Cassandra Crossing/ Prevenire o reprimere?

di Marco Calamari - Voglio correre il rischio di saltare in aria su un aereo piuttosto che essere vivisezionato e magari inguaiato da investigatori che incrociano database invece di fare pedinamenti ed intercettazioni ambientali

Firenze - Basta prevenire, voglio la repressione!
No, non è demenza senile, ma solo il rovesciamento di una dicotomia la cui risoluzione sembrava, fino a pochi anni fa, una banalità che si apprendeva a scuola: la prevenzione era il bene, la repressione il male.

In un contratto sociale democratico lo Stato, per il bene dei suoi cittadini, ha il diritto di interferire, in certi casi ben delimitati, con il diritto alla libera scelta di ognuno; questo si sostanzia con il principio che "tutto quello che non è esplicitamente illegale è legale". Sembra scontato ma non lo è. In questo contesto lo Stato si riserva non solo il diritto di reprimere comportamenti illegali, ad esempio i furti, ma anche quello di esercitare azioni preventive come quelle portate avanti da vari organismi di controllo; vedi ad esempio le attività di sorveglianza della polizia o quelle di ispezione sanitaria delle ASL.

Le cose pero' cambiano, ed ancora una volta il motore del cambiamento è la Rete e la mutazione di abitudini, di stile di vita e di modalità di comunicazione ed interazione che ha comportato.
Le cose si evolvono anche oggi, anche in questo momento. Molti utenti della Rete percepiscono correttamente l'entità del cambiamento complessivo che essa ha causato, ma non percepiscono invece la dimensione e portata dei mutamenti oggi in atto, considerando inconsciamente il presente come un punto di arrivo destinato a durare. Non è così; questo modo di pensare è pericoloso perché fa allentare una "sorveglianza" democratica che è dovere di ogni cittadino (in quei paesi dove esistono ancora diritti civili, ovviamente).

Le informazioni e la telematica sono diventate ormai l'asse portante dell'economia e della società; ecco allora che le possibilità di esercitare una "prevenzione" aumentano a dismisura, e con le possibilità anche la tentazione di metterle in pratica.

Nessun potere pubblico, nessuno stato pare immune da questa tentazione. Ed ecco che diventano la regola cose come la data retention pervasiva e la sorveglianza in tempo reale con telecamere e software capaci di "prevedere le azioni" di chi è ripreso grazie a sofisticati algoritmi di "intelligenza artificiale". La "stupidità naturale" del realizzare ed accettare queste soluzioni dovrebbe ormai essere familiare ai lettori di questa rubrica. Altrettanto familiare è la continua esortazione che ci martella ad accettare questa sorveglianza come un bene. Meno privacy per avere più sicurezza. Molti ci credono.

Quali le cause principali di questa spinta verso una sorveglianza di massa?
- La naturale tendenza di qualunque potere ad espandersi, sia esso economico o politico, in assenza di spinte equilibratrici
- La straordinaria efficacia dei sistemi moderni di tecnocontrollo, che consentono di usare la Rete per controllare il mondo materiale
- L'incredibile economicità e flessibilità dei sopradetti sistemi

E quali le conseguenze perverse?
- L'ovvia ma non scontata od enunciata inefficacia nel prevedere l'imprevedibile, che li rende inutili proprio nel combattere il motivo principale per cui sono realizzati, e cioè il terrorismo e la criminalità
- La dimostrata tendenza a ridurre od annullare le libertà civili
- La possibilità di abusi, e quindi di nuovi e diversi crimini, che come la cronaca già dimostra non sono ipotesi ma realtà
- La distruzione delle normali attività di intelligence e di investigazione che hanno difeso le società civili per secoli, in favore di un uso oracolare e perverso dei database; i "colpevoli tecnicamente perfetti" del caso Unabomber ne sono un esempio recente.

Come detto all'inizio, se questa è la prevenzione del futuro, voglio più repressione e meno prevenzione.

Voglio correre il rischio di saltare in aria su un aereo piuttosto che quello di essere vivisezionato continuamente e magari inguaiato da investigatori che incrociano database invece di fare pedinamenti ed intercettazioni ambientali. Non conosco nessuno che abbia avuto la rara disgrazia di cadere vittima di un attentato terroristico. Qui a Firenze è di gran lunga più facile essere ucciso da un motorino, che circolano regolarmente contromano e talora anche sui marciapiedi, evitando la possibile sorveglianza in tempo reale delle telecamere. Certo i criminali saranno anche più bravi a delinquere solo negli angoli morti.

Voglio correre un maggior rischio (quanto maggiore?) di essere rapinato la notte in piazza della Signoria piuttosto che avere la certezza di essere sempre osservato da una "Telecamera Amica" i cui dati spero finiscano dove devono, ma la cui distruzione non è normata o regolamentata in maniera trasparente per il cittadino (e solito non viene effettuata).

Vorrei vedere invece più polizia e vigili per le strade, con lo scopo di reprimere i reati quando e dove vengono commessi, invece di saperli seduti dietro una scrivania a guardare un monitor.

Voglio vedere (o meglio non vedere ma sapere che ci sono) più investigatori che impiegano tecniche tradizionali di indagine, piuttosto che saperli in camice bianco mentre interrogano database e deducono (spesso erroneamente) fatti che possono portare grosse rogne, e talora la galera, a degli innocenti. Sarà un caso ma di questi ultimi ne conosco e se ne conoscono tanti.

