Toscana, il WiFi di FON negli agriturismi

Accordi

Firenze - C'è un certo entusiasmo nella comunità di FON per un accordo stretto con InToscana, il portale della Toscana: grazie a questa intesa inizia la distribuzione dei famosi social router WiFi di FON alle piccole strutture turistiche, agriturismi, bed&breakfast, bar e stabilimenti balneari, in modo che possano offrire la possibilità di collegarsi ad Internet a tutti i loro ospiti.

Il progetto prevede la distribuzione gratuita da parte di intoscana.it di 5.000 Foneras, le prime 100 sono già disponibili e a disposizione dei primi 100 che ne faranno richiesta registrandosi sul sito dedicato (la Fonera è offerta da Fondazione Sistema Toscana che gestisce www.intoscana.it e da FON, non sono incluse le eventuali spese di spedizione).

I requisiti che le imprese turistiche devono avere per farne richiesta sono:
- essere una struttura turistica riconosciuta dalla Regione Toscana
- avere la connettività a banda larga (adsl)
- registrarsi su www.intoscana.it/fonera per fare richiesta
- garantire che il router venga collegato, configurato e tenuto acceso.
"Le piccole strutture turistiche - si legge in una nota - potranno così offrire la connessione ai loro ospiti e allo stesso tempo a tutti i Foneros di passaggio in Toscana, rendendo la nostra regione sempre più interessante per i turisti che non vogliono rinunciare ad internet neanche durante le vacanze".

Per conoscere FON il sito ufficiale è questo
29 Commenti alla Notizia Toscana, il WiFi di FON negli agriturismi
Ordina
  • Ma nessuno a pensato da chiedere al Questore e della comunicazione da fare al Ministero delle Comunicazioni.

    Fon e Free-hotspot te lo dicono di fare anche queste pratiche?
    non+autenticato
  • Il "Decreto Pisanu" emanato a luglio 2005 obbliga chiunque fornisca accesso pubblico a reti telematiche ad identificare gli utenti ed a conservare registrazione degli accessi almeno fino a dicembre 2007.
    Quindi l'agriturismo o simile deve per prima cosa identificare l'utente/cliente e avere un logo degli accessi di quell'utente. Spero che quando infotoscana.it contatta gli agriturismi, li metta al corrente di questa legge!
    Il log del router FON è limitato alla memoria del router, quindi a meno che il gestore non scarichi da detta memoria ogni tot tempo il log, FON rimane non a norma.
    Se volete veramente offrire una soluzione a norma, scegliete www.free-hotspot.com, l'installazione costa 200,00 + iva una tantum, comprende un bel router Linksys, un registro per l'accessi, e ben 1000 scratch card da dare all'utente/cliente per farlo navigare. I log sono gestiti in maniera centralizzata attraverso un collegamento VPN, cè un numero verde per l'assistenza client, e si puo' percepire qualche soldo dal loro sistema pubblicitario ogni volta che il cliente clicca sulla pagina pubblicitaria che ogni tanto li compare mentre naviga gratis.
    non+autenticato
  • E come la metti col divieto di rivendita della connessione? GLi agriturismi non sono ISP ed hanno solo ADSL che non possono rivendere per contratto.

    non+autenticato

  • giusto! Con FON non si rivende nulla! si CONDIVIDE.
    Se tu rivendessi la connettività inoltre daresti un appiglio a coloro che si appellano alla legge Pisanu.

    Anche FON è sicuro e il fatto che chi accede debba essere registrato garantisce la sicurezza, no?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > giusto! Con FON non si rivende nulla! si
    > CONDIVIDE.

    con free-hotspot.com non RIVENDI, offri alla clientela/utenza di usifruiire in maniera gratuita della tua connessione, in ogni caso credo che un sistema di controllo ci voglia, FON o non FON, se il texano di turno si collega ad un sito pedofilo con il tuo FON, poi le forze dell'ordine vengono a cercare te e o sei in grado di rintracciare la persona che ha effettuato la connessione (log delle connesioni) e identificarla (associare quelle connessioni ad un documenti di identita) oppure passi guai.

    > Se tu rivendessi la connettività inoltre daresti
    > un appiglio a coloro che si appellano alla legge
    > Pisanu.

    Credo, spero, che la legge Pisanu e' stata fatta con uno scopo in mente. Cioe' rintracciare le connessioni fatte negli internet point sia esse fatte in tecnologia senza filo che con filo.
    Credo che se tu, come privato o locale pubblico che dai accesso ad internet ad estranei, ti preoccuperesti di sapere chi sono e dove vanno, o no?
    Chiaro poi che da utilizzatore invece di scoccia esibire un documento, firmare fogli, etc etc solo per leggeri 10 minuti la posta.

    >
    > Anche FON è sicuro e il fatto che chi accede
    > debba essere registrato garantisce la sicurezza,
    > no?

    Un conto e' che sia sicuro o meglio, che sia sicura l'identita' di chi lo utilizza (esempio usare la carta di credito) e su questo posso essere d'accordo. Un conto e' essere a "norma Pisanu" che prevede l'identificazione a mezzo documento di identita', stop.

