Dell porterà i PC Ubuntu fuori dagli USA

Il celebre produttore conferma l'intenzione di sbarcare sui mercati internazionali, ma la roadmap è ancora top secret. Nei piani dell'azienda c'è anche l'offerta Ubuntu per utenti business

Dallas (USA) - Con la volontà di chiarire le proprie strategie relative a Linux, e quietare gli utenti più smaniosi, Dell ha confermato l'intenzione di estendere la propria offerta di PC con Ubuntu anche al di fuori degli Stati Uniti.

Lionel Menchaca, digital media manager di Dell, ha inoltre svelato in questo post che la propria azienda ha già pianificato il lancio, nel prossimo futuro, di PC Ubuntu dedicati ai piccoli utenti business. Dell vende già da anni PC Linux destinati a professionisti e aziende, ma gli attuali modelli utilizzano esclusivamente le distribuzioni enterprise di Red Hat e Novell.

Attualmente Dell commercializza i suoi desktop e notebook con Ubuntu esclusivamente negli Stati Uniti e limitatamente agli utenti consumer. Fin da quando ha deciso di abbracciare Linux, l'azienda si è detta interessata ad estendere la propria offerta ai clienti esteri, ma ciò non prima di aver saggiato la reazione del mercato locale. Menchaca non ha fornito alcuna tempistica sulle prossime mosse di Dell in ambito Linux, ma ha promesso che verranno rivelate maggiori informazioni verso la fine dell'estate.
Che l'iniziativa di Dell si possa trasformare in un successo commerciale sono ben pochi a crederlo, persino tra i fan del Pinguino: i circa 50 dollari di differenza fra il prezzo di un sistema Windows ed uno Linux non sarebbero infatti sufficienti, a detta di molti analisti, per attrarre l'interesse dei consumatori verso i PC con Ubuntu. In fondo, sostengono in molti, agli utenti conviene acquistare la versione con Windows Vista e installarvi in seguito Ubuntu in configurazione dual-boot: ciò consente di godere dei vantaggi offerti da entrambe le piattaforme.

I più maliziosi sostengono che Dell è ben conscia del fatto che Linux non è ancora pronto per il mercato consumer, ma desidera sfruttarne il grande ritorno pubblicitario.

Di seguito un video ironico (in inglese) sulla "Linux mania" realizzato dalla stessa Dell.

TAG: usa, dell, ubuntu, pc
110 Commenti alla Notizia Dell porterà i PC Ubuntu fuori dagli USA
Ordina
  • Da quel che ne so io negli stati uniti c'è il regno incontrastato di Microsoft e l'idea di provare come vanno le vendite li non è certo la più azzeccata, sicuramente non darà esiti buoni e comunque Dell non aveva dato soldi all Microsoft per le presunte violazioni di brevetti? Quei soldi in qualche modo dovranno ritornare no?
    Dunque alla fine 35 euro di differenza si possono capire se si tiene conto dei soldi che Dell ha dato a Microsoft.
    non+autenticato
  • Prima Le grosse aziende al solo sentire dual boot, gli veniva l'orticaria. Oggi le grosse aziende cominciano a comprendere che avere due sistemi operativi sul proprio laptop non e' cosi tanto sbagliato come sembra, anzi.
    Avere due sistemi operativi aiuta a poter recuperare (ovviamente lato linux) i dati persi su windows. Avere piu' piattaforme su una sola macchina da la possibilita' in caso di guasti lato software di poter continuare a lavorare senza reinstallare tutto. A me non pare poco.
    Senza contare che il nuovo vista come compatibilita' assomiglia alle prime versioni linux.
    Come vedete ogni tanto l'informatica fa come il granchio. Quando Qualcuno va avanti con la gamma di prodotti software Fan Linux
    qualcuno torna indietro (windows)A bocca aperta
    AP
  • sei consapevole che verrai inevitabilmente attaccato da tutti?A bocca aperta

    comunque la penso come te
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leo
    > sei consapevole che verrai inevitabilmente
    > attaccato da tutti?
    >A bocca aperta
    >
    > comunque la penso come te

