Si scovano più siti pedopornografici

Lo dichiara Telefono Arcobaleno nel report sui primi sei mesi dell'anno. Rispetto al 2006 i siti individuati sono quasi il doppio. Molti quelli a pagamento. In arrivo una nuova legge?

Milano - La rappresentazione su web di violenze e abusi su minori continua ad essere l'obiettivo di una caccia serrata in cui i volontari dell'associazione Telefono Arcobaleno si impegnano quotidianamente: in 180 giorni di monitoraggio della rete nel 2007, hanno individuato e segnalato 12.543 siti a contenuto pedopornografico. Per dirla con un comunicato diffuso dall'associazione nell'ultimo semestre sono stati segnalati "2.090 siti al mese, con punte di oltre 200 siti pedopornografici in un solo giorno".

Secondo l'associazione, che ha presentato questi numeri nel corso di un convegno che si è tenuto ieri a cui hanno partecipato anche forze dell'ordine e politici, rispetto all'anno scorso il numero dei siti individuati è cresciuto notevolmente. Questo ha spinto il presidente dell'associazione Giovanni Arena a dichiarare che "la dimensione della pedofilia online dal 2006 a oggi è praticamente raddoppiata".

A suo avviso "è indiscutibile la radice commerciale della maggior parte delle attività pedofile online, legate al triste mercato del pedobusiness. Germania, USA, Russia, Olanda, Cipro, Giappone, Panama, Canada, Corea e Regno Unito si trovano ai primi dieci posti della classifica dei paesi che ospitano i siti segnalati, dei quali oltre mille sono legati al pedo-business".
Tra i dati messi insieme nel report, anche uno spaccato delle attività online, e delle loro conseguenze, delle organizzazioni criminali che lucrano con questi materiali. Secondo Telefono Arcobaleno sono 30mila i bambini sfruttati e meno del 2 per cento di loro è fin qui stato identificato. E sono violenze che si trasformano in denaro: ogni sito pedofilo conquista mediamente 400 nuovi clienti al giorno, con accessi che costano mediamente 80 dollari l'uno. Se un sito può guadagnare fino a 34mila dollari al giorno, nel complesso si stima che il giro d'affari del pedobusiness sia di 5 miliardi di dollari l'anno.

"Il report di Telefono Arcobaleno - ha specificato l'Associazione - riguarda esclusivamente i siti con espliciti contenuti e materiali pedofili e pedopornografici segnalati a FBI, Interpol, polizie nazionali secondo le rispettive competenze, e, in Italia, all'Autorità giudiziaria e al Nucleo Investigativo Telematico interforze composto da Carabinieri, Polizia postale e Guardia di finanza".

L'Associazione ha anche denunciato, per l'ennesima volta, la mancanza di normative locali e accordi internazionali che consentano di perseguire con tempismo chi in molti paesi mette in piedi siti che lucrano sull'abuso di minori.

E a questo proposito è intervenuto Egidio Pedrini, parlamentare di Italia dei Valori, che ha presentato alla Camera una nuova proposta di legge dal titolo Misure per la prevenzione e sensibilizzazione alla lotta contro la pedo-pornografia e per il contrasto dei reati connessi agli abusi sui minori.

Secondo Pedrini, le tre leggi approvate nell'ultimo decennio in Italia contro la pornografia infantile non sono evidentemente sufficienti. La proposta, sostiene Pedrini, vuole rafforzare la prevenzione e il contrasto alle violenze, aumentare le capacità di intervento e le tutele per i minori, anche stranieri, ed infine inasprire le pene per i criminali. Tra le peculiarità della legge, la formazione specifica degli operatori scolastici, la creazione di un pool di magistrati in ogni provincia interamente dedicato a perseguire i reati sessuali contro i minori, l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale nonché di una task force tecnica con esponenti di diversi settori per lavorare contro questi episodi. Tra le misure della proposta anche il divieto di realizzare siti internet o qualsiasi altro spazio di comunicazione pensati per adescare o sfruttare sessualmente minori.
78 Commenti alla Notizia Si scovano più siti pedopornografici
Ordina
  • 1 la legge deve mettere limiti precisi al concetto di sfruttamento sessuale, la pornografia non è sempre sfruttamento, il nudo non è sempre pornografia e certamente non è sfruttamento sessuale (anche i dementi lo capiscono, ma non tutti)
    2 sta all'accusa dimostrare che le immagini sono prodotte senza il consenso degli attori coinvolti o delle persone rappresentate
    3 una volta prodotto, il materiale pornografico non fa più danno, anzi: limita la richiesta saturando il mercato, e aiuta a prevenire abusi dei potenziali molestatori: finché uno guarda delle foto non sente il bisogno di guardare persone reali e se sono fotografie non ha la possibilità di abusare di loro: per fare questo semplice ragionamento però è necessario mettere da parte il benpensantismo
    4 per questa ragione la detenzione e la cessione gratuita non devono essere in nessun modo punite. Punire i detentori non significa assolutamente nulla per la prevenzione degli abusi sessuali, si creano solo falsi mostri e si mettono in ombra i reali rischi e i reali crimini contro le persone, che non sono certo degli sguardi più o meno voluttuosi. Infine si sprecano risorse che potrebbero essere più utilmente utilizzate per controllare i molestatori che agiscono sicuramente fuori dalla rete

