Open XML più vicino alla certificazione ISO

Contro i pronostici della prima ora, il formato di Microsoft è stato accettato da ISO, ed ora passerà attraverso quel processo di verifica che prelude all'eventuale approvazione a standard internazionale

Ginevra - Con una maggioranza assai meno risicata di quanto previsto da molti, ad inizio settimana il comitato tecnico JTC1 dell'International Standards Organization (ISO) ha votato a favore della candidatura di Open XML al processo di standardizzazione. Il formato dei documenti di Microsoft, alla base di Office 2007, passerà attraverso un iter abbreviato che dovrebbe durare al massimo cinque mesi.

Come testimoniato dalla lettera aperta pubblicata lo scorso febbraio, Microsoft temeva che l'ostruzionismo di IBM e di alcuni governi potesse impedire la considerazione della propria specifica da parte di JTC1, che per altro è lo stesso comitato che lo scorso anno ha eletto a standard il formato OpenDocument (ODF).

Questa prima approvazione di Open XML da parte di ISO arriva dopo che, nel processo preliminare di revisione, 19 dei 30 stati che hanno partecipato a questa fase avevano espresso obiezioni sulla specifica di Microsoft. Secondo quanto riportato da Computerworld.com, nella votazione finale soltanto sei stati si sarebbero opposti alla candidatura di Open XML, mentre altri cinque avrebbero espresso le proprie preoccupazioni senza però porre veti.
A quanto pare, dunque, molte nazioni hanno cambiato o mitigato le proprie posizioni negli ultimi mesi, e come si può immaginare, questo dietrofront è stato fortemente criticato dai supporter di ODF. A sottoscrivere la protesta c'è ad esempio il noto sito paralegale Groklaw, che si domanda se il processo di revisione sia soltanto "un elaborato valzer senza significato".

Volti sorridenti e sospiri di sollievo, invece, tra le fila di Microsoft. Per il colosso di Redmond l'approvazione di Open XML a standard ISO è infatti un passo cruciale non solo per competere con OpenDocument, ma anche per non perdere clienti come lo stato della California, dove alcune normative di recente approvazione obbligano gli amministratori ad utilizzare solo standard aperti e approvati da organismi internazionali.
17 Commenti alla Notizia Open XML più vicino alla certificazione ISO
Ordina
  • il processo di revisione è stato uno scandalo..
    la segretaria, e dico la SEGRETARIA, "ha deciso" di dare l'ok alla procedura abbreviata!!
    la segretaria all'ISO detta legge più dei membri ufficiali ?!?!? ma che storia è questa ???

    mah..
    non+autenticato
  • sono sempre io... ho dimenticato il link:

    http://www.gnuvox.info/index.php/2007/03/14/scanda...

    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > sono sempre io... ho dimenticato il link:
    >
    > http://www.gnuvox.info/index.php/2007/03/14/scanda
    >

    Insomma, ci apprestiamo a vedere la nascita dello standard di pulcinella.
    FDG
    10933

  • - Scritto da:
    > sono sempre io... ho dimenticato il link:
    >
    > http://www.gnuvox.info/index.php/2007/03/14/scanda
    >
    Premetto che sullo standard OpenXML la penso come te/voi.

    Ti posso dire la cosa che mi scandalizza di piu'?
    E' vedere come la FSF stia aprendo uffici con tanto di rappresentanza organizzata dovunque a mo' di corporation del codice libero sotto GPL,con tanto di propaganda capillare che mi ricorda un vecchia ma mai troppo,militanza politica....
    Insomma queste sono un bene comune che trascende dalle mere lotte per il controllo di qualche punto percentuale di mercato....
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > - Scritto da:

    > Premetto che sullo standard OpenXML la penso
    > come te/voi.

    > Ti posso dire la cosa che mi scandalizza di
    > piu'?
    > E' vedere come la FSF stia aprendo uffici con
    > tanto di rappresentanza organizzata dovunque
    > a mo' di corporation del codice libero sotto
    > GPL,con tanto di propaganda capillare che mi
    > ricorda un vecchia ma mai troppo, militanza
    > politica....

    In effetti potrebbe essere considerata una militanza allo scopo di combattere un monopolio che lo stato rifiuta di abbattere come ha fatto in tempi in cui l'antitrust funzionava meglio e gli USA non erano un governo corporativista.

    > Insomma queste sono un bene comune che
    > trascende dalle mere lotte per il controllo
    > di qualche punto percentuale di mercato....

