Cassandra Crossing/ IPRED2 e DVB, l'offensiva continua

di Marco Calamari - Nuove tecnologie di blindatura e nuove normative sulla proprietà intellettuale procedono di pari passo e si intersecano in più punti. Il fatto che procedano assieme no, non è un caso

Roma - Gli attenti lettori di Punto Informatico non avranno di certo mancato, questa settimana, di leggere l'articolo sul DVB (Digital Video Broadcasting) di Alessandro Bottoni e la notizia dell'approvazione in commissione della bozza di direttiva IPRED2 sulla proprietà intellettuale. Si tratta di due "fotografie" ben descrittive della situazione attuale dei diritti digitali, scattate da due punti di vista diversi, quello tecnologico e quello legale. Poco rimane da dire, è solo necessario fare una sintesi che per essere efficace sarà breve e brutale.

Riassumiamo brevemente: la specifica DVB altro non è se non una evoluzione delle tecnologie già applicate per il Trusted Computing, ora dispiegate in misura ancora maggiore per la futura trasmissione in broadcasting di contenuti digitali. Anche la direttiva IPRED2 è l'evoluzione della precedente IPRED, che normava a livello europeo la questione della proprietà intellettuale.

Quello che probabilmente tende a sfuggire ai più, e che i mezzi di informazione non hanno messo (se non di sfuggita) in evidenza, è la strettissima correlazione che esiste tra questi due fronti, che sono invece un unico fronte che attraversa i territori delle tecnologie, delle leggi e delle libertàindividuali nel mondo, digitale e non. Su questo fronte è in corso un attacco senza precedenti alle libertà digitali, condotto con la scusa della difesa della cosiddetta "proprietà intellettuale" usando mezzi ampi e piani precisi, coordinati e ben concepiti.
Ma andiamo con ordine. Quando tecnologie come il DVB usciranno dai videofonini (dove già covavano in embrione) e popoleranno tutte (e intendo proprio tutte) le future apparecchiature evoluzione degli attuali televisori, lettori dvd, impianti Hi-Fi, telefoni cellulari e non, radio digitali, ricevitori satellitari, media center e computer (sì, anche loro) il flusso di informazioni digitali sarà completamente sottratto al controllo degli utenti finali, che da attori ed autori saranno degradati a quello di fruitori e consumatori.

Qualunque informazione sarà infatti disponibile solo in base a quanto previsto dal detentore dei diritti di proprietà intellettuale. Il tutto grazie ad una infrastruttura tecnologica pervasiva, pagata dagli utenti finali sia in termini economici che anche e soprattutto in termini di libertà digitali e di accesso alla cultura. Chi controllerà questa struttura, voluta da praticamente tutti (e sottolineo tutti) gli enti e le aziende che attualmente formano il business dei contenuti, o che lo affiancano (software, hardware, reti digitali e telefoniche), disporrà di un potere immenso e senza precedenti nella storia, utilizzabile per qualunque fine non solo commerciale ma anche di controllo politico e culturale.

L'occhio rossoAl confronto il consorzio TCG, che elabora il Trusted Computing del futuro sembra una iniziativa parrocchiale, ed in effetti esso viene utilizzato come una delle tante risorse per implementare il DVB.

Stanno trasformando i vostri televisori in nemici che vi sorveglieranno, vedete i led rossi che iniziano a guardarvi male come gli occhi di Terminator? Queste non sono ipotesi, sono gli schemi di progetto di una realtà che sta per arrivare sugli scaffali dei negozi di Video/HiFi.

Ricordate il mito di Cassandra? Aveva il dono della preveggenza e la maledizione che la condannava a non essere mai creduta. OK, fino ad ora non ci avevate pensato, però adesso non vi sentite un po' osservati dal vostro televisore?

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo
30 Commenti alla Notizia Cassandra Crossing/ IPRED2 e DVB, l'offensiva continua
Ordina
  • cominciamo con il dire che se un sito "istituzionale" e seguitissimo gestisce campagne per la libertà, è l'indice cristallino di come il mondo abbia una, seppur remota, speranza.

    poi, sinceramente, peccherò di presunzione ma credo ci cominciare a conoscere il genere umano.
    Basta accendere la televisione e vedrete lo specchio riflesso dell'umanità. basta guardare il parlamento e vedrete lo specchio riflesso degli esseri umani.

    secondo voi, con 12 milioni di persone che guardano san remo il dvb sarà rigettato come antidemocratico?

    ahah, coltivate troppa speranza nei vostri simili.
    hitler e mussolini e bush al potere non sono coincidenze, ma logica conseguenza della permeabilità degli esseri umani.

