CPU, IBM partorisce il Power6 dei record

Il gigante di Armonk ha lanciato un processore Power di sesta generazione apparentemente capace di svettare su tutti i più importanti benchmark standard. A pari performance, Power6 consuma la metà rispetto al suo predecessore

CPU, IBM partorisce il Power6 dei recordLondra - "Oggi possiamo dire di aver generato un mostro. Un mostro di potenza". Queste le parole usate da IBM per presentare al mondo il primo modello di Power6, un processore che Big Blue non ha esitato a definire il più potente sul mercato. Il primo server basato su questo chip sarà il System p570, e debutterà all'inizio del prossimo mese.

L'attuale incarnazione di Power6 gira ad una frequenza di 4,7 GHz e, secondo IBM, è in grado di raddoppiare le performance del Power5 assorbendo all'incirca lo stesso quantitativo di energia elettrica del predecessore: ciò lo rende, a detta dei progettisti, il chip Power con il più elevato rapporto fra performance e consumi mai costruito.

IBM afferma che Power6 ha stabilito nuovi primati prestazionali in quattro diffusi benchmark standard: TCP-C (che misura la capacità di elaborazione delle transazioni), SPECjbb2005 (performance Java), SPECint2006 (calcolo di numeri interi) e SPECfp2006 (calcolo in virgola mobile). In quest'ultimo test il chippone è stato in grado di calcolare 22,3 gigaflops, una performance esattamente doppia a quella del celebre supercomputer Deep Blue che, dieci anni or sono, sconfisse a scacchi l'allora campione del mondo Garry Kasparov.
Certamente più rilevante il fatto che, secondo i risultati dei banchmark forniti da IBM, l'attuale modello di Power6 sia circa tre volte più veloce del più recente processore Itanium impiegato nei server di HP. A venire in aiuto di Power6 è anche la sua elevata ampiezza di banda, pari a 300 GB/s, 30 volte superiore a quella del chip di Intel.

"Non dobbiamo considerare soltanto le performance dei chip, ma anche quelle dell'ambiente", ha spiegato Bill Zeitler, senior vice president del systems and technology group di IBM. "La crisi nella gestione dei datacenter non è legata alle performance, ma ai consumi energetici e ai sistemi di raffreddamento. I soldi spesi nell'hardware dei computer sono poca cosa se comparati a quelli energetici. L'industria non può continuare su questa strada".

Nato da un progetto chiamato eClipz, Power6 è un processore dual-core a 64 bit costruito con un processo silicon-on-insulator (SOI) a 65 nanometri. Il die in silicio, della dimensione di 340 mmq, contiene 750 milioni di transistor, parte dei quali dedicati alla cache di secondo livello da 8 MB: questa è semicondivisa tra i due core, ovvero ogni core può accedere alla cache dell'altro per mezzo di un bus ad alta velocità. Il processore dispone inoltre di una cache di terzo livello da 36 MB esterna al die. Ogni core ha due unità aritmetiche per i numeri interi e due unità per i numeri in virgola mobile, ed è in grado di gestire il simultaneous multithreading a due vie.

Oltre a poter contare su unità di calcolo a virgola fissa e mobile più efficienti, capaci di elaborare fino a 6 istruzioni per ciclo di clock, e su di una più avanzata tecnologia per il risparmio energetico, in grado di rispondere anche alle esigenze del mercato emebedded, Power6 introduce per la prima volta la capacità di gestire l'aritmetica decimale, alla quale dedica cinquanta nuove istruzioni, incluse quelle per le conversioni tra numeri binari e decimali. La gestione dei numeri decimali in virgola mobile è stata introdotta soprattutto per accelerare le tipiche applicazioni finanziarie, fiscali e gestionali, terreno ideale dei mainframe zSseries.

Power6 ha il compito di uniformare l'architettura di tutti i server non x86 di IBM: entro la fine del prossimo anno questa CPU salirà infatti a bordo dei sistemi della linea iSeries, pSeries e zSeries. Oltre che sui grossi server multiprocessore, IBM conta di utilizzare Power6 anche sui server blade.

