Windows Home Server vede il traguardo

Microsoft ha distribuito ai propri tester la prima release candidate del sistema operativo dedicata ai server domestici. La RC1 include tutte le feature della release finale. I dettagli

Redmond (USA) - Il "Windows 2003 dei salotti", come qualcuno scherzosamente definisce Windows Home Server, è ormai ad un passo dalla luce. Microsoft ha infatti distribuito ai tester la Realease Candidate 1 (RC1), una versione che oltre a correggere i bug dell'ultima ora migliora diversi aspetti del sistema, tra i quali i wizard di configurazione della rete.

Microsoft afferma che uno degli scopi di Home Server è quello di consentire ai normali utenti, inclusi quelli che di networking sanno poco o nulla, di creare una rete domestica con pochi clic del mouse e configuarne i vari servizi - media streaming, condivisione file e risorse, accesso remoto ecc. - in pochi minuti.

Microsoft conta di completare il testing del nuovo Windows per fine estate, in modo da iniziare a consegnarlo ai produttori di PC e agli OEM nel corso di settembre. Nel frattempo, chi è interessato a testarlo può registrarsi qui: in questa pagina si trova anche il link ad un contest, chiamato Code2Fame, che mette in palio 50mila dollari a coloro che sviluppano gli add-in software/hardware per Home Server più "cool".
BigM punta molto sulla modularità di Windows Home Server: favorendo il nascere di una comunità di creatori di estensioni, il colosso spera infatti di accrescere sensibilmente l'interesse di sviluppatori e power user verso il suo nuovo sistema operativo. Gli add-in possono essere sviluppati con un apposito SDK gratuito e gestiti dagli utenti per mezzo di un'apposita sezione di Home Server. Tra le future estensioni di terze parti a Home Server potranno esservi servizi, wizard grafici, applicazioni web, applicazioni client ecc.

L'ultima Community Technology Preview (CTP) di Windows Home Server è stata rilasciata lo scorso aprile e distribuita a circa 45mila tester. All'epoca il big di Redmond disse che la nuova release includeva il 98% della funzionalità che si troveranno nella versione finale. Con il rilascio della RC1, a cui seguirà probabilmente almeno un'altra release candidate, gli sviluppatori dovrebbero d'ora in poi limitarsi a correggere solo i bug più urgenti, lasciando inalterate le funzionalità.
14 Commenti alla Notizia Windows Home Server vede il traguardo
Ordina
  • Se Micro$oft ha deciso di tirare fuori questo prodotto è perché ha notato che sempre più utenti evoluti iniziano a sentire il bisogno di farsi il sitarello del proprio hobby e apparire su Internet dalla propria ADSL.

    Che molti programmatori in erba hanno bisogno di una lan in cameretta per inventare e produrre software e servizi per proporsi nel mondo del lavoro.

    Ed ha visto che sempre più gente che si avvicina a Linux si accorge che con due comandi installa tutto ciò che gli serve per un sistema LAMP o per qualche servizio avanzato.

    E siccome a M$ non piace tanta gente anche giovane che inizia a giocare in casa con Linux, diventa pratica, lo usa, lo chiede dove lavora, lo diffonde tra amici e parenti,

    se ne esce con questi prodotti di nicchie apparentemente insignificanti, ma che sono importanti per i risvolti futuri o come potenziali nuovi mercati.

    Forse i server casalinghi sono una stronzata, forse non sfonderanno? Intanto M$ dice meglio esserci.

    Io ne ho uno con Linux su Turion 64 che consuma solo 7 watt e funziona benissimo e in silenzio con raffreddamento passivo.
    Ci sviluppo in PHP ci tengo 4 siti miei e 5 di alcuni clienti che mi pagano praticamente l'ADSL di casa e l'energia elettrica della bolletta mensile del server e di tutte le mie attività.

    Chi non se la sente si prende questo Winzzozz Home Server che avrà sicuramente molti limiti ma con punta e clicka gli può fare comodo.

    Chi vuole osare, prende una Ubuntu e durante l'installazione gli dice di creare un server e non se ne pentirà mai più.
    non+autenticato
  • Direi che è molto professionale tenere i siti dei clienti su una adsl di casa ... a sto punto non è meglio aruba, che farà sempre pena, ma almeno non ti ciuccia banda?
    non+autenticato
  • Beh... pensare che home server possa servire per hostare dei siti web mi sa che si ha un po' di confusione su che cosa sia un server, non esistono mica solo i server web.Triste

    A parte che tutto quello che si potrà fare con home server ( o quasi...non è che conosca tutte le funzionalità) si può fare con una distro linux o con winxp e un po' di configurazione, lo scopo di un server casalingo è appunto quello di centralizzare tutto in casa.
    ci sono più pc ed ognuno usa il proprio? L'home server si usa come repository dei dati (ad esempio mp3), lo si usa per i backup, lo usi per il p2p così scarica giorno e notte e il tuo client lo usi solo quando ti serve veramente stare in faccia ad un monitor, lo usi come media server per stremmare video e audio all'impianto HT, ecc...

    Poi se uno non se ne fa niente di queste cose, non lo compra e basta, a chi servono e sa "smanettare" se lo fa, se vuole, con linux, chi invece vuole queste funzionalità ma non sa nemmeno cosa sia un indirizzo ip si compra home server e poi fa un po' di click con i wizard.