    Insomma si tratta di separare il controllo delle persone dal controllo del pensiero delle persone. Si tratta di non mettere tutti sullo stesso piano di molestatori e stupratori. Chi ha un minimo di sensibilità psicologica e sociologica non può restare indifferente a questa ondata di panico morale che viola i diritti fondamentali di migliaia di persone e produce una profonda distorsione nella percezione del pericolo -che, ripeto, mette in ombra i reali abusi sui bambini. Si è aperto un varco ai moralizzatori della società civile, ai demagoghi del bene e del male, di cui in Italia non c'era assolutamente bisogno.
    C'è bisogno di gente coraggiosa che dica le cose senza paura degli anatemi lanciati da gente seduta in poltrona che ha perso il contatto con la vita...

    Quando sarà il momento di votare ricordatevelo. Lasciamo a casa chi si è approfittato delle paure della gente solo per ottenere consenso. Purtroppo non sarà possibile mandare a casa chi ha fatto carriera nei tribunali, ergendosi a giudice del bene e del male...
    non+autenticato
  • Ho notato che le immagini che ritraggono bambini nudi, senza atteggiamenti erotici e senza velo di violenza vengono classificate come pedoPORNOGRAFICHE.
    Che c'è di pornografico nel nudo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: qwe
    > Ho notato che le immagini che ritraggono bambini
    > nudi, senza atteggiamenti erotici e senza velo di
    > violenza vengono classificate come
    > pedoPORNOGRAFICHE.
    > Che c'è di pornografico nel nudo?

    È una delle tante stupidaggini della legge sul pedoporno, ovvero quella di lasciare libera interpretazione del giudice ciò che è o meno porno.
    Se la legge si limitasse ai palesi casi di violenza sarebbe un grande passo avanti, ma così non è.

    Secondo me ci sono svariate modifiche da fare a questa legge:
    1) il nudo NON è porno, questo deve essere chiaro
    2) si distingua i casi di palese violenza da quelli che violenza non sono (foto prese al mare, foto consenzienti, ecc.)
    3) il mero possesso può, al limite, essere punito con una multa
    4) via stupidaggini come la stessa idea di "pornografia virtuale" (che dimostra la volontà di fare caccia alle streghe e non quella di difendere qualcuno, senza contare che questa scusante è stata usata dal vergognoso Volonté nel patetico tentativo di far censurare il giochetto sui preti pedofili, il che dimostra [come se ce ne fosse bisogno] ancora una volta che trattasi di una legge di comodo e niente altro)
    5) si costituisca un database LEGALE con immagini la cui origine è certificata (ovvero tutti i protagonisti sono riconosciuti) e i cui rappresentati abbiano dato (una volta adulti) il loro consenso. In questo modo si elimina la medievale violenza di condannare qualcuno unicamente in base ai propri gusti e si da in contemporanea un duro colpo a chi invece guadagna sulle disgrazie dei bambini (perché ovviamente se esiste un database legale e gratuito non c'è più ragione di acquistare certo materiale da fonti dubbie)
    6) non può essere considerato pedoporno il materiale autoprodotto e distribuito ai propri amici (vedasi ridicoli casi di ragazzini accusati di auto-produzione di materiale pedopornografico)

    Il proibizionismo non ha mai fatto altro che alimentare il crimine, vedasi il proibizionismo americano sugli alcolici, il proibizionismo (sempre americano ma tutt'ora attuale) sull'alcool venduto ai minori di 21 anni che causa danni enormi a ragazzi che si ubriacano di nascosto e senza nessun controllo (tanto che appena compiuti 21 anni la prima cosa che fanno è ubriacarsi sino a svenire per "festeggiare"). Il proibizionismo passa il controllo del materiale proibito (per l'appunto) dritto alle organizzazioni criminali che ovviamente se ne sbattono se trattasi di alcool, droga o _persone_.