    In effetti quella di microsoft verso l'open source non e' proprio una lotta, e' una vera e propria guarra, e sappiamo a cosa puo' arrivare microsoft quando dichiara guerra a qualcuno.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    > > - Scritto da:
    >
    > > Premetto che sullo standard OpenXML la penso
    > > come te/voi.
    >
    > > Ti posso dire la cosa che mi scandalizza di
    > > piu'?
    > > E' vedere come la FSF stia aprendo uffici con
    > > tanto di rappresentanza organizzata dovunque
    > > a mo' di corporation del codice libero sotto
    > > GPL,con tanto di propaganda capillare che mi
    > > ricorda un vecchia ma mai troppo, militanza
    > > politica....
    >
    > In effetti potrebbe essere considerata una
    > militanza allo scopo di combattere un monopolio
    > che lo stato rifiuta di abbattere come ha fatto
    > in tempi in cui l'antitrust funzionava meglio e
    > gli USA non erano un governo
    > corporativista.
    >
    > > Insomma queste sono un bene comune che
    > > trascende dalle mere lotte per il controllo
    > > di qualche punto percentuale di mercato....
    >
    > In effetti quella di microsoft verso l'open
    > source non e' proprio una lotta, e' una vera e
    > propria guarra, e sappiamo a cosa puo' arrivare
    > microsoft quando dichiara guerra a
    > qualcuno.

    Ma e' giusto che gli ideali dell'opensource,ben piu' nobili con il proposito di unire e non dividere si riducano a questo? Non dovrebbe essere sottolineata l'evidente superiorita' senza ostentare armi?
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > > > Premetto che sullo standard OpenXML la
    > > > penso come te/voi.

    > > > Ti posso dire la cosa che mi scandalizza
    > > > di piu'?
    > > > E' vedere come la FSF stia aprendo uffici
    > > > con tanto di rappresentanza organizzata
    > > > dovunque a mo' di corporation del codice
    > > > libero sotto GPL,con tanto di propaganda
    > > > capillare che mi ricorda un vecchia ma
    > > > mai troppo, militanza politica....

    > > In effetti potrebbe essere considerata
    > > una militanza allo scopo di combattere
    > > un monopolio che lo stato rifiuta di
    > > abbattere come ha fatto in tempi in cui
    > > l'antitrust funzionava meglio e gli USA
    > > non erano un governo corporativista.

    > > > Insomma queste sono un bene comune
    > > > che trascende dalle mere lotte per
    > > > il controllo di qualche punto
    > > > percentuale di mercato....

    > > In effetti quella di microsoft verso
    > > l'open source non e' proprio una lotta,
    > > e' una vera e propria guarra, e sappiamo
    > > a cosa puo' arrivare microsoft quando
    > > dichiara guerra a qualcuno.

    > Ma e' giusto che gli ideali dell'opensource,
    > ben piu' nobili con il proposito di unire e
    > non dividere si riducano a questo? Non
    > dovrebbe essere sottolineata l'evidente
    > superiorita' senza ostentare armi?

    Un po' come a tienammen ? Bhe, si ma non tutti hanno voglia di farsi passare i carri armati addosso, inoltre in quel modo di solito si ottiene un buon ricondo una 50 di anni dopo, ma nel frattempo il movimento va distrutto.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    >
    > > > > Premetto che sullo standard OpenXML la
    > > > > penso come te/voi.
    >
    > > > > Ti posso dire la cosa che mi scandalizza
    > > > > di piu'?
    > > > > E' vedere come la FSF stia aprendo uffici
    > > > > con tanto di rappresentanza organizzata
    > > > > dovunque a mo' di corporation del codice
    > > > > libero sotto GPL,con tanto di propaganda
    > > > > capillare che mi ricorda un vecchia ma
    > > > > mai troppo, militanza politica....
    >
    > > > In effetti potrebbe essere considerata
    > > > una militanza allo scopo di combattere
    > > > un monopolio che lo stato rifiuta di
    > > > abbattere come ha fatto in tempi in cui
    > > > l'antitrust funzionava meglio e gli USA
    > > > non erano un governo corporativista.
    >
    > > > > Insomma queste sono un bene comune
    > > > > che trascende dalle mere lotte per
    > > > > il controllo di qualche punto
    > > > > percentuale di mercato....
    >
    > > > In effetti quella di microsoft verso
    > > > l'open source non e' proprio una lotta,
    > > > e' una vera e propria guarra, e sappiamo
    > > > a cosa puo' arrivare microsoft quando
    > > > dichiara guerra a qualcuno.
    >
    > > Ma e' giusto che gli ideali dell'opensource,
    > > ben piu' nobili con il proposito di unire e
    > > non dividere si riducano a questo? Non
    > > dovrebbe essere sottolineata l'evidente
    > > superiorita' senza ostentare armi?
    >
    > Un po' come a tienammen ? Bhe, si ma non tutti
    > hanno voglia di farsi passare i carri armati
    > addosso, inoltre in quel modo di solito si
    > ottiene un buon ricondo una 50 di anni dopo, ma
    > nel frattempo il movimento va
    > distrutto.

