Il WI-FI fa i conti con i pirati

Accade ad America Online che deve gestire un campagna di formazione per i propri clienti dopo che un pirata ha utilizzato da casa sua la rete del vicino. Inconvenienti wireless

Roma - L'esplosione del Wi-Fi nel mondo occidentale è appena iniziata ed è dovuta alla grande duttilità di una tecnologia che consente di connettere interi ambienti alla rete anche a grandi velocità. Ed è questo che apre nuovi scenari nei quali può risultare più frequente il "furto di banda".

Questo è proprio quello che è accaduto ad un cliente di AOL, il principale provider americano. Pare infatti che attraverso la rete Wi-Fi del vicino di casa, un individuo si sia non solo connesso ad internet ma abbia sfruttato quella connettività per trasmettere materiali protetti da copyright, tra i quali persino un lungometraggio.

Dopo alcune ricerche, AOL ha individuato quella persona che è stata denunciata come avevano richiesto i rappresentanti del produttore cinematografico. Al proprio cliente, invece, l'azienda ha consigliato di cifrare la connettività Wi-Fi. E ha deciso di far partire una campagna informativa affinché sia chiaro a tutti coloro che utilizzano e utilizzeranno questo sistema di connessione wireless in futuro che è importante, se non addirittura decisivo, prestare la massima attenzione sul lato sicurezza.
Il tutto è condito da una sorta di faida che si sta aprendo negli USA tra fornitori di tecnologie Wi-Fi e provider a banda larga basata su tecnologia DSL. Questi ultimi infatti ritengono che il Wi-Fi consenta la condivisione del broadband in modo non controllabile dal provider e che agevoli persino la veicolazione su internet di materiale pirata.

In Italia il Wi-Fi sta muovendo i primi passi. Se ne parla come soluzione per le scuole e ne parlano gli operatori. Quanto sta accadendo negli States fa pensare che ne debbano parlare ancora, però, gli esperti di marketing e comunicazione, se vorranno impedire che ai nuovi servizi Wi-Fi corrispondano utenze pirata fuori controllo...
TAG: mondo
43 Commenti alla Notizia Il WI-FI fa i conti con i pirati
Ordina
  • Secondo me ci sono due groosi errori che gli aspiranti scroccatori selvaggi non tengono in considerazione!

    il primo è il già dibattuto tema della volontarietà o meno. Se io offro e sono consenziente ciuccia pure, altrimenti pussa via scroccone.

    Il secondo è molto più "pratico". Guardate che il Wi-FI in casa la gente mica se lo fa per girare la città col portatile!
    Può (o meglio potrà dati i prezzi attuali) essere utile nei casi in cui si abbiano più computer nella stessa casa, ma in stanza diverse, che è scomodo collegare via cavo. E' per questo fine innanzitutto che le varie TLC attualmente propongono il WI-Fi casalingo!

    E questo non c'entra NIENTE col wireless mobile! Anzi, molte famiglie il portatile per sfruttare il mobile manco ce l'hanno! Ricordo che la diffusione dei portatili è MOLTO minore dei computer da tavolo.

    Personalmente il portatile lo trovo del tutto inutile, per le mie esigenze, non ne ho mai sentito nè la mancanza, nè la necesità e in 3 parole non lo comprerò mai, per la mia situazione attuale.
    Potrei invece usare il wireless per velocizzare la connessione casalinga (con l'802.11g), visto che ho già un paio di computer collegati in rete con cavi nel muro, ma a 10Mbit. O per mettere un computer collegato in un altra stanza non cablata.

    In questo caso se uno arrivasse e si mettese a fregarmi banda io non ci ricaverei un tubo in cambio, visto che connessioni in giro per la città sono personalmente inaccessibili, mancando il mezzo, oltrechè inutili.

    E' puro scrocco truffaldino a tutto vantaggio del ladro di bit, punto e stop!

    E non credo che questa sia una situazione ipotetica remota, anzi, mi sembra l'uso più probabile!

