Comunicazioni.it, un sito sotto tiro

Due giorni fa è stato presentato il nuovo spazio web del ministero delle TLC. Offerto come accessibile, è invece sotterrato dagli esperti di Accessibilità web. Possibile vedere i problemi con un emulatore solo testo

Comunicazioni.it, un sito sotto tiroRoma - Piove sul ministero delle Comunicazioni e sulla pomposa presentazione con cui due giorni fa è stato portato all'attenzione della stampa il sito del dicastero, rinnovato nell'aspetto e nei contenuti. Un sito annunciato come rispettoso delle linee guida sull'Accessibilità ma che, invece, secondo gli esperti non le rispetta affatto.

Il portale del Ministero dispone di uno spazio, chiamato "Sito WAI", che si dichiara ispirato alla Web Accessibility Initiative, vale a dire la "Bibbia" dell'Accessibilità web, contenente le linee guida che consentono a chi sviluppa un sito di rendere fruibili le proprie pagine a chi è portatore di disabilità o ha impedimenti tali da costringerlo ad utilizzare software speciali di supporto per la navigazione in internet.

Quando il portale è stato presentato, il Ministero ha spiegato che si tratta di un sito che ha adottato soluzioni che permettono l'accesso anche ai non vedenti, in questo modo seguendo "una precisa richiesta dell'Unione Europea".
Gli esperti di Accessibilità, quelli che hanno scritto a Punto Informatico dopo la presentazione del sito ma anche quelli che ne stanno parlando nella mailing list sull'accessibilità "Humana", contestano l'agibilità del portale.

E' peraltro sufficiente cercare di entrare nel sito con un emulatore solo testo per rendersi conto dei problemi che attendono gli utilizzatori di software di supporto che tenteranno di accedere alla home page del portale, viziata persino dalla presenza di un frame nascosto. E anche l'accesso alle pagine WAI sembra destinato a trasformarsi per molti in una vera e propria avventura.

Va detto che nel recentissimo passato la presentazione di un altro sito istituzionale, quello della Regione Lazio, è inciampata proprio sulla delicata questione dell'Accessibilità, e questo nonostante l'attenzione che al problema si è fin qui data proprio negli ambienti istituzionali.
TAG: italia
28 Commenti alla Notizia Comunicazioni.it, un sito sotto tiro
Ordina
  • ...quanta energia! Mi onora avere la tua attenzione anche di sabato! Mi sa che però stai un po' andando fuori asse ora...Sorride

    Le accuse gratuite sono sempre una cosa piuttosto sterile se poi risultano anche infondate, accusare poi Punto Informatico di fare il bello e brutto tempo in modo parziale (quasi ci fosse qualche affare economico tra le parti) mi sembra piuttosto puerile, non fosse perchè le policy sono chiare e concise sull'utilizzo del servizio:

    http://punto-informatico.it/forumpolicy.asp

    Poichè provieni dai newsgroup, sarai ben consapevole dei manifesti che la regolano, quindi se si deve discutere o criticare qualcuno lo si faccia in maniera sensata.

    Per quanto riguarda l'argomento generale del tuo discorso, sembra quasi che la tua sia un'azione dettata dall'invidia, più che da una motivazione seria e matura, il fatto poi di scrivere senza identità, nascondendosi dietro ad un nick fasullo è spesso indice di forte immaturità. Di conseguenza le affermazioni lasciano il tempo che trovano.

    Relativamente alle tue affermazioni più pesanti, credo tu sia consapevole di quanto hai scritto e del fatto che, volendo, si può procedere legalmente per diffamazione (sai com'è, sudandosi la pagnotta ogni giorno a volte avviene qualche scrotociclosi leggendo certe trollate).

    Sono altrettanto convinto che tu sappia già di aver scritto una gran vaccata, anche a me il caldo fa brutti scherzi, quindi, se c'è da discutere su cose serie e motivate, tra persone mature e adulte, siamo qui a cercare di dipanare dubbi, incertezze, disaccordi e qualsiasi altra cosa si possa fare.

    In caso contrario la discussione da parte mia si ferma qui.