    lo soA bocca aperta e' il destino di chi dice la verita' nessun profeta in patria e difatti sto all' esteroA bocca aperta
  • - Scritto da: porcacchia
    > - Scritto da: Leo
    > > sei consapevole che verrai inevitabilmente
    > > attaccato da tutti?
    > >A bocca aperta
    > >
    > > comunque la penso come te
    >
    > lo soA bocca aperta e' il destino di chi dice la verita'
    > nessun profeta in patria e difatti sto all'
    > estero
    >A bocca aperta
    Veramente meglio usare VMWare e le macchine virtuali...
    non+autenticato
  • - Scritto da: BANG
    > - Scritto da: porcacchia
    > > - Scritto da: Leo
    > > > sei consapevole che verrai inevitabilmente
    > > > attaccato da tutti?
    > > >A bocca aperta
    > > >
    > > > comunque la penso come te
    > >
    > > lo soA bocca aperta e' il destino di chi dice la verita'
    > > nessun profeta in patria e difatti sto all'
    > > estero
    > >A bocca aperta
    > Veramente meglio usare VMWare e le macchine
    > virtuali...

    Ma guarda IO NON CREDO PROPRIO!

    VUOI sapere perche'?
    perche si sputtana l'os dove hai le macchine virtuali si sputtanano anch'esse...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 luglio 2007 17.17
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: porcacchia
    > - Scritto da: BANG
    > > - Scritto da: porcacchia
    > > > - Scritto da: Leo
    > > > > sei consapevole che verrai inevitabilmente
    > > > > attaccato da tutti?
    > > > >A bocca aperta
    > > > >
    > > > > comunque la penso come te
    > > >
    > > > lo soA bocca aperta e' il destino di chi dice la verita'
    > > > nessun profeta in patria e difatti sto all'
    > > > estero
    > > >A bocca aperta
    > > Veramente meglio usare VMWare e le macchine
    > > virtuali...
    >
    > Ma guarda IO NON CREDO PROPRIO!
    >
    > VUOI sapere perche'?
    > perche si sputtana l'os dove hai le macchine
    > virtuali si sputtanano
    > anch'esse..

    concordo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Torado
    >
    > voi la vera informatica nemmeno sapete dove sta
    > di casa, siete solo abbagliati dal pinguino e
    > dalle esalazioni di
    > stallman

    La "vera" informatica, starebbe nell'utilizzo dei prodotti (cari e bacati) della casa di Redmond?

    annamo bene, annamo.

    Ma dico, almeno il vecchio zio Bill, vi paga per rendervi così ridicoli?
    non+autenticato
  • - Scritto da: War Religion
    > - Scritto da: Torado
    > >
    > > voi la vera informatica nemmeno sapete dove sta
    > > di casa, siete solo abbagliati dal pinguino e
    > > dalle esalazioni di
    > > stallman
    >
    > La "vera" informatica, starebbe nell'utilizzo dei
    > prodotti (cari e bacati) della casa di
    > Redmond?
    >
    > annamo bene, annamo.
    >
    > Ma dico, almeno il vecchio zio Bill, vi paga per
    > rendervi così
    > ridicoli?

    la vera informatica è fatta dalle migliaia di software per gestire le cose più disparate, voi invece vi siete fermati a bubuntu e openoffice

    il mondo linux è perdente già in partenza semplicemente perchè è fanatico
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rollover
    > - Scritto da: War Religion
    > > - Scritto da: Torado
    > > >
    > > > voi la vera informatica nemmeno sapete dove
    > sta
    > > > di casa, siete solo abbagliati dal pinguino e
    > > > dalle esalazioni di
    > > > stallman
    > >
    > > La "vera" informatica, starebbe nell'utilizzo
    > dei
    > > prodotti (cari e bacati) della casa di
    > > Redmond?
    > >
    > > annamo bene, annamo.
    > >
    > > Ma dico, almeno il vecchio zio Bill, vi paga per
    > > rendervi così
    > > ridicoli?
    >
    > la vera informatica è fatta dalle migliaia di
    > software per gestire le cose più disparate, voi
    > invece vi siete fermati a bubuntu e
    > openoffice

    Il fatto che tu NON conosca i software, liberi e commerciali, per piattaforme linux non significa che non esistano.