    Poi io mi posso fare il WEP a 128 bit e VPN (però che 2 balle!) e mettermi relativaemnte al sicuro, ma mica è obbligatorio saper fare queste cose! Anzi!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ekleptical
    > Secondo me ci sono due groosi errori che gli
    > aspiranti scroccatori selvaggi non tengono
    > in considerazione!

    Ekleptical tu sei un membro di un mondo in estinzione... noi scrocconi/condivisori ti emargineremoCon la lingua fuori

    > il primo è il già dibattuto tema della
    > volontarietà o meno. Se io offro e sono
    > consenziente ciuccia pure, altrimenti pussa
    > via scroccone.
    >
    > Il secondo è molto più "pratico". Guardate
    > che il Wi-FI in casa la gente mica se lo fa
    > per girare la città col portatile!
    > Può (o meglio potrà dati i prezzi attuali)
    > essere utile nei casi in cui si abbiano più
    > computer nella stessa casa, ma in stanza
    > diverse, che è scomodo collegare via cavo.
    > E' per questo fine innanzitutto che le varie
    > TLC attualmente propongono il WI-Fi
    > casalingo!

    Il fine per cui lo offrono loro non conta niente cn l'utilizzo che ne facciamo noi.
    gran parte delle tecnologie sono state sviluppateper uno scopo e poi adottate per tutt'altro e questo è particolar,mete vero per quelle che permettono di interlacciarsi e comunicare.

    >
    > E questo non c'entra NIENTE col wireless
    > mobile! Anzi, molte famiglie il portatile
    > per sfruttare il mobile manco ce l'hanno!
    > Ricordo che la diffusione dei portatili è
    > MOLTO minore dei computer da tavolo.

    Rileggi l'articolo e i post sul warchalking e ti renderai conto che l'utilizzo sta prendendo piede in questo senso.
    E comunque molti condominii stanno facendosi delle reti wifi per condividersi una linea invece di pagarne n.

    > Personalmente il portatile lo trovo del
    > tutto inutile, per le mie esigenze, non ne
    > ho mai sentito nè la mancanza, nè la
    > necesità e in 3 parole non lo comprerò mai,
    > per la mia situazione attuale.

    Io nemmeno ne sentivo l'esigenza fino a oggi ma adesso che sò che posso venire a scroccare banda sotto casa tua ci sto facendo un pensiero.

    > Potrei invece usare il wireless per
    > velocizzare la connessione casalinga (con
    > l'802.11g), visto che ho già un paio di
    > computer collegati in rete con cavi nel
    > muro, ma a 10Mbit. O per mettere un computer
    > collegato in un altra stanza non cablata.

    O per permettermi a me passante scroccone di appoggiarti alla tua connessioneSorride

    > In questo caso se uno arrivasse e si mettese
    > a fregarmi banda io non ci ricaverei un tubo
    > in cambio, visto che connessioni in giro per
    > la città sono personalmente inaccessibili,
    > mancando il mezzo, oltrechè inutili.

    Ma chi te l'ha detto?

    > E' puro scrocco truffaldino a tutto
    > vantaggio del ladro di bit, punto e stop!

    Si è il piacere sommo è sapere di scroccare a uno come teSorride))))))))))

    >
    > E non credo che questa sia una situazione
    > ipotetica remota, anzi, mi sembra l'uso più
    > probabile!

    E la cosa non ti fà dormire la notte.

    >
    > Poi io mi posso fare il WEP a 128 bit e VPN
    > (però che 2 balle!) e mettermi relativaemnte
    > al sicuro, ma mica è obbligatorio saper fare
    > queste cose! Anzi!

    Bah giente che si diverte a proteggersi, gente che si diverte a spoteggerli... divertitevi
    non+autenticato
  • > Ekleptical tu sei un membro di un mondo in
    > estinzione... noi scrocconi/condivisori ti
    > emargineremoCon la lingua fuori

    Vedremo, vedremo...
    Metto le webcamo fuori di casa e fotografo ogni passante con in mano un potenziale wireless, con data e ora! Appena sgamo un abusivo, denuncio!Con la lingua fuori


    > > la città sono personalmente inaccessibili,
    > > mancando il mezzo, oltrechè inutili.
    >
    > Ma chi te l'ha detto?

