Attivavano SIM abusive, denunciati

I disinvolti gestori di sette punti vendita di telefonia cellulare sono stati denunciati per l'attivazione di oltre 400 schede telefoniche illegittime

Reggio Calabria - Una nuova truffa "telefonica" è stata scoperta dalla Polizia Postale delle Comunicazioni del capoluogo calabrese. Sette persone sono state denunciate per l'attivazione illecita di oltre 400 SIM, ai danni di molti consumatori inconsapevoli.

Alcuni di essi, riporta UltimoMiglio News (notiziario di ADUC), risultavano intestatari addirittura di 30 schede. Per l'attivazione, i truffatori utilizzavano copie di documenti già censiti durante le attivazioni legittime di utenze di telefonia mobile, ma questa prassi non era seguita nella totalità dei casi: molte attivazioni venivano aperte senza la minima giustificazione documentale.

"Le indagini - spiega ADUC - hanno preso il via dalle denunce di alcuni reggini, i quali sono venuti a conoscenza di essere intestatari di decine di schede telefoniche, mai attivate. Dalle indagini è emerso anche che molte schede erano intestate anche a soggetti inesistenti e che i gestori denunciati hanno agito per pura finalità commerciale, quella, cioè, di ricevere maggiori sconti dai gestori nazionali di telefonia mobile. Tra le condotte addebitate agli indagati vi sono anche quelle sanzionate dalla legge Pisanu che, modificando la precedente normativa, obbliga i gestori di telefonia mobile ad estrarre copia dei documenti di identità e ad assicurare il corretto trattamento dei dati".
La Polizia postale ha così denunciato i gestori di sette punti vendita di servizi di telefonia mobile, attivi nelle città di Reggio Calabria, Cosenza, Napoli e Ascoli Piceno. L'accusa è di falso, truffa e trattamento illecito di dati personali.

D.B.
12 Commenti alla Notizia Attivavano SIM abusive, denunciati
Ordina
  • Qual'é il capoluogo calabrese ???
    Reggio Calabria

    ahuauahuahuahauahhuahuau
    non+autenticato
  • Non dicono capoluogo di regione ma capoluogo calabrese. Quindi può andare bene nell'accezione di "un capoluogo di provincia appartenente alla regione Calabria".
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Qual'é il capoluogo calabrese ???

    Catanzaro. Perchè?

    P.S. Qual è. Senza apostrofo.

    P.P.S. Reggio Calabria è un capoluogo calabrese. Esattamente come c'è scritto nell'articolo.

  • - Scritto da: teddybear
    >
    > - Scritto da:
    > > Qual'é il capoluogo calabrese ???
    >
    > Catanzaro. Perchè?
    >
    > P.S. Qual è. Senza apostrofo.
    >
    > P.P.S. Reggio Calabria è un capoluogo calabrese.
    > Esattamente come c'è scritto
    > nell'articolo.


    ........haaaaaaaa..pensavo Chinatown !Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

  • - Scritto da: SardinianBoy

    > ........haaaaaaaa..pensavo Chinatown
    > !Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Vuoi del ketchup con le patatorchette?
    non+autenticato
  • Catanzaro è capoluogo di regione da circa 36 anni, per meri interessi politici e di spartizione di potere, prendendo il posto di Reggio che lo è stata da sempre. Quale sia il capoluogo in pectore è un altro discorso, chi conosce Catanzaro e Reggio Calabria comprenderà perfettamente cosa intendo.
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Catanzaro è capoluogo di regione da circa 36
    > anni, per meri interessi politici e di
    > spartizione di potere, prendendo il posto di
    > Reggio che lo è stata da sempre. Quale sia il
    > capoluogo in pectore è un altro discorso, chi
    > conosce Catanzaro e Reggio Calabria comprenderà
    > perfettamente cosa
    > intendo.

    In altri paesi non sempre il capoluogo è la città più importante. Anzi.. prendi gli states, e guarda quali sono le capitali dei vari stati....
    in california è san diego, non los angeles, non san francisco. A new york, la capitale è albany... e così via... paragonando, in lombardia sarebbe probabilmente bergamo (vista la posizione centrale), in piemonte sarebbe vercelli... in liguria probabilmente imperia, in toscana sarebbe siena, in veneto sarebbe padova, e così via...

  • A dire il vero la capitale della California è Sacramento e non San Diego... comunque se vogliamo restare all'interno della nostra realtà italiana i vari capoluoghi di regione sono sempre le città più grandi ed importanti sia demograficamente che storicamente, tranne che per l'Abruzzo dove Pescara è più grande dell'Aquila. Non credo nessuno si sognerebbe di spostare il capoluogo della Sardegna da Cagliari a Nuoro solo perché quest'ultima è più centrale geograficamente. Per la Calabria è avvenuto però tutto questo, Reggio è stata il riferimento regionale per millenni ma le bassezze politiche dell'epoca hanno consentito un trasferimento assurdo, come trasferire il capoluogo del Lazio da Roma a Rieti. Per dirla tutta, la Calabria è una regione bicefala perché, quantomeno, il parlamento regionale ha sede a Reggio, anomalia nell'anomalia. Ma tant'è, credo siano ancora pochine le persone che sanno con certezza e senza esitazione quale sia il capoluogo della Calabria, se si facesse un sondaggio su un campione statistico valido uscirebbero fuori dei risultati davvero interessanti. Questo è il motivo per cui in quella città si cerca in tutti modi possibili di fare sapere che il capoluogo di regione è Catanzaro, basta andare sul sito istituzionale della città dove, sotto la scritta "Comune di Catanzaro", campeggia un bel "capoluogo della Regione Calabria" come anche nelle indicazioni stradali che si trovano in giro. Chissà se il sito internet di Firenze riporta in bella vista "Capoluogo della Regione Toscana", chissà...
    non+autenticato
  • 1 anno e 6 mesi.

    questa la pena prevista per il cumulo di reati citati nell'articolo.

