Italia.it, il googlebombing sale di ranking

Niente, neppure i nuovi algoritmi di Google, possono impedire ad una volgarissima google bomba di spalare fango sul portale del turismo

Roma - Ci sono comitati al lavoro, ferve il dibattito in rete, si preparano alternative: Italia.it, il portalone del turismo accolto in rete tra i fischi ormai più di due settimane fa, continua a tenere banco, almeno su Google, dove si concentrano gli sforzi di alcuni dei suoi numerosi detrattori.

Ora, come segnalava Punto Informatico qualche tempo fa, e come riportano ormai da tempo alcuni blogger, cercando un determinato termine in Google, al secondo posto subito dopo la corrispondente pagina di Wikipedia si trova proprio la URL di Italia.it.

La sempre maggiore prominenza di Italia.it come risultato di ricerca del termine merda non è solo una conferma che il Googlebombing è vivo e vegeto (dieci giorni fa era solo al 14esimo posto tra i risultati di ricerca e il 7 marzo era al quarto) ma è anche una diretta conseguenza di quanti e quali commenti il portale del turismo abbia suscitato in rete fin dal suo primo apparire.
Sul suo blog, Dario Bonacina segnala l'avvenuta "risalita" di quel particolare sito nei risultati di ricerca e segnala anche un nuovo servizio messo in piedi da quelli di Scandalo Italiano, il blog che segue passo passo l'arrivo di Italia.it e che ora ha pubblicato una cronologia degli eventi che hanno portato alla pubblicazione di quel sito e di cosa è accaduto da quel momento in poi.

La schermata della google bomba
91 Commenti alla Notizia Italia.it, il googlebombing sale di ranking
Ordina
  • ahahahahahah è proprio vero che è una m...a!!!
    non+autenticato
  • la ricerca di adrem (al contrario) da italia.it primo in classifica.

    A parte le considerazioni sul bottone "mi sento fortunato" e il dubbio portafortuna che, di tanto in tanto, si calpesta accidentalmente per strada, mi viene in mente qualche numero... uno in particolare:
    45

    45.000.000 eur

    ovvero il costo approssimativo di quel coso.

    Rimango dell'idea che si poteva spendere uno zero di meno e in 1/4 del tempo, maremma schifa.
    45.000.000 (circa 2 eur a contribuente).

    >GT<
  • Il punto è che c'è chi crede alle scimmie a tre teste che stiano dietro di lui.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Il punto è che c'è chi crede alle scimmie a tre
    > teste che stiano dietro di
    > lui.

    ...e c'e' chi butta comunque un'occhiata alle sue spalle, non si sa mai.

    Hai provato a cercar "merda" su google?
    Il risultato e' illuminante.

    >GT<
  • ... pubblicità.
    È questo a mio avviso ciò che sta dietro a googlebombing.
    In realtà tutti quei link a italia.it associati alla parola "merda" sono generati da un passaparola. Se io leggo su qualche forum di un bombing sul sito italia.it, non penso realmente che il sito sia una "merda". Voglio solo adeguarmi alla moda del momento.

    La cosa fondamentale secondo me è che in realtà se io non sapessi del bombing non metterei mai un link del genere sul mio sito. Quindi è una cosa forzata, non "spontanea". Ed in quanto tale andrebbe evitata (compito che spetterebbe a Google).