Come si è detto, il primo server a montare i chip Power6 sarà il System p570, un computer Unix capace di ospitare fino a otto processori. Il p570 è atteso sul mercato l'8 giugno ad un prezzo base di 60mila dollari. Entro la fine dell'anno Power6 farà il proprio ingresso anche all'interno dei server iSeries con sistema operativo i5/OS, mentre nel 2008 verrà utilizzato sui primi mainframe zSeries.

Verso la fine dell'anno IBM lancerà anche una funzionalità, chiamata Power6 Live Partition Mobility, che consentirà alle aziende di spostare le macchine virtuali attive da un server fisico Unix ad un altro.
73 Commenti alla Notizia CPU, IBM partorisce il Power6 dei record
Ordina
  • Una citazione a He Man and the master of the universe Rotola dal ridere
    Sgabbio
    26177
  • Beh, no ncredo che quell'espressione si trovi solo in he-man...
    SiN
    1120

  • - Scritto da: SiN
    > Beh, no ncredo che quell'espressione si trovi
    > solo in
    > he-man...

    Era anche il ritornello di "The Power" degli Snap.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: SiN
    > > Beh, no ncredo che quell'espressione si trovi
    > > solo in
    > > he-man...
    >
    > Era anche il ritornello di "The Power" degli Snap.


    Lucas Sei l'unico che ci puo' dare la rispostaSorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Sgabbio
    > Una citazione a He Man and the master of the
    > universe
    > Rotola dal ridere

    Blutto blutto He ManOcchiolino
    non lo guardavo (e lui non guardava me!)

    per me The Power e' sempre e solo un inno house del passato, ma senza tempo.


    Bang the bass turn up the treble!

    Geek

    Luca\S

  • - Scritto da: lucaschiavoni
    >
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Una citazione a He Man and the master of the
    > > universe
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Blutto blutto He ManOcchiolino
    > non lo guardavo (e lui non guardava me!)
    >
    > per me The Power e' sempre e solo un inno house
    > del passato, ma senza
    > tempo.
    >
    >
    > Bang the bass turn up the treble!
    >
    > Geek
    >
    > Luca\S

    Grazie Lucas, stanotte dormiremo piu' tranquilli e hai evitato decine di risse in strada.

    Sorride

    (scherzo, pero' ero curioso)
    non+autenticato
  • ...ma non esiste già dai tempi del motorola 68000 (e forse anche prima) con il supporto per le istruzioni BCD???
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...ma non esiste già dai tempi del motorola 68000
    > (e forse anche prima) con il supporto per le
    > istruzioni
    > BCD???

    lo Z80 ce l'aveva
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...ma non esiste già dai tempi del motorola 68000
    > (e forse anche prima) con il supporto per le
    > istruzioni
    > BCD???

    Si, le istruzioni in se non sono una novità, tanti processori le includono da tantissimo tempo, ma credo che non fossero mai state inserite in questa linea dei processori IBM.

    I processori Power sono di tipo RISC (Reduced Instruction Set Computer) che adottano la strategia di avere un set di istruzioni molto piccolo, che svolgono solo compiti elementari, ma in cui ciascuna istruzione è molto veloce. E' contrapposto ai CISC (Complex Instruction ....) che invece mettono a disposizione molte istruzioni per svolgere operazioni anche complesse.

    solitamente i processori RISC consentono al compliatore un'ottimizzazione più spinta e (almeno in una certa fase, sono un po' di anni che non seguo la questione) sembravano vincenti rispetto ai CISC (ma a giudicare dalle caratteristiche del Power lo sarebbero ancora) almeno in determinati contesti.

