Sui crack HD DVD il genio di Felten

Il celeberrimo professore di Princeton interviene sulla rivolta dei digger, sfidando provocatoriamente le ragioni dell'industria che, spiega, pretende di disporre in via esclusiva di una sequenza di numeri

Roma - Uno dei tasti più battuti in seno alla proliferazione incontrollata e incontrollabile della oramai nota cifra esadecimale a 128 bit, utile a decodificare i videodischi HD-DVD, è che ai netizen proprio non è andata giù la pretesa di Hollywood di detenere i diritti d'autore su un semplice numero. Sulla faccenda interviene ora Ed Felten, il celebre studioso delle tecnologie DRM e professore a Princeton: l'esperto ha escogitato un sistema che permette di generare in maniera pseudocasuale un nuovo codice a 128 bit, da usare per codificare i propri contenuti. Chi lo usasse senza autorizzazione, secondo la legge statunitense in materia, il temuto DMCA, sarebbe passibile di denuncia.

Alla faccenda Electronic Frontier Foundation ha dedicato un approfondimento in tema, riferendo come, grazie al DMCA americano, l'industria abbia tutto il diritto di pretendere la rimozione della chiave di decrittazione, essendo la suddetta parte di una circonvenzione della tecnologia anticopia AACS.

L'espediente di Felten ribalta la questione, trasformando chiunque visiti il post sul suo weblog in un proprietario del numero magico tanto conteso: ad ogni accesso viene creata una nuova cifra, che il professore invita ad utilizzare per cifrare un haiku scritto alla bisogna.
A noi è ad esempio uscita fuori questa chiave: 30 CC A6 80 BB A4 04 4D 86 29 BC E7 8C 84 07 2B. Chiunque - almeno sul suolo americano - la utilizzi per decifrare il componimento che "protegge", cadrà inesorabilmente sotto le spire del DMCA trasformando il codice, da semplice numero generato al volo, in una tecnologia - o parte di essa - atta ad aggirare una protezione alla copia.

Ogni utente che decidesse di seguire i suoi consigli, avrebbe, secondo il professore, gli stessi diritti del consorzio AACS LA di muovere guerra all'intero web per far cancellare la chiave contesa. Una prospettiva assurda, tesa appunto a mettere alla berlina la linea di condotta finora seguita dall'industria.

Che certo non demorde: è di questi giorni la notizia secondo cui gli AACS specialist non temono la rete, e hanno altresì intenzione di procedere dritti sulla propria strada, anche con azioni legali se necessario.

Alfonso Maruccia
21 Commenti alla Notizia Sui crack HD DVD il genio di Felten
Ordina
  • Ai tempi di arabi e fenici, inventori se non sbaglio rispettivamente di numeri e alfabeto, non c'era il copyright. sarebbero gli indiscussi padroni del mondo
    non+autenticato
  • Il punto fondamentale che tutti sembrano ignorare:
    Se la password della mia casella di posta è 'pippo', io non posso impedire che altri scrivano 'pippo' ovunque, ma ho il diritto di lamentarmi se qualcuno afferma che proprio la mia password è 'pippo'.

    non+autenticato
  • è mio!
    Guai a chi lo scrive.
    non+autenticato
  • Il prof. h adavvero senso dell'umorismo e stile, la trovo prorpio una bella iniziativa perchè porta benel'attenzione sul fatto che poter brevettare numeri è 'na cazzata.

    quesito:
    se qualcuno si copiasse il profilo delle mie chiavi di casa ed io glielo volessi impedire questo potrebbe rispondermi con la stessa logica che il profilo ch elui ha disegnato su un pezzo di carta è solo un alinea, forma geometrica che non posso pretendere lui ditrugga perchè è suo diritto tracciare linee.
    se poi questo la spedisse per posta a tutti i suoi amici mi incazzerei come una iena.

    è logico che non oposso pretendere che non si scambino il profilo delle mie chiavi di casa perchè "ne ho il brevetto" ma ho mille altri motivi per chiedere che smettano di "condividere" le mie chiavi di casa.

    come potrebbero fare le major a difendersi dalla pirateria (loro sacrosanto diritto) senza arrivare ad obbrobri logico/legislativi immani?

    invece che trincerarci dietro qualche webadministrator che si prende la reposnabilità legali per quello che vogliamo fare noi utenti facciamoli qualche proposta seria.

    Non solo l'abbassamento del prezzo dei film e dischi.
    proviamo a pensare a qualcosa che offra un po' piu' di sicureza di un "vedrete che se abbassate i prezzi venderete", obiettivamente una ditta non puo' cambiare strategia tecnico/commerciale sulla base di proiezioni, qualche sicurezza in più devono averla, se fossi al posto loro la vorrei anche io.