    >
    > il mondo linux è perdente già in partenza
    > semplicemente perchè è
    > fanatico

    Mi sembra che l'atteggiamento di fanatismo, per esempio anche in questa discussione, l'abbia assunto tu e qualche altro ragazzino imberbe e inesperto.

    Dichiarazioni deliranti come "linux è perdente gia in partenza", l'hai appena fatta tu, ad esempio.

    Io dico che al di là della configurazione hardware, che certamente per linux è un bel po' + complicata, si possono fare esattamente le stesse cose sia con un s.o., sia con l'altro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rollover
    > - Scritto da: War Religion
    > > - Scritto da: Torado
    > > >
    > > > voi la vera informatica nemmeno sapete dove
    > sta
    > > > di casa, siete solo abbagliati dal pinguino e
    > > > dalle esalazioni di
    > > > stallman
    > >
    > > La "vera" informatica, starebbe nell'utilizzo
    > dei
    > > prodotti (cari e bacati) della casa di
    > > Redmond?
    > >
    > > annamo bene, annamo.
    > >
    > > Ma dico, almeno il vecchio zio Bill, vi paga per
    > > rendervi così
    > > ridicoli?
    >
    > la vera informatica è fatta dalle migliaia di
    > software per gestire le cose più disparate, voi
    > invece vi siete fermati a bubuntu e
    > openoffice
    >
    > il mondo linux è perdente già in partenza
    > semplicemente perchè è
    > fanatico

    Installa un sistema linux qualunque, ma visto che siamo in tema: vai di ubuntu, apri synaptic e scrollati l'elenco infinito di programmi utilizzabili da subito. Openoffice è uno dei programmi "seri" di linux, ma non è l'unico; pensate a blender, pensate ad Amarok e pensate a tutti quei programmi (anche proprietari) nuovi che esistono su windows e che stanno approdando a linux (skype, Zattoo, Joost, Google Earth ecc)... praticamente in ogni campo linux può dire la sua. Il problema di linux sta nel fatto che alcuni programmi ritenuti "standard" come Adobe CS non sono ancora stati portati, ma questo non determina la bontà di un sistema operativo, qui c'è la responsabilità delle softwarehouses che non vedono un interesse a far migrare i propri clienti da una piattaforma all'altra, per loro se tutti passano a linux significa dover riconvincere tutti i "migranti" a ricomprare una versione per linux.

    Ad ogni modo passare a linux e sopravvivere senza windows non solo è possibile per tutti, ma anche gratificante. Io ho migrato tutti i miei computer a ubuntu nell'ottobre del 2006 e da allora uso solo linux, con pochi programmi per windows emulati in Wine (Photoshop e DreamweaverFicoso. Il tutto funziona perfettamente e non sento francamente la mancanza di windows. Anzi sto scoprendo che in molte cose certi programmi open sono più comodi che quelli per windows. Ad esempio è vero che photoshop per me è più familiare, però per fare piccole modifiche, aggiungere ombre e modificare "sistematicamente" delle immagini magari per la loro pubblicazione su un blog è spesso più veloce ed immediato usare gimp. Insomma, con linux sto conoscendo nuovi programmi, ho una posizione d'avanguardia nell'osservare il futuro dell'informatica (ogni giorno ci sono novità per chi ha voglia ed è interessato a questo mondo) e non ho problemi di sicurezza nè di licenze. Anzi, usando software GPL sono convinto di fare del bene a me e a quelli che mi stanno intorno quindi con linux mi sento perfettamente a casa.

    Linux non è fanatismo ma passione: un po' come quella che hai tu, disposto a difendere MS nonostante porti avanti politiche che vanno contro i tuoi interessi. (basta leggere un'EULA per rendertene conto).

