112, Italia deferita alla Corte di Giustizia Europea

Sul numero unico per le chiamate d'emergenza, la Commissione Europea ammonisce il nostro Paese insieme ad altri cinque stati membri

Roma - Nuovi problemi attorno al 112, il numero unico europeo per le chiamate d'emergenza: non solo è poco conosciuto nel territorio dell'Unione, ma ora è causa di deferimento alla Corte di Giustizia Europea, almeno per i Paesi che non hanno mostrato di osservare, in proposito, le norme in materia comunicazioni elettroniche. Tra i quali l'Italia.

Nel Belpaese il 112 è operativo dal 1981, come numero di pronto intervento dell'Arma dei Carabinieri. Nel 1991, il Consiglio delle Comunità Europee ha stabilito l'introduzione del 112 come numero unico di emergenza a livello europeo e l'Arma ha adeguato la propria struttura di risposta per fornire un servizio efficiente anche in lingua straniera, completandone l'adeguamento nel 1995. Alcuni Paesi, però, non hanno ancora ottemperato alla richiesta di integrare il servizio con una funzione di tracciabilità o localizzazione: l'ente che risponde alla chiamata di soccorso, in sostanza, deve essere dotato degli strumenti tecnologici idonei a consentirgli di localizzare il chiamante. L'Italia non ha ancora potuto dichiararsi pronta, soprattutto per quanto riguarda le chiamate che il 112 riceve da utenze di telefonia mobile.

L'eurocommissarioOltre all'Italia, osserva l'esecutivo UE, anche Lituania, Olanda, Portogallo e Slovacchia non hanno completato l'implementazione del servizio. Anche l'Estonia ha ricevuto un'ammonizione formale, per non aver svolto le analisi di mercato richieste dalle norme sulla telecomunicazioni. La Commissione ha inoltre aperto una nuova procedura di infrazione nei confronti di Cipro, mentre sono prossime ad essere chiuse le procedure contro Finlandia, Germania e Lussemburgo.
"Ogni Stato membro - ha affermato Viviane Reding, commissario per la società dell'informazione e i media - deve assicurare che il numero di emergenza europeo 112 sia pienamente funzionale e disponibile. È deplorevole che diversi paesi mettano a repentaglio i propri cittadini e i cittadini di altri stati membri della UE che si recano sul loro territorio non garantendo ai servizi di emergenza la piena disponibilità delle informazioni sull'ubicazione del chiamante. Sollecito questi stati a prendere provvedimenti immediati per garantire maggiore sicurezza ai cittadini della UE".

Reding ha quindi rinnovato ai paesi dell'Unione l'invito ad adempiere con solerzia alle prescrizioni della normativa comunitaria sulle telecomunicazioni, "il cui mancato rispetto andrà a discapito della concorrenza e dei diritti dei consumatori."

D.B.
22 Commenti alla Notizia 112, Italia deferita alla Corte di Giustizia Europea
Ordina
  • Sono un addetto ai lavori e quindi vorrei risparmiare i lettori da una lettura appesantita da nozioni tecniche.
    Tuttavia credo di non poter fare a meno di suggerire che qualche serio problema attuativo nel nostro paese si profilerà quando entrerà in funzione effettiva il 112 Europeo, così come riportato proprio oggi (10.3.2008) dal TG3 nazionale delle ore 14.30.
    Quello che posso comunque aggiungere, anche per tranquillizzare un pò tutti, è che l'Arma è partita per tempo ma, ovviamente, e non per colpa sua, come tutte le cose che accadono da un pò di anni a questa parte, c'è stato bisogno di subire l'ennesima censura da parte della Corte di Giustizia Europea per dare una spinta concreta al varo di questo progetto.
    Rimangono certo da superare tutte quelle "griglie" dovute alla presenza di una miriade di numeri di emergenza citati da altri lettori e che evito di ripetere. Sul punto non si può che essere d'accordo con quanti hanno suggerito di imitare il 911 Americano. Sono convinto però che la strada da fare per raggiungere tale obiettivo sia irta di ostacoli .
    non+autenticato
  • almeno siam sicuri che non li buttano al vento...

    Diamogli i fondi x risolvere le issue sul mobile phone!

    Ciao
    non+autenticato
  • CIAO A TUTTI
    il numero 112 e` un numero universale, valido in tutto il pianeta, e qual'ora lo si chiami con un telefono cellulare, il telefono Automaticamente cerchera il miglior network disponibile per effettuare una chiamate e si colleghera` Automaticamente al numero standard di emergenza del paese.
    Ad esempio, se siete negli USA e chiamate il 112, vi rispondera` il 911, numero per le Emergenze Americano, ma se volete fare una prova interessante fate questo:

    1) Bloccate la tastiera del vostro telefono

    2) lasciando la tastiera bloccata digitate il 112

    noterete che il telefono Vi permettera` di comporre il numero anche se la tastiera e` bloccata.
    Come sempre in Italia ci dobbiamo distinguere dal resto del mondo.
    La cosa interessante e` che se digitate questo numero in una zona dove risulta non esserci servizio, il telefono e` programmato per andare in cerca di una qualunque banda ed un qualunque provider per effettuare la chiamata di emergenza, quindi, anche se vi dice che non c'e` servizio, e` probabile che digitando quel codice, riesca a collegarsi ad un qualche Network per fare la chiamata... se poi siete proprio sfigati...
    DISTINTI SALUTI

    Crazy
    1945
  • Tutto molto interessante.
    Però in Italia sono in funzione diversi numeri d'emergenza coordinati tra loro più o meno bene:
    113 emergenze di polizia /storico per le generiche
    115 vigili del fuoco
    118 soccorso medico

    e risparmio dall'elenco Guardia Costiera, Forestale, ecc.