    Le istruzioni BCD sono un tipico esempio di istruzioni che normalmente sono presenti in un CISC ma non in un RISC.
    non+autenticato
  • > I processori Power sono di tipo RISC (Reduced
    > Instruction Set Computer) che adottano la
    > strategia di avere un set di istruzioni molto
    > piccolo, che svolgono solo compiti elementari, ma
    > in cui ciascuna istruzione è molto veloce. E'
    > contrapposto ai CISC (Complex Instruction ....)
    > che invece mettono a disposizione molte
    > istruzioni per svolgere operazioni anche
    > complesse.

    Beh... nell'articolo c'è scitto che sono state aggiunte 50 (CINQUANTA!) istruzioni dedicate esclusivamente all'aritmetica decimale... alla faccia del RISC!

    frk
    344
  • Salve a tutti/e,
    Se non ricordo male, i RISC hanno un set ridotto d'istruzioni anche perche' il livello di macrocodice corrisponde a quello di microcodice inoltre una caratteristica che qualche anno fa avevano solo i RISC, sempre se non ricordo male, era la possibilita' di fare elaborazioni completamente register to register. Comunque mi pare che da tempo non esistano (quantomeno per i CISC) processori puri, mi pare che dall'avvento dell'ormai vetusto iP Pro quantomeno le architetture dei processori di tipo consumer (leggi exCISC) siano diventate ibride e sia diventato piu' difficile capirne la differenza.
    Non mi e' chiaro se l'aritmetica decimale e' solo rappresentata da un set di istruzioni o stiamo parlando anche di hw. Certo che pure essendo solo set d'istruzioni bisogna sempre vvedere a che livello esso e' disponibile, perche' un conto e' avere istruzioni decimali a livello assembly un conto in microcodice.

    Saluti,
  • HMC Virtual I/O...
    Cavoli ci sara da ridere visto le caratteristicheSorrideSorride
    Cmq ora un giro per vedere quante micropartizioni contiene una singola CPU meglio farlo...

    Una magnifica tecnologia, un sistema operativo tosto (AIX o linux), una flessibilita che altri si sognano e la cosa che piu mi dava fastidio era il limite fisico di "virtualizzazioni" possibili...

    Chissa...
  • il nuovo processore era in ritardo di un anno abbondante...
    sufficiente a fasrla andare fuori mercato con le novità hardware e software della concorrenza...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > il nuovo processore era in ritardo di un anno
    > abbondante...
    > sufficiente a fasrla andare fuori mercato con le
    > novità hardware e software della
    > concorrenza...

    un momento, un momento....qui si parla di processori di fascia alta....

    il Power6 per quanto riduca i consumi, comunque è un forno rispetto a un Core Duo....Apple non poteva permettersi di mettere un forno a microonde nei suoi PC
    non+autenticato
  • comunque dubito che sarebbe riuscita a montare questo gioiello sui powerbook..

    - Scritto da:
    > il nuovo processore era in ritardo di un anno
    > abbondante...
    > sufficiente a fasrla andare fuori mercato con le
    > novità hardware e software della
    > concorrenza...
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > il nuovo processore era in ritardo di un anno
    > abbondante...
    > sufficiente a fasrla andare fuori mercato con le
    > novità hardware e software della
    > concorrenza...

    Apple non avrebbe mai montato questo processore, il power6 non è un processore per personal computer
    non+autenticato

  • - Scritto da:

    > Apple non avrebbe mai montato questo processore,
    > il power6 non è un processore per personal
    > computer


    E chi ti dice che non lo diventi nel futuro prossimo venturo A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    >
    > > Apple non avrebbe mai montato questo processore,
    > > il power6 non è un processore per personal
    > > computer
    >
    >
    > E chi ti dice che non lo diventi nel futuro
    > prossimo venturo
    >A bocca aperta

    non lo è diventato il power 3 né il 4...chi ci dice che lo diventerà il 6?

    le cpu montate nei mac erano delle cpu derivate dai power
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > >
    > > > Apple non avrebbe mai montato questo
    > processore,
    > > > il power6 non è un processore per personal
    > > > computer
    > >
    > >
    > > E chi ti dice che non lo diventi nel futuro
    > > prossimo venturo
    > >A bocca aperta
    >
    > non lo è diventato il power 3 né il 4...chi ci
    > dice che lo diventerà il
    > 6?
    >
    > le cpu montate nei mac erano delle cpu derivate
    > dai
    > power


