Reflex, Panasonic va oltre il live view

La nuova photocam abbina alla tecnologia live view per l'anteprima delle immagini su display uno schermo orientabile. Una feature destinata a diventare standard?

Roma - Grazie al costante calo dei prezzi, e a caratteristiche che non trovano pari nel comparto delle fotocamere compatte, il mercato delle reflex digitali (DSLR) sta registrando un boom di vendite senza precedenti. In questo scenario i produttori stanno facendo a gara per introdurre modelli capaci di attrarre un numero sempre più ampio di utenti consumer: tra questi c'è anche Panasonic, prima a lanciare una reflex digitale con display LCD orientabile.

La DMC-L10, secondo modello di DSLR proposto dalla famosa marca giapponese, utilizza un sensore CMOS in formato QuattroTerzi (18 x 13,5 millimetri) con risoluzione di 10,1 megapixel. L'apparecchio si pone in concorrenza più o meno diretta con DSLR consumer come le Nikon D40x e D80, la Canon EOS-400D e la Sony Alpha 100, dalle quali tenta di distinguersi per l'impiego di uno schermo ruotabile di 270 gradi.

Quest'ultima caratteristica, che rappresenta una novità assoluta nel mondo delle reflex, ben si abbina alla tecnologia live view, che permette di inquadrare la scena anche attraverso il display LCD. Queste due funzionalità rappresentano il tentativo di svecchiare il concetto di reflex e di estendere il tradizionale target di questa categoria di fotocamera.
Come il live view, lanciato da Olympus e adottato anche sulle ultime DSLR di Canon e Nikon, lo schermo orientabile potrebbe diventare un'altra delle caratteristiche standard delle future reflex digitali. Sebbene c'è chi storce il naso di fronte a queste novità tecnologiche, ritenendole superflue o persino indesiderate, altri le hanno accolte con entusiasmo: del resto la possibilità di avere la preview di ciò che si fotografa anche attraverso il display rappresenta un'opzione da non sottovalutare quando ci si trova a scattare in mezzo ad una folla, sdraiati a terra o in altre posizioni poco comode. E lo è ancor di più se il display si può anche ruotare, come nella DMC-L10. Per altro non è obbligatorio avvalersi di tali funzionalità: il mirino ottico resta lì dov'è sempre stato, e probabilmente ci resterà ancora per un bel pezzo.

Le critiche sono senza dubbio più fondate se riguardano il fattore costi: queste tecnologie, a cui si aggiungono ormai gli immancabili (o quasi) sistemi anti-polvere, anti-vibrazione e riconoscimento dei volti, non sono gratis, e talvolta si ha la sensazione che i produttori le inseriscano anche là dove effettivamente se ne potrebbe fare a meno.

Tornando alla DMC-L10, la nuova DSLR di Panasonic adotta due ghiere di controllo, utilizzabili per impostare i tempi di esposizione e l'apertura del diaframma; include la tecnologia Supersonic Wave Filter per la rimozione della polvere dal sensore; lo stabilizzatore ottico d'immagine MEGA O.I.S.; autofocus ibrido ("a differenza di fase" quando si scatta usando il mirino, "a contrasto" quando si usa il display LCD); tecnologia face detection; e controllo automatico delle sensibilità ISO, che possono andare da 100 a 1.600. Tutte le caratteristiche tecniche si trovano in questa pagina del sito italiano di Panasonic.

Al corpo macchina è abbinato l'obiettivo Leica D Vario-Elmar 14-50 mm F3.8-5.6, equivalente ad un 28-100 mm.
23 Commenti alla Notizia Reflex, Panasonic va oltre il live view
Ordina
  • Finalmente l'industria si sveglia e mette delle cose VERAMENTE UTILI nei loro apparecchi. Una di queste è certamente il display orientabile e life wiew.

    Grazie al quale è finalmente possibile, ad esempio, controllare la regolazione dei bianchi PRIMA di scattare (e non come ora dove sei obbligato a scattare una foto a qualcosa di bianco, fare la regolazione, scattare la foto e controllare il risultato).

