Sun lima i core di Niagara

Pronto il lancio del processore UltraSPARC T di seconda generazione, che punta a raddoppiare le performance del primo chip Niagara conservando 8 core. Nel frattempo l'azienda lavora ad una CPU da 16 core

Santa Clara (USA) - Dopo il discreto successo ottenuto dal suo processore multicore di ultima generazione, l'UltraSPARC T1 (anche noto con il nome in codice Niagara), Sun si appresta a lanciare sul mercato la seconda generazione di chip e, nel frattempo, lavora alacremente alla terza.

L'UltraSPARC T2, o Niagara 2, è atteso sul mercato nella seconda metà del 2007. Derivato direttamente dall'architettura del T1, il nuovo processore condividerà con il suo predecessore un design a 8 core e la capacità di eseguire simultaneamente 32 thread. Sun ha però infuso nei core di Niagara 2 un quantitativo extra di hertz, che passano da 1,2 a 1,4 GHz, e di cache L2, che passa da 3 a 4 MB; ha inoltre dotato il nuovo processore di 7 unità di cifratura contro una sola unità del T1. Queste migliorie sono rese possibili anche grazie all'adozione di una tecnologia di processo a 65 nanometri (il primo Niagara ha circuiti da 90 nm), che dovrebbe anche migliorare i consumi energetici del chip.

Sun sostiene che, a parità di consumi, il T2 fornirà performance doppie rispetto al Niagara di prima generazione: tali prestazioni sono riferite a carichi di lavoro tipicamente enterprise, come quelli generati da un grosso database aziendale.
Un'ulteriore evoluzione del progetto Niagara è rappresentata da Rock, nome in codice di un processore a 16 core di cui lo scorso mese Sun ha annunciato il completamento della specifica progettuale. Atteso per la seconda metà del prossimo anno, dunque ad un anno di distanza dall'imminente T2, il "T3" verrà inizialmente fabbricato con un processo a 65 nm ma, nel corso del tempo, Sun sembra intenzionata ad utilizzare questo chip per introdurre tecnologie di processo a 45 e forse anche 32 nm.

All'inizio della settimana, Sun ha anche comunicato di essere riuscita a far girare con successo Solaris 10 su un prototipo di Rock. "Un traguardo - ha commentato Fadi Azhari, director of marketing della divisione SPARC CMT di Sun - che ci rende molto fiduciosi sulla possibilità di rispettare la nostra roadmap".

Rock rappresenterà un passo evolutivo assai più importante di T2, e questo perché introdurrà molte novità all'architettura di Niagara: tra queste vi è una funzionalità, detta Hardware Scout, che sfrutterà i tempi morti della CPU per seguire il prefetching delle istruzioni.

Come si è detto, Rock contiene 16 core, ma Sun non ha ancora svelato quanti thread sia in grado di eseguire simultaneamente: il produttore ha però affermato che Rock è più efficiente di T2 grazie ad una migliore architettura multithreading e ad una memoria cache raddoppiata (pari a 8 MB). Il colosso californiano ha anche dichiarato che le unità di calcolo in virgola mobile di Rock potranno essere utilizzate indifferentemente per accelerare applicazioni matematiche o grafiche.

Lo scorso mese Sun ha mostrato un prototipo di Rock con package BGA capace di supportare fino a 256 terabyte di memoria.
17 Commenti alla Notizia Sun lima i core di Niagara
Ordina
  • In azienda mi serve un calcolatore per un particolare compito.
    Se non ricordo male esiste una branchia dell'informatica, complessità computazionale, che permette di dare un'idea del peso computazionale di un algoritmo. Ma una volta arrivati qui come si fa a decidere quale sistema convenga per un determinato scopo? Una serie di calcoli empirici e intuito, o c'è una qualche tecnica?
    Qualcuno che per lavoro fa certi tipi di analisi e può suggerirmi come funziona? Sono curioso.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > In azienda mi serve un calcolatore per un
    > particolare
    > compito.
    > Se non ricordo male esiste una branchia
    > dell'informatica, complessità computazionale, che
    > permette di dare un'idea del peso computazionale
    > di un algoritmo. Ma una volta arrivati qui come
    > si fa a decidere quale sistema convenga per un
    > determinato scopo? Una serie di calcoli empirici
    > e intuito, o c'è una qualche
    > tecnica?
    > Qualcuno che per lavoro fa certi tipi di analisi
    > e può suggerirmi come funziona? Sono
    > curioso.
    >