    quindi prepariamoci al futuro descritto da punto informatico, poi andremo a leggere chi aveva ragione. Ah già....se qualcuno avrà conservato copia cartacea di questi articoli ovviamente.

    auguri a tutti, vi saluta la de filippi e scamarcio. matteo bologna
    non+autenticato
  • In realtà si sà che a pensar male si fà male ma spesso ci s'azzecca (alla Di Pietro) e a pensar male credo che comincino ad essere molti. Da sempre il controllo dell'informazione e della cultura, più in generale, è sempre stato appannaggio del "potere" anzi è il potere stesso.
    La democrazia non ha fatto altro che distribuire questo potere e ha funzionato, bene o male, migliorando la società. Ora, piano piano, la logica della democrazia viene soppiantata dalla logica di mercato, molti sono convinti che il mercato contiene in sè il nocciolo della demcrazia rimediando autonomamente ad eventuali errori o discriminazioni. Potrebbe essere così se non si contapponessero antagonisti non equamente armati. Il produttore ha oggi la straordinaria arma della pubblicità mentre il consumatore non ha nella criticità lo stesso potere tant'è che il primo riesce a indurre nel consumatore esigenze nuove a suo profitto. Nella vexata questio s'inserisce la legge che può imporre la concorrenza, vero ago della bilancia. Quì torniamo alla democrazia che certo non rifulge per quanto riguarda la piattaforma Sky o il duopolio Mediaset-Rai e quì c'è veramente da preocuparsi perchè se i ns politici non riescono a mantenere in atto la concorrenza viene a cadere l'ago della bilancia e non c'è più freno al potere della pubblicità. Ora l'unico modo che abbiamo per non soccombere è quello di riuscire ad avere un'opinione pubblica attenta e in grado di far pressione sui politici. Compito della associazione Partito Pirata, che rappresento, è proprio quello di chiedere all'opinione pubblica di essere attenta e di valutare le informazioni che cerchiamo di dare, poi se qualcuno vuol acquistare il TVcolor Philips che inibisce il telecomando durante la fascia pubblicitaria a noi importa che lo sappia e che la concorrenza faccia sì che sul mercato ci siano TVcolor che cambino canale automaticamente durante la stessa fascia utilizzando una tecnologia opposta a quella Philips, alla fin fine chi trasmette la pubblicità dovrà pur segnalarlo al TVcolor perché possa svolgere una delle due funzioni.
  • Credevate che le Major dell'intrattenimento e le lobby commerciali per le quali la proprietà intellettuale è vitale avrebbero lasciato che i loro preziosi contenuti fossero lasciati alla mercè di ogni utente?

    Pensavate che la festa sarebbe durata in eterno?

    E invece non è stato così. Non avrebbe mai potuto essere così!

    La tecnologia è, da sempre, nelle mani di chi la produce e non in quelle di chi ne fa uso. Il contrattacco di questi interessi economici doveva arrivare, prima o poi, ed è arrivato. Ed è un contrattacco micidiale, totale, e assolutamente finale.

    La vittoria della lobby pro-IP è schiacciante e irrimediabile. Entro pochi anni l'hardware sarà totalmente blindato ad un livello tale da rendere futile ogni tentativo di cracking. Non esisterà altro. Non si potrà acquistarlo perchè, semplicemente, non verrà più prodotto.

    Qualcuno, i più irriducibili, deciderà di tenersi hardware non blindato, anche se condannato all'obsolescenza. Ma l'usura non si ferma, e prima o poi quell'hardware sarà inutilizzabile, si guasterà, non potrà più essere riparato. Allora anche gli irriducibili dovranno piegarsi.

    La tecnologia che gli ingenui credevano ci avrebbe liberati diventerà la prigione per tutti noi. Una prigione da cui non si potrà mai evadere.

    Non c'è scampo. E' finita. Impariamo a vivere in questo terribile nuovo mondo.
    non+autenticato
  • Fino a quando non cominceremo ad essere in debito di energia e la scelta dovra' essere tra lavare e stirare e guardare il film su un hardware che consuma 400 watt solo per avere la potenza di calcolo per decrittare.
    E allora le major chiuderanno.

    Come diceva qualche pellerossa (credo): Quando avrai pescato l'ultimo pesce non potrai mangiare i soldi.

    Lanf
    Lanf
    148

  • - Scritto da: Lanf
    > Fino a quando non cominceremo ad essere in debito
    > di energia e la scelta dovra' essere tra lavare e
    > stirare e guardare il film su un hardware che
    > consuma 400 watt solo per avere la potenza di
    > calcolo per
    > decrittare.
    > E allora le major chiuderanno.
    >

    Ma sarà molto, molto lontano nel futuro e vedrai, per allora avranno già trovato la scappatoia.