    Qundi opensource in teoria e non nei fatti.A questo punto vi conviene tagliare la testa al toro ed uscire da questa ambiguita'....e inutile essere fermi sullo sviluppo e sulle licenze e poi vendersi in questo modo.
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > > > > > Premetto che sullo standard OpenXML la
    > > > > > penso come te/voi.
    > >
    > > > > > Ti posso dire la cosa che mi scandalizza
    > > > > > di piu'?
    > > > > > E' vedere come la FSF stia aprendo uffici
    > > > > > con tanto di rappresentanza organizzata
    > > > > > dovunque a mo' di corporation del codice
    > > > > > libero sotto GPL,con tanto di propaganda
    > > > > > capillare che mi ricorda un vecchia ma
    > > > > > mai troppo, militanza politica....
    > >
    > > > > In effetti potrebbe essere considerata
    > > > > una militanza allo scopo di combattere
    > > > > un monopolio che lo stato rifiuta di
    > > > > abbattere come ha fatto in tempi in cui
    > > > > l'antitrust funzionava meglio e gli USA
    > > > > non erano un governo corporativista.
    > >
    > > > > > Insomma queste sono un bene comune
    > > > > > che trascende dalle mere lotte per
    > > > > > il controllo di qualche punto
    > > > > > percentuale di mercato....
    > >
    > > > > In effetti quella di microsoft verso
    > > > > l'open source non e' proprio una lotta,
    > > > > e' una vera e propria guarra, e sappiamo
    > > > > a cosa puo' arrivare microsoft quando
    > > > > dichiara guerra a qualcuno.
    > >
    > > > Ma e' giusto che gli ideali dell'opensource,
    > > > ben piu' nobili con il proposito di unire e
    > > > non dividere si riducano a questo? Non
    > > > dovrebbe essere sottolineata l'evidente
    > > > superiorita' senza ostentare armi?
    > >
    > > Un po' come a tienammen ? Bhe, si ma non tutti
    > > hanno voglia di farsi passare i carri armati
    > > addosso, inoltre in quel modo di solito si
    > > ottiene un buon ricondo una 50 di anni dopo, ma
    > > nel frattempo il movimento va
    > > distrutto.

    > Qundi opensource in teoria e non nei fatti.

    Che c'entra l'opensource con la lotta armata o con qualsiasi altra cosa ???

    > A questo punto vi conviene tagliare la testa
    > al toro ed uscire da questa ambiguita'... e
    > inutile essere fermi sullo sviluppo e sulle
    > licenze e poi vendersi in questo modo.