    Io parto sempre dal profiling del codice per studiarmi e utilizzo svariati minitool per capire quale come di comporta l'applicazione su architettura standard.In base a questo poi decido.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > In azienda mi serve un calcolatore per un
    > > particolare
    > > compito.
    > > Se non ricordo male esiste una branchia
    > > dell'informatica, complessità computazionale,
    > che
    > > permette di dare un'idea del peso computazionale
    > > di un algoritmo. Ma una volta arrivati qui come
    > > si fa a decidere quale sistema convenga per un
    > > determinato scopo? Una serie di calcoli empirici
    > > e intuito, o c'è una qualche
    > > tecnica?
    > > Qualcuno che per lavoro fa certi tipi di analisi
    > > e può suggerirmi come funziona? Sono
    > > curioso.
    > >
    >
    > Io parto sempre dal profiling del codice per
    > studiarmi e utilizzo svariati minitool per capire
    > quale come di comporta l'applicazione su
    > architettura standard.In base a questo poi
    > decido.

    Oh cielo. Che intendi per profiling del codice?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > > In azienda mi serve un calcolatore per un
    > > > particolare
    > > > compito.
    > > > Se non ricordo male esiste una branchia
    > > > dell'informatica, complessità computazionale,
    > > che
    > > > permette di dare un'idea del peso
    > computazionale
    > > > di un algoritmo. Ma una volta arrivati qui
    > come
    > > > si fa a decidere quale sistema convenga per un
    > > > determinato scopo? Una serie di calcoli
    > empirici
    > > > e intuito, o c'è una qualche
    > > > tecnica?
    > > > Qualcuno che per lavoro fa certi tipi di
    > analisi
    > > > e può suggerirmi come funziona? Sono
    > > > curioso.
    > > >
    > >
    > > Io parto sempre dal profiling del codice per
    > > studiarmi e utilizzo svariati minitool per
    > capire
    > > quale come di comporta l'applicazione su
    > > architettura standard.In base a questo poi
    > > decido.
    >
    > Oh cielo. Che intendi per profiling del codice?

    Mai fatto analisi di overhead del codice non ottimizzato prima di passare a visionare l'assembler generato in compilazione?
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > In azienda mi serve un calcolatore per un
    > particolare
    > compito.
    > Se non ricordo male esiste una branchia
    > dell'informatica, complessità computazionale, che
    > permette di dare un'idea del peso computazionale
    > di un algoritmo. Ma una volta arrivati qui come
    > si fa a decidere quale sistema convenga per un
    > determinato scopo? Una serie di calcoli empirici
    > e intuito, o c'è una qualche
    > tecnica?
    > Qualcuno che per lavoro fa certi tipi di analisi
    > e può suggerirmi come funziona? Sono
    > curioso.
    >

    Qui trovi una spiegazione, ma poi la scelta del processore, delle architetture hardware è soggetta a moltissime altre considerazioni al livello di architettura che esulano dall'analisi teorica della complessità degli algoritmi da implementare:


    http://www.eecs.harvard.edu/~ellard/Q-97/HTML/root...

    non+autenticato

  • Perche' non c'e' nessun competitor
    dell'architettura i386 per i pc d'ufficio e
    casalinghi?
    Non sarebbe bello poter scegliere una bella
    sun o un alpha o un cell o un HP PA-Risc?
    Le architetture alternative coi sono, ma perche'
    non provano a proporle al vasto pubblico
    con prodotti home?
    Manca windows? GNU/Linux c'e' e anche altri
    unix-like.
    Prendessero piede forse permetterebbero anche
    piu' competizione nell'hardware.
    Oppure non hanno mercato per altre ragioni?
    Chi me lo spiega perche' solo Intel e Amd
    (i386) nel mercato home*?