    Se si metteranno in pratica almeno i 6 punti di cui sopra allora non ci sarà più nulla, almeno da parte mia, da ridire sull'attuale legge sul pedoporno.

    Un punto che non c'entra con quanto sopra ma che dovrebbe essere inoltre approvato è quello di stabilire sanzioni pesanti (anche il carcere) per quei magistrati che causano danno agli innocenti per la loro personale crociata/voglia di apparire sui giornali come salvatori dell'umanità.
  • - Scritto da: Alphonse Elric
    > - Scritto da: qwe
    > > Ho notato che le immagini che ritraggono bambini
    > > nudi, senza atteggiamenti erotici e senza velo
    > di
    > > violenza vengono classificate come
    > > pedoPORNOGRAFICHE.
    > > Che c'è di pornografico nel nudo?
    >
    > È una delle tante stupidaggini della legge sul
    > pedoporno, ovvero quella di lasciare libera
    > interpretazione del giudice ciò che è o meno
    > porno.
    > Se la legge si limitasse ai palesi casi di
    > violenza sarebbe un grande passo avanti, ma così
    > non
    > è.
    >
    > Secondo me ci sono svariate modifiche da fare a
    > questa
    > legge:
    > 1) il nudo NON è porno, questo deve essere chiaro
    > 2) si distingua i casi di palese violenza da
    > quelli che violenza non sono (foto prese al mare,
    > foto consenzienti,
    > ecc.)
    > 3) il mero possesso può, al limite, essere punito
    > con una
    > multa
    > 4) via stupidaggini come la stessa idea di
    > "pornografia virtuale" (che dimostra la volontà
    > di fare caccia alle streghe e non quella di
    > difendere qualcuno, senza contare che questa
    > scusante è stata usata dal vergognoso Volonté nel
    > patetico tentativo di far censurare il giochetto
    > sui preti pedofili, il che dimostra [come se ce
    > ne fosse bisogno] ancora una volta che trattasi
    > di una legge di comodo e niente
    > altro)
    > 5) si costituisca un database LEGALE con immagini
    > la cui origine è certificata (ovvero tutti i
    > protagonisti sono riconosciuti) e i cui
    > rappresentati abbiano dato (una volta adulti) il
    > loro consenso. In questo modo si elimina la
    > medievale violenza di condannare qualcuno
    > unicamente in base ai propri gusti e si da in
    > contemporanea un duro colpo a chi invece guadagna
    > sulle disgrazie dei bambini (perché ovviamente se
    > esiste un database legale e gratuito non c'è più
    > ragione di acquistare certo materiale da fonti
    > dubbie)
    > 6) non può essere considerato pedoporno il
    > materiale autoprodotto e distribuito ai propri
    > amici (vedasi ridicoli casi di ragazzini accusati
    > di auto-produzione di materiale
    > pedopornografico)
    >
    > Il proibizionismo non ha mai fatto altro che
    > alimentare il crimine, vedasi il proibizionismo
    > americano sugli alcolici, il proibizionismo
    > (sempre americano ma tutt'ora attuale)
    > sull'alcool venduto ai minori di 21 anni che
    > causa danni enormi a ragazzi che si ubriacano di
    > nascosto e senza nessun controllo (tanto che
    > appena compiuti 21 anni la prima cosa che fanno è
    > ubriacarsi sino a svenire per "festeggiare"). Il
    > proibizionismo passa il controllo del materiale
    > proibito (per l'appunto) dritto alle
    > organizzazioni criminali che ovviamente se ne
    > sbattono se trattasi di alcool, droga o
    > _persone_.
    >
    > Se si metteranno in pratica almeno i 6 punti di
    > cui sopra allora non ci sarà più nulla, almeno da
    > parte mia, da ridire sull'attuale legge sul
    > pedoporno.
    >
    > Un punto che non c'entra con quanto sopra ma che
    > dovrebbe essere inoltre approvato è quello di
    > stabilire sanzioni pesanti (anche il carcere) per
    > quei magistrati che causano danno agli innocenti
    > per la loro personale crociata/voglia di apparire
    > sui giornali come salvatori
    > dell'umanità.
    ottima e ragionevole la tua proposta che naturalmente non verrà mai approvata visto che siamo governati da una banda di folli,stupidi fanatici cattotalebani,nazifascisti al soldo del vaticano e dell'imperialismo guerrafondaio usa!

