando tutti il nostro reqiem, altro che wimax!

    Addio Italia.
    non+autenticato
  • Hai trovato il paese della cuccagna .....

    in parte hai ragione ....
    questo è un paese VECCHIO ....
    CORROTTO e NEPOTISTA
    e destinato a FALLIRE !!!

    Comunque
    ci sono più ricchi in cina che in italia

    diciamo l'uno per mille

    E ALLORA ????

    in italia siamo 50 milioni li sono un miliardo

    mi sa che vedrai più miseria che ricchezza
    ...
    Io credo nell'Europa
    Tutto sommato credo che siamo l'economia principale del pianeta ...
    e ci sono paesi come Spagna e Irlanda in pieno sviluppo ....
    Comunque in Italia se continua cosi' .....
    o imparo a suonare il mandolino   o imparo a fare la pizza ....




    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > Non si tratta di una nuova rete wireless!
    > Un portatile/telefonino non potra' mai collegarsi ad essa!

    Visto che continui a scrivere la stessa balla ovunque... guarda cosa ha mostrato Motorola a Barcellona:
    http://www.portel.it/news/gestori-mobile/02-2007/w...
    A bocca storta
    non+autenticato

  • ...il WiMax NON è per l'utente finale !!!

    ...la tecnologia WiMax sarà utilizzata solo dalle Società di Telecomunicazioni per trasportare grandi flussi di dati e a distanze superiore, il tutto sulla frequenza dei 3,5Ghz.

    L'utente finale continuerà ad usare la tecnologia a 2,4Ghz o 5Ghz ovvero 802.11b/g e 802.11a.

    Ma con tutta sta pubblicità del WiMax, dei 40/50 kilometri, 30/60Mbyte di banda ecc... ecc... vi siete chiesti come funziona un collegamento in termini pratici ???

    In molti pensano che basta avere la schedina inserita nel pc oppure il semplice AcessPoint posizionato sulla scrivania o magari in un posto più alto (la libreria) per poter ricevere il segnale... ehehh !!!

    Ma anche se fosse così (impossibile), la è gente è convinta che una BaseStation WiMax (stazione trasmittente che distribuisce il segnale) ubicata a 30Km, anzi voglio esagerare, dico anche a un 2Km dalla propria abitazione la si riesce a connettere... e... "navigare"...PAZZESCO!!!

    A queste persone (ma anche a tanti giornalisti che creano confusione e disinformazione) consiglio di studiare o almeno di leggere qualche appunto sulla propagazione delle onde elettromagnetiche ed in modo particolare per le superiori alla lunghezza d'onda dei 2cm (mi sto mantenendo molto lontano dai 3,5GHz)!

    Salute a tutti.
    non+autenticato
  • Per quanto riguarda la prima parte...non e´proprio cosi, esistono delle versoni studiate anche per uso indoor..naturalmente con copertura minore...
    Lo standard 802.16d si occupava solo di postazioni fisse, mentre l´attuale 802.16e prende in considerazione anche componenti mobili sfruttando una modulazione avanzata tipo OFDM per rendere possibili comunicazioni anche non line of sight.

    > A queste persone (ma anche a tanti giornalisti
    > che creano confusione e disinformazione)
    > consiglio di studiare o almeno di leggere qualche
    > appunto sulla propagazione delle onde
    > elettromagnetiche ed in modo particolare per le
    > superiori alla lunghezza d'onda dei 2cm (mi sto
    > mantenendo molto lontano dai
    > 3,5GHz)!
    >

    A cosa ti riferisci? Al fatto che l´attenuazione isotropa di spazio libero cresce con il quadrato della frequenza? Ti riferisci alle diverse attenuazioni supplementari? O intendi dire che a quelle frequenze l´onda elm. si propaga solo in linea retta ed e´quindi necessaria visibilita´ottica? In tutti e tre i casi forse dovresti leggere piu di qualche appunto...
    (in altro caso mi piacerebbe sentire la tua opinione...c´e´sempre da imparare)
    Gli standard wimax, in continua evoluzione, sfruttano molte soluzioni tecniche molto complesse e in parte ancora in fase di studio per superare alcune limitazioni considerate "classiche".
    Questo dal punto di vista tecnico...poi dal punto di vista economico-politico e´un´altra storia..
    Cordialmente J.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    >
    > In molti pensano che basta avere la schedina
    > inserita nel pc oppure il semplice AcessPoint
    > posizionato sulla scrivania o magari in un posto
    > più alto (la libreria) per poter ricevere il
    > segnale... ehehh !!!
    >
    > Ma anche se fosse così (impossibile) [...]

    Impossibile??
    Quindi Motorola, a Barcellona, ha raccontato balle?
    http://www.portel.it/news/gestori-mobile/02-2007/w...
    A bocca storta
    non+autenticato
  • Heibbello! Sei tu che ti sbagli. Ho installato reti WIFI in brasile, e antenne ad alto guadagno su colline distanti anche 4-5 km dalle case, e ti assicuro che in casa col portatile navigavo con una banda di 1MBit dolo con una scheda PCMCIA D-Link DWL-G650.
    La cominicazione tra il Laptop ed il Router sulla collina era di 1 MBit/s senza errori.
    Che ne dici? Che sia l'aria del Brasile? hehehe

    Tuttavia informati tu: Samsung ha già realizzato i primi PDA con Wimax Embedded.

    "Samsung's SPH-8100 WinMo Pocket PC with Mobile WiMax, IMS, and DMB"

    cerca cerca e vedrai che qui siamo in Africa, non italia.

    Ah... wimax sta per essere utilizzato in Brasile quest'anno, o al massimo all'inizio del prossimo anno e li del WIFI sono già stufi di usarlo, a Sao PAulo ci sono wifi nei bar, strade, condomini... dappertutto. Siamo con skype nei PDA etc... e parlo di Brasile, terzo mondo.

    Hai un'idea? Qui l'unica novità è Window$ $Vista, per controllarci i pc a distanza e chiuderci la libertà digitale (www.no1984.org) e il resto del mondo sta usando Linux e vista nemmeno lo vuole sentire nominare.

    Svegliatevi!



    Ciao!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)