    Anyway non capisco che male ci sia a permettere una libera scelta. Ben vengono le alternative, in ogni caso non sarò certo io a venire ad impedirti di installarti il tuo windows se lo desideri tanto. De gustibus... l'importante è che nessuno venga ad impedirmi di acquistare un computer senza sistema operativo. Perchè il problema sta qui: se non voglio windows sono libero di non usarlo ma purtroppo sono obbligato a comprarmelo comunque dal momento che tutti vendono pc con windows preistallato. L'offerta di DELL è interessante perchè apre la strada al concetto di "libera scelta" e spero che molte altre companies produttrici hw seguiranno il suo esempio
    non+autenticato
  • "....configurazione dual-boot: ciò consente di godere dei vantaggi offerti da entrambe le piattaforme"

    Ma scusate, che vantaggi offre Vista??? Ad oggi hai solo svantaggi se usi Vista.
    non+autenticato
  • Vista pochissimi,
    Ma xp ne ha tantissimi, soprattutto perché ha un sacco di programmi che girano solo su di lui e presto sarà così anche con Vista. Questo perché il mercato punta SOLO su windows e non su linux.
    io ho dovuto tenere il doppio sistema operativo perché troppi programmi non mi girerebbero su linux (e mi servono !!!).
    Tutto ciò è ovviamente solo dovuto al marketing ed alla posizione dominante, perché linux è nettamente superiore.
    non+autenticato
  • Se pensi cosi' contento tu ma secondo te come mai buona parte di riviste pro windows mettono nei loro dvd distribuzioni linuxiane? sei veramente sicuro che il mercato punta su win?? io ritengo che la gente sia stanca di pagare x uno screensaver fatto con i piedi mentre puo' avere un buon prodotto senza dover pagare nulla.
    Windows nn è liberta' di scegliere!
    non+autenticato
  • ...ma il fatto che si ha la tranquillità che tutto l'hw è pienamente compatibile e testato con Linux + il supporto post vendita per chi ha necessità.
    E' questo che fa la differenza IMHO, specie per chi non pratico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pico
    > ...ma il fatto che si ha la tranquillità che
    > tutto l'hw è pienamente compatibile e testato con
    > Linux + il supporto post vendita per chi ha
    > necessità.
    > E' questo che fa la differenza IMHO, specie per
    > chi non
    > pratico.
    Esatto e comunque va detto che i pc, soprattutto i notebook, DELL sono sempre stati molto compatibili, ho un latitude X1 superaccessoriato e non ho avuto mai molte difficoltà a configurarlo.
    Alex
    non+autenticato
  • Ll'hardware in uso non è pienamente compatibile, del resto con linux è difficile che lo sia, perché non tutti forniscono supporto ufficiale.. anziTriste

    Personalmente uso linux (Ubuntu) da due anni, windows lo uso soltanto nei computer dell'università e non ne sento la mancanza. Linux si può usare egreggiamente, se solo si ha la pazienza di imparare. Come anche Windows.
    non+autenticato
  • Ma a te da cosi fastidio che qualcuno cerchi di rompere questa specie di monopolio ?

    ...Personalmente uso linux (Ubuntu) da due anni, windows lo uso soltanto nei computer dell'università e non ne sento la mancanza...

    Appunto. Anch'io al lovoro uso win e non ne sento la mancanza (a dire il vero uso di tutto Solaris, Win, Linux) e allora ?

    ...Linux si può usare egreggiamente, se solo si ha la pazienza di imparare. Come anche Windows...

    E allora ?
    Non è meglio poter scegliere ?
    Tanto se devi imparare, impari cmq con la differenza che una marea di sw è disponibile sotto licenza GPL risparmiando un bel pò di euro il che non mi sembra una cosa negativa. Senza contare che questa operazione può dare una notevole spinta la pinguino e diffonderlo ulteriormente.

    Sinceramente non ho capito dove sta il problema.
  • e' che non ci arriva.
    non+autenticato
  • Guarda che la penso come te, cercavo soltanto di dare una risposta che non spaventi chi non conosce linux.