    Parlando con personale in servizio al 118 dell'area Milano ho saputo che da molti mesi hanno piena visibilità del numero chiamante (fisso, telefono pubblico, cellulare...), anche qualora imposti il numero come "riservato".

    Cosa osta, allora, per avere lo stesso servizio al numero 112? Perplesso
    non+autenticato
  • al 118 sanno anche dove chiami (e chi sei)
    ai tempi (un po' di anni fa) già alla chiamata corrispondeva localizzazione su cartina, assegnazione della pubblica piu vicina

    e tutto veniva registrato su un sistemone fighissimo che associava ad ogni scheda intervento il corrispondente file audio della telefonata (utilissimo quando non si capiva una fava e bisognava riasoltare piu volte o quando la telefonata era da scompisciarsi dal rider)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > al 118 sanno anche dove chiami (e chi sei)
    > ai tempi (un po' di anni fa) già alla chiamata
    > corrispondeva localizzazione su cartina,
    > assegnazione della pubblica piu
    > vicina

    Anche per i telefoni cellulari?Sorpresa

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > al 118 sanno anche dove chiami (e chi sei)
    > ai tempi (un po' di anni fa) già alla chiamata
    > corrispondeva localizzazione su cartina,
    > assegnazione della pubblica piu
    > vicina
    >
    > e tutto veniva registrato su un sistemone
    > fighissimo che associava ad ogni scheda
    > intervento il corrispondente file audio della
    > telefonata (utilissimo quando non si capiva una
    > fava e bisognava riasoltare piu volte o quando la
    > telefonata era da scompisciarsi dal
    > rider)


    quello che dici tu non avviene dappertutto, ma solo nelle migliori centrali
    non+autenticato
  • CIAO A TUTTI
    qui in America, qualunque sia l'emergenza, il numero da chiamare e` sempre e solo il 911, la risposta e` Istantanea, non fa nemmeno uno squillo, la risposta e`:
    "What is the emergency?" tradotto, cos'e` l'emergenza?
    Tu gli devi solo dire: c'e` stato un incidente: all'istante mandano dal distretto pi`u vicino tutto quello che serve, la localizzazione avviene subito, mentre sei al telefono, anche se cellulare.
    Ci sono varie dislocazioni di squadre d'emergenza, apposta per rendere pi`u tempestivi i soccorsi, infatti, quando chiami e` garantito che in meno di 5 minuti arrivino i primi soccorsi in quanto, praticamente in ogni quartiere, c'e` un Garage con dentro una camionetta dei Pompieri, ed un'Ambulanza, che arrivano in meno di 10 minuti, garantiti, mentre le volanti della Polizia sono dappertutto ed arrivano in meno di 4.
    Questo e` cio` che e` assicurato.
    Chiaramente, la camionetta dei Pompieri non e` un'Autopompa, ma ha acqua a sufficienza per garantire un primo soccorso in attesa che arrivino quelle grosse, che sono pi`u lente, dalla centrale dei Pompieri piu` vicina, di cui ce n'e` una per distretto, ed ogni distretto copre un raggio di circa 10Km dalla stazione, mentre l'ospedale si affida alle Ambulanze dislocate ed in attesa in giro per la citta` che poi rientreranno direttamente con i feriti.
    Qui, le cose sono sempre esagerate, ma funzionano, per un incidente avvenuto davanti il mio ufficio (uno usciva dal mio parcheggio ed e` andato a sbattere contro una delle Auto che si stava muovendo dalla coda per il semaforo... velocita` d'impatto non superiore ai 10-15Km/h), in meno di 10 minuti c'erano 3 autopompe dei pompieri, 2 Ambulanze e 4 volanti della Polizia... tutto cio` per un tamponamento che al massimo ha causato un colpo di frusta.
    Tutto questo, avviene Automaticamente chiamando il solo 911, senza doversi ricordare 10 numeri d'emergenza diversi, e se qui si digita il 112, si viene collegati direttamente al 911...
    In Italia pero` ci dobbiamo distinguere... se ci fosse una cosa da copiare dagli USA, sarebbe proprio il sistema dei soccorsi, perche` l'efficienza e` ottima.
    DISTINTI SALUTI
    Crazy
    1945

  • - Scritto da: Crazy
    > CIAO A TUTTI
    > qui in America, qualunque sia l'emergenza, il
    > numero da chiamare e` sempre e solo il 911, la

    > in quanto, praticamente in ogni quartiere, c'e`
    > un Garage con dentro una camionetta dei Pompieri,
    > ed un'Ambulanza, che arrivano in meno di 10
    > minuti, garantiti, mentre le volanti della
    > Polizia sono dappertutto ed arrivano in meno

    Ciao.
    Ho una vaga reminiscenza circa il fatto che negli states i vigili del fuoco non sono un organo statale (o pubblico), ma (semi?)privato, per cui bisogna essere... hmm... abbonati?... per usufruire dei loro servizi. Sbaglio?