    ------------

    Se queste ditte davero hanno bilanci floridi la crisi del settore dove stà?

    secondo me la vera crisi è la mancanza di talenti, ormai i musicisti davvero bravi si fanno le loro piccole etichette indipendenti (almeno nel campo musicale che ascolto io, techno ed elettronica).
    per i film mi sembra che i dvd vendano comunque (io ad es. ho 320 gb di hdd esterno pieni, ma ho anche 20-30 dvd originali), qulacuno ha dati sui bilanci e sulle vendite o sa dove trovarne?
    non ho tempo di googlare (sono al lavoro) ma mi piacerebbe leggerli.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Il prof. h adavvero senso dell'umorismo e stile,
    > la trovo prorpio una bella iniziativa perchè
    > porta benel'attenzione sul fatto che poter
    > brevettare numeri è 'na
    > cazzata.
    >
    > quesito:
    > se qualcuno si copiasse il profilo delle mie
    > chiavi di casa ed io glielo volessi impedire
    > questo potrebbe rispondermi con la stessa logica
    > che il profilo ch elui ha disegnato su un pezzo
    > di carta è solo un alinea, forma geometrica che
    > non posso pretendere lui ditrugga perchè è suo
    > diritto tracciare
    > linee.
    > se poi questo la spedisse per posta a tutti i
    > suoi amici mi incazzerei come una
    > iena.
    >
    > è logico che non oposso pretendere che non si
    > scambino il profilo delle mie chiavi di casa
    > perchè "ne ho il brevetto" ma ho mille altri
    > motivi per chiedere che smettano di "condividere"
    > le mie chiavi di
    > casa.
    >
    > come potrebbero fare le major a difendersi dalla
    > pirateria (loro sacrosanto diritto) senza
    > arrivare ad obbrobri logico/legislativi
    > immani?
    >
    > invece che trincerarci dietro qualche
    > webadministrator che si prende la reposnabilità
    > legali per quello che vogliamo fare noi utenti
    > facciamoli qualche proposta
    > seria.
    >
    > Non solo l'abbassamento del prezzo dei film e
    > dischi.
    > proviamo a pensare a qualcosa che offra un po'
    > piu' di sicureza di un "vedrete che se abbassate
    > i prezzi venderete", obiettivamente una ditta non
    > puo' cambiare strategia tecnico/commerciale sulla
    > base di proiezioni, qualche sicurezza in più
    > devono averla, se fossi al posto loro la vorrei
    > anche
    > io.

    Il problema e' che il loro destino e' essere distrutti come fabbriche di candele alla nascita delle fabbriche di lampadine: e loro stanno reagendo allo stesso modo: con la dinamite.
    non+autenticato
  • fare un programma che generi codici di ricarica è legale? generare numeri di carta di credito è legale? bah... sono numeri no?
    MeX
    16897
  • Ciao MeX !
    > fare un programma che generi codici di ricarica è
    > legale? generare numeri di carta di credito è
    > legale? bah... sono numeri
    > no?

    Certo che è legale !
    L' illegale è usarli per rubare, ma in questo caso il reato è di furto mica di "generazione di numeri" !!!!
    Così come posso scrivere in programma che generi nomi e cognomi, mica commetto un illecito, se poi uso questi nomi per fare furti di identità è un altro discorso ... ma anche un altro reato.

    E scommettiamo che se facessi uno scan binario del tuo HD la sequenza di 128bit in questione la trovo ?
    A questo punto sei passabile di denuncia in quanto detentore un un numero facente parte di una tcnologia coperta da copyright ....
  • Ciao The_Gez... quindi tu dici finchè lo generi e non lo usi... non è illegale... quindi.. anche clonare un bancomat o una carta di credito non è illegale se non la uso... ?
    Cmq... ribadisco la mia opinione che non si può far "gli gnorri" affermando che "ma io ho postato solo un numero..." poi che sia sbagliato in se il concetto di DRM OK... ma se uno si mettesse a diffondere il mio numero di carta di credito in giro... beh... mi incazzerei... poi certo il numero non è "mio" così come non è della Visa... fatto sta che non è "un numero"
    MeX
    16897
  • non è la stessa cosa.

    un numero di carta di credito generato a caso ovviamente non funziona.

    un numero di ricarica generato a caso non funziona (in realtà per colpa di una piccola probabilità potrebbe funzionare, ma prima o poi qualcuno comprerebbe la ricarica vera e tu verresti scoperto).

    il problema vero è che se invece di una chiave da 128bit, le industrie audio/video avessero scelto   1 (uno) come chiave di decrittazione, ora nessuno in america potrebbe più scriverlo da qualche parte...

    è questa l'assurdità
    non+autenticato
  • No no... io "non vengo scoperto" perché io ho generato il numero prima di lui! Cosa?? Lui in mano ha una scheda?? Il sistema di gestione dei numeri ha generato lo stesso numero due volte?? Cosa non può capitare?? Lo dimostri lui...

    Tanti meccanismi funzionano grazie all'ignoranza "legale" delle persone a cui tali sistemi si rivolgono...

    - Scritto da:
    > non è la stessa cosa.
    >
    > un numero di carta di credito generato a caso
    > ovviamente non
    > funziona.
    >
    > un numero di ricarica generato a caso non
    > funziona (in realtà per colpa di una piccola
    > probabilità potrebbe funzionare, ma prima o poi
    > qualcuno comprerebbe la ricarica vera e tu
    > verresti
    > scoperto).
    >
    > il problema vero è che se invece di una chiave da
    > 128bit, le industrie audio/video avessero scelto
    > 1 (uno) come chiave di decrittazione, ora
    > nessuno in america potrebbe più scriverlo da
    > qualche
    > parte...
    >
    > è questa l'assurdità
    non+autenticato
  • Se tu generi un numero di una carta di credito e la usi di fatto rubi dei soldi a qualcuno.
    (togli i soldi dal conto del detentore della carta originale).

    Se cloni un film con il tuo masterizzatore blu ray (pagato lira di dio) su un disco regolarmente acquistato non togli niente a nessuno. Indiavolato
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)