    Invidia dei sorgenti ?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > - Scritto da:
    >
    > > > > > > Premetto che sullo standard OpenXML la
    > > > > > > penso come te/voi.
    > > >
    > > > > > > Ti posso dire la cosa che mi
    > scandalizza
    >
    > > > > > > di piu'?
    > > > > > > E' vedere come la FSF stia aprendo
    > uffici
    >
    > > > > > > con tanto di rappresentanza organizzata
    > > > > > > dovunque a mo' di corporation del
    > codice
    >
    > > > > > > libero sotto GPL,con tanto di
    > propaganda
    >
    > > > > > > capillare che mi ricorda un vecchia ma
    > > > > > > mai troppo, militanza politica....
    > > >
    > > > > > In effetti potrebbe essere considerata
    > > > > > una militanza allo scopo di combattere
    > > > > > un monopolio che lo stato rifiuta di
    > > > > > abbattere come ha fatto in tempi in cui
    > > > > > l'antitrust funzionava meglio e gli USA
    > > > > > non erano un governo corporativista.
    > > >
    > > > > > > Insomma queste sono un bene comune
    > > > > > > che trascende dalle mere lotte per
    > > > > > > il controllo di qualche punto
    > > > > > > percentuale di mercato....
    > > >
    > > > > > In effetti quella di microsoft verso
    > > > > > l'open source non e' proprio una lotta,
    > > > > > e' una vera e propria guarra, e sappiamo
    > > > > > a cosa puo' arrivare microsoft quando
    > > > > > dichiara guerra a qualcuno.
    > > >
    > > > > Ma e' giusto che gli ideali
    > dell'opensource,
    >
    > > > > ben piu' nobili con il proposito di unire e
    > > > > non dividere si riducano a questo? Non
    > > > > dovrebbe essere sottolineata l'evidente
    > > > > superiorita' senza ostentare armi?
    > > >
    > > > Un po' come a tienammen ? Bhe, si ma non tutti
    > > > hanno voglia di farsi passare i carri armati
    > > > addosso, inoltre in quel modo di solito si
    > > > ottiene un buon ricondo una 50 di anni dopo,
    > ma
    > > > nel frattempo il movimento va
    > > > distrutto.
    >
    > > Qundi opensource in teoria e non nei fatti.
    >
    > Che c'entra l'opensource con la lotta armata o
    > con qualsiasi altra cosa
    > ???

    E' una questione di principio,se leggi fin dall'inizio capisci il perche'

    >
    > > A questo punto vi conviene tagliare la testa
    > > al toro ed uscire da questa ambiguita'... e
    > > inutile essere fermi sullo sviluppo e sulle
    > > licenze e poi vendersi in questo modo.
    >
    > Invidia dei sorgenti ?

    ma per carita'.
    non+autenticato
  • Lasciando stare il fatto che OpenXML è della Microsoft ma passando ai contenuti.
    Solo con delle grosse mazzette possono far passare la specifica di OpenXML dato che di open ha poco/nulla (vuole WMF, bug sulla data, etc)

    Spero che ISO ci ripensi
  • Quanto _HA_ pagato? occhio all'ortografia...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Quanto _HA_ pagato? occhio all'ortografia...

    sai, è più facile sparare caxxate che scrivere in italiano.

    Il doppiopesismo linaro è da spasso. Prima erano tutti ad additare ISO come il Supremo Organo Dell'Imparzialità.
    Adesso che ISO ha preso una decisione pro-MS, è diventato un covo di corrotti.

    Sembra di sentire Berlusconi che parla di magistrati, quelli che lo assolvono sono tutti imparziali, quelli che lo condannano sono giudici politicizzati.

    Per questo non siete credibili.
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > Il doppiopesismo linaro è da spasso. Prima erano
    > tutti ad additare ISO come il Supremo Organo
    > Dell'Imparzialità.
    >
    > Adesso che ISO ha preso una decisione pro-MS, è
    > diventato un covo di
    > corrotti.

    ISO non è un individuo. La commissione che ha accettato la proposta è composta da individui, ciascuno dei quali può essere sottoposto ad azione di lobbying da parte di Microsoft. Non c'è nulla di così strano. Sarà strano se una specifica scritta col culo dovesse essere accettato come standard. E' un'obiezione nel merito della questione e non preconcettuale. Vedremo se la revisione della specifica sarà tale da renderla adeguata.

    > Per questo non siete credibili.

    Certo, difendere una specifica in modo approssimativo è più credibile.
    FDG
    10933
  • Immagino non poco, ma nulla in confronto a quanto hanno speso e stanno spendendo per lanciare Vista.
    E poi si tratta di un investimento, e qual'è la cosa che più di tutti Zio Bill sa fare alla grande? No, non il software, ma gli affari.
    non+autenticato
  • La cosa che mi rende più perplesso è in cosa consiste la parola standardizzazione in presenza di specifiche del tipo questo deve comportarsi come WORD95 senza darne esplicita definizione.
    non+autenticato
  • - Scritto da:

    > La cosa che mi rende più perplesso è in cosa
    > consiste la parola standardizzazione in
    > presenza di specifiche del tipo questo deve
    > comportarsi come WORD95
    senza darne
    > esplicita definizione.

    Infatti. A meno che quelli dell'ISO si siano rinbecilliti, queste indicazioni date in tal modo dovranno sparire.

    Che poi questo standard serva o non serva, se serve a Microsoft per tenere lontani gli intrusi dal suo praticello...

    ...vedremo.

    p.s.: praticello? Praterie!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 marzo 2007 13.16
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10933