    nonostante queste mie critiche certamente non leggere verso il sistema invito tutti a rispettare come faccio io le leggi esistenti,sia pure deliranti.
    il nostro motto:no nude in Pc e in internet
    nessun tipo di nudo sul nostro Pc
    Non diamo il pretesto alle bestie fanatiche sempre in agguato di rovinarci la vita per delle banalità virtuali!!!
  • pene per i giudici e le cretinissime giudichesse-scusate la licenza poetica- che causano danni agli innocenti:
    io una proposta l'avrei: li metterei in carcere assieme ad un branco di giovanissimi stupratori marocchini o siciliani con 30 cm di pene a testa,che ovviamente utilizzeranno ogni giorno contro i rei che così capiranno che a 17 anni non si è più bambini e che l'emergenza in italia è rappresentata da una feroce delinquenza giovanile che scippa,ruba,sevizia e stupra nella più completa immunità e nella compiacenza delle autorità costituite!
    Altro che le fandonie dei neonati e dei feti!!!!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 luglio 2007 01.58
    -----------------------------------------------------------
  • COME TI PERMETTI DI PARAGONARE I SICILIANI ( O PERSONE DI QUALSIASI ALTRA ETNIA) A STUPRATORI?
    non+autenticato
  • - Scritto da: qwe
    > Ho notato che le immagini che ritraggono bambini
    > nudi, senza atteggiamenti erotici e senza velo di
    > violenza vengono classificate come
    > pedoPORNOGRAFICHE.
    > Che c'è di pornografico nel nudo?
    un bambino nudo per una persona normale è un simbolo di innocenza e di purezza.
    mentre per il pedofilo,l'antipedofilo assatanato con la divisa ,la toga o la tonaca è un oggetto perverso,una preda sessuale!
    quindi sia i pedoni che gli antipedoni hanno la stessa ottica perversa non riuscendo nessuno dei due a sopportarne l'immagine nuda!sono entrambi dei nudofobici!
  • Questa "ricerca" di Telefono Arcobaleno è, come si usa, priva di valore in quanto non si pubblicano i dati da cui si sono ottenute queste cifre.Perché queste associazioni hanno paura di far verificare scientificamente i dati e dunque la correttezza della ricerca?
    non+autenticato
  • - Scritto da: paolo
    > ma qui tra omosex e pedofili si va ad una %
    > pazzesca.
    > Ormai noi poveri etero siamo rimasti soli, soli.
    >
    > Propongo i
    >            GERONTOFILI


    Ci sono gia! (che schifo!!)

    Comunque da studi scentifici risulta che il 10% almeno della popolazione maschile ha pulsioni pedofile.
    Questo spiegherebbe almeno in parte le cifre sempre più alte di che usufruisce di tali siti tenendo anche conto che in rete la gente si sente (a torto) anonima.
    non+autenticato
  • ma dove cazzo sono sti siti pedofili, poi ? No perchè da come ne parlano sembra che ne puoi trovare 56 per caso Oo
    Sgabbio
    26177
  • Mi chiedo cosa facciano dei siti dopo che li scoprono...