    Un server web è un'altra cosaA bocca aperta

    Saluti
    BES
    non+autenticato
  • > Ci sviluppo in PHP ci tengo 4 siti miei e 5 di
    > alcuni clienti
    già immagino che razza di clienti avrai da poter stpirli con le prestazioni della tua adsl casalinga Sorride
    non+autenticato
  • Fatemi capire.
    Sono anni che si dice centralizzare tutto, gestire "alla mainframe" per risparmiare soldi e hardware e ora redmond vuole creare la Windows Home Server? MA ROTFL! Ora per far si che due ragazzini giochino a casa loro hanno bisogno di windows server home? E la microsoft quanti di queste nuove versioni vuole vendere?
    No che ci spieghi cosa stradiavolo serve una licenza simile in casa? Ma che pensano che dentro una casa ci siano lanparty tutte le sere con duecento persone a giocare a quake? Vorrei davvero conoscerlo questo del marketing microsoft!
    Ah beh certo se si centralizza tutto le licenze non si vendono e allora? semplice! una bella soluzione per vendere altro software...
    Mah si ma perche' invece non si crea la multidomainhomeserver
    ognuno di noi a casa propria si compra un bel serverone a 72 processoridove in ogni dominio ci si installa una diversa versione di windows? che ne pensa Redmond ah beh l'unico problema e che le spese di elettricita' diventerebbero un po caruccie e poi l'attacco industriale siemens non c'e' nelle case! Cosi possiamo sincronizzare il tostapane con il programma della lavatrice e perche' no il numero di sciaquonate al bagno!
    Evviva! CHE TROVATA!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 giugno 2007 00.32
    -----------------------------------------------------------
  • ma.... era quello che pensavo di fare nella ristrutturrazione.
    non+autenticato
  • Magari prima di scrivere castronerie faresti prima ad informarti.. io sto lavorando ad un progetto in cui è previsto Win Home Server come fulcro di un sistema domotico, e cmq.. si, se vuoi potrai loggare il numero di sciacquonate del cessoCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: porcacchia

    > Evviva! CHE TROVATA!

    mammamia quanta disperazione e frustrazione nel tuo pensiero... guarda che nessuno ti obbliga mica a comprarlo

    oltretutto se invece di windows server ci fosse stato di mezzo un sistema operativo che inizia con la "elle" sicuramente a quest'ora saresti tutto eccitato
    non+autenticato
  • quoto
    {Magari prima di scrivere castronerie faresti prima ad informarti.. io sto lavorando ad un progetto in cui è previsto Win Home Server come fulcro di un sistema domotico, e cmq.. si, se vuoi potrai loggare il numero di sciacquonate del cesso}

    io leggo RETE DOMESTICA per rete domestica leggo LAN DOMESTICA non vedo da nessuna parte scritto che si PARLA DI DOMOTICA. Non leggo da nessuna parte che c'e' un gruppo che sta lavorando sulla domotica in questo articolo.
    Per cui io invece ti posso dire sto lavorando segretamente in un progetto segretissimo all'AREA 51 che grazie al nuovo programma made in redmond si potra sciaquonare remotamente nelle future colonie umane su marte.
    Senza una descrizione del lavoro e del progetto
    io Leggo F.U.F.F.A
    ciao
    squoshhhhhhhhhhh
  • quoto
    {mammamia quanta disperazione e frustrazione nel tuo pensiero... guarda che nessuno ti obbliga mica a comprarlo}

    e difatti ste redmond aspetta che me lo compri per casa sta fresco!

    {oltretutto se invece di windows server ci fosse stato di mezzo un sistema operativo che inizia con la "elle" sicuramente a quest'ora saresti tutto eccitato}
    se fosse stato per linux avrei risposto agli sviluppatori: ma che vi siete bevuti il cervello? Ma notoriamente gli sviluppatori Linux sono persone molto intelligentiSorride
  • x Gio
    Usare un server Linux no eh ?
  • [non vedo da nessuna parte scritto che si PARLA DI DOMOTICA]

    vero. però non c'è nemmeno scritto che un server windows in casa serva solo per giocare in rete.
    sottovalutare le possibilità di un server da salotto non è un errore nè nostro nè di PI
    non+autenticato
  • quoto {vero. però non c'è nemmeno scritto che un server windows in casa serva solo per giocare in rete.
    sottovalutare le possibilità di un server da salotto non è un errore nè nostro nè di PI}

    guarda forse staro' davvero invecchiando ma sinceramente non vedo cosa ci possa fare un utente finale di una rete domestica almeno che non voglia fare delle mega lan party suggerimenti ?Sorride
  • Beh per esempio spostare flussi video o fare il backup centralizzato. L'idea non è cattiva, peccato che come al solito Microsoft ci arriva in ritardo e con un sistema "server" che vero server non è... A parte il kernel che credo derivi dal 2003 (se non è così qualcuno mi smentisca) non credo che molti utenti abbiano la necessità di avere un serverino in casa, e se ce l'hanno non credo lo faranno acquistando Home Server...
    Č molto più semplice usare XP o GNU/linux (presuppongo che ci voglia comprarlo se ne intenda a sufficienza, dovrebbe avere almeno 3 dispositivi da collegarci spero, altrimenti non sarebbe giustificata la spesa).
    Inoltre tenere costantemente collegata alla corrente una macchina, per quanto Energy-Efficient sia, non sarà mai Portafoglio-EfficientOcchiolino