Il computing on-demand di Sun sbarca nel Belpaese

Le aziende e gli sviluppatori di molte nazioni europee, inclusa l'Italia, possono ora accedere al servizio di computing on demand di Sun, affittando via Internet risorse di calcolo e di storage

Santa Clara (USA) - Il servizio di utility computing di Sun, che permette ad aziende e individui di noleggiare risorse di calcolo via Internet, ha oltrepassato i confini statunitensi per approdare in 24 paesi asiatici ed europei, tra i quali l'Italia.

Sviluppatori, vendor di software e utenti finali nostrani possono ora accedere ai servizi di computing pay-per-use di Network.com (un tempo noto come Sun Grid), la cui infrastruttura poggia sulla tecnologia grid e su una batteria di server con Solaris 10.

"La disponibilità internazionale rappresenta una pietra miliare per Network.com", ha affermato Aisling MacRunnels, vice-president of Software Marketing di Sun. "Un grande numero di nuovi sviluppatori specializzati nel creare applicazione di calcolo intensivo possono ora avvalersi dei nostri servizi di utility computing".
Il cosiddetto "utility computing" consiste nella possibilità di accedere alle risorse di calcolo nello stesso modo in cui si accede a risorse pubbliche come l'energia elettrica o l'acqua: anche nel caso di Network.com esiste una rete di distribuzione (rappresentata da Internet) e le risorse possono essere pagate a consumo. Il costo d'affitto è di 1 dollaro all'ora per CPU e di 1 dollaro al mese per ogni gigabyte di spazio disco utilizzato.

Per eseguire le proprie elaborazioni gli utenti del network di Sun possono uploadare sui server remoti le proprie applicazioni e farle girare per il tempo necessario ad ottenere i risultati desiderati. Insieme al proprio servizio, Sun fornisce alcune applicazioni base e diverse utility, fra cui un convertitore di documenti. Con il lancio internazionale del proprio grid, Sun ha aggiunto una funzionalità, chiamata Network.com Internet Access, che permette alle applicazioni di accedere in modo sicuro a dati o web service ospitati su sistemi esterni al grid.

Sun ha anche annunciato l'avvio di un programma di beta testing per le Job Management Application Programming Interface, un insieme di interfacce di programmazione che permettono alle aziende di integrare i servizi di Network.com con i propri datacenter.

Tra i progetti attualmente ospitati sul grid di Sun vi sono ambienti per il calcolo scientifico e matematico, applicazioni per la chimica e la biologia, software di CAD e modellazione 3D ecc.

In questo settore il primo rivale di Sun è IBM, che già da qualche tempo offre in USA e altre parti del mondo servizi di utility computing dedicati a settori quale quello scientifico e finanziario.
14 Commenti alla Notizia Il computing on-demand di Sun sbarca nel Belpaese
Ordina