La censura italiana si schianta negli USA

Il provider americano al quale è stato chiesto di oscurare i servizi italiani di NoBlogs.org riapre il rubinetto. Quei contenuti - dice - sono legali. Intanto parte l'image-guerrilla: Liberté, Egalité, Volonté

Roma - La loro colpa è stata quella di dare spazio ad un mirror di Operazione:Pretofilia, il game di Molleindustria finito sotto la scure della censura italiota: dopo l'oscuramento subito nelle scorse ore, però, il network di NoBlogs.org è di nuovo online. Il motivo? Il provider americano che ospita il server del network italiano ha comunicato che i suoi contenuti, almeno negli USA, sono del tutto legali.

Lo spiegano quelli del collettivo Autistici/Inventati che gestiscono NoBlogs.org e le sue centinaia di pagine, naturalmente a modo loro: "Dio è vecchio e stanco, e i suoi emissari sulla terra non se li sceglie più sempre tanto bene. Faranno paura lo stesso, perché hanno tutti la voce grossa e i media dalla loro parte, ma con grande gioia abbiamo scoperto che i loro trucchetti non fanno ancora effetto urbi et orbi (...) Il provider che ospitava il nostro server si è rivolto al suo consulente legale e ha avuto conferma che Pretofilia non infrange nessuna legge, almeno in America. Ecco cosa ci scrive il provider:
"Abbiamo esaminato con l'assistenza di un consulente legale esperto di diritto statunitense il contenuto che avete pubblicato. Il contenuto è legale.""

L'oscuramento del mirror di Operazione:Pretofilia pubblicato su NoBlogs.org era stato chiesto, sulla scorta delle decisioni italiane, da un'associazione per la difesa dei minori "che ha tentato - sottolinea Autistici/Inventati - con una semplice mail di mettere fuori uso un servizio usato da centinaia di persone".
"Ma il problema - continua il Collettivo - è che in questi tempi oscuri le graticole non servono più, e la voce grossa basta e avanza per imporre e far dilagare una sottocultura di bigottismo e chiusura mentale. I casi sono molti, e i brividi provati ieri sono stati solo per caso un eccesso di paranoia. L'unica speranza che rimane è quella delle decine di mirror spuntati alla prima notizia di censura, e la constatazione che l'azione creativa e la resistenza attiva nei confronti del neo-oscurantismo non sono solo modi di dire, ma atti concreti".

E in effetti i mirror di Operazione:Pretofilia si moltiplicano, di ora in ora, dando così l'impressione che la sua diffusione non possa ormai essere più fermata. Ma oltre ai siti che lo pubblicizzano, come già sanno i lettori di Punto Informatico, il videogioco di Molleindustria circola sulle principali piattaforme di file sharing.

Ed è significativo che proprio in queste ore nuove iniziative creative nascano per denunciare certi episodi di censura. Con una nota in cui si parla di "image-guerrilla", "il gruppo immaginario Les Liens Invisibles in collaborazione con Image Guerrilla Group" annuncia un'azione di sostegno a Molleindustria dal titolo emblematico: Liberté, Egalité, Volonté. The Blasphmous Art Riot, un'azione che prende di mira il parlamentare dell'UDC Luca Volonté e che gli autori definiscono quale "opera di plagiarismo sociale ma anche ludico esperimento di networking artivistico".

"La regola per chi intende partecipare al gioco è molto semplice - spiegano gli autori - Linkare, linkare e far linkare su siti e in tutta la blogosfera l'indirizzo http://www.lucavolonte.eu o
http://www.lucavolonte.eu/pedopriest.html dove è tra l'altro possibile giocare a Operation PedoPriest. Così facendo i partecipanti incrementeranno il ranking della rivolta opponendo la visibilità degli "oscurati" a quella delle forze oscurantiste".
103 Commenti alla Notizia La censura italiana si schianta negli USA
Ordina
  • LA SATIRA E’ TUTTA NOSTRA
    Dove sono finiti i difensori della satira ? I difensori della libertà di parola, i crociati dell’Europa libera contro i barbari dell’Islam i quali volevano dar fuoco a quel giornale danese, che pubblicava le vignette satiriche di Allah e Maometto ? il giornale danese è un fogliaccio razzista e le vignette erano piuttosto banali, ma giustamente si difese il diritto alla satira.
    Una mattina il tribunale a Frosinone (Roma) decide di chiudere un sito internet dove con un giochino animato si prendono in giro i preti che troppo amano i fanciulli a loro affidati. Molti troveranno il giochino scemo, altri ci si divertiranno, sono affari che riguardano loro .

    L’amore erotico dei preti per i paggetti paffuti risale almeno all’Alto Medioevo, e probabilmente è destinato a continuare, meno che negli Usa, dove molte diocesi cattoliche sono state distrutte dalle sentenze dei tribunali, nelle aule di giudici protestanti o agnostici verosimilmente.