    Io ne ho segnalato uno, sia a Telefono Arcobaleno (che ha bellamente ignorato la mia e-mail), sia ad altre associazioni. In particolare, una mi ha risposto che i contenuti del sito non erano propriamente pedo-pornografici (forse hanno bisogno di vedere i neonati, perché in quel sito c'erano sicuramente delle ragazzine in età pre-adoloscenziale!!!).Triste
    non+autenticato
  • eh a vedere come va l'italia potrebbero anche accusarti di essere te il pedofilo -.-
    non+autenticato
  • Si infatti... occhio....
    non+autenticato
  • Sei fortunato che ti abbiano detto che non era un sito pedopornografico!
    Se lo avessero classificato come tale, avrebbero passato probabilmente l'url in mezzo agli altri, avrebbero preso tutti gli ip dei visitatori (tra cui c'era anche il tuo) e in uno dei millemilla raid antipedofili che vengono ampiamente pubblicizzati con cifre da capogiro, ci saresti finito anche tu... poi vai pure a dimostrare che non sei un pedofilo ma che hai segnalato la cosa... e se anche ci riuscissi, la tua vita sarebbe marchiata dall'infamante accusa anche se scagionatoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Curioso
    > Sei fortunato che ti abbiano detto che non era un
    > sito
    > pedopornografico!
    > Se lo avessero classificato come tale, avrebbero
    > passato probabilmente l'url in mezzo agli altri,
    > avrebbero preso tutti gli ip dei visitatori (tra
    > cui c'era anche il tuo) e in uno dei millemilla
    > raid antipedofili che vengono ampiamente
    > pubblicizzati con cifre da capogiro, ci saresti
    > finito anche tu... poi vai pure a dimostrare che
    > non sei un pedofilo ma che hai segnalato la
    > cosa... e se anche ci riuscissi, la tua vita
    > sarebbe marchiata dall'infamante accusa anche se
    > scagionato
    >Occhiolino


    non dategli retta: ha detto una grandissima cavolata; io ho più volte segnalato alla polpost ma se non vi fidate contattate telefono azzurro e ci pensano loro
    non+autenticato
  • - Scritto da: megaloman
    > - Scritto da: Curioso
    > > Sei fortunato che ti abbiano detto che non era
    > un
    > > sito
    > > pedopornografico!
    > > Se lo avessero classificato come tale, avrebbero
    > > passato probabilmente l'url in mezzo agli altri,
    > > avrebbero preso tutti gli ip dei visitatori (tra
    > > cui c'era anche il tuo) e in uno dei millemilla
    > > raid antipedofili che vengono ampiamente
    > > pubblicizzati con cifre da capogiro, ci saresti
    > > finito anche tu... poi vai pure a dimostrare che
    > > non sei un pedofilo ma che hai segnalato la
    > > cosa... e se anche ci riuscissi, la tua vita
    > > sarebbe marchiata dall'infamante accusa anche se
    > > scagionato
    > >Occhiolino
    >
    >
    > non dategli retta: ha detto una grandissima
    > cavolata; io ho più volte segnalato alla polpost
    > ma se non vi fidate contattate telefono azzurro e
    > ci pensano
    > loro

    Interessante, come mai trovi tutti questi siti tu? Sorride
  • - Scritto da: nino
    > Mi chiedo cosa facciano dei siti dopo che li
    > scoprono...
    >
    > Io ne ho segnalato uno, sia a Telefono Arcobaleno
    > (che ha bellamente ignorato la mia e-mail), sia
    > ad altre associazioni. In particolare, una mi ha
    > risposto che i contenuti del sito non erano
    > propriamente pedo-pornografici (forse hanno
    > bisogno di vedere i neonati, perché in quel sito
    > c'erano sicuramente delle ragazzine in età
    > pre-adoloscenziale!!!).
    >Triste

    Evidentemente non era un sito pedopornografico.
    Gli avrai segnalato un sito naturista fai conto. Rotola dal ridere
  • - Scritto da: nino
    > Mi chiedo cosa facciano dei siti dopo che li
    > scoprono...
    >
    > Io ne ho segnalato uno, sia a Telefono Arcobaleno
    > (che ha bellamente ignorato la mia e-mail), sia
    > ad altre associazioni. In particolare, una mi ha
    > risposto che i contenuti del sito non erano
    > propriamente pedo-pornografici (forse hanno
    > bisogno di vedere i neonati, perché in quel sito
    > c'erano sicuramente delle ragazzine in età
    > pre-adoloscenziale!!!).
    >Triste


    Ma erano nude, vestite, in atteggiamenti sessualizzati, ecc. ?
    Se parli di immagini tipo il catalogo postalmarket allora no, non è classificato come pedoporno
    non+autenticato
  • - Scritto da: megaloman
    >
    > Ma erano nude, vestite, in atteggiamenti
    > sessualizzati, ecc.
    > ?
    > Se parli di immagini tipo il catalogo
    > postalmarket allora no, non è classificato come
    > pedoporno

    Approfitto del tuo intervento per rispondere anche agli altri:

    Seguendo un link arrivatomi via e-mail, mi sono imbattuto in un portale dove c'erano decine e decine di ragazzine nude che linkavano ad altrettanti siti; ne ho aperto un paio per pochi secondi e tanto è bastato per farmi sentire un verme. Si, c'erano dodici-tredicenni impegnate in atti sessuali veri e propri. Ho chiuso subito e l'ho segnalato come ho detto. A distanza di oltre un mese, ho notato che esiste ancora...