    Personalmente era nel senso "per me", visto che il portatile non ce l'ho, come la gran parte degli italiani!
    E' poisitivo solo per gli scrocconi perdigiorno e/o con soldi da buttare!Con la lingua fuori


    > Bah giente che si diverte a proteggersi,
    > gente che si diverte a spoteggerli...

    Hai trovato la persona giusta! Sono un paranoico totale sulla sicurezza! Ci ho messo 3 giorni a configurarmi il firewall Linux!, aggiugnendo doppie e triple regole!Con la lingua fuori
    Mi rompe le balle studiarmi IPSec, ma se necessito...

    Poi vediamo chi entra! Già tenere fuori dalle balle l'avventore casuale è una soddisfazione!
    Se poi hai tempo da perdere per craccare un sistema casalingo, perdilo pure! Farò le mie contromosse!Con la lingua fuori
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ekleptical
    > > Ekleptical tu sei un membro di un mondo in
    > > estinzione... noi scrocconi/condivisori ti
    > > emargineremoCon la lingua fuori
    >
    > Vedremo, vedremo...
    > Metto le webcamo fuori di casa e fotografo
    > ogni passante con in mano un potenziale
    > wireless, con data e ora! Appena sgamo un
    > abusivo, denuncio!Con la lingua fuori

    E non dimostra nulla anzi ti becchi contro querele per attacco alla privacy poi entriamo nel tuo sistema e le tue immagini le rimandiamo in giro per il mondo specialmente i punti salienti quando compari tu.

    > E' poisitivo solo per gli scrocconi
    > perdigiorno e/o con soldi da buttare!Con la lingua fuori

    Si appunto ma loro cresceranno e diverranno tanti e tutti accampati soto casa tua.

    > Sono un paranoico totale

    Non solo scrocco ma quoto anche sporcoSorride


    Ci ho
    > messo 3 giorni a configurarmi il firewall
    > Linux!, aggiugnendo doppie e triple regole!
    > Con la lingua fuori
    > Mi rompe le balle studiarmi IPSec, ma se
    > necessito...

    Studia studia ma attento alla più piccola falla noi siamo là fuori

    > Poi vediamo chi entra! Già tenere fuori
    > dalle balle l'avventore casuale è una
    > soddisfazione!

    E vuoi mettere la soddisfazione di entrare?

    > Se poi hai tempo da perdere per craccare un
    > sistema casalingo, perdilo pure! Farò le mie
    > contromosse!Con la lingua fuori

    Io ma non si tratta di me si tratta di noi... verremo in centinaia e costruiremo ponti per far rimbalzare la tua connessione a tutti quelli che non potranno venire... Saremo in cosi tanti da succhiartelà tutta la banda.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ekleptical
    > Secondo me ci sono due groosi errori che gli
    > aspiranti scroccatori selvaggi non tengono
    > in considerazione!

    Io non mi definisco scroccatore... al limite scambiatore!
    Io ricevo ma concedo pure! Lo scrocco a casa mia è un'altra cosa!

    > il primo è il già dibattuto tema della
    > volontarietà o meno. Se io offro e sono
    > consenziente ciuccia pure, altrimenti pussa
    > via scroccone.

    Secondo me conta di più quanto è disposto ad offrire quello che cerca di sfruttare.
    Cioè se tu mi lasci 5 mbit perchè vuoi io mi sentirei quasi obbligato a fare altrettanto.
    Questione di etica.

    > Il secondo è molto più "pratico". Guardate
    > che il Wi-FI in casa la gente mica se lo fa
    > per girare la città col portatile!

    No, certo.
    Se però le wireless diventassero tante l'area sarebbe comunque coperta!
    Ovviamente tutto 'sto forum è basato su questa ipotesi.