    Non facciamo troppo i moralisti, la natura di queste relazioni è più antica della Bibbia.
    Invece è dovere morale di ogni cittadino combattere con ogni mezzo la censura, la libertà di espressione non deve avere limiti, è sacra. Un sito internet è volgare o offensivo nei confronti dei preti? Lo giudichino i visitatori, i cattolici invitino a boicottarlo.

    Nella lunga era democristiana, alcuni, sempre troppi, pretori, in cerca di facile carriera, difendevano la morale cattolica, o quella che veniva spacciata per tale, andando sulle spiagge a misurare i costumi da bagno delle signore. A quanto pare qualcuno a Frosinone ci riprova.
    non+autenticato
  • Finalmente .. che paese di merda che siamo .. c'e' bisogno di mettere le cose in america per avere giustizia ...

    Quando dico quando riusciremmo a liberarci di questi maledetti scarafaggi neri, che ragionano con una mente antica di 2000 anni e non si sono mai evoluti.

    Eppure noi, moderni e civilizzati, dobbiamo subirci le loro schifezze e la loro pressione sociale .. che bisogno abbiamo nel 2007 della chiesa cattolica ??
    A cosa ci serve ?
    Perche' non possiamo liberarcene ? E soprattutto perche' dobbiamo proprio essere noi Italiani a dovere sopportare in prima persona questo enorme ed insostenibile peso ??

    Ci sarà tranquillità solo quando quella maledetta croce .. andrà .. beh avete capito dove.
  • esagerato

    esistono anche preti e monaci e parroci di buon cuore e esite una filosofia cristiana e/o cattolica molto profonda che trascende la politica del vaticano.

    essere così drastici vuol dire arrivare all'altro capo della corda.
    non+autenticato
  • Il dramma e' la chiesa degli uomini .. non il principio cristiano.
    Gesù era un idealista, un pacifista, il primo vero hippie dell' umanità .. lui non se la immaginava nemmeno questa cosa.
    Se avesse anche solo sognato per un secondo la chiesa come e' oggi, avrebbe fatto il falegname come suo padre invece di mettersi a fare il profeta.
    I principi di Gesu' erano semplici, alla portata di tutti e orientati solamente alla pace e al vivere tranquillo.
    Ogni suo pensiero, ogni sua parola e' stata travisata e modificata per fare l' interesse degli uomini della chiesa.
  • - Scritto da: koog
    > Il dramma e' la chiesa degli uomini .. non il
    > principio
    > cristiano.
    > Gesù era un idealista, un pacifista, il primo
    > vero hippie dell' umanità .. lui non se la
    > immaginava nemmeno questa
    > cosa.
    > Se avesse anche solo sognato per un secondo la
    > chiesa come e' oggi, avrebbe fatto il falegname
    > come suo padre invece di mettersi a fare il
    > profeta.
    > I principi di Gesu' erano semplici, alla portata
    > di tutti e orientati solamente alla pace e al
    > vivere
    > tranquillo.
    > Ogni suo pensiero, ogni sua parola e' stata
    > travisata e modificata per fare l' interesse
    > degli uomini della
    > chiesa.

    overo sosteniamo grossomodo la stessa cosa,non si deve gettare al vento una cultura millenaria perchè alcune parti di essa sono marce
    non+autenticato
  • - Scritto da: koog
    > Il dramma e' la chiesa degli uomini .. non il
    > principio cristiano.
    > Gesù era un idealista, un pacifista,

    Io direi pacifico.
    Di certo lontano anni luce da alcuni "pacifisti" nostrani.


    > il primo vero hippie dell' umanità

    Non sai quanto ti sbagli, puoi ben immaginare la disposizione di Gesù verso qualunque sostanza stupefacente. Dicendo che Gesù è un hippie lo stai quindi insultando. Ti invito quindi a trattenerti.
    E aggiungo: non sai quanto la filosofia di Gesù sia lontana, per molti aspetti, da quella di tipo "sessantottina".


    > .. lui non se la
    > immaginava nemmeno questa cosa.
    > Se avesse anche solo sognato per un secondo la
    > chiesa come e' oggi, avrebbe fatto il falegname
    > come suo padre invece di mettersi a fare il
    > profeta.

    Dunque, hai capito ben poco della sua missione: Gesù/Dio non falliscono mai, le loro parole vanno sempre ad effetto, non è mai successo che abbiano profetizzato invano. Nessuno, per quanto potente, influente, preparato, erudito può minimamente annullare il piano di Dio. Potrà al limite cercare di contrastarlo, per ottenere infine solo infelicità e miseri risultati. Non è previsto che il piano di Dio fallisca in alcun modo. Non è nel programma.
    Se l'uomo si comporta male il fallimento è esclusivamente suo.
    Gesù stesso in Matteo 24 preannunciò che sarebbero venuti tempi difficili. http://www.laparola.net/wiki.php?riferimento=Matte...


    > I principi di Gesu' erano semplici, alla portata
    > di tutti e orientati solamente alla pace e al
    > vivere tranquillo.

