Gaia Bottà

Pedonet, arresti a raffica, 31 bimbi tratti in salvo

Oltre 700 identificati, 63 arresti, 31 minori sottratti agli abusi: questi i numeri di un'operazione condotta in 35 paesi per smantellare una community dedita a produzione e scambio di materiale illegale in Rete

Pedonet, arresti a raffica, 31 bimbi tratti in salvoRoma - Un'indagine per molti versi del tutto inedita quella condotta in questi giorni contro gli abusi sui minori, una campagna investigativa che ha preso corpo in molti diversi paesi e che ora ha ridotto al silenzio una chat room dedicata alla condivisione di materiale pedopornografico.

Per uno dei gestori di quella chat è già scattata la condanna alla reclusione "fino a che non rappresenterà più una minaccia per i bambini". Kids the Light of Our Lives, "i bambini, la luce delle nostre vite", questo il nome della community attorno alla quale ruotava un circuito di persone in trentacinque stati, segnala Wired. Centinaia di migliaia le foto e i video prodotti e scambiati, testimonianza di abusi compiuti su minori, tutto materiale ora all'attenzione degli inquirenti.

Regno Unito, USA, Canada, Australia sono solo alcuni dei paesi le cui forze dell'ordine sono state mobilitate nell'operazione guidata dal Child Exploitation and Online Protection Center (CEOP) britannico, durata dieci mesi e tuttora in corso, nonostante l'arresto di quelli che sono considerati due dei principali responsabili.
Quasi a voler dare un volto alla brutalità, a voler offrire una catartica valvola di sfogo, i media hanno mostrato al mondo le immagini del criminale condannato, ne hanno tratteggiato la vita fin nei dettagli. 27 anni, rispettabile, Timothy Cox si presentava come Son of GOD, a sottolineare l'affinità con G.O.D., l'ex gestore di una chat pedopornografica americana, che operava sotto questo altisonante pseudonimo.

Le forze dell'ordine del Regno Unito sono arrivate a Cox grazie ad una segnalazione della polizia canadese, una segnalazione resa possibile dal coordinamento internazionale operato attraverso la Virtual Global Taskforce (VGT). Una chatroom canadese, chiusa dalle forze dell'ordine negli scorsi anni, sembrava essere tornata operativa, dal Regno Unito.

La stessa scala gerarchica e lo stesso meccanismo di attribuzione della reputazione, guadagnata in base alla condivisione di contenuti, spesso prodotti "on demand", ha rivelato a Canadian Press Paul Krawczyk, l'agente della polizia canadese che ha inoltrato la segnalazione. È così che, a seguito di indagini, si è proceduto all'arresto del ventisettenne, a settembre 2006: nove capi d'accusa, per il possesso e la distribuzione di immagini che raffiguravano abusi sui minori, quasi 76mila quelle individuate sul suo hard disk, almeno undicimila quelle che Cox ha distribuito.

"Sono fuori per un tè", questo il messaggio che figurava accanto al nickname di Cox al momento dell'arresto, per giustificare la sua assenza. Assumendo la sua identità, le forze dell'ordine hanno potuto infiltrarsi nell'ambiente: sono bastati pochi giorni per raccogliere gli elementi necessari ai fini dell'operazione.

La chat sembrava però essere tornata operativa, nelle settimane successive. A gestirla, Gordon Mackintosh, un manager trentenne, che si è dichiarato "intossicato" dalla sua attività. Ha chiesto il patteggiamento e verrà giudicato il 29 giugno. Nel frattempo, gli agenti sono tornati a vigilare sulla chat, raccogliendo ulteriori indizi, che hanno condotto ad altri arresti e all'identificazione di altri sospetti.

Grazie ad un'azione coordinata, grazie alla collaborazione delle forze dell'ordine di numerosi paesi, sono 700 gli adulti identificati, 63 gli arrestati, riporta in una nota l'Australian Federal Police. "Un brusco risveglio per coloro che pensano di poter proseguire in queste attività raccapriccianti senza incorrere in conseguenze", così ha definito l'operazione Jim Gamble, capo del CEOP Centre inglese e della coalizione internazionale contro gli abusi sui minori.

Nel corso dell'operazione, ed è questo naturalmente il risultato più rilevante, spesso sconosciuto ad operazioni contro la diffusione del pedoporno in rete, 31 bambini sono stati identificati e sottratti ai propri aguzzini.