    Altri operatori hotspot usano esempio il cellulare come identificazione, cioe' dicono, se lo username e' legato ad un cellulare -> il cellulare e' legato ad un documento e potrebbe andare a rigore di logica, ma quando la polizia viene da te e chi si e' collegato a quell'ora da quella postazione o utenza, poi che fai? Vai da Wind o Vodafone o Tre o Tim a chiede "scusi mi da' il documento di identita' del 3xx-xxxx ?

    Spero di essere stato chiaro.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > E come la metti col divieto di rivendita della
    > connessione? GLi agriturismi non sono ISP ed
    > hanno solo ADSL che non possono rivendere per
    > contratto.

    Per prima cosa bisogna vedere cosa dice il contratto e se ci sono delle clausole vessatorie, e poi è probabile che ci siano operatori che permettano la condividere la propria adsl con altri, premetto che con free-hotspot.com CONDIVIDI la connessione, non la rivendi, il cliente/utente naviga gratuitamente, cioe' gli fai accedere in maniera gratuita alla tua connessione adsl preesistente, al massimo puoi noleggiargli il computer.

    non+autenticato
  • > comprende un bel router Linksys, un registro

    Parse error: la parola bel non può stare nelle vicinanze di Linksys
  • Uno va giusto in un ambiente di questi per rimanere collegato alla mail e rompersi le palle con internet.
    Se vuoi navigare rimani a casa !
    non+autenticato
  • ...non è che ti costringono eh!

    sapere però che SE NE HAI BISOGNO è possibile è una cosa estremamente rassicurante!
    non+autenticato
  • Sarà figo..ma...cosa gli raccontiamo alla questura ?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Sarà figo..ma...cosa gli raccontiamo alla
    > questura
    > ?

    Nulla, non sono obbligati a farlo.
    Il decreto Pisanu riguarda SOLO i locali pubblici la cui attività _principale_ sia quella di fornire connessione ad Internet.
  • non gli devi raccontare nulla!

    Semplicemente perchè TUTTI COLORO CHE SI COLLEGANO TRAMITE LA FONERA devono essere utenti FON, quindi riconoscibili e registrati.

    E' esattamente la stessa cosa con Libero o Virgilio, dove ti puoi sempre registrare con un nome falso e collegarti ad internet col telefono.

    Anzi, con FON è PIU' SICURO, in quanto per comprare la Fonera e navigare gratis devi fornire la carta di credito... quindi non si scappa! I nomi finti non funzionano.

    lasciamo perdere poi il fatto che il decreto Pisano è assolutamente inutile e inapplicabile...
    non+autenticato
  • Ma come? se tu hai comprato il router, puoi anche farlo arrivare al lavoro oppure ad un conoscente. Puoi fornire i dati che vuoi, anche falsi. Se hai paura per l'ip, collegati tramite l'adsl wifi di qualche sprovveduto che lascia il suo wifi senza criptazione. FON in italia non e' legale, bisogna metterselo in testa. Allora secondo te tutti gli internet point in italia sono illegali?? Rivendono la connessione no? allora?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > FON in italia non e' legale, bisogna
    > metterselo in testa.

    In base a quale legge sostieni che FON in italia non è legale?

    Pisanu NON limita né regola in alcun modo la condivisione dell'accesso internet fra privati, anche fra perfetti sconosciuti.

  • - Scritto da: Wakko Warner
    >
    > - Scritto da:
    > > FON in italia non e' legale, bisogna
    > > metterselo in testa.
    >
    > In base a quale legge sostieni che FON in italia
    > non è
    > legale?
    >
    > Pisanu NON limita né regola in alcun modo la
    > condivisione dell'accesso internet fra privati,
    > anche fra perfetti
    > sconosciuti.

    Un agriturismo non e' un privato. E' un attivita' commerciale che vende prodotti/servizi.

    Quindi tutto cio' che e' all'interno dell'agriturismo e' regolato da le leggi che riguardano le attivita' commerciali, insomma, un agriturismo non e' una casa di un amico o di un parente.

    Quindi se metti FON in casa tua e ci fai navigare il tuo amico va' bene, se ci fai navigare il perfetto sconosciuto che passa sotto casa tua forse a te va bene, alla legge non lo so' perche' il tuo segnale arriva sul suolo pubblico, al passante invece va' piu' che bene.

    Spero di essere stato chiaro
    non+autenticato
  • Non ho mai richiesto il router fon, ma ho solo provato a registrarmi sul loro sito dando i miei dati e studiare meglio il progetto fon.

    Chiesto più volte all'assistenza di chiudere l'account, mi hanno solo risposto con frasi standardizzate, senza di fatto chiudermi l'account...

    Se ci fosse un avvocato online sarei curioso di chiedergli un preventivo o comunque che cosa potrei fare dato che in futuro non mi va di correre il rischio di ricevere messaggi di spam in cui mi si ricorda di utilizzare il mio account... oppure correre il rischio di non utilizzare + la mia email a cui è associata l'account fon.....

    MA PERCHE' LA FON NON DA ASSISTENZA? BOICOTTIAMOLA!!!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)