    D'accordo, ma non solo: i principi cristiani sono orientati al progresso spirituale, personale, e sociale di tutte le persone, con l'obiettivo finale di essere sufficientemente preparati a tornare da Dio dopo questa vita. Sono orientati all'apprendimento di tutti i principi celesti ed all'adeguamento ad essi per ottenere la massima felicità possibile.


    > Ogni suo pensiero, ogni sua parola e' stata
    > travisata e modificata per fare l' interesse
    > degli uomini della chiesa.

    A volte le Sue parole non sono (non dico modificate, ma)neanche comprese.
    ldsboy
    2515
  • - Scritto da: ldsboy
    > - Scritto da: koog

    > > il primo vero hippie dell' umanità

    > Non sai quanto ti sbagli, puoi ben immaginare la
    > disposizione di Gesù verso qualunque sostanza
    > stupefacente.

    Cosa dicono le scritture al riguardo ?
    Da quelle parti al tempo se non sbaglio clamorosamente si faceva uso di Amanita Muscaria come allucinatorio, molto anche nei riti religiosi.

    Il vino usato per ubriacarsi in baccanali aveva in quel periodo un enorme ruolo sociale, come è provato da infiniti reperti e documenti. Oltre che nel Caucaso, Armenia e Turkestan, a partire gia' da circa 4000 anni prima di Cristo la vite fu ampiamente coltivata in Caldea, Giudea, Palestina e Egitto e l'uso che se ne faceva nelle cerimonie e' ampissimo, tant'e' che si usa ancora adesso.

    > Dicendo che Gesù è un hippie lo stai quindi
    > insultando. Ti invito quindi a trattenerti.

    Cos'e' un hippie per te ?

    > E aggiungo: non sai quanto la filosofia di Gesù
    > sia lontana, per molti aspetti, da quella di tipo
    > "sessantottina".

    Come al solito sembra che tu l'abbia conosciuto personalmente da come ne parli, mentre la parte razionale di pianeta si chiede ancora se sia esistito storicamente o meno.
    krane
    22544
  • Potrei dire lo stesso di te
    non+autenticato
  • ecco una legge razionale e semplice :chi produce ,vende e compra materiale nel quale sono rappresentati soggetti impuberi che subiscono violenze ed abusi sessuali deve essere punito con pene severissime che vanno fino a tre anni di reclusione per chi compra agli 8 per chi vende,ai 12 per chi produce.
    non è punibile chi detiene immagini di nudi non pornografici,artistici,familiari,di campi naturisti etc.
    non sono punibili i minori che autoproducono immagini erotiche per usi personali e non commerciali(tramite telefonini et similia)
    La navigazione su internet è libera,nessuno deve essere punito per ciò che vede o che scarica gratuitamente.Spetta alle forze dell'ordine censurare i siti ritenuti proibiti,mentre il cittadino può fare delle semplici denunzie se ritiene un sito illegale.
    La privacy del cittadino è sacra e non può essere violata da immotivate irruzioni poliziesche, a meno che non siano stati commessi i reati di cui sopra.
    La libertà di pensiero è sacra ed inviolabile a meno che non si istighi qualcuno a commettere dei reati o degli abusi.
    è opportuno organizzare delle task force internazionali per sgominare le bande mafiose che in certi paesi dell'est asiatico,brasile etc.schiavizano i bambini e li sfruttano sessualmente:certamente molti poliziotti invece di oziare stando seduti a guardare porcate nei computer per cercare di incastrare qualche stupido e tendenzialmente innocuo guardone potrebbero mostrare un po' di coraggio a combattere sul campo chi sfrutta realmente i bambini.