Gaia Bottà
134 Commenti alla Notizia Pedonet, arresti a raffica, 31 bimbi tratti in salvo
Ordina
  • - Scritto da: qwe
    > @zerouno
    >
    > >Per me sono solo immagini innocenti, per un
    > pedofilo non
    > sò.
    >
    > No aspetta, stai dicendo che se uno è accusato di
    > pedofilia quelle immagini valgono come prova? E'
    > questo che stai
    > dicendo?

    Sì e potrei dimostrarlo.
    Accade questo: tu finisci in un sito pedopornografico per qualunque motivo, anzi magari finisci su un sito che ne condivide l'IP (non me ne intendo molto di reti) Se per quel sito sono monitorati gli accessi dopo un po' di tempo ti arriveranno in casa con un decreto di perquisizione (merito del magistrato che fa indagini mirate: si indagano i possessori della linea telefonica cui si riferisce l'IP intercettato) Perquisiranno tutto anche la macchina e metteranno le mani addosso a tutte le persone presenti in casa. Ti metteranno sottosopra la casa e il luogo di lavoro. Tutti sapranno (perché il giornale ha parlato delle perquisizioni incensando anticipatamente le forze dell'ordine e i magistrati, senza aspettare le sentenze) che sei indagato per qualcosa di orribile. Per due anni vivrai circondato da persone che sospetteranno di te OGNI NEFANDEZZA
    La perizia del disco rigido non rileverà nessun file di contenuto pedopornografico relativo al sito in questione né nessun altro sito pedopornografico. Né file né partizioni cifrate né altro ma troveranno fotografie come quelle riportate sopra. In presenza di foto come quelle il magistrato potrà ritenere opportuno punirti per la tua pedofilia
    Questo è quanto accade è accaduto e continuerà ad accadere. Fintanto che la legge non darà una definizione di pornografia qualunque magistrato prima e il giudice poi deciderà arbitrariamente per che cosa puoi essere punito. Nota bene. Tu in presenza di quelle foto, in assenza di una norma tassativa che lo decida per te, NON PUOI DECIDERE se la detenzione di quelle foto sia lecita. (Io per esempio avendo messo il link a Sturges potrei essere indagato per DIFFUSIONE di materiale pedopornografico, reato più grave della detenzione, e rischiare fino a 10 anni, per una foto!) Il Magistrato lo deciderà POI al posto tuo e tu verrai condannato o assolto senza mai aver potuto sapere, fino a un secondo prima della sentenza di aver commesso un reato. Intanto hai sostenuto un dibattimento pubblico, magari sarai dovuto ricorrere in appello o in cassazione e intanto passeranno anni e la tua vita sarà distrutta da un'accusa infamante. Questo fanno gli eroi che finiscono sui giornali. E NON POSSIAMO escludere che ciò possa essere accaduto anche questa volta. Che fossero foto di semplice nudo.