    > Come diceva qualche pellerossa (credo): Quando
    > avrai pescato l'ultimo pesce non potrai mangiare
    > i
    > soldi.
    >
    > Lanf

    Ma se aspetti che sia la Natura a mettere le cose a posto, vuol dire che ammetti di aver perso.

    E' cosi?

    Hai capito che è una lotta inutile?

    non+autenticato
  • Avete assistito al monologo del Troll borg
    non+autenticato
  • - Scritto da:
    > Avete assistito al monologo del Troll borg


    A parte che si dice Borg_Troll, quello lì non sono io.

    Comunque ha ragione. E' finita, loro hanno vinto. Anzi, sarebbe sbagliato affermarlo perchè non c'è mai stata lotta: loro hanno deciso, noi ci adeguiamo.

    Non c'è nulla che si possa fare per impedirlo.

    Fatevene una ragione.
  • troll borg, per favore, finiscila.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > troll borg, per favore, finiscila.

    Si dice borg_troll, fattene una ragione.

    Ma so che non posso fare nulla, NULLA, per impedirti di scriverlo sbagliato.

    Devo farmene una ragione.
  • ...non vi sentite un po' osservati dal vostro televisore?


    No... non ce l'hoA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...non vi sentite un po' osservati dal vostro
    > televisore?
    >
    >
    > No... non ce l'hoA bocca aperta

    Grande !! ti quoto, neanche io ce l'ho (ho dei bambini piccoli e voglio salvaguardare la loro salute mentale)

    Pero' ora che ci penso ho sempre la sensazione degli occhi rossi che mi guardano dal computer !!

    aspe. fammi ricontrollare il firewall, i processi che girano, tutto insomma !!!

    ti diro' anche senza televisore non mi sento tranquillo lo stesso ...

    ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > ...non vi sentite un po' osservati dal vostro
    > > televisore?
    > >
    > >
    > > No... non ce l'hoA bocca aperta
    >
    > Grande !! ti quoto, neanche io ce l'ho (ho dei
    > bambini piccoli e voglio salvaguardare la loro
    > salute
    > mentale)
    >
    > Pero' ora che ci penso ho sempre la sensazione
    > degli occhi rossi che mi guardano dal computer
    > !!
    >
    > aspe. fammi ricontrollare il firewall, i processi
    > che girano, tutto insomma
    > !!!
    >
    > ti diro' anche senza televisore non mi sento
    > tranquillo lo stesso
    > ...
    >
    > ciao

    azz...e io che pensavo di essere il solo...e invece guarda quanti amici.
    Che bellezza vedere tutte queste megasuperoffertone (sic!)su schermi sempre piu grandi, sempre piu tech, sempre piu high definition e passarci in mezzo con gusto sbattendosene grandiosamente e immensamente le balle.
    Una sensazione impagabile sentirsi immune alle minchi***

    ciao
    non+autenticato
  • Spiare e costringere nella morsa gli utenti non farà altro che danneggiare il mercato.Questa volta purtroppo la via di fuga non esiste, stavolta hanno e stanno esagerando.
    Se devo mettermi in ginocchio e sperare che il terrorismo faccia fuori qualche multinazionale, ammazzi qualche membro di ogni singola multinazionale...beh non è affatto bello.Preferirei, francamente, che fermassero tutto e facciano una pausa riflessiva, che cambino, che si rendano conto che controllare e distruggere libertà di ogni persona è molto più grave di quanto non lo sia rispetto a un file scaricato.
    Sarei veramente curioso se fossimo noi ad usare queste cose contro di loro, solo per il fatto di vedere cosa farebbero e come reagirebbero a ciò.
    E' vero che sanno cosa è meglio per noi...come rinchiuderci in prigione intendo.Questo lo sanno e lo stanno facendo, ma in quanto alle nostre VERE esigenze, lì sono lontani, hanno venduto la libertà nostra e credo sia giusto che qualcuno gli mandi una bella bomba sotto ad ogni sedere, anche finta, giusto per fargli prendere scaga, una bomba con su scritto "o cambiate metodo o saltate tutti per aria!".
    Eh sì la bomba sta per scoppiare, gli utenti non saranno che delusi dal mondo, questo mondo, impotenti e massacrati come cani.
    Vedo che noi consumatori allora non serviamo a molto per il mercato...serviamo per autodistruggerci, per rinchiuderci in gabbia, per favorire i veri PIRATI E ABUSI.
    Chi sta al potere è un pirata, una persona che anzichè migliorare il mondo lo sta portando diretto alla fossa, ha scelto i soldi e dei suoi consumatori non gli frega, trattandoli come cani da mettere in gabbia.
    A questo punto, perchè noi dovremmo comprare se ci trattano come cani, ci distruggono la libertà e ci mettono in prigione?Cosa stanno facendo per meritarsi azioni positive da noi?UN MERITO CAZZO!
    Più fanno così e più la gente respinge la volontà di fare le cose legalmente, di cambiare rotte sul fronte P2P, perchè dall'altra parte non vi è assolutamente una risposta di incontro verso di noi, verso i consumatori che magari vorrebbero passare al mondo legale ma che il comportamento di chi detiene il potere, non fa altro che spingere l'utente al versante opposto.
    Con immenso cuore, mando chiunque al potere a fanculo.Tanto in prigione ci vado lo stesso, quindi non vedo cosa cambia fra la prigione casalinga e la prigione carcieraria.Fra poco l'una e l'altra saranno uguali, grazie ai nostri politici e le multinazionali che non capiscono un tubo.