    Purtroppo in Italia la lotta contro la pedopornografia,supportata da leggi assurde e poco razionali, è una semplice buffonata,fumo negli occhi degli allocchi, perchè non si colpisce chi produce materiale pedoporno ,ma semplicemente i malcapitati voyeurs e magari persone innocenti che niente hanno a che vedere con lo sfruttamento sessuale dei bambini.
    Ma le cose non cambieranno visto che è molto comodo comportarsi così orientando a piacimento l'opinione pubblica,mentre i veri mostri continuano a fare danni...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ratio et libertas
    > ecco una legge razionale e semplice :chi produce
    > ,vende e compra materiale nel quale sono
    > rappresentati soggetti impuberi che subiscono
    > violenze ed abusi sessuali deve essere punito con
    > pene severissime che vanno fino a tre anni di
    > reclusione per chi compra agli 8 per chi vende,ai
    > 12 per chi
    > produce.
    > non è punibile chi detiene immagini di nudi non
    > pornografici,artistici,familiari,di campi
    > naturisti
    > etc.
    > non sono punibili i minori che autoproducono
    > immagini erotiche per usi personali e non
    > commerciali(tramite telefonini et
    > similia)
    > La navigazione su internet è libera,nessuno deve
    > essere punito per ciò che vede o che scarica
    > gratuitamente.Spetta alle forze dell'ordine
    > censurare i siti ritenuti proibiti,mentre il
    > cittadino può fare delle semplici denunzie se
    > ritiene un sito
    > illegale.
    > La privacy del cittadino è sacra e non può essere
    > violata da immotivate irruzioni poliziesche, a
    > meno che non siano stati commessi i reati di cui
    > sopra.
    > La libertà di pensiero è sacra ed inviolabile a
    > meno che non si istighi qualcuno a commettere dei
    > reati o degli
    > abusi.
    > è opportuno organizzare delle task force
    > internazionali per sgominare le bande mafiose che
    > in certi paesi dell'est asiatico,brasile
    > etc.schiavizano i bambini e li sfruttano
    > sessualmente:certamente molti poliziotti invece
    > di oziare stando seduti a guardare porcate nei
    > computer per cercare di incastrare qualche
    > stupido e tendenzialmente innocuo guardone
    > potrebbero mostrare un po' di coraggio a
    > combattere sul campo chi sfrutta realmente i
    > bambini.
    >
    > Purtroppo in Italia la lotta contro la
    > pedopornografia,supportata da leggi assurde e
    > poco razionali, è una semplice buffonata,fumo
    > negli occhi degli allocchi, perchè non si
    > colpisce chi produce materiale pedoporno ,ma
    > semplicemente i malcapitati voyeurs e magari
    > persone innocenti che niente hanno a che vedere
    > con lo sfruttamento sessuale dei
    > bambini.
    > Ma le cose non cambieranno visto che è molto
    > comodo comportarsi così orientando a piacimento
    > l'opinione pubblica,mentre i veri mostri
    > continuano a fare
    > danni...
    i siti pedopornografici non li chiuderanno mai perchè sono funzionali al potere che ha bisogno di mostri da additare all'opinione pubblica per nascondere i gravissimi reati di chi appunto gestisce il potere!
    non+autenticato
  • è ovvio che al di fuori del circolo vizioso del produrre,comprare e vendere non ci può essere alcun reato,altrimenti anche chi vede i cadaveri squartati di rotten potrebbe essere indiziato di strage!!
    ma in italia chi le fa le leggi ?
    dei vecchi bacucchi deficienti ,magari degli integralisti cattolici sessuofobici,fanatici e viziosi che pensano che se uno vede un nudo ,va subito fuori a commettere violenze!!!!
    io da ragazzo frequento d'estate campi naturisti e vi assicuro che sono dei posti più morali che esistono,dove allegre famigliole stanno nude in piena libertà armonizzandosi con la natura!
    Non ci sono sporcaccioni e se ci fossero verrebbero subito cacciati fuori a pedate nel culo!!!
    non+autenticato
  • rendiamoci conto che il 50 per cento di pornografia che si vede su internet riguarda foto o immagini di trenta quarant'anni fa ed oltre ,per cui la pretesa di salvare qualche adolescente ritratto nudo è illogica e senza senso,dato che questi ormai non sono altro che dei 40-50nni imborghesiti ,molti dei quali probabilmente si facevano ritrarre volontariamente per puro esibizionismo come ci insegna la cronaca odierna che vede ragazzi e ragazze autoprodursi filmati erotici.
    non+autenticato
  • Pienamente d'accordo.
  • Le leggi sulla detenzione/download GRATUITO di pedoporno e quelle sulla detenzione/download GRATUITO di copie non autorizzate di materiale coperto da copyright si basano su due teorie che sono opposte l'una all'altra, e per motivi logici non possono essere entrambe vere o entrambe false, ma sempre e solo una vera e l'altra falsa.

    Teoria stabilita dalle onlus e applicata nella legge sul pedoporno:
    Scaricare gratuitamente un file da Internet va vietato, perché chi lo fa incentiverebbe la produzione di nuovi file dello stesso tipo

    Teoria stabilita dalle major e applicata nella legge Urbani sulla violazione di copyright:
    Scaricare gratuitamente un file da Internet va vietato, perché chi lo fa disincentiverebbe la produzione di nuovi file dello stesso tipo

    Chi ha ragione?
    Se ha ragione la teoria della legge sul pedoporno non si devono in alcun modo criminalizzare quelli che scaricano gratuitamente materiale coperto da copyright (perché contrariamente a quanto dicono le major, incentivano la produzione di nuovi film, canzoni e software).
    Se ha ragione la teoria delle major non si devono in alcun modo criminalizzare quelli che scaricano gratuitamente materiale pedopornografico (perché, contrariamente a quanto dicono le onlus, disincentivano la produzione di altro materiale pedopornografico).

    Si mettano intorno a un tavolo, si mettano d'accordo su chi abbia ragione, ma allo stato attuale delle cose la concomitanza di due leggi che affermano principi diametralmente opposti è semplicemente ridicola.