    Gia' sappiamo del servizio sanitario, per cui serve l'assicurazione o quell'altra cosa, la medicard (credo, poi ce n'era un'altra ancora).

    TIA

    k1
    non+autenticato
  • Crazy,

    ma che lo racconti a fare... non sai che per diversa gente qualsiasi cosa che arriva dall'america è male assoluto??

    vedi la prima risposta che hai avuto...

    si il 911 è efficente, arrivano in 4 minuti (mai provato a chiamare una volante in italia?)...

    e uno dei motivi è che sia la polizia che i pompieri sono municipalizzati, dove le municipalizzazioni americane, per chi non lo sa spesso sono grandi come dei quartieri nostri. Un pò come il poliziotto di quartiere... con il vantaggio che la polizia conosce come le sue tasche l'area che pattuglia.. lo stesso per i pompieri (per le grandi città è leggermente diverso).. ma per piacere mai MAI ire che l'america fa qualcosa di buono ti attirerai le ire funeste dei soloni di sinistra....

    P.s. il sistema sanitario sarà anche anche a pagamento, ma se hai una assicurazione sanitaria, se vai in ospedale non paghi nemmeno una lira.. in italia.. non solo paghi con le tasse un bel pò di quattrini... hai il servizio che hai.. e poi per qualsiasi banalità devi pagare il ticket.... sarà forse un sistema meno democratico... ma io personalmente lo preferisco...


  • > P.s. il sistema sanitario sarà anche anche a
    > pagamento, ma se hai una assicurazione sanitaria,

    Se non ce l'hai crepi. Ci sono neri che muoiono per una appendicite, perche' non hanno l'assicurazione. Anche i pronto soccorsi, con legge recente, se sono "troppo occupati" possono rifiutare le cure a chiunque non disponga di assicurazione e/o carta di credito.

    Qui in Italia, se sei povero, o anche immigrato clandestino, se stai male ti curano, anche se non hai soldi per pagare le cure. Preferisco l'Italia, almeno sull'organizzazione sanitaria (preferirei la Gran Bretagna e tutto il nord Europa, allora).
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    >
    > > P.s. il sistema sanitario sarà anche anche a
    > > pagamento, ma se hai una assicurazione
    > sanitaria,
    >
    > Se non ce l'hai crepi. Ci sono neri che muoiono
    > per una appendicite, perche' non hanno
    > l'assicurazione. Anche i pronto soccorsi, con
    > legge recente, se sono "troppo occupati" possono
    > rifiutare le cure a chiunque non disponga di
    > assicurazione e/o carta di
    > credito.
    >
    > Qui in Italia, se sei povero, o anche immigrato
    > clandestino, se stai male ti curano, anche se non
    > hai soldi per pagare le cure. Preferisco
    > l'Italia, almeno sull'organizzazione sanitaria
    > (preferirei la Gran Bretagna e tutto il nord
    > Europa,
    > allora).

    Eccolo!! Mancava il commento del solito "genio"...dimmi un pò caro esperto americano, hai qualche link o riferimento a questa famosa legge che citi ? o come al solito, sei l'ennesimo poveretto che non ha mai visto gli usa in vita sua e ripete quello che ha sentito dall'amico/cugino/fratello ?

    Leggiti questo: http://liberopensiero.blogosfere.it/2006/05/sanita...

    e poi ne riparliamo...ed è solo uno dei tanti link che trovi se digiti "sanità americana" in google...ma troppo difficile eh ? è più facile ripetere come un pappagallo le solite cose, piuttosto che ragionare con la propria testa.
    non+autenticato
  • Esperienza personale sanitaria in America, circa 12 anni fa.....a Los Angeles per lavoro, improvviso dolore addominale, portato in ospedale d'urgenza, prima cosa che chiedono, ancora prima di salutare:

    - "è assicurato?"
    - "Certamente" rispondo "non c'è problema, ho una ottima polizza sanitaria valida anche all'estero"
    - "ok, allora c'è un'appendicectomia da fare d'urgenza, non si preoccupi, la opera il Bidott. Triprof. Serbelloni Mazzanti, è in ottime mani"
    - "azz...Ammeriga, che terra stupenda, procedete"

    .......operazione stupenda, decorso post-operatorio eccezionale, nessun problema....

    quindi=sanità ECCEZIONALE....ma....

    L'assicurazione italiana ha pagato certo, ha pagato i 12 milioni di copertura previsti....
    .
    .
    .
    i restanti 134 MILIONI DI LIRE li ho pagati io cash.
    non+autenticato