Il quad-core di AMD nascerà ad agosto

Il chipmaker rivela finalmente al mercato quando apriranno gli occhi i primi modelli di Opteron quad-core, noti come Barcelona. I rivali non stanno a guardare: Intel ha già pronte le contromosse

Sunnyvale (USA) - È ufficiale: i primi processori quad-core di AMD, già noti come Barcelona, saranno consegnati ai produttori di PC ad agosto: ciò significa che i primi sistemi che li adotteranno arriveranno sul mercato nel corso di settembre.

Già da tempo AMD aveva preannunciato che Barcelona sarebbe arrivato intorno alla metà del 2007, ma se inizialmente molti ipotizzavano si sarebbe trattato di giugno, negli ultimi mesi era divenuto sempre più chiaro che il debutto sarebbe avvenuto solo ad estate inoltrata.

AMD ha rivelato che i primi modelli di Barcelona, il cui nome commerciale sarà Quad-Core Opteron, avranno frequenze di clock fino a 2 GHz e conserveranno lo stesso profilo termico degli attuali chip dual-core. Sebbene il produttore non abbia ancora divulgato i dettagli relativi ai nuovi Opteron multi-core, alcune fonti ben informate sostengono che i primi modelli ad arrivare sul mercato avranno un clock di 1,7 GHz, 1,9 GHz e 2 GHz: del primo esisterà solo la versione a basso consumo, del secondo saranno disponibili versioni a consumo standard e ridotto. L'azienda lancerà modelli con frequenze più elevate nel corso del quarto trimestre.
Il clock può apparire piuttosto modesto se comparato ai 3 GHz degli Opteron attualmente più veloci, ma AMD afferma che i megahertz non sono l'unico indice delle performance: secondo il chipmaker il Quad-Core Opteron a 2 GHz potrà competere con uno Xeon quad-core a 2,6 GHz. Rispetto invece agli attuali Opteron dual-core, AMD afferma che i nuovi chip "possono raggiungere un incremento prestazionale anche del 70% su talune applicazioni database, e fino al 40% in più su alcune applicazioni di calcolo in virgola mobile".

"Ora più che mai i clienti si aspettano livelli di efficienza energetica, performance per watt assorbito e performance assolute senza compromessi. In questo contesto, fornire maggiori prestazioni ma a fronte di maggiori consumi elettrici non è più possibile", ha dichiarato Randy Allen, corporate vice president della Server and Workstation Division di AMD. "AMD ha dato priorità alla produzione di processori standard e a basso consumo, dal momento che sono quelli richiesti dai propri clienti e dall'intero ecosistema, e siamo fermamente convinti che l'introduzione del nuovo processore Quad-Core AMD Opteron manterrà la promessa dei più alti livelli di performance per watt mai registrati nell'intero settore".

AMD sostiene che gli Opteron di nuova generazione sono "le prime CPU x86 al mondo che integrano quattro core di elaborazione su un unico chip di silicio". Come noto, gli attuali processori quad-core di Intel sono invece composti da due CPU dual-core integrate sullo stesso package. Sulla carta l'approccio di AMD è effettivamente migliore, perché ottimizza la comunicazione tra i core, resta però da vedere se un'architettura più raffinata saprà fornire vantaggi anche sul lato pratico. Non si può inoltre dimenticare che le soluzioni quad-core di Intel sono arrivate sul mercato con quasi otto mesi di vantaggio rispetto a Barcelona, e che il loro prezzo è destinato a ridursi sensibilmente da qui a settembre.

Barcelona dovrà per altro vedersela non solo con l'attuale linea di processori Xeon 5300 di Intel, ma anche con gli imminenti processori Tigerton (v. dettagli rivelati da DigiTimes.com) e quelli basati sull'architettura Penryn, la prima ad avvalersi di una tecnologia di processo a 45 nanometri. Nel 2008 Intel lancerà poi Nehalem, un'architettura che porterà con sé novità molto importanti quali un controller di memoria integrato, una versione rivisitata della tecnologia Hyper-Threading, il supporto fino a 8 core nonché la capacità di integrare uno o più processori grafici.

Nel frattempo Intel ha fatto sapere di aver venduto, dal giorno del lancio ad oggi, un milione tondo tondo di Xeon 5300 (Clovertown), questo soprattutto grazie ad un'aggressiva politica dei prezzi tesa a riconquistare le quote di mercato server cedute negli ultimi anni a Opteron.

Tra le novità di Barcelona spiccano miglioramenti nella tecnologia di risparmio energetico PowerNow! atte a consentire la regolazione dinamica delle frequenze dei singoli core. Un'altra importante novità nella gestione energetica fa leva sull'architettura Direct Connect e su un controller di memoria integrato per consentire ai processori Barcelona di ridurre il voltaggio anche quando il controller opera a piena velocità. Così facendo il controller è in grado di gestire le richieste di memoria esterne indipendentemente dalle transizioni dei p-state.

L'interfaccia della memoria di sistema incorpora anche una funzione che "spegne" la logica di memoria quando non è in funzione. Nel design dei processori Barcelona, AMD ha fatto anche ampio ricorso a tecniche di clock gating per consentire lo spegnimento automatico delle aree di logica inutilizzate.