    Ti auguro buone vacanze e un buon weekend.
    non+autenticato
  • Una discussione che all'inizio era intelligente e sensata e' scaduta in una polemica senza senso e ha spostato l'attenzione dall'argomento principale.
    Risultato: chi e' responsabile di quell'abominevole sito continuera' indisturbato a far danni alla "cosa pubblica"(vabbe' che lo farebbe comunque) ma in questo caso anche senza la spina nel fianco di qualche cittadino indignato
    Contuniate cosi'!.....
    non+autenticato
  • Se ho responsabilità, ho già lasciate scritte le mie scuse a chi di dovere. Però ammetto di sentirmi la coscienza a posto, e se così non fosse mi scuso anche pubblicamente.
    non+autenticato
  • Complimenti!
    Ancora un centro...
    Attenzione sviata dal nocciolo della discussione
    non+autenticato
  • Non voglio entrare nel merito della questione, ma vorrei porre un interrogativo. E' ovvio che la tematica dell'accessibilità è in questo momento sospesa tra due poli che tanto sembrano all'antico scontro tra arte e utilità tecnica. Un "bel" sito raramente è dotato di buona "accessibilità" e viceversa. Poi c'è anche chi confonde i termini e giudica esteticamente "bello" un sito squisitamente accessibile e chi giudica accessibile solo ciò che è bello: ma qui siamo ad una confusione ulteriore, per cui meglio evitare.

    Piuttosto: predicare arte grafica o utilità assoluta non è forse meno utile del predicare un buon equilibrio delle parti? Provare ad entrare in un sito con uno strumento "solo-testo" mi pare una autentica forzatura, e nello stesso momento utilizzare un frame nascosto è quantomeno ingenuo se poi si va a predicare tra la folla.

    Se Internet è ciò che è diventato lo deve ad una accessibilità sempre maggiore ed al contempo ad un attrattiva sempre più accattivante. Non è forse inutile perdersi nei surplus o negli specialismi? Quando si inizierà a discutere di contenuti piuttosto che di forma?

    Il presente sfogo è legato ad una certa insofferenza per una tecnologia troppo sbilanciata nel seguire un futuro che non ha mai progettato. E quella famosa "ragione tecnologica" di cui si filosofeggiava anni fa sembra aver trovato giorno dopo giorno la sua più totale inconsistenza.

    Un mezzo senza contenuto: per McLuhan la definizione del "media" perfetto, come la luce. Ma se il colore è una luce imperfetta, allora vorrei una Rete più colorata e meno perfetta. Scusate la metafora azzardata, ma le mie mani l'hanno partorita così. Tant'è.
    non+autenticato

  • > Provare ad entrare in un sito con uno
    > strumento "solo-testo" mi pare una autentica
    > forzatura,

    Spiegalo ai ciechi che si connettono usando il sintetizzatore o la barra braille ...
    non+autenticato
  • Ciao, guarda che ti confondi.
    Non è questione di estetica, soprattutto per un portale di contenuti.

    Nessuno ti vieta di inserire come Background (gestito dal css) una bellissima gif che renda gradevole il tuo sito, ti viene però chiesto di usare in modo appropriato tag che identifichino gli oggetti, possibilmente usare le tabelle in modo cristiano ed evitare fronzoli come flash, livelli e cose non standard.

    Esistono siti accessibili ma complessi nella gestione dei contenuti, o addirittura con una versione semplificata. Se gestici i tuoi contenuti con un DB nessuno ti vieta di fare un output poco formattato dei contenuti in una versione parallela del tuo sito

    Un cla che odia i fronzoli
    non+autenticato
  • Guarda che tu non sai di cosa stai blaterando.
    Evidentemente tu di grafica non capisci un piffero. Nessun web-designer serio userebbe mai una GIF (per bella che possa essere) come sfondo al testo: questo è un artificio che usano i caciottari che si fanno la home page con FrontPage (peste li colga!) oppure i ricercatori universitari delle facoltà scientifiche (che quanto a web design sono altrettanto caciottari) i quali credono così di dare un tocco di ricercatezza alla loro pagina. Invece il risultato è solo testo poco leggibile. Fine.