    ------------
    2+2 fa 5. E' così perché è così. Godai Yusaku l'ha detto! Tutti a prostrarsi ai suoi piedi! E se provate a dimostrare scientificamente che si sbaglia FARNETICATE!
    (questa firma resterà finché ci sarà sul forum anche una sola persona che sosterrà una tesi senza dimostrarla con metodi scientifici)
  • - Scritto da: Brontoleus
    > Le leggi sulla detenzione/download GRATUITO di
    > pedoporno e quelle sulla detenzione/download
    > GRATUITO di copie non autorizzate di materiale
    > coperto da copyright si basano su due teorie che
    > sono opposte l'una all'altra, e per motivi logici
    > non possono essere entrambe vere o entrambe
    > false, ma sempre e solo una vera e l'altra
    > falsa.
    >
    > Teoria stabilita dalle onlus e applicata nella
    > legge sul
    > pedoporno:
    > Scaricare gratuitamente un file da Internet va
    > vietato, perché chi lo fa incentiverebbe la
    > produzione di nuovi file dello stesso
    > tipo
    >
    > Teoria stabilita dalle major e applicata nella
    > legge Urbani sulla violazione di
    > copyright:
    > Scaricare gratuitamente un file da Internet va
    > vietato, perché chi lo fa
    > disincentiverebbe la produzione di nuovi
    > file dello stesso
    > tipo
    >
    > Chi ha ragione?
    > Se ha ragione la teoria della legge sul pedoporno
    > non si devono in alcun modo criminalizzare
    > quelli che scaricano gratuitamente materiale
    > coperto da copyright (perché contrariamente a
    > quanto dicono le major, incentivano la produzione
    > di nuovi film, canzoni e
    > software).
    > Se ha ragione la teoria delle major non si devono
    > in alcun modo criminalizzare quelli che
    > scaricano gratuitamente materiale
    > pedopornografico (perché, contrariamente a quanto
    > dicono le onlus, disincentivano la
    > produzione di altro materiale
    > pedopornografico).
    >
    > Si mettano intorno a un tavolo, si mettano
    > d'accordo su chi abbia ragione, ma allo stato
    > attuale delle cose la concomitanza di due leggi
    > che affermano principi diametralmente
    > opposti
    è semplicemente
    > ridicola.
    >
    >
    > ------------
    > 2+2 fa 5. E' così perché è così. Godai Yusaku
    > l'ha detto! Tutti a prostrarsi ai suoi piedi! E
    > se provate a dimostrare scientificamente che si
    > sbaglia
    > FARNETICATE!
    > (questa firma resterà finché ci sarà sul forum
    > anche una sola persona che sosterrà una tesi
    > senza dimostrarla con metodi
    > scientifici)

    la tua logica è giusta così come è giusta il sillogismo secondo cui omero è un amucca perchè mangia l'insalata.

    c'è infatti una differenza qualitativa tra i due casi presi in considerazione.
    il canale di distribuzione ufficale delle major è legale e ne esiste un'altro fino a prova contraria illegale, antagonista e parallelo: il p2p (non cominciamo qui la discussione sul diritto d'autore ed il suo abuso, sarebbe confusionario).
    quello dei filmati pedoporno è comunque illegale e non ufficiale ed è solo un caso che si trovino sulla stessa piattaforma, il p2p appunto, qui ci vogliono per forza due pesi e due misure.

    capisco la tua affermazione ma non potrei essere d'accordo se si dicesse che chi si fà una sega guardando un filmato di bambini non commetta reato perchè lo ha scaricato gratuitamente e chi ha filmato il bambino in questione non becca una lira.
    credo che sarebbe giusto farli capire quanto sia orribile ciò che fà anche pur senza aver commesso reato (in fondo si è solo fatto una sega guardano dei pixel, il reato lo ha compiuto l'autore del video) ad esempio pubblicando il suo nome/cognome ed espondendolo alla pubblica vergonga, li toccherebbe cambiare città ed amicizie ma secondo me imparerebbe la lezione, tutto IMHO.

    considera che è più probabile che quello che già si fa le seghe guardando i bambini poi faccia il salto e ne rapisca uno per farselo (magari il mio),
    non lo si dovrebbe punire per questo?

    magari lo si potrebbe mandare da uno psicologo perchè il poveretto risolvesse le proprie magagne psicologiche
    non+autenticato
  • - Scritto da: nuclearstre ngth
    > la tua logica è giusta così come è giusta il
    > sillogismo secondo cui omero è un amucca perchè
    > mangia l'insalata.

    Dovrei ridere?

    > c'è infatti una differenza qualitativa tra i due
    > casi presi in considerazione.

    Sentiamo...

    > il canale di distribuzione ufficale delle major è
    > legale e ne esiste un'altro fino a prova
    > contraria illegale, antagonista e parallelo: il
    > p2p (non cominciamo qui la discussione sul
    > diritto d'autore ed il suo abuso, sarebbe
    > confusionario).
    >
    > quello dei filmati pedoporno è comunque illegale
    > e non ufficiale ed è solo un caso che si trovino
    > sulla stessa piattaforma, il p2p appunto, qui ci
    > vogliono per forza due pesi e due
    > misure.