    Appunto! A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > >
    > > > > Apple non avrebbe mai montato questo
    > > processore,
    > > > > il power6 non è un processore per personal
    > > > > computer
    > > >
    > > >
    > > > E chi ti dice che non lo diventi nel futuro
    > > > prossimo venturo
    > > >A bocca aperta
    > >
    > > non lo è diventato il power 3 né il 4...chi ci
    > > dice che lo diventerà il
    > > 6?
    > >
    > > le cpu montate nei mac erano delle cpu derivate
    > > dai
    > > power
    >
    >
    > Appunto! A bocca aperta

    se se sono derivate dai power....non sono i power stessi...quindi non avranno quelle prestazioni, ma inferiori

    appunto A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > > >
    > > > > - Scritto da:
    > > > >
    > > > > > Apple non avrebbe mai montato questo
    > > > processore,
    > > > > > il power6 non è un processore per personal
    > > > > > computer
    > > > >
    > > > >
    > > > > E chi ti dice che non lo diventi nel futuro
    > > > > prossimo venturo
    > > > >A bocca aperta
    > > >
    > > > non lo è diventato il power 3 né il 4...chi ci
    > > > dice che lo diventerà il
    > > > 6?
    > > >
    > > > le cpu montate nei mac erano delle cpu
    > derivate
    > > > dai
    > > > power
    > >
    > >
    > > Appunto! A bocca aperta
    >
    > se se sono derivate dai power....non sono i power
    > stessi...quindi non avranno quelle prestazioni,
    > ma
    > inferiori
    >
    > appunto A bocca aperta

    La differenza fondamentale è che POWER ha funzioni e caratteristiche aggiuntive specifiche per minicomputer e mainframe, quello che offre in più non è necessariamente maggiori prestazioni per singole applicazioni.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > > >
    > > > > - Scritto da:
    > > > > >
    > > > > > - Scritto da:
    > > > > >
    > > > > > > Apple non avrebbe mai montato questo
    > > > > processore,
    > > > > > > il power6 non è un processore per
    > personal
    > > > > > > computer
    > > > > >
    > > > > >
    > > > > > E chi ti dice che non lo diventi nel
    > futuro
    > > > > > prossimo venturo
    > > > > >A bocca aperta
    > > > >
    > > > > non lo è diventato il power 3 né il 4...chi
    > ci
    > > > > dice che lo diventerà il
    > > > > 6?
    > > > >
    > > > > le cpu montate nei mac erano delle cpu
    > > derivate
    > > > > dai
    > > > > power
    > > >
    > > >
    > > > Appunto! A bocca aperta
    > >
    > > se se sono derivate dai power....non sono i
    > power
    > > stessi...quindi non avranno quelle prestazioni,
    > > ma
    > > inferiori
    > >
    > > appunto A bocca aperta
    >
    > La differenza fondamentale è che POWER ha
    > funzioni e caratteristiche aggiuntive specifiche
    > per minicomputer e mainframe, quello che offre in
    > più non è necessariamente maggiori prestazioni
    > per singole
    > applicazioni.