    Certo, il massimo della pena e' altra storia, pero' dubito che verra' applicata, e anche se fosse, poi c'e' l'appello, la cassazione, la cassata, il controappello, il processo del Lunedi', etc..etc...

    Qualche mese di galera, forse i domiciliari se non c'e' pericolosita' sociale, i soldi imboscati all'estero e usati per pagare la villa, il fior fiore degli avvocati, etc...

    E' la prassi della giustizia (scritto minuscolo) Italiana.

    Se ci fate caso i giornali non riportano mai (tranne rarissime eccezioni) l'entita' della condanna.
    Solo gli arresti e le accuse.

    Questo perche' il raffronto tra reati e punizioni e' pessimo nel nostro belpaese.

    non+autenticato
  • Beh in questo caso non mi sembra proprio che sia un gran crimine, hanno solo truffato qualche sconto extra alle compagnie telefoniche.
    Piuttosto è più allarmante che possano girare in quantità sim "anonime" a disposizione di criminalità organizzata e magari di terroristi.

  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Beh in questo caso non mi sembra proprio che sia
    > un gran crimine,
    Ti sbagli Occhiolino e il motivo per cui sbagli lo scrivi tu stesso nel tuo messaggio :

    > Piuttosto è più allarmante che possano girare in
    > quantità sim "anonime" a disposizione di
    > criminalità organizzata e magari di
    > terroristi.

    Ecco.
    Poi ci lamentiamo se questa o quella fazione malavitosa ha tutte le risorse necessarie per commettere atti criminali.
    Per forza ! chi appoggia la criminalita' organizzata non viene punito !

    A parte tutto, secondo me per combattere il crimine, anche quello piu' "banale" ci vorrebbero pene certe, severe e una rieducazione radicale dei soggetti PRIMA che escano di galera.
    Chi torna a compiere crimini dopo uscito non deve uscire proprio piu' quando viene ripreso.
    non+autenticato
  • Io sono uno di quelli che ha commesso "errori" nella vita, e poi li ha ricommessi.
    V'è stato poi un insieme di cose che unite alla mia volontà mi han portato sulla "giusta strada", e ora sono più onesto (o cerco di esserlo, inteso quasi a livello "religioso") di quanto molti degli "onorabili" di questo mondo vanno fieramente decantando.
    Ora dovrei stare in galera secondo te?
    E tu non hai mai commesso errori? Mai ti sei appropriato di una "caramella" (è il reato che viene punito, non la quantità)? O hai mentito per interesse, o...comunque commesso ingiustizie?

    Capisco la tua affermazione, ma non tiene conto di molte cose, dalle difficoltà che uno può avere nella vita, al caso (se tu fossi nato zingaro probabilmente ruberesti -e non voglio dire che tutti rubano-), o al fatto che noi siamo il risultato di ciò che alla nascita ci viene insegnato e delle esperienze che la vita ci riserva.
    Non è solo questione di colpe, e se lo è siamo tutti colpevoli, in quanto facenti parte di un mondo che proprina esperienze negative, o insegna (o non lo fa) in modo sbagliato.

    E vero che la giustizia non funziona in italia, ma arrivare ad affermare che devono buttare la chiave perché hanno contraffatto delle schede per ottenere più sconti...
    La collaborazione con la mafia dev'essere provata, ed è un reato a sè, e viene punita se scoperta, ma non credo sia giusto aggravare il reato se l'aggravante non c'è solo perchè possibile.
    Sarebbe come accusare qualcuno di omicidio perchè è passato col rosso ad un semaforo "inutile" (e per inutile intendo ad un ora in cui non c'è nessuno, e comunque prestando la massima attenzione). Certo, la multa ci va, ma la condanna in omicio mi sembra esagerata. Eppure passando col rosso si possono uccidere persone.
    Abbiamo i politici più disonesti del mondo (a parte un paio di dittature), e dargli in mano il potere di mandare in galera a vita chiunque, equivale a dargli carta bianca.
    Forse un maggiore impegno da parte di tutti, e un valido esempio (anche nella più piccola cosa) di intolleranza morale verso le ingiustizie potrebbe dare un miglior insegnamento ai nostri figli, e quindi al futuro di questo mondo.
    Se hai dei figli puoi capire l'esempio che sto per farti: non otterresti niente a riempire tuo figlio continuamente di botte per gli errori che commette, ma molto di più con un pò d'amore e insegnamento (e se a volte serve il ceffone non dev'essere gratuito).
    Sto mondo ad alcuni da solo ceffoni, e poi pretende di poterli giudicare come altri che dalla vita hanno ottenuto tutto.

    Giudicare è la più complessa delle arti, sparare a zero non può che compromettere la giustizia.
    non+autenticato