    La differenza che tu indichi esiste ma è irrilevante ai fini del discorso che ho fatto io. Tale differenza semplicemente giustifica la presenza legale del mercato del materiale coperto da copyright. Questo semmai giustifica la condanna di chi incentiva il mercato del pedoporno e giustifica la condanna di chi disincentiva il mercato del materiale coperto da copyright.
    Tuttavia il finanziamento o il mancato finanziamento del mercato dovuto al p2p è assolutamente indipendente dal fatto se tale mercato sia legale o meno. Tutt'al più, come detto, essendoci tale differenza, dimostra che una tesi valida positivamente nei confronti di un mercato legale varrà negativamente nei confronti di uno illegale, e viceversa.

    > capisco la tua affermazione ma non potrei essere
    > d'accordo se si dicesse che chi si fà una sega
    > guardando un filmato di bambini non commetta
    > reato perchè lo ha scaricato gratuitamente e chi
    > ha filmato il bambino in questione non becca una
    > lira.

    Non ho detto che non commette reato semmai ho detto che, SE è vera la tesi delle major, allora non DOVREBBE essere considerato reato perché disincentiva le nuove violenze, è diverso.
    Ma se non è quella dell'incentivare le altre violenze, allora la motivazione che sta dietro alla presenza di questo reato nel nostro codice (download GRATUITO di pedoporno) qual è? E' una domanda seria, non retorica.

    > credo che sarebbe giusto farli capire quanto sia
    > orribile ciò che fà anche pur senza aver commesso
    > reato (in fondo si è solo fatto una sega guardano
    > dei pixel, il reato lo ha compiuto l'autore del
    > video) ad esempio pubblicando il suo
    > nome/cognome ed espondendolo alla pubblica
    > vergonga,

    E a cosa servirebbe? Solo ad incattivirlo contro la società, paradossalmente istigandolo a commettere reati ben più gravi.

    > li toccherebbe cambiare città ed
    > amicizie ma secondo me imparerebbe la lezione,
    > tutto IMHO.

    E che lezione dovrebbe imparare?

    > considera che è più probabile che quello che già
    > si fa le seghe guardando i bambini poi faccia il
    > salto e ne rapisca uno per farselo (magari il
    > mio),

    E' molto più probabile invece che grazie alla sega il testosterone cali e NON senta più il bisogno.
    La cosa vale per tutti, se tu ti fai una sega con un porno (legale) poi senti ancora voglia come prima della sega?

    > non lo si dovrebbe punire per questo?

    No. Punirlo paradossalmente lo convincerà che il "livello superiore" è meno intercettabile. Se è meno facile che lo becchino con un bambino in carne ed ossa che con una foto, specie una volta che l'hanno già pizzicato con le foto e avranno quindi messo tutta la connessione sotto controllo, secondo te andrà ancora a cercare le foto?

    > magari lo si potrebbe mandare da uno psicologo
    > perchè il poveretto risolvesse le proprie magagne
    > psicologiche

    Questo può anche andare perché il problema è analogo a quello dei tossicodipendenti, ma nel contempo la pena detentiva/sequestro/arresto/eccetera non risolve anzi come detto aggrava un soggetto che fino a quel momento poteva sfogare i suoi istinti su una foto ed essere innocuo nei confronti di chi gli sta intorno.


    ------------
    2+2 fa 5. E' così perché è così. Godai Yusaku l'ha detto! Tutti a prostrarsi ai suoi piedi! E se provate a dimostrare scientificamente che si sbaglia FARNETICATE!
    (questa firma resterà finché ci sarà sul forum anche una sola persona che sosterrà una tesi senza dimostrarla con metodi scientifici)
  • giusto difendere i diritti dei bambini ,come giusto difendersi dagli stessi quando ,divenuti adolescenti forti ed aggressivi scippano,rapinano e stuprano...
    non+autenticato
  • ehhhh luogo comune?
    Sgabbio
    26177
  • ottima proposta però 3 anni per chi compra e un tantino ingiusto, considerando poi che per la legge urbani, ti becchi 4 anni se scarichi e condiviti materiale protetto da copyright Oo
    Sgabbio
    26177
  • Non mi sembra sia apologia perchè nessuno dei nostri commetni sottintende che noi sfruttiamo sessualmente i bambini.

    se ti riferisci alle associazioni pedofile sappi che la pedofilia per quanto orribile (io ho una figlia ed un figlio, se me li stuprassero sarei pornto ad uccidere) è un problema di cui bisogna parlare, nascondere la testa nella sabbia come struzzi e lasciarsi trasportare dall'istinto non è la soluzione.
    l'oscurantismo è l'esatto opposto di quel problema che forse intendi tu che fu intelligentemente chiamato "relativismo culturale" per cui vale tutto per tutti ma alla fine non è costruttivo inquanto tutti fanno il cazzo che pare loro