    P.S. anche io odio le Flash intro e i siti in Flash in generale.


    - Scritto da: Cla
    > Ciao, guarda che ti confondi.
    >
    > Nessuno ti vieta di inserire come Background
    > (gestito dal css) una bellissima gif che
    > renda gradevole il tuo sito
    non+autenticato
  • Ho mai parlato di sfondo al testo?
    Dove sta scritto?
    Me lo indichi perfavore?

    Guarda che le gif non servono solo come sfondo al testo ...
    Cla
    non+autenticato


  • - Scritto da: Enyah

    in linea di massima ti do' ragione. ma quando il sito è di pubblica utilità credo che le priorità con cui lo si progetta debbano essere ben altre.

    ciao
    godz
    non+autenticato


  • - Scritto da: godzilla
    > in linea di massima ti do' ragione. ma
    > quando il sito è di pubblica utilità credo
    > che le priorità con cui lo si progetta
    > debbano essere ben altre.

    Certo... la cosa prioritaria è garantire l'accesso ai documenti a chiunque con qualsiasi tecnologia.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Roberto Scano
    >
    >
    > - Scritto da: godzilla
    > > in linea di massima ti do' ragione. ma
    > > quando il sito è di pubblica utilità credo
    > > che le priorità con cui lo si progetta
    > > debbano essere ben altre.
    >
    > Certo... la cosa prioritaria è garantire
    > l'accesso ai documenti a chiunque con
    > qualsiasi tecnologia.

    Questo e' il punto.
    Ma che fine ha fatto il sito http://www.comunicazioni.it/wai solo testuale in html puro e con la validazione del W3C?
    non+autenticato
  • Commento cancellato su richiesta degli interessati
    non+autenticato
  • Commento cancellato su richiesta degli interessati
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enyah
    > Provare ad entrare in un sito con uno
    > strumento "solo-testo" mi pare una autentica
    > forzatura
    buffona, secondo te un non vedente usa internet explorer?
    > Se Internet è ciò che è diventato lo deve ad
    > una accessibilità sempre maggiore ed al
    > contempo ad un attrattiva sempre più
    > accattivante.
    internet e' diventato un cesso invaso da markettari, uebmaster (che poi che cazzo e' un webmaster???) improvvisati con front peggio, utonti coi loro worm per autluc,flash come se piovesse, spammers, ecc..
    chi cazzo ha detto che ora internet sia meglio di 6 anni fa'???
    > nei surplus o negli specialismi? Quando si
    > inizierà a discutere di contenuti piuttosto
    > che di forma?
    ok parlando di contenuti, un non vedente come usufruisce dei suddetti se non con un browser testuale? A parte queto il tuo discorso non sta' in piedi visto che internet e' usata da una miriade di sistemi uno differente dal altro, per rendere interoperabili tali sistemi c'e' bisogno di rigidi standard che se non rispettati portano al esclusione da tali contenuti per alcuni sistemi.
    >
    > Il presente sfogo è legato ad una certa
    > insofferenza per una tecnologia troppo
    > sbilanciata nel seguire un futuro che non ha
    > mai progettato. E quella famosa "ragione
    > tecnologica" di cui si filosofeggiava anni
    > fa sembra aver trovato giorno dopo giorno la
    > sua più totale inconsistenza.
    ma quale ragione del cazzo? Qui si parla di una rete composta e acceduta da un bordello di sistemi differenti, se non stabilisci dei cazzo di standard comuni e non li rispetti e' come pretendere di mettere in una stanza persone che parlano lingue differenti e pretendere che possano dialogare.
    >
    > Un mezzo senza contenuto: per McLuhan la
    > definizione del "media" perfetto, come la
    > luce. Ma se il colore è una luce imperfetta,
    > allora vorrei una Rete più colorata e meno
    > perfetta. Scusate la metafora azzardata, ma
    > le mie mani l'hanno partorita così. Tant'è.
    io vorrei gente come te fuori dalla rete buffona
    non+autenticato