    > Cioè stai bellamente ammettendo che LA LEGGE
    > *NON* E' UGUALE PER
    > TUTTI.
    > Se la foto fa presupporre che ci sia una
    > violazione dei diritti del minore (foto
    > pornografiche) allora okay, ma non puoi incolpare
    > qualcuno che si fa delle fantasie su una foto di
    > un bambino in spiaggia, perchè cosi NON STAI
    > PROTEGGENDO un minore, ma solo mettendo in gabbia
    > uno che si fa delle
    > fantasie.
    > Anchio ho fantasie di scoparmi una bella ragazza,
    > ma mica lo infilo appena queste si mettono a
    > 90....
    non+autenticato
  • l'aggettivo sostantivato "pedofilo" è usato a proposito o a sproposito per definire cose molto lontane tra loro. a ragione o a torto ci sono persone che attraverso siti di vario tipo aventi lo scopo di diffondere delle idee più libertarie del sesso, che hanno appunto e semplicemente un'idea più libertaria del sesso e che, anche se sono attratti dai più giovani, non sono pedofili, non hanno una parafilia, un'attrazione ossessiva ed esclusiva per i bambini, persone dicevo che affermano che la pedofilia non è in sé stessa una cosa cattiva o condannabile e così facendo si definiscono implicitamente pedofili. dall'altra parte ci sono i media che per semplificare parlano di pedofili per definire tutti gli autori di crimini a sfondo sessuale, come stupri, molestie sessuali, commercio di pedopornografia. inevitabilmente questa confusione moltiplica i casi di pedofilia e giustifica ormai qualunque iniziativa: del politico in cerca di consensi, del magistrato in cerca di risultati visibili e di promozioni, del legislatore in cerca di controllo e di risultati per il suo governo, dell'uomo dello spettacolo in cerca di pubblicità, dell'attivista antipedofilo, per aggiungere giorno dopo giorno un nuovo tassello alla sua teoria di una rete della pedofilia onnitentacolare, che faccia apparire indispensabile la raccolta di fondi, e giustifichi la propaganda. la pedofilia in senso psichiatrico è una parafilia assolutamente controversa, poco studiata e assolutamente rara, come afferma il criminologo Francesco Bruno in una recente intervista a Terra e che ancora più raramente sfocia in azioni criminali, come abusi, o in rapporti sessuali denunciati come abusi, le quali, non è inutile ricordarlo, sono commesse per lo più da non pedofili: padri, fratelli, famigliari, ecc, quindi da persone che non hanno un'attrazione particolare per i bambini, che non sono identificabili come pedofili o almeno come pedofili parafilici o parafiliaci. la propaganda antipedofila invece, da qualunque parte arrivi, non fa altro che alimentare la smania antipedofila, l'ossessione antipedofila, la psicosi antipedofila, che non ha nulla di razionale e che ha prodotto danni sociali incalcolabili, per ora pagati da alcuni capri espiatori, vittime di qualche magistrato contagiato dalla psicosi, ma che a lungo termine sarà pagata da tutti per ragioni che non mi soffermo ad analizzare, tra cui la perdita di alcuni diritti civili fondamentali, fino a poco tempo fa ritenuti intoccabili, come la privacy. a molti non è sfuggita l'analogia con le caccie alle streghe del medioevo, che ha due elementi fondamentali in comune con la caccia ai pedofili. l'incapacità di analizzare un problema reale e di estirparne le cause in modo mirato (e il corrispettivo bisogno di colpire alla cieca un numero indeterminato di bersagli analogicamente associati al problema) e la causa di questa incapacità, la presenza dei predicatori. ogni fenomeno religioso o pseudoreligioso, anche politico, e in certi casi anche commerciale, è determinato dalla presenza dei predicatori. se i predicatori fano leva sulle paure e sui sentimenti in modo irrazionale è corretto parlare di sette, di movimenti o di organizzazioni sovversive. questo è quello che, in breve sintesi, sta succedendo. nessuna persona su questo forum che difenda i diritti dei cittadini italiani da leggi o da propagande antipedofile o da indagini fatte coi piedi appartiene alla categoria di predicatori suddetta. alla suddetta categoria di predicatori appartiene invece senza ombra di dubbio Goday Yusaku, un virulento troll del pedoporno che scrive su questo forum, che giorno dopo giorno alimenta e rinfocola la psicosi di massa contro persone di fantasia assolutamente inesistenti, associate ingiustamente a persone reali che con i pochi casi esistenti e certamente esecrabili di pedofilia criminale nulla hanno a che fare.
    non+autenticato
  • Concordo su quasi tutto quello che dici.

    Perchè quasi ? Bhe semplice, su questo forum si è sempre visto male, certi interventi contro la "pedofilia" o meglio contro lo sfruttamento sessuale dei bambini. Soprattutto quando la Prestigiacomo, comincio con la sua delirante legge che punisce ciò "che sembra" pure il virtuale (disegni, modelli poligonali ecc ecc), fino ad arrivare ad un sistema di censura che danneggia tantissimi elementi e che porta dunque all'oscuramento di numerosi siti.

    Per non parlare come anni fa (5 o 6 non ne sono sicuro) una associazione Genovese dal nome "cittadinanzattiva" accuso pure un famoso manga (Dragon ball) di incitare la pedofilia (considerando poi la legge sull'apologia di reato, sai che casino è successo) e il PM dell'epoca, un certo De Gennaro, prese subito la palla al balzo mettendo in difficola la casa editrice italiana che lo distribuiva, se non erro la play press, che mesi più tardi si ritrova per strada lo stesso PM che accusa una sua rivista di nome PlayX, di diffondere la pedopornografia ai minori. Peccato che tale rivista non era pedofila ma era dedicata agli Hentai o meglio al materiale erotico che proviene dal giappone ed in fine tale testata era vietata ai minori di 14 anni (oltre che costare uno sprofondo ed uscire ogni 2 mesi...tipo per quel genere di pubblicazione >_<)
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Godrai col Pedoku
    > Ma non dovrebbero censurare anche i bambini in
    > televisione? Dopotutto sono figli di qualcuno e
    > se un pedone si sega guardandoli è come se ne
    > avesse abusato....

    http://www.sanmarinortv.sm/economia/default.asp?id...