    Tutto questo ovviamente IMHOCon la lingua fuori
    Uby
    893
  • Coloro che hanno provocato questo googlebombing devono solo vergognarsi, ora chi cerca anche dall'estero la parola merda vede comparire il nostro paese al secondo posto! Italia.it non è certo un capolavoro ma così si fa più male al nostro paese che altro.... I panni sporchi li dovremmo lavare in casa nostra. Senza contare il fatto che le sedicenti alternative a italia.it fanno tutte più che cagare dell'originale, quindi sarebbe il caso di smetterla con questa farsa...ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato
  • boh.. anzi.. io farei anche del googlebombing su la piu' internazionale shit che punta ad italia.it cosi' si spera che per salvare la faccia venga creato qualcosa di piu' decente.. oppure qualche genio decida di eliminare l'indicizzazione di google.. cmq io comincio sul mio portale http://sconosciuto.wordpress.com e spero di reclutare seguaci.
    va anche bene lavare i panni in casa ma questi son panni piu' grossi di te ed una volta tanto che hai la possibilita' di farti sentire contro chi ti estorce le tasse.. vuoi lasciar perdere? ma anche no.
    1016
  • Ehi amico, ma l'Italia è un paese di merda! Finiamola con i nazionalismi da quattro soldi e cerchiamo di aprire gli occhi e raffrontarci con altri paesi che avranno mille difetti ma che a noi hanno molto da insegnare...sempre che si voglia imparare.
    L'epoca dell'impero romano è finita da un pezzo, il Rinascimento pure. Ora ci sono altri imperi e in futuro ce ne saranno altri ancora. O lo si capisce o si fa una brutta fine
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Ehi amico, ma l'Italia è un paese di merda!
    > Finiamola con i nazionalismi da quattro soldi e
    > cerchiamo di aprire gli occhi e raffrontarci con
    > altri paesi
    L'Italia ha davvero molto da insegnare agli altri, mi spiace deluderti, ma è così.
    E se le cose vanno male da voi è perché gentaglia come te spara merda sul proprio Paese. Forse TU dovresti aprire gli occhi ed apprezzare quel che hai e, magari, cominciare a migliorare quel che non va.
    non+autenticato
  • sono un altro.

    - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Ehi amico, ma l'Italia è un paese di merda!
    > > Finiamola con i nazionalismi da quattro soldi e
    > > cerchiamo di aprire gli occhi e raffrontarci con
    > > altri paesi
    > L'Italia ha davvero molto da insegnare agli
    > altri, mi spiace deluderti, ma è
    > così.
    > E se le cose vanno male da voi è perché gentaglia
    > come te spara merda sul proprio Paese. Forse TU
    > dovresti aprire gli occhi ed apprezzare quel che
    > hai e, magari, cominciare a migliorare quel che
    > non
    > va.

    amico mio, io porto l'Italia nel Innamorato come te e di più di molti altri qui dentro.
    il perchè è ovvio (we are the best Occhiolino).
    però:
    l'Italia ha moltissimi difetti.
    uno tra tutti l'IPOCRISIA.
    quel sito fa cagare! chiedi ad un web master!
    oppure, mostra quelli della finlandia, germania, svezia etc alla classica casalinga di voghera (qualcuno mi spieghi dov'è!) e poi mostrale quello dell'italia:
    ti dirà che fa cagare!
    (se poi gli dici quanto ci è costato resta così: Deluso )
    è perfettamente inutile fare finta che vada tutto bene se poi non è così!

    italiani svegliamociiiiiiii!

    sig In lacrime
    non+autenticato
  • > amico mio, io porto l'Italia nel Innamorato come te e
    > di più di molti altri qui
    > dentro.
    > il perchè è ovvio (we are the best Occhiolino).
    > però:
    > l'Italia ha moltissimi difetti.
    > uno tra tutti l'IPOCRISIA.
    > quel sito fa cagare! chiedi ad un web master!
    > oppure, mostra quelli della finlandia, germania,
    > svezia etc alla classica casalinga di voghera
    > (qualcuno mi spieghi dov'è!) e poi mostrale
    > quello
    > dell'italia:
    > ti dirà che fa cagare!
    Ma io non discuto se faccia schifo o meno, nemmenoa me piace molto.
    Quanto ai soldi, non sn stati spesi tutti e 45 mln di euro, ma molto molto meno. Gran parte, a quanto avevo letto, per l'attrezzaura e l'interconnessione, non certo per i contenuti veri e propri.
    In ogni caso, pure facesse schifo, non mi pare il caso di fare googlebombing su ste cose.
    Si può impiegare meglio il tempo.
    Proprio ora mi trovo all'estero e faccio di tutto per far apprezzare la nostra Italia.
    E ti assicuro che l'apprezzano, nonostante tanti problemi che possiamo avere.
    Non piace quel sito, facciamo altro, ma che sia promozione dell'Italia, non cazzate.
    Odio il googleboombing, ma se dovessi farne uno non sarebbe per associare merda a Italia, bensì a beautiful o wonderful... non so se qualcuno abbia capito il punto.
    non+autenticato
  • Io concordo parzialmente con entrambi:
    l'italia ha pure lati positivi, quel sito fa schifo in relazione ai milioni di euro spesi, però è vero che con il googlebombing si rovina ancora di più l'immagine dell'italia all'estero. Intasare di lettere di protesta, quelle vere che fanno volume fisico, Rutelli e il precedente ministro IMHO sarebbe più efficace e non danneggia ulteriormente l'immagine dell'italia.