    @redazione
    non avevo mai visto risposte bloccate, senza volervi accusare di niente mi chiedo se avete bloccato le risposte perchè consideerate il suo messaggio un troll oppure per via delle possibili risposte poco gentili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: dadou embas
    > Non mi sembra sia apologia perchè nessuno dei
    > nostri commetni sottintende che noi sfruttiamo
    > sessualmente i
    > bambini.
    >
    > se ti riferisci alle associazioni pedofile sappi
    > che la pedofilia per quanto orribile (io ho una
    > figlia ed un figlio, se me li stuprassero sarei
    > pornto ad uccidere) è un problema di cui bisogna
    > parlare, nascondere la testa nella sabbia come
    > struzzi e lasciarsi trasportare dall'istinto non
    > è la soluzione.
    >
    > l'oscurantismo è l'esatto opposto di quel
    > problema che forse intendi tu che fu
    > intelligentemente chiamato "relativismo
    > culturale" per cui vale tutto per tutti ma alla
    > fine non è costruttivo inquanto tutti fanno il
    > cazzo che pare
    > loro

    Lo scopo è questo, oscurare, nasconde è non far capire niente, quando si parla di pedofilia. Non a caso, da quando hanno fatto quelle leggi dementi per oscurare siti, molti politici chiedono facilmente l'oscuramento al traffico italiano di questo o quel sito, grazie a quelle leggi che sono state fatte volutamente vaghe.....


    > @redazione
    > non avevo mai visto risposte bloccate, senza
    > volervi accusare di niente mi chiedo se avete
    > bloccato le risposte perchè consideerate il suo
    > messaggio un troll oppure per via delle possibili
    > risposte poco
    > gentili.


    Credo che stiano provando nuovi metodi di moderazione, visto che moltissimi utenti, me compreso hanno criticato l'attuale sistema di moderazione che si basava su insabbiature, eliminando intere discussioni. Infatti se un discorso non ti piaceva, bastava mettere un'insulto per farla sparire...
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: dadou embas
    > > Non mi sembra sia apologia perchè nessuno dei
    > > nostri commetni sottintende che noi sfruttiamo
    > > sessualmente i
    > > bambini.
    > >
    > > se ti riferisci alle associazioni pedofile sappi
    > > che la pedofilia per quanto orribile (io ho una
    > > figlia ed un figlio, se me li stuprassero sarei
    > > pornto ad uccidere) è un problema di cui bisogna
    > > parlare, nascondere la testa nella sabbia come
    > > struzzi e lasciarsi trasportare dall'istinto non
    > > è la soluzione.
    > >
    > > l'oscurantismo è l'esatto opposto di quel
    > > problema che forse intendi tu che fu
    > > intelligentemente chiamato "relativismo
    > > culturale" per cui vale tutto per tutti ma alla
    > > fine non è costruttivo inquanto tutti fanno il
    > > cazzo che pare
    > > loro
    >
    > Lo scopo è questo, oscurare, nasconde è non far
    > capire niente, quando si parla di pedofilia. Non
    > a caso, da quando hanno fatto quelle leggi
    > dementi per oscurare siti, molti politici
    > chiedono facilmente l'oscuramento al traffico
    > italiano di questo o quel sito, grazie a quelle
    > leggi che sono state fatte volutamente
    > vaghe.....
    >

    mi chiedo se la cosa fosse successa nella carta stampata cosa sarebbe successo, la penetrazione tecnologica nel nostro paese è bassa, siamoin 4 gatti ad informarci tramite internet, dovremmo risucire a far arrivare tali notizie sulla carta stampa per veder ese hanno il coraggio di oscurare ciò che veine letto e percepito come informazione dalla maggior parte del paese.

    le testa giornalistiche grandi non lo faranno mai,dei soliti liberazione & co. la maggior parte del paese ha preconcetti (seconodme sbagliati ma comprensibili) ma secondo me i vari city e metro che assumono giranlisti giovani e sconosciuti potrebbero riuscire a pubblicare cose del genere

    >
    > > @redazione
    > > non avevo mai visto risposte bloccate, senza
    > > volervi accusare di niente mi chiedo se avete
    > > bloccato le risposte perchè consideerate il suo
    > > messaggio un troll oppure per via delle
    > possibili
    > > risposte poco
    > > gentili.
    >
    >
    > Credo che stiano provando nuovi metodi di
    > moderazione, visto che moltissimi utenti, me
    > compreso hanno criticato l'attuale sistema di
    > moderazione che si basava su insabbiature,
    > eliminando intere discussioni. Infatti se un
    > discorso non ti piaceva, bastava mettere
    > un'insulto per farla
    > sparire...

    ah ok, si mi sembra meglio, se invece della discussione avessi visto "troll cancellato" sarebbe stato peggio
    non+autenticato
  • - Scritto da: nuclearstre ngth
    > mi chiedo se la cosa fosse successa nella carta
    > stampata cosa sarebbe successo, la penetrazione
    > tecnologica nel nostro paese è bassa, siamoin 4
    > gatti ad informarci tramite internet, dovremmo
    > risucire a far arrivare tali notizie sulla carta
    > stampa per veder ese hanno il coraggio di
    > oscurare ciò che veine letto e percepito come
    > informazione dalla maggior parte del
    > paese.
    >
    > le testa giornalistiche grandi non lo faranno
    > mai,dei soliti liberazione & co. la maggior parte
    > del paese ha preconcetti (seconodme sbagliati ma
    > comprensibili) ma secondo me i vari city e metro
    > che assumono giranlisti giovani e sconosciuti
    > potrebbero riuscire a pubblicare cose del
    > genere

    Scherzi? La petizione per oscurare il sito dell'IBLD è partita da epolis, secondo te chi è epolis?