    Uno pensa: "compro un Dell con linux installato e driver ufficiali" poi scopre che non lo sono e crede che l'abbiano fregato.. purtroppo non dipende dalla comunità linux ma dai produttori e questo lo sappiamo io e te, ma bisogna dirlo anche agli altri, senza farli scappare però.

    ciao.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Ll'hardware in uso non è pienamente compatibile,
    > del resto con linux è difficile che lo sia,
    > perché non tutti forniscono supporto ufficiale..
    > anzi
    >Triste
    >
    > Personalmente uso linux (Ubuntu) da due anni,
    > windows lo uso soltanto nei computer
    > dell'università e non ne sento la mancanza. Linux
    > si può usare egreggiamente, se solo si ha la
    > pazienza di imparare. Come anche
    > Windows.
    Basta saper scegliere, è chiaro che se si vuole poter usare il lettore di schede di memoria interno bisogna considerare quelli compatibili. Non è colpa del mondo open-source se i costruttori di periferiche forniscono driver solo per windows, la mossa di Dell, anzi, potrebbe far rivedere questa politica malsana.
    Alex
    non+autenticato
  • La mossa di Dell non farà cambiare di una virgola la posizione dei produttori di hardware altrimenti proporrebbe delle configurazioni meno intel centriche.
    In genere nessun produttore fornisce ampi margini di personalizzazione sulle configurazioni proposte ma Dell con linux si limita a Cpu, Ram, Disco e Sk Video (tra l'altro di fascia molto bassa giusto il minimo per vedere girare beryl)
    Sk audio integrata, rete integrata, nessun componente aggiuntivo, insomma con quei pc ci si fa proprio poco.
    Ma d'altra parte perchè Dell dovrebe spingere per la creazione di driver su linux che anche altri produttori potrebbero usare ?
    Quello che la comunità linux non vuole mettersi in testa è che tutte queste grandi società che si chiamino Dell, IBM, Novell Sun o altro non hanno alcun interesse a diffondere cultura di uso o di scelta, ma supportano solo il pinguino perchè adesso gli conviene così ma il mercato è mutevole, la sua forza sta nel cambiamento, a volte reale ma spesso basato su bolle passeggere.
    Un giorno linux (o la sua gpl) potrebbe andare stretto a queste società e potrebbero pensare di mollare tutto.

    Domanda sibillina: se Vista non facesse così pena, Dell si sarebbe preoccupata di fornire un'alternativa con ubuntu ? Se Vista tra qualche tempo dovesse fare meno pena, continueranno ad essere configurazioni con ubuntu ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > La mossa di Dell non farà cambiare di una virgola
    > la posizione dei produttori di hardware
    > altrimenti proporrebbe delle configurazioni meno
    > intel
    > centriche.
    > In genere nessun produttore fornisce ampi margini
    > di personalizzazione sulle configurazioni
    > proposte ma Dell con linux si limita a Cpu, Ram,
    > Disco e Sk Video (tra l'altro di fascia molto
    > bassa giusto il minimo per vedere girare
    > beryl)
    > Sk audio integrata, rete integrata, nessun
    > componente aggiuntivo, insomma con quei pc ci si
    > fa proprio
    > poco.
    > Ma d'altra parte perchè Dell dovrebe spingere per
    > la creazione di driver su linux che anche altri
    > produttori potrebbero usare
    > ?
    > Quello che la comunità linux non vuole mettersi
    > in testa è che tutte queste grandi società che si
    > chiamino Dell, IBM, Novell Sun o altro non hanno
    > alcun interesse a diffondere cultura di uso o di
    > scelta, ma supportano solo il pinguino perchè
    > adesso gli conviene così ma il mercato è
    > mutevole, la sua forza sta nel cambiamento, a
    > volte reale ma spesso basato su bolle
    > passeggere.
    > Un giorno linux (o la sua gpl) potrebbe andare
    > stretto a queste società e potrebbero pensare di
    > mollare
    > tutto.
    >
    > Domanda sibillina: se Vista non facesse così
    > pena, Dell si sarebbe preoccupata di fornire
    > un'alternativa con ubuntu ? Se Vista tra qualche
    > tempo dovesse fare meno pena, continueranno ad
    > essere configurazioni con ubuntu
    > ?

    Fantastiche argomentazioni, per favore c'e' qualcuno che ha capito cosa volesse dire il post qui sopra? LOL
    non+autenticato
  • Sicuramente, ma ancora più sicuro non verrebbero a spiegarlo a te perchè sarebbe tempo perso
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Sicuramente, ma ancora più sicuro non verrebbero
    > a spiegarlo a te perchè sarebbe tempo
    > perso

    Ah ok, mi sento molto più tranquillo allora...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)