    Parlo cosi' perche' in passato usai una
    workstation HP PA-Risc con HP UX e
    nonostante fosse vecchia andava
    davvero benissimo...

    *Lo so che qualche proposta di "workstation"
    ad esempio sul sito della sun c'e' ma sono
    assurdamente costose, io intendo perche'
    non le trovo nella grande distribuzione.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > Perche' non c'e' nessun competitor
    > dell'architettura i386 per i pc d'ufficio e
    > casalinghi?
    > Non sarebbe bello poter scegliere una bella
    > sun o un alpha o un cell o un HP PA-Risc?
    > Le architetture alternative coi sono, ma perche'
    > non provano a proporle al vasto pubblico
    > con prodotti home?
    > Manca windows? GNU/Linux c'e' e anche altri
    > unix-like.
    > Prendessero piede forse permetterebbero anche
    > piu' competizione nell'hardware.
    > Oppure non hanno mercato per altre ragioni?
    > Chi me lo spiega perche' solo Intel e Amd
    > (i386) nel mercato home*?
    >
    > Parlo cosi' perche' in passato usai una
    > workstation HP PA-Risc con HP UX e
    > nonostante fosse vecchia andava
    > davvero benissimo...

    appunto proprio perchè questi sono processori RISC ad alte prestazioni e non avrebbero senso nel mercato home/office visto i costi

    certo avere un CED in casa con un mostriciattolo di 8 core e con qualche terabyte di ram farebbe comodo a tutti ma poi per fare cosa?

    su questi sistemi ci girano applicazioni mission critical destinati alla medicina e al calcolo simmetrico tipo metereologico o lo studio ambientale, per masterizzare un DVD basta un pentium a 1000mhz e costa 1/100 di uno SPARCSorride

    non+autenticato
  • > certo avere un CED in casa con un mostriciattolo
    > di 8 core e con qualche terabyte di ram farebbe
    > comodo a tutti ma poi per fare
    > cosa?
    Far girare applicazioni scritte in java?A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > certo avere un CED in casa con un mostriciattolo
    > > di 8 core e con qualche terabyte di ram farebbe
    > > comodo a tutti ma poi per fare
    > > cosa?
    > Far girare applicazioni scritte in java?A bocca aperta

    Io pensavo a VistaCon la lingua fuori ...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > > certo avere un CED in casa con un mostriciattolo
    > > di 8 core e con qualche terabyte di ram farebbe
    > > comodo a tutti ma poi per fare
    > > cosa?
    > Far girare applicazioni scritte in java?A bocca aperta

    ovvio ... anche Vista dentro ad una VirtualMachine:

    http://www.physics.ox.ac.uk/jpc/index.html

    e se proprio avete sotto .NET o un CLR "compatibile" ...

    http://weblog.ikvm.net/PermaLink.aspx?guid=c4e5ca7...

    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > Perche' non c'e' nessun competitor
    > > dell'architettura i386 per i pc d'ufficio e
    > > casalinghi?
    > > Non sarebbe bello poter scegliere una bella
    > > sun o un alpha o un cell o un HP PA-Risc?
    > > Le architetture alternative coi sono, ma perche'
    > > non provano a proporle al vasto pubblico
    > > con prodotti home?
    > > Manca windows? GNU/Linux c'e' e anche altri
    > > unix-like.
    > > Prendessero piede forse permetterebbero anche
    > > piu' competizione nell'hardware.
    > > Oppure non hanno mercato per altre ragioni?
    > > Chi me lo spiega perche' solo Intel e Amd
    > > (i386) nel mercato home*?
    > >
    > > Parlo cosi' perche' in passato usai una
    > > workstation HP PA-Risc con HP UX e
    > > nonostante fosse vecchia andava
    > > davvero benissimo...
    >
    > appunto proprio perchè questi sono processori
    > RISC ad alte prestazioni e non avrebbero senso
    > nel mercato home/office visto i
    > costi
    >
    > certo avere un CED in casa con un mostriciattolo
    > di 8 core e con qualche terabyte di ram farebbe
    > comodo a tutti ma poi per fare
    > cosa?
    >
    > su questi sistemi ci girano applicazioni mission
    > critical destinati alla medicina e al calcolo
    > simmetrico tipo metereologico o lo studio
    > ambientale, per masterizzare un DVD basta un
    > pentium a 1000mhz e costa 1/100 di uno SPARC
    >Sorride