    PS Era il governo Berlusconi all'interno della legge Gasparri quindi è stata la destra a partorire quella legge (la sinistra ha fatto altre cose negative, ma non quella)

    ------------
    2+2 fa 5. E' così perché è così. Godai Yusaku l'ha detto! Tutti a prostrarsi ai suoi piedi! E se provate a dimostrare scientificamente che si sbaglia FARNETICATE!
    (questa firma resterà finché ci sarà sul forum anche una sola persona che sosterrà una tesi senza dimostrarla con metodi scientifici)
  • hmm aspetta.... ma non avevano tolto quella roba?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > hmm aspetta.... ma non avevano tolto quella roba?

    Quando io ho risposto i messaggi di quel thread c'erano ancora, poi ricordo che ho fatto un paio di edit e probabilmente tra un edit e l'altro avevano cancellato il messaggio. Probabilmente all'ultimo edit ha rimandato da zero il messaggio visto che non lo trovava più (tant'è che non compare "modificato" in fondo... quelli precedenti li cancello io quando riedito ma l'ultimo compare sempre)


    ------------
    2+2 fa 5. E' così perché è così. Godai Yusaku l'ha detto! Tutti a prostrarsi ai suoi piedi! E se provate a dimostrare scientificamente che si sbaglia FARNETICATE!
    (questa firma resterà finché ci sarà sul forum anche una sola persona che sosterrà una tesi senza dimostrarla con metodi scientifici)
  • Salve, dico subito che la lapidazione in piazza è l'unica cosa che posso ravvisare utile e risolutiva ad un problema che in Italia prendiamo sotto gamba: primo ,queste bestie vengono protette quando messi in carcere da possibbili abbusi (il paradosso all'italiana); scarcerati viene data a loro la possibilità di trasferirsi in maniera del tutto anonima e se il caso lo richiede gli viene dato loro anche un lavoro.Potete non crederci ma intanto vi ricordate quando un po di anni fa c'è stata la proposta di stilare una lista con relative residenza di questa persone cosa è successo? Abbiamo respinto questa ipotesi che avrebbe vilato...non voglio neanche continuare....ma se ancora non ci credete provate a scoprire i nominativi di queste bestie e dove questi risiedono: "chi è causa del suo male pianga se stesso".A tutti coloro che credono che queste bestie si possano redimere dico loro soltanto sperate di non trovarvi mai coinvolti.Un Augurio Sincero per un Mondo Migliore !!!!
  • No scusate...
    Due o tre minuti e poi pace eterna....
    Meglio una luuuuuuuuuuuunga sofferenza!
    per wakko: se t'akkiappo in spiaggia a fotografare bambini non tuoi giuro che la macchina fotografica diventerà parte integrante del tuo stomaco...e non te la faccio entrare dalla bocca!
    Attento che ti spiano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: nello
    > No scusate...
    > Due o tre minuti e poi pace eterna....
    > Meglio una luuuuuuuuuuuunga sofferenza!
    > per wakko: se t'akkiappo in spiaggia a
    > fotografare bambini non tuoi giuro che la
    > macchina fotografica diventerà parte integrante
    > del tuo stomaco...e non te la faccio entrare
    > dalla
    > bocca!
    > Attento che ti spiano!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ocio, che se ti sbagli non puoi far tornare in vita un morto, quindi? che si fa? per logica, chi ha permesso che un innocente sia morto, deve a sua volta morire, n'evvero?