I nuovi processori quad-core nativi AMD Opteron sono stati progettati per le medesime infrastrutture di alimentazione utilizzate oggi, con profili termici di 68, 95 e 120 watt.
7 Commenti alla Notizia Il quad-core di AMD nascerà ad agosto
Ordina
  • Se il prodotto viene proposto ad un prezzo conveniente rispetto la concorrenza, lo si sceglie a parità di prestazioni ed affidabilità. Anche se AMD con i nuovi modelli non la spunterà sul versante delle prestazioni assolute, potrà spuntarla sul versante dei prodotti di fascia medio-alta con una oculata politica dei prezzi.
    Questa cpu quad core, chiamata Barcelona, dovrebbe essere chiamata Barcelate per il forte ritardo con cui giunge a fronteggiare la concorrenza, ritardo che potrebbe essere fatale.
    non+autenticato
  • io ho un athlon x2 che funzia a meraviglia con Ubuntu64, ma gli ultimi articoli mi hanno fatto riflettere un po' sull'acquisto di nuovi processori, stanno andando troppo veloci, il che significa che i tempi di elaborazione di progetti si sono abbreviati, ma quelli della sperimentazione si sono tagliati, a discapito dell'utente.
    La vecchia legge di aspettare un annetto dopo l'uscita di un processore per sapere i pareri dei malcapitati rimane sempre valida. Funziona per tutti i prodotti CLOSED, hard, soft e microz.
    non+autenticato
  • 68 Watt un quad???? Ma quale clock?
    Se non fosse che gli Opteron costano un botto, sarebbe da prendere al volo! Risparmi in bolletta a manetta.
  • beh, il clock è sempre un valore importante.. se no perchè non ti prendi un "bel"!? processore da 1 mhz degli anni '70? immagino consumerà sicuramente meno di quei 68 watt del quad-core, ma oggigiorno è del tutto inutile e non ci puoi fare niente.

    il consumo energetico in fondo non è il valore più importante da tenere in considerazione; anche se ultimamente cresce sempre più l'attenzione al risparmio energetico e al rispetto ambientale - bada bene che in realtà è quasi tutta solo una facciata, perchè in realtà non frega niente a nessuno - questo non ne fa la "differenza" in caso di scelta d'acquisto.

    come al solito, è ovvio che chi i soldi ce li ha se ne "fregherà" se alla fine del mese dovrà pagare 50 € di corrente o 100 €, o anche 150 €... se uno ha i soldi si paga la sua bolletta e si "gode" il suo super-processore mettendo da parte i consumi energetici.

    d'altra canto, riconosco che la cosa è invece ottima per chi, come la maggior parte della gente, non può permettersi di pagare tutte le volte bollette troppo elevate.

    ma penso che finchè la differenza nei consumi si attesta tra 65-68 watt e 125-140 watt, non sia poi la fine del mondo, no?
    un conto sarebbe stato se si parlava di 200 o 300 watt di consumo totali, ma così, anche nell'ambito del risparmio economico non è che ci si guadagni poi così tanto, se non quei 5-10 € in più rispamiati; con i quali oggi non ci fai molto lo stesso.

    naturalmente io sono a favore del risparmio energetico ove possibile, a patto di parità o miglioramento prestazionale s'intende.
    risparmiare, fosse anche solo 1 watt, è sempre meglio!
    ma di certo questo non fa del consumo energetico caratteristica essenziale all'acquisto.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 02 luglio 2007 03.24
    -----------------------------------------------------------
  • secondo me i problemi sui consumi ci sono eccome.. ma non per noi comuni mortaliSorride

    in effetti non hai del tutto torto dato che non è certo sul consumo di una singola cpu o fossero anche 10 che si vede(e si sente) la differenza.

    chi ne giova ovviamente sono i grossi "consumatori", centri di calcolo, datacenter ecc ecc

    leggevo qualche giorno fa se non erro proprio qui su PI che, solo considerando gli USA, potrebbero risparmiare miliardi in consumo energetico solo con una nuova tecnologia(IBM?)

    sarebbe interessanto cmq vedere 2 di queste cpu sul multi-socketCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • il discorso del consumo magari interessa poco al singolo privato però è fondamentale in una sala server. Pensa ad avere 20 server (non sono molti) con un consumo massimo di 600W. Per mandarli avanti bisogna avere un impianto elettrico da 12kW solo per loro (un normale impianto domestico è da 3kW) e poi un impianto di condizionamento in grado di smaltire tutto il calore che producono (e anche questo consuma elettricità e molta). Spesso aggiornare i server vuol dire riprogettare tutta la sala server per adeguare impianto elettrico e di climatizzazione, sono costi su costi che si sommano e un'azienda ragiona in termini di costi/benefici non di "ho i soldi da spendere".
    non+autenticato
  • Il problema del consumo non e' solo per il risparmio energetico (anche se su un portatile questo aspeto e' abbastanza fondamentale), ma credo anche per la dissipazione di calore.

    Sinceramente mi fa piacere che nella progettazione di nuove cpu si lasci perdere finalmente la questione "performance" e si punti invece a ridefinire una nuova architettura per una migliore usabilita' (il che vuol dire anche ridurre i consumi e dimensioni del computer per esempio).

    Le caratterestiche di potenza di calcolo dei moderni computer rapportate all'uso che ne deve fare l'utente medio sono ridicolmente sovradimensionate. Le pubblicita' che ho visto per venderti cpu sempre piu' potenti sono una parodia di se stesse. Ad esempio, per i dual core: "Il nuovo processore per navigare in internet e telefonare con skype SIMULTANEAMENTE!!!"