    ------------
    2+2 fa 5. E' così perché è così. Godai Yusaku l'ha detto! Tutti a prostrarsi ai suoi piedi! E se provate a dimostrare scientificamente che si sbaglia FARNETICATE!
    (questa firma resterà finché ci sarà sul forum anche una sola persona che sosterrà una tesi senza dimostrarla con metodi scientifici)
  • - Scritto da: Brontoleus
    > - Scritto da: nuclearstre ngth
    > > mi chiedo se la cosa fosse successa nella carta
    > > stampata cosa sarebbe successo, la penetrazione
    > > tecnologica nel nostro paese è bassa, siamoin 4
    > > gatti ad informarci tramite internet, dovremmo
    > > risucire a far arrivare tali notizie sulla carta
    > > stampa per veder ese hanno il coraggio di
    > > oscurare ciò che veine letto e percepito come
    > > informazione dalla maggior parte del
    > > paese.
    > >
    > > le testa giornalistiche grandi non lo faranno
    > > mai,dei soliti liberazione & co. la maggior
    > parte
    > > del paese ha preconcetti (seconodme sbagliati ma
    > > comprensibili) ma secondo me i vari city e
    > metro
    > > che assumono giranlisti giovani e sconosciuti
    > > potrebbero riuscire a pubblicare cose del
    > > genere
    >
    > Scherzi? La petizione per oscurare il sito
    > dell'IBLD è partita da epolis, secondo te chi è
    > epolis?
    >
    >

    non so chi sia epolis.
    no non scherzavo, credo che la questione se fosse stata dibattuta non solo su internet ma anche su carta stampata avrebbe sollevato un putiferio, mentre così ne parliamosolo in 4 gatti e passa tutto in cavalleria.
    poi le mie affermazioni riguardo le testate gioranlistiche erano buttate lì, idee per la mente che vorrei condividere e vedere commentate come hai fatto tu.

    ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: nuclearstre ngth
    > non so chi sia epolis.

    http://www.epolis.sm/
    Uno dei più grandi editori di giornalacci gratuiti in tutta italia

    > no non scherzavo, credo che la questione se fosse
    > stata dibattuta non solo su internet ma anche su
    > carta stampata avrebbe sollevato un putiferio,
    > mentre così ne parliamosolo in 4 gatti e passa
    > tutto in cavalleria.

    Infatti ha scatenato il putiferio proprio perché se n'è parlato (male ovviamente) sulla carta stampata. L'IBLD esiste dal secolo scorso e finora nessuno s'era sognato di oscurarlo (con metodi illegali e peraltro contrari alle RFC).


    ------------
    2+2 fa 5. E' così perché è così. Godai Yusaku l'ha detto! Tutti a prostrarsi ai suoi piedi! E se provate a dimostrare scientificamente che si sbaglia FARNETICATE!
    (questa firma resterà finché ci sarà sul forum anche una sola persona che sosterrà una tesi senza dimostrarla con metodi scientifici)
  • - Scritto da: dadou embas
    > Non mi sembra sia apologia perchè nessuno dei
    > nostri commetni sottintende che noi sfruttiamo
    > sessualmente i
    > bambini.


    Io parlo di apologia pedofila CONCLAMATA da parte di ben precisi UTENTI e relativi cloni/account anonimi che disquisiscono sulla LORO "libertà di espressione" negata

    Apologia che non lesinano a fare anche sulle srtesse news, ma questo chiunque frequenti regolarmente il forum (tema libero e PI) e i commenti agli articoli lo sà benissimo

    Suggerisco a tutti di frequentare le aree in questione al fine di vedere con i propri occhi: ci sono già diverse denunce in corso con relativo monitoraggio da parte di agenti della polpost.
    non+autenticato
  • http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2032984&m=203...

    Cosa ne dici dell'apologia alla violenza e all'omicidio che ha fatto questo utente proprio nel post qui sopra? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: GMT
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2032984&m=203
    >
    > Cosa ne dici dell'apologia alla violenza e
    > all'omicidio che ha fatto questo utente proprio
    > nel post qui sopra?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Ah dimenticavo. La libertà d'espressione vale solo per te. È per gli altri che non vale. Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: GMT
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2032984&m=203
    >
    > Cosa ne dici dell'apologia alla violenza e
    > all'omicidio che ha fatto questo utente proprio
    > nel post qui sopra?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere


    Io non ho mai parlato di omicidio, se però ne vedessi uno abusare fisicamente di un bimbo non mi farei grossi problemi in merito
    non+autenticato
  • Bravo, quindi giustifichi l'omicidio per certe cose? Strano Godai diceva lo stesso in altri lidi.....
    Sgabbio
    26177
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)