  • - Scritto da: Msdead
    > Spiare e costringere nella morsa gli utenti non
    > farà altro che danneggiare il mercato.Questa
    > volta purtroppo la via di fuga non esiste,
    > stavolta hanno e stanno
    > esagerando.

    Abbiamo visto con il mercato dei telefonini che la gente, in generale, se ne frega delle restrizioni. Compra, e accetta. Compra, e non discute.

    E hai perfettamente ragione: non esiste nessuna via di fuga. Hanno vinto, anzi stravinto. Per i fautori delle libertà digitali è una disfatta totale e irrimediabile.

    > che si rendano conto che controllare e
    > distruggere libertà di ogni persona è molto più
    > grave di quanto non lo sia rispetto a un file
    > scaricato.

    Loro devono generare profitto. Di fronte a questo imperativo, il resto è totalmente irrilevante. Se per generare profitto devono bruciare una scuola con i bambini dentro e c'è un modo legale per farlo, lo fanno. Punto.

    > Sarei veramente curioso se fossimo noi ad usare
    > queste cose contro di loro, solo per il fatto di
    > vedere cosa farebbero e come reagirebbero a
    > ciò.

    Cause legali, è ovvio. Un individuo sarebbe rovinato, incarcerato, distrutto. Non penserai che le leggi siano uguali per tutti, vero?

    > ma in quanto alle nostre
    > VERE esigenze, lì sono lontani, hanno venduto la
    > libertà nostra

    Certo che l'hanno fatto, delle nostre esigenze se ne fregano. Voglio che compriamo e paghiamo, e otterranno esattamente questo. Non sono nel mercato per le nostre esigenze, ma per le loro.

    > Eh sì la bomba sta per scoppiare, gli utenti non
    > saranno che delusi dal mondo, questo mondo,
    > impotenti e massacrati come
    > cani.

    Ma dovranno rassegnarsi, non possono opporsi, non c'è scampo.


    > Chi sta al potere è un pirata, una persona che
    > anzichè migliorare il mondo lo sta portando
    > diretto alla fossa, ha scelto i soldi e dei suoi
    > consumatori non gli frega, trattandoli come cani
    > da mettere in
    > gabbia.

    Esatto. Sono i soldi che contano, non le nostre insignificanti esistenze. Siamo limoni, da spremere.

    > Cosa stanno facendo per
    > meritarsi azioni positive da noi?UN MERITO
    > CAZZO!

    Perchè dovrebbero aspettarsi "azioni positive"? Si aspettino che compriamo, e paghiamo. E lo faremo, non ci sono scelte.

    > Più fanno così e più la gente respinge la volontà
    > di fare le cose legalmente

    Presto non ci sarà altro modo se non quello "legale" (leggi: quello voluto dalle major). Gli altri non esisteranno più. Saremo alla mercè delle macchine controllate da altri.

    > Con immenso cuore, mando chiunque al potere a
    > fanculo.Tanto in prigione ci vado lo stesso,
    > quindi non vedo cosa cambia fra la prigione
    > casalinga e la prigione carcieraria.Fra poco
    > l'una e l'altra saranno uguali, grazie ai nostri
    > politici e le multinazionali che non capiscono un
    > tubo.

    Questo è tutto quello che possiamo fare. Ma non cambia la realtà: siamo stati sconfitti per sempre.
    non+autenticato
  • troll borg sei noioso
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > troll borg sei noioso

    Si dice borg_troll e quello là non sono io, mi sarei autenticato.

    Semplicemente il numero di persone che ha visto la realtà in faccia aumenta.

  • troll borg, finiscila..
    non+autenticato
  • Caro Marco aspetto una tua recensione su questo cdlive

    http://itpol.dk/
    non+autenticato
  • Rotola dal ridere
    il danese, non e' molto conosciuto in italia...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)