    Le CPU Intel Nehalem in uscita nel 2008 saranno ad 8-core fisici e 16 virtuali (con una nuova versione di HyperThreading). Ed ovviamente rimpiazzeranno gli attuali Core2Duo (Conroe) ed imminente Penryn, partendo quindi da costi irrisori di 200-300 euro in su.
    Nel 2009/2010 i desktop saranno tutti 4-core ed 8-core minimo.
    non+autenticato
  • > *Lo so che qualche proposta di "workstation"
    > ad esempio sul sito della sun c'e' ma sono
    > "assurdamente costose" io intendo perche'
    > non le trovo nella grande distribuzione.
    Ti sei risposto da solo...
    non+autenticato
  • Si,il clamore e' tanto e pure le aspettative lo sono.Dicono che questa versione dell'UltraSPARC T ma soprattutto il futuro "Rock" siano molto potenti anche in virgola mobile.Finalmente!
    Tuttavia ci tenevo a ricordare anche l'arrivo di "Olympus" altrimenti detto SPARC64 VI prodotto in collaborazione con Fujitsu che equipaggia la linea
    Enterprise Mx000 di Sun.Proposto nella versione base alla "tenera" velocita' di 2,1Ghz in dualcore e 5MB di cache di secondo livello propone delle prestazioni veramente interessanti.Si colloca appena sotto dei piu' potenti IBM POWER5+.Su www.spec.org trovate tutti i tests ufficiali.
    non+autenticato
  • Qualcuno mi aveva detto che SUN progettava i suoi processori con in mente il bytecode di Java, e progettava il compilatore Java con in mente i suoi processoriSorride
    E' vero questo ? Una JVM e' veramente piu' performante su architettura SPARC rispetto a x86 ?
    11237
  • Bisogna vedere cosa si intende per "IN MENTE".

    Anche io scrivo i miei software con in mente la figa. Ed infatti i miei software sono esteticamente una figata. Ma poi non è sempre che mi funzionano bene... Rotola dal ridere
    non+autenticato

  • - Scritto da: Giambo
    > Qualcuno mi aveva detto che SUN progettava i suoi
    > processori con in mente il bytecode di Java, e
    > progettava il compilatore Java con in mente i
    > suoi processori
    >Sorride
    > E' vero questo ? Una JVM e' veramente piu'
    > performante su architettura SPARC rispetto a x86
    > ?
    Si, certo leggiti questo:
    http://groups.google.it/group/comp.programming/bro...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Giambo
    > Qualcuno mi aveva detto che SUN progettava i suoi
    > processori con in mente il bytecode di Java, e
    > progettava il compilatore Java con in mente i
    > suoi processori
    >Sorride
    > E' vero questo ? Una JVM e' veramente piu'
    > performante su architettura SPARC rispetto a x86
    > ?

    Per quello che posso dirti la tecnologia Torrenza di AMD cioe' quella dei coprocessori la vogliono un po' tutti,quindi e' probabile vedere in futuro coprocessori dedicati a Java anche sulle macchine Sun.
    Per quanto riguarda invece, le prestazioni superiori di Java su SPARC,personalmente ho qualche dubbio.Di sicuro lo erano versioni molto vecchie della VM,oggi sicuramente no.Beninteso,si consideri il confronto prestazionale per singola CPU.
    non+autenticato