    Ottimo, cosi' in capo a 10 anni abbiamo risolto il problema del sovraffollamento del paese.

    te stai male figliolo, secondo te chiunque fotografa un bimbo e' un potenziale pedofilo? mamma mia che brutta vita devi condurre, vedere sempre il marcio dappertutto, come fai a campare cosi'?
    DuDe
    896
  • ma tutti gli invasati vengono in questo forum ora ?
    Sgabbio
    26178
  • L'atteggiamento violento di certe persone non è giustificabile, ma certamente comprensibile. Guarda anche nel mondo animale come le madri proteggono i loro piccoli. Che ci crediate o meno, la stragrande maggioranza degli Italiani non resterebbero con le mani in tasca a sentire tutte le vostre stronzate apologetiche sulla differenza tra l'abuso e il "dimostrare fisicamente affetto" verso i bambini - condivido appieno la loro tolleranza zero verso la pedofilia.

    L'idea che qualche deviato come voi si ecciti pensando ad un mio bambino è perfettamente in grado di farmi perdere temporaneamente l'uso della ragione. Consideralo un meccanismo difensivo naturale.
  • Vorrei rispondere ad alcuni messaggi specifici ma il forum attuale e' inutilizzabile;

    esprimo solo alcuni miei pensieri in risposta a quel che ho letto:

    la pena deve essere proporzionata al reato connesso, non ce la vedo gente al patibolo gente che scambia foto mentre casi in casi come quello di Dutroux sono daccordo che il patibolo e' un po' povo; per me vale il ragionamento che la pena va proporzionata al danno commesso.

    I pedofili non sono aumentati, probabilmente la proporzione e' rispettata solo che una volta le cose andavano diversamente;
    in passato si viveva di meno, se al tempo dei romani la vita media era di 30 anni andando indietro le cose peggiorano ulteriormente, ed e' chiaro che appena passata la puberta' maschi e femmine erano pronti anche perche' per crescere i figli bisognava vivere almeno il tempo necessario di farli diventare indipendenti.

    Infine penso che l'operazione e' sia stata un successo se e' vero che hanno savato dei bambini, tuttavia non c'e' nessun detaglio su questa storia e mi dispiacerebbe se fosse solo sensazionalismo (ad esempio se alcuni arrestati hanno figli e questi vengono conteggiati come salvati).

    purtroppo su questi argomenti in Italia si sta perdendo il contatto con la realta' come succede negli Usa, dove hanno la mania delle pene esemplari e assistiamo tutti i giorni ad un sacco di eccessi, mentre il panorama europeo mi sembra un po' piu' equilibrato e dovremmo prendere da loro.

    mi domandavo se questo giustizialismo in italia che no nriguarda solo la pedofilia ma un sacco di altri reati di ogni tipo non sia la conseguenza del pessimo funzionamento del nostro sistema di giustizia che ci fa arrabbiare per ogni cosa e perdere il lume della ragione, no na caso nei paesi dove la giustizia funziona questi eccessi non esistono.

    E infine come ho letto in altro thread trovo paradossale che nussuno dica nulla sulle stragi commesse dalle guerre democratiche, tuttavia ho una mia idea del perche' non succeda, ovvero penso che i bambini stranieri come quelli di Iraqo afghanistan che muoiono tutti i giorni siano extracomunitari quindi non ci riguardino; allora saremmo una nazione razzista e ho paura che sia effettivamente cosi'.
    non+autenticato
  • Prima di tutto, Modera le parole! Deviato sarei te che vedi chi cerca di parlare di questo argomento in maniera razionale, come un malato mentale! Prima di tutto, qui non si fa niente di male, ma si discute tranquillamente su questo argomento, cercando di vedere questa cosa della "pedofilia" su più punti. Putroppo qui in italia per via di una legge fatta ai tempi del fascismo (apologia di reato), se provi a dire qualcosa diverso dei giornali uraltori di scandali e creatori di mostri, vieni bollato come criminale e strupratore uccidi bambini.

    In seconda cosa, qui nessuno vuole violentare i bambini! Non so chi ti ha messo in testa questa idea o come sei arrivato a questa opinione, ma qui non c'è nessuno che fa queste cose ed è stato ripetuto più volte.

    Sono francamente stanco di essere diffamanto in questo modo perchè esprimo una mia opinione! Poi manco mi piaciono i bambini come intendi te! Quindi perfavore, invece di fare "l'animale della savana che difende il suo piccolo", cerca di non insultare il prossimo per una opinione.

    edito: Ti Quoto Fred, per quello che hai detto.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 giugno 2007 16.35
    -----------------------------------------------------------
    Sgabbio
    26178
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)