    > Può (o meglio potrà dati i prezzi attuali)
    > essere utile nei casi in cui si abbiano più
    > computer nella stessa casa, ma in stanza
    > diverse, che è scomodo collegare via cavo.
    > E' per questo fine innanzitutto che le varie
    > TLC attualmente propongono il WI-Fi
    > casalingo!
    > E questo non c'entra NIENTE col wireless
    > mobile! Anzi, molte famiglie il portatile
    > per sfruttare il mobile manco ce l'hanno!
    > Ricordo che la diffusione dei portatili è
    > MOLTO minore dei computer da tavolo.

    Su questo non c'è dubbio. Ma che male c'è a cercare di sfruttare la cosa in altri modi a cui nessuno ha già pensato?
    Se il tcp/ip non fosse stato concepito dai militari per essere un protocollo in grado di reggere, senza fare una piega, l'abbattimento di un host qualsiasi come credi che funzionerebbero i vari file sharing p2p ?

    > Personalmente il portatile lo trovo del
    > tutto inutile, per le mie esigenze, non ne
    > ho mai sentito nè la mancanza, nè la
    > necesità e in 3 parole non lo comprerò mai,
    > per la mia situazione attuale.

    Scelte... Liberissimo di vederla così.
    Io in casa ho entrambe le tipologie di macchina (3 fissi e 2 portatili, hey, non tutti miei Sorride ) sinceramente il limite peggiore che trovo al mio portatile è quello di doversi tirar dietro un cavo STP da 1/2 cm di diametro per poter restare connesso.
    Oltre ovviamente alla durata delle batterie ma questo è un altro problema.

    > Potrei invece usare il wireless per
    > velocizzare la connessione casalinga (con
    > l'802.11g), visto che ho già un paio di
    > computer collegati in rete con cavi nel
    > muro, ma a 10Mbit. O per mettere un computer
    > collegato in un altra stanza non cablata.

    Che è l'idea originale di chi ha pensato la cosa, alla fine.

    > In questo caso se uno arrivasse e si mettese
    > a fregarmi banda io non ci ricaverei un tubo
    > in cambio, visto che connessioni in giro per
    > la città sono personalmente inaccessibili,
    > mancando il mezzo, oltrechè inutili.

    Mica vero... supponi che Telecom, tanto per fare nomi, ti stacchi la ADSL per 10 gg senza preavviso ne motivo (mi è successo davvero).
    In caso il vicino avesse connessioni wireless per un pò potrebbe "trascinarti" lui così non resti "a piedi".
    Alla fine i vantaggi ci sarebbero comunque, non puoi dire di no! Basta un pò di immaginazione.

    > E non credo che questa sia una situazione
    > ipotetica remota, anzi, mi sembra l'uso più
    > probabile!

    Su questo, purtroppo, vedendo qualche esempio della gente che c'è in giro, non posso che darti ragione Triste
    non+autenticato
  • > Mica vero... supponi che Telecom,
    > tanto per fare nomi, ti stacchi
    > la ADSL per 10 gg senza preavviso
    > ne motivo (mi è successo davvero).

    Che combinazione! A me l'hanno staccato per quattro mesi e sto ancora aspettando qualche tecnico gentile che metta le mani nella mia centrale.

    > In caso il vicino avesse connessioni
    > wireless per un pò potrebbe "trascinarti"
    > lui così non resti "a piedi".
    > Alla fine i vantaggi ci sarebbero comunque,
    > non puoi dire di no! Basta un pò di
    > immaginazione.

    Ma guarda che, se ci si limitasse questo, nessuno avrebbe niente da ridire. Si trattarebbe di una cortesia. Chi non sarebbe disposto a cedere la propria banda (quando non è davanti al PC a navigare) o parte di essa ad uno che ne ha bisogno per un po'?

    Ma il fatto è un altro. Io pago un provider che mi garantisce un servizio ADSL che nella maggior parte dei casi è di bassa qualità, perché la banda garantita è ridicola. Come mai allora si riesce ad andare spesso molto veloci? La risposta è semplice: perché è improbabile che tutti gli abbonati di un certo provider siano connessi e scarichino materiale nello stesso momento (cioè che si saturino completamente le sue risorse) e quindi, anche se la banda garantita di ogni singolo utente è molto bassa, il servizio nel complesso può essere soddisfacente.