    ma comunque ciò non si può escludere
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > >
    > > - Scritto da:
    > > >
    > > > - Scritto da:
    > > > >
    > > > > - Scritto da:
    > > > > >
    > > > > > - Scritto da:
    > > > > > >
    > > > > > > - Scritto da:
    > > > > > >
    > > > > > > > Apple non avrebbe mai montato questo
    > > > > > processore,
    > > > > > > > il power6 non è un processore per
    > > personal
    > > > > > > > computer
    > > > > > >
    > > > > > >
    > > > > > > E chi ti dice che non lo diventi nel
    > > futuro
    > > > > > > prossimo venturo
    > > > > > >A bocca aperta
    > > > > >
    > > > > > non lo è diventato il power 3 né il
    > 4...chi
    > > ci
    > > > > > dice che lo diventerà il
    > > > > > 6?
    > > > > >
    > > > > > le cpu montate nei mac erano delle cpu
    > > > derivate
    > > > > > dai
    > > > > > power
    > > > >
    > > > >
    > > > > Appunto! A bocca aperta
    > > >
    > > > se se sono derivate dai power....non sono i
    > > power
    > > > stessi...quindi non avranno quelle
    > prestazioni,
    > > > ma
    > > > inferiori
    > > >
    > > > appunto A bocca aperta
    > >
    > > La differenza fondamentale è che POWER ha
    > > funzioni e caratteristiche aggiuntive specifiche
    > > per minicomputer e mainframe, quello che offre
    > in
    > > più non è necessariamente maggiori prestazioni
    > > per singole
    > > applicazioni.
    >
    > ma comunque ciò non si può escludere

    E non si esclude, infatti, in questo caso offre anche prestazioni molto elevate, ma a parità di prestazioni, ovviamente, i modelli pensati per mini e mainframe non sono comunque convenienti per architetture che non ne sfruttino quelle feature aggiuntive specifiche (e costose).
    Anche stavolta IBM ha sfornato un ottimo prodotto, i difetti, soprattutto passati, di IBM, sono ben altri, per esempio se nei primi anni '90 avesse dotato i modelli economici di Risc6000 per le università di dischi un po' meno micragnosi e di una manualistica completa, come facevano Sun e HP, si sarebbe conquistata maggiori simpatie nell'ambiente accademico.
    non+autenticato
  • Dai che forse e' arrivato il processore che riuscira' a far girare in maniera decente Windows Vista con Aero attivo ..
    non+autenticato
  • muhahahahahahahahahahahahahahah ^_^
    non+autenticato
  • Ma LOL !!! A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Si, ma con un procio da 60k dolla che scheda video ti compri??

    Cylon
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Dai che forse e' arrivato il processore che
    > riuscira' a far girare in maniera decente Windows
    > Vista con Aero attivo
    > ..

    Vista che gira su processori non x86?... Eccellente!

  • - Scritto da: C. M. Burns
    >
    > - Scritto da:
    > > Dai che forse e' arrivato il processore che
    > > riuscira' a far girare in maniera decente
    > Windows
    > > Vista con Aero attivo
    > > ..
    >
    > Vista che gira su processori non x86?...
    > Eccellente!

    Wista è un pessimo virus, è l'unico che gira solo sotto macchine compatibili con lui.
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Dai che forse e' arrivato il processore che
    > riuscira' a far girare in maniera decente Windows
    > Vista con Aero attivo
    > ..

    Ho provato, ma Vista non riconosce il lettore di schede perforate Con la lingua fuori
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Dai che forse e' arrivato il processore che
    > > riuscira' a far girare in maniera decente
    > Windows
    > > Vista con Aero attivo
    > > ..
    >
    > Ho provato, ma Vista non riconosce il lettore di
    > schede perforate
    >Con la lingua fuori

    Anche a me: hardware troppo recenteCon la lingua fuoriPp
    non+autenticato
  • Ho provato ad inserire le specifiche di questo computer sul sito della Microsoft, ma mi dice che la scheda grafica non è abbastanza potente: non supporta pienamente le Directx 10. Quindi Vista Home Basic (senza Aero).
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Dai che forse e' arrivato il processore che
    > riuscira' a far girare in maniera decente Windows
    > Vista con Aero attivo
    > ..

    Cosa centri un OS client su dei server, lo sai solo tu....
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da:
    > > Dai che forse e' arrivato il processore che
    > > riuscira' a far girare in maniera decente
    > Windows
    > > Vista con Aero attivo
    > > ..
    >
    > Cosa centri un OS client su dei server, lo sai
    > solo
    > tu....

    Quello che c'entra la tecnologia dei processori con i pc client e server...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)