Alfonso Maruccia

Sotto processo per... troppe oscenitÓ distribuite online

Un noto produttore di materiale per soli adulti dovrÓ vedersela con la giustizia americana, che gli chiede conto di quanto ha distribuito online e via posta. Roba troppo... calda?

Washington - Paul F. Little, cinquantenne di Altadena, California, è conosciuto nel settore come Max Hardcore, ed è "rinomato" per produrre materiale pornografico spinto. Troppo spinto per i giudici del Distretto di Florida, Tampa, che lo hanno accusato di atti osceni e lo vogliono alla sbarra, e con lui tutti i suoi beni, confiscati, film e ricavi inclusi.

Little produceva i suoi porno-film per mezzo della società MaxWorld Entertainment. Ora lui e la sua società devono fronteggiare cinque capi d'accusa per la distribuzione di materiale osceno a mezzo computer e cinque per la diffusione dei prodotti attraverso la posta tradizionale.

Little è molto più che un produttore, considerando che è solito dirigere e partecipare nelle vesti di attore ai suoi film. Film che includono "performance" contenenti violenza nei confronti delle attrici e pratiche sessuali "estreme", stando a quanto riferito dal Dipartimento di Giustizia che ha imbastito la causa.
Per i giudici, i prodotti di Max Hardcore sembrano andare troppo al di là dei semplici film a luci rosse ma la vera colpa di Little sarebbe stata quella di distribuire questo materiale "scottante" attraverso la posta. Piuttosto singolarmente, i cinque video distribuiti online che hanno fatto scattare gli altri capi d'accusa costituivano dei semplici trailer di presentazione di lungometraggi prodotti dalla MaxWorld.

Il produttore dovrà comparire davanti al tribunale il prossimo 12 luglio: qualora gli andasse male, Little rischia la confisca dei film, di tutti i guadagni ottenuti dalla loro distribuzione e delle proprietà usate per produrre e distribuire il materiale, inclusa la sua abitazione e i nomi di dominio Maxhardcore.com e Catalinaxxx.com.

Non è la prima volta che Max Hardcore ha a che fare con la legge: già in passato è stato accusato di oscenità e di simulazione di violenza pedopornografica, uscendone sempre senza conseguenze. Le sue produzioni sono generalmente considerate di una sconcezza esagerata, molto più di quanto riscontrabile negli standard tipici di settore, e non manca chi giudica i suoi film come sostanzialmente misogini.

Le nuove accuse a suo carico non fanno poi che confermare, dopo la vendita a prezzi folli del nome di dominio Porn.com, la perdurante centralità dei contenuti a luci rosse nell'ambito della rete telematica mondiale.

Alfonso Maruccia
12 Commenti alla Notizia Sotto processo per... troppe oscenitÓ distribuite online
Ordina
  • Ho visto alcuni dei suoi film, certo sono violenti e non li trovo eccitanti ma non usa attrici minorenni e quindi rifiuto a priori la censura xkè in quanto violenza se andiamo a vedere decontestualizzando l' aspetto pornografico è meno violento di molti film non erotici passati in TV e cinema. Mica nessun giudice a ritenuto di portare in giudizio Quentin Tarantino, Arnold Schwarzenegger o Al Pacino per aver diretto o interpretato scene di violenza a dir poco molto + violente mi sembra che l'aspetto pornografico di questi film faccia perdere il senso della realtà a molti compresi i giudici. Vorrei ricordare che sono film, quindi finzione emulazione di atti sessuali per la visione di adulti. Le attrici sono consenzienti e a vedere il cachet medio delle attrici in questo settore è da far girare la testa ed è per questo motivo che alcune ragazze ci si prestano e ben volentieri anche qual'ora la scena richiede un espressione facciale di disgusto o dolorante come in qualunque altro film il copione lo richiedesse, sono attrici porno ma pur sempre attrici. A mio avviso il rischio è che stabilendo una linea giuridica di questo tipo si rischi che nel tempo si vada ad inglobare generi e opere ben + importanti e di valore e spessore rilevanti al di fuori anche del porno per censurare opere di denuncia ritenute scomode perchè trattano o espongono atti violenti a volte proprio per denunciarli, e a quel punto si potrà ritenere violenta un idea, una musica, un giudizio, un espressione, dato che il concetto di violento e non violento è labile e non ingabbiato da confini precisi ma è soggetta solo a giudizzi personali per altro mutevoli nel tempo e quindi si potrà spostarlo di volt in volta a seconda di come può far comodo.
    Per questi motivi la giudico FOLLIA CENSORIA non certo per la bellezza dei film in questione che personalmente ritengo poco interessanti e per niente erotici ma i gusti sono gusti e non di certo sarò io a puntare il dito contro coloro che invece li apprezzano.
    non+autenticato
  • I video di questo attore sono vomitevoli...e trovo incredibile che qualcuno si erga a tutela della sua libertà di espressione (perchè è ciò che sostanzialmente viene fatto)citando addirittura gli emendamenti alla costituzione americana....o che in maniera abbastanza incomprensibile accusi di bigottismo i giudici statunitensi...come se censurare il contenuto di questi film fosse bigotto..non ho parole.
    Cito inoltre chi prima di me ha scritto facendo notare quanto queste produzioni possano essere destabilizzanti per le attrici (fino a che punto in maniera consenziente?)vessate!!!!
  • Ho visto un paio di trailer; dire che fanno schifo è poco ma a parte quello ciò che non trovo accettabile sono le pratiche violente e fortemente destabilizzanti a cui sono sottoposte le più o meno occasionali attrici.. Lo trovo un modo a dir poco squallido di assecondare con la scusa dei "film" le proprie personali perversioni..
  • stai scherzando vero?
    sono tutte attrici pagate e consenzienti...
    maggiorenni(e vorrei ben dire!!)
    scusa ma accettare a priori una censura solo perche a qualcuno che guarda non piace...mi pare veramente troppo..
    forse non ti rendi conto a cosa si va in contro su questa linea...
    si anche a me non e che mi stuzzichi molto vedere sesso ultramegapompato e magari violento(tutta finzione comunque)..ma non lo guardo..punto
  • Qualcuno ha parlato di giudici talebani.

    In questo caso come boriosi autoinvestitisi sommi difensori della morale e del pudore diciamo che ci siamo.

    Mi domando, non sarà che in questi video compaiono ragazze con trecce e code e ciò fa scattare nella "complicata" mente di alcuni l'accostamento fra trecce code ragazze bambine giovincelle pedofilia pedoporno pedopornografia stupri assassini macellazioni pulizia etnica forconi caccia alle streghe e roghi?

    Il cortocircuito di alcune menti in questo inizio di millennio fa veramente spavento.

    Una volta erano le streghe. Adesso sono le trecce?
    non+autenticato
  • questo fa' veramente schifo !
    Cioe' bho non capisco che godimento c'ha a fa' vomita' le ragazze con le quali ci va' a letto ancora l'ho capito PerplessoPerplessoPerplesso
  • mica è colpa sua se è cosi brutto Occhiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)