    Anzi, domani scrivo proprio a rutelli.

    - Scritto da:
    > sono un altro.
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > Ehi amico, ma l'Italia è un paese di merda!
    > > > Finiamola con i nazionalismi da quattro soldi
    > e
    > > > cerchiamo di aprire gli occhi e raffrontarci
    > con
    > > > altri paesi
    > > L'Italia ha davvero molto da insegnare agli
    > > altri, mi spiace deluderti, ma è
    > > così.
    > > E se le cose vanno male da voi è perché
    > gentaglia
    > > come te spara merda sul proprio Paese. Forse TU
    > > dovresti aprire gli occhi ed apprezzare quel che
    > > hai e, magari, cominciare a migliorare quel che
    > > non
    > > va.
    >
    > amico mio, io porto l'Italia nel Innamorato come te e
    > di più di molti altri qui
    > dentro.
    > il perchè è ovvio (we are the best Occhiolino).
    > però:
    > l'Italia ha moltissimi difetti.
    > uno tra tutti l'IPOCRISIA.
    > quel sito fa cagare! chiedi ad un web master!
    > oppure, mostra quelli della finlandia, germania,
    > svezia etc alla classica casalinga di voghera
    > (qualcuno mi spieghi dov'è!) e poi mostrale
    > quello
    > dell'italia:
    > ti dirà che fa cagare!
    > (se poi gli dici quanto ci è costato resta così:
    >Deluso
    > )
    > è perfettamente inutile fare finta che vada tutto
    > bene se poi non è
    > così!
    >
    > italiani svegliamociiiiiiii!
    >
    > sig In lacrime
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Io concordo parzialmente con entrambi:
    > l'italia ha pure lati positivi, quel sito fa
    > schifo in relazione ai milioni di euro spesi,
    > però è vero che con il googlebombing si rovina
    > ancora di più l'immagine dell'italia all'estero.
    > Intasare di lettere di protesta, quelle vere che
    > fanno volume fisico, Rutelli e il precedente
    > ministro IMHO sarebbe più efficace e non
    > danneggia ulteriormente l'immagine
    > dell'italia

    Efficace? Ma stai scherzando? Ma ti rendi conto che a questi politici non frega assolutamente niente di cio' che viene prodotto e dei soldi spesi? Come ti spieghi il fatto che abbiano fatto conferenze stampa trionfalistiche invitando giornalisti e sbandierando un insignificante logo, PAGATO CENTOMILA EURO! Una persona accorta, onesta e a contatto con la realta' fa una cosa del genere? Una conferenza stampa per UN LOGO? Un logo (sorvolando sulla bruttezza epocale di questo) per un sito istituzionale? Un logo pagato quanto il lavoro di 4 anni di un grafico web con esperienza decennale? Ma come si fa a credere ancora a questi politici?

    Un sito come quello di Italia.it, per giustificare 45 milioni di spesa, avrebbe dovuto avere contenuti enormi, tecnologie efficienti ed avanzate (mi viene in mente ad esempio un "trip planning" completo), invece si tratta di un sito triste, trito e ritrito, limitato, inutile, pieno di errori nei contenuti, lento, piccolo, senza futuro, con scelte stilistiche ignobili.

    E' ora di finirla!!! Arrabbiato
    non+autenticato
  • > L'Italia ha davvero molto da insegnare agli
    > altri, mi spiace deluderti, ma è
    > così.
    > E se le cose vanno male da voi è perché gentaglia
    > come te spara merda sul proprio Paese. Forse TU
    > dovresti aprire gli occhi ed apprezzare quel che
    > hai e, magari, cominciare a migliorare quel che
    > non
    > va.


    Quoto in pieno....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Ehi amico, ma l'Italia è un paese di merda!
    > > Finiamola con i nazionalismi da quattro soldi e
    > > cerchiamo di aprire gli occhi e raffrontarci con
    > > altri paesi
    > L'Italia ha davvero molto da insegnare agli
    > altri, mi spiace deluderti, ma è
    > così.

    Tipo? Tirami fuori UNA COSA!!! Arrabbiato
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)