    Per quanto riguarda le ipotetiche accuse, di cosa mi potrebbero accusare? Mica ci sono stato delle ore o mi sono messo a scaricare?! E poi, l'ho segnalato, no?

    In ogni caso, da allora in poi cancello subito tutte le mail inattendibili senza neanche aprirle...!
    non+autenticato
  • > Seguendo un link arrivatomi via e-mail, mi sono
    > imbattuto in un portale dove c'erano decine e
    > decine di ragazzine nude che linkavano ad
    > altrettanti siti; ne ho aperto un paio per pochi
    > secondi e tanto è bastato per farmi sentire un
    > verme. Si, c'erano dodici-tredicenni impegnate in
    > atti sessuali veri e propri. Ho chiuso subito e
    > l'ho segnalato come ho detto. A distanza di oltre
    > un mese, ho notato che esiste
    > ancora...
    QUindi dai log del sito risultano più accessi da parte tua. Hai fatto un grave errore. Quando ci si imbatte in materiale pedo occorre segnarsi l'indirizzo (copia ed incolla su notepad) e segnalarlo ALLA POSTALE e solo a loro non a 1\2 mondo.
    La lege 38 del 2006 prevede ESPRESSAMENTE la loro competenza esclusiva. Sul sito della polizia di STato c'è un indirizzo apposito per le segnalazioni:
    http://www.commissariatodips.it/stanze.php?strpare...
    tra l'altro una visita a questa paginapuò essere istruttiva:
    http://www.commissariatodips.it/tematica.php?strid...
    quindi se vi imbattete in materaile pedo: segnalate il sito e dimeticatevi della sua esistenza: eventuali visite "di controllo" per vedere se è ancora attivo potrebberocrearvi serie complicazioni.

    > Per quanto riguarda le ipotetiche accuse, di cosa
    > mi potrebbero accusare? Mica ci sono stato delle
    > ore o mi sono messo a scaricare?! E poi, l'ho
    > segnalato,
    > no?
    Non basta segnalare il sito se poi ci torni.Il reato ipotizzato è 600-quater, ti fanno la perquisizione, sequestarno il PC e verificano il contenuto.

    > In ogni caso, da allora in poi cancello subito
    > tutte le mail inattendibili senza neanche
    > aprirle...!
    BraO
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 luglio 2007 13.22
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: SirParsifal
    > QUindi dai log del sito risultano più accessi da
    > parte tua. Hai fatto un grave errore. Quando ci
    > si imbatte in materiale pedo occorre segnarsi
    > l'indirizzo (copia ed incolla su notepad) e
    > segnalarlo ALLA POSTALE e solo a loro non a 1\2
    > mondo.
    > La lege 38 del 2006 prevede ESPRESSAMENTE la loro
    > competenza esclusiva. Sul sito della polizia di
    > STato c'è un indirizzo apposito per le
    > segnalazioni:
    > http://www.commissariatodips.it/stanze.php?strpare
    > tra l'altro una visita a questa paginapuò essere
    > istruttiva:
    > http://www.commissariatodips.it/tematica.php?strid
    > quindi se vi imbattete in materaile pedo:
    > segnalate il sito e dimeticatevi della sua
    > esistenza: eventuali visite "di controllo" per
    > vedere se è ancora attivo potrebberocrearvi serie
    > complicazioni.
    >
    > Non basta segnalare il sito se poi ci torni.Il
    > reato ipotizzato è 600-quater, ti fanno la
    > perquisizione, sequestarno il PC e verificano il
    > contenuto.
    >

    Ho notato che i tuoi interventi denotano una certa competenza in materia e non mi sorprenderebbe che tu facessi proprio parte della polizia postale...

    Pertanto, ti ringrazio per i consigli: ne farò tesoro.

    Ciao,
    nino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)