    Se accade che ci attacchiamo in cinque sulla tua linea - e non una volta quando càpita, ma sistematicamente - il "miracolo ADSL" svanisce, perché la tua connessione sarà usata molto più frequentemente e pesantemente. E se una buona parte degli utenti "presterà" la propria linea ad altri, non ci sarà più "banda larga"!!!

    Sarebbe come se io ti prestassi il mio biglietto dell'autobus (timbrato ma ancora valido). Al di là del fatto che è illegale, se lo faccio solo io e solo con te, non è un grosso problema ma, se lo fa un gran numero di utenti, il servizio di trasporto pubblico dovrà sostenere un sacco di spese (per far fronte all'aumento di passeggeri) ma non si ritrova in tasca una sola lira in più.

    Non parliamo quindi di "Non voglio scrocconi", perché non è questo il punto! Se tu vuoi una connessione ad Internet da usare tutti i giorni, la devi pagare. Ma non pagare il tizio a cui sei attaccato (che magari manco se ne accorge, se tu scarichi roba quando lui non c'è) ma al fornitore di servizi che, potendo contare su più entrate, può potenziare i propri sistemi.

    mARCOs
    non+autenticato
  • Ogni tanto si parla di patente per computer...
    Una cavolata a mio parere, certo e' che un minimo di competenza non guasterebbe...

    Non dico insegnare a tutti come e' possibile gestire una rete wireless a prova di hacker, ma sarebbe doveroso allertare chi intende utilizzarle sui pericoli che si possono correre, in modo tale che poi nessuno abbia di che lamentarsi (e quando dico "allertare", non intendo 2 righe in corpo 5 in fondo al contratto).

    Ma quanto costerebbe ad AOL allertare i propri clienti? E soprattutto perche' dovrebbe farlo se questo non farebbe altro che causare un minor numero di contratti sottoscritti?

    Se mi metto a vendere serrature difettose ed i ladri cominciano a svaligiare gli appartamenti dei miei clienti, non ho forse parte della colpa?
    non+autenticato
  • Quando il wi-fi sara' largamente condiviso credo che avremo ancora bisogno delle telecom infatti non vedo come si potrebbero collegare varie città e paesi tra loro, insomma qualcuno dovra' pagare per connettere gli stati uniti all'europa oppure milano con genova,da dove si prenderanno i soldi per la manutenzione ed installazione delle reti degli access point?

    Io e credo nessun privato sara' disposto a condividere il proprio access point col primo che passa pero' sarei disposto a condividere la spesa con un certo numero di persone (10 - 50 ?) in modo da rendere il tutto economico, chiaramente dovra' esserci un sistema software per impedire l'accesso a coloro che non sono autorizzati in modo da non avere parassiti.
    Come ci si mettera' daccordo? tramite internet sapro' a quali access point potro' collegarmi e poi mi mettero' daccordo con questi tizzi per avere la password?

    Oppure potrebbe capitare che certe aziende per farsi pubblicita' diano il wi-fi libero ad esempio la filiale cariplo oppure il grande magazzino permettono di collegarsi liberamente.
    E' forse cosi' in america?

    In america si utilizza il collegamento di privati utonti che non sanno neppure che qualcuno si collega tramite loro o che non sanno come impedirlo?

    Chissa' come sara' a regime fra qualche anno.....?

    Comunque dal punto di vista sociale e' un fenomeno interessante, si ha lo spostamento della fase decisionale dalle telecom agli utenti.......saremo egoisti o no?

    non+autenticato
  • "Pare infatti che attraverso la rete Wi-Fi del vicino di casa, un individuo si sia non solo connesso ad internet ma abbia sfruttato quella connettività per trasmettere materiali protetti da copyright, tra i quali persino un lungometraggio."

    Questa notizia diffusa da AOL ha tutta l'aria di essere una bufala o comunque se è vera è stata molto enfatizzata per spingere gli utenti a non CONDIVIDERE!!!!

    E invece noi condividiamo e speriamo che qualcun altro ricondividaSorride)))))))


    non+autenticato
  • yeeeeeeeeeeehhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)