L'altra sera a "Porta a Porta" ho sentito (stranamente, dato il contesto) una frase intelligente che mi ha sorpreso piacevolmente e dato un briciolo di speranza. Un magistrato il cui nome non mi è noto (ero in fase di zapping, non seguo quelle trasmissioni) ha chiaramente detto (sintetizzo) che l'uso smodato delle intercettazioni sta stravolgendo negativamente i metodi di indagine dei giudici e degli investigatori. Auguro fervidamente alla suddetta signora di diventare rapidamente Ministro dell'Interno e di poter mettere in pratica rimedi a questa perversa tendenza. Nell'attesa pero' rimango preoccupato.

Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo
70 Commenti alla Notizia Cassandra Crossing/ Prevenire o reprimere?
Ordina
  • "Chi rinuncia alla tutela della propria riservatezza in cambio di un'apparente sicurezza non si merità nè l'una nè l'altra"; l'ha già scritto qualcuno e mi sembrano le uniche parole giuste e possibili a commento dell'ottimo articolo.

    Il probema è che un rilevante numero di idioti auspica proprio la rinuncia generalizzata alla riservatezza percependo ciò stesso come un aumento della sicurezza, vanificando così sul nascere ogni tentativo di reale prevenzione dei comportamenti indesiderati.

    Grazie a tali idioti, che intendono per 'sicurezza' solo la tutela di ciò che è strettamente riferibile a loro stessi, il senso civico di ognuno sta diminuendo giorno per giorno, e anche chi non penserebbe mai di delinquere comincia a pensare, ad esempio, che delinquere in un luogo ove certamente NON vi siano telecamere sia un po' meno delittuoso che altrove.

    E' l'inizio della fine della vera civile convivenza.
    non+autenticato
  • Sono riusciti a delegare ai non-umani non solo la forza, come per secoli ci era noto, ma anche i valori, i doveri, l'etica.
  • Che il progresso tecnologico, il potere di controllo dato dalla tecnologia è irreversibile (eccetto il caso di cataclisma) mentre il potere di controllo democratico di quel potere di controllo non lo è. Quindi anche se per il momento può essere tranquillizzante che il controllo del potere tecnologico sia nelle mani del potere democratico, e soprattutto che l'uso di tale potere di controllo venga esercitato senza limite alcuno, è perché ancora ci si sente parte del potere politico democratico, ci si sente rappresentati, ma lasciare, permettere l' uso di un potere tecnologico troppo ampio al potere politico (seppur democratico) significa, de facto, probabilmente, dargli la possibilità di usarlo in modo non democratico e facilitare il passaggio ad un regime di potere non democratico. Perché il potere in sé stesso non è democratico, il potere è potere. La caratteristica principale del potere tecnologico è quella di concentrare il potere, ma se si permette che la tastiera del proprio pc sia controllata dal potere politico il potere si concentra non per dare potere all'individuo, ma si concentra in modo non democratico.
    non+autenticato
  • Internet è un mezzo che consente la diffusione d’informazioni. Tradizionalmente il potere dell’informazione e della conoscenza è stato detenuto e gelosamente custodito da ristrette cerchie elitarie. Per esempio dai giornalisti per quanto riguarda le notizie. I giornalisti sono una casta, come si può vedere chiaramente dai difficili riti iniziatici che sono richiesti per entrare a far parte della congrega. È molto difficile al potere costituito manipolare l’informazione in una situazione in cui ogni proprietario di telefonino può divenire un fotoreporter o video reporter, oppure autore di blog editore.
    Non parliamo poi dell’informazione scientifica canalizzata e selezionata dai comitati delle redazioni delle riviste specializzate. Il potere dell’informazione scientifica è detenuto da alcune minoranze collegate alle università.
    L’informazione contenuta nei libri, nei film, nei CD musicali ha costituito fonte di ricchezza per le grandi imprese che con un costo infimo per i diritti d’autore, supporti materiali, ecc. hanno tratto ingenti guadagni, ricavi del tutto spropositati, possibili solo in regime monopolistico.
    Non parliamo poi del software, riproducibile dagli autori con bassissimo costo in migliaia o milioni di copie (vedi i vari notissimi sistemi operativi) con un ricavo del tutto spropositato rispetto ai costi di produzione. Purtroppo per loro, questa facilità di riproduzione favorisce, speso in un gioco collusivo, la copia del pirata.
    Questi sono solo alcuni esempi tra le centinaia che si potrebbero proporre.
    Rispetto a questo castello d’interessi consolidati e stratificati, la lotta al terrorismo ed alla pedofilia sono pretesti per difendere interessi particolari, non pubblici, minacciati dalla diffusione libera dell’informazione stessa.
    Difendere la libertà in questo sistema d’oppressione significa essere assimilato all’orco che divora i bambini od al kamikaze estremista islamico che salta in aria con chi gli è vicino. A proposito di pedofili: Ma non è che nella loro onnipotenza questi signori della censura vogliono abusare degli ignari utilizzatori di Internet come se fossero dei bambini? Forse, anche e tra l’altro, il terrore nasce dallo strapotere di alcuni, e quindi forse la censura generalizzata, ed è questo il vero nome della prevenzione, favorisce la ribellione, fondamento del terrorismo, anziché prevenirla.
    Renzo Giraldi
  • Il simbolo del Male è l'Occhio di Sauron, che vede ogni cosa dalla sua fortezza di Barad-Dur.

    Dove ho messo il mio arco?
    non+autenticato
  • La prevenzione è cultura, è educazione, è cura, tutto il resto è repressione. Non si educa con la repressione indifferenziata dei comportamenti a rischio, al contrario. Perché gli stessi comportamenti a rischio sono lo scopo dell'educazione e della cultura, affinché quegli stessi comportamenti possano crescere in armonia e nel rispetto reciproco. Reprimere i comportamenti a rischio significa eradicare la piantina, invece di potare o di curare.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)