    Pensiamo poi alla comodità impagabile di inquadrare con angolature davvero scomodissime -se non impossibili- con le reflex: dall'alto sopra la testa (ora si scatta alla cieca), dal basso o rasoterra dove ora si è costretti a buttarsi a terra, magari nel fango o tra le ortiche...

    Io dico solo: era ora!

    http://www.aghost.wordpress.com/
  • Ciao aghost !

    > Finalmente l'industria si sveglia e mette delle
    > cose VERAMENTE UTILI nei loro apparecchi. Una di
    > queste è certamente il display orientabile e life
    > wiew.

    In realtà per le reflex è una vita che esistono mirini ed addirittura obbiettivi a fibre ottiche che risolvono il problema delle inquadrature estreme. Tuttavia sono ammennicoli rari ed estremamente costosi.
    Quindi sicuramente questa è una utilissima opzione accessoria che migliora l'usabilità della macchina.

    > Grazie al quale è finalmente possibile, ad
    > esempio, controllare la regolazione dei bianchi
    > PRIMA di scattare (e non come ora dove sei
    > obbligato a scattare una foto a qualcosa di
    > bianco, fare la regolazione, scattare la foto e
    > controllare il
    > risultato).

    Mai scattato in RAW vero ?
    Mettiamola così la regolazione del punto di bianco è una cosa che si può fare benissimo in fase di "sviluppo" del RAW, ma se la foto è sfuocata (vedi l' altro therad "perché il mirino reflex") ... puoi fare solo 3 cose cestinarla, cestinarla e cestinarla.
  • Sai che novità, al cugina Olympus è da una po' che ha lo schermo orientabile.....
    non+autenticato
  • Ciao Mau !

    > Sai che novità, al cugina Olympus è da una po'
    > che ha lo schermo
    > orientabile.....

    Su una DSLR ?
  • si la E330 lo fa da un pezzo.
    http://www.olympus.it/consumer/dslr_E-330.htm

    e il Full Time Live Preview viene effettuato tramite un sensore secondario in modo di non interferire con il funzionamento normale della fotocamera.
    non+autenticato
  • Ciao Michele !

    > si la E330 lo fa da un pezzo.
    > http://www.olympus.it/consumer/dslr_E-330.htm

    ????
    Dove hai letto che che il MONITOR ORIENTABILE ?
    Era questa la novità di panasonic non il live view !

    > e il Full Time Live Preview viene effettuato
    > tramite un sensore secondario in modo di non
    > interferire con il funzionamento normale della
    > fotocamera.

    Come tutti i live view.
  • >Dove hai letto che che il MONITOR ORIENTABILE ?
    qui ad esempio...
    http://www.dpreview.com/reviews/OlympusE330/page2....

    >Come tutti i live view.
    falso, canon e nikon sollevano lo specchio e usano il sensore principale per il live view.

    la E330 ha un sensore separato:
    http://a.img-dpreview.com/reviews/olympusE330/Imag...
    non+autenticato
  • non è un vero display orientabile: quello della olympus se non sbaglio bascula solo in senso verticale, e per di più parzialmente
  • si il raw d'accordo, ma se scatto in jpeg? Poi il raw occupa un sacco di spazio lo sai noSorride
  • Ma che l'hai comprata a fare sta reflex?????
    non+autenticato
  • - Scritto da: Genio
    > Ma che l'hai comprata a fare sta reflex?????

    come si diceva l'altra volta, il fatto che sia reflex non ha nulla a che fare con il resto.

    il raw non è direttamente legato al funzionamento del mirino.
    E' solo il modo di registrare l'immagine e trattarne i parametri.

    Quindi compri la reflex perchè ti piace quel sistema di mira, ecco perchè la compriSorride
    non+autenticato
  • Ho avuto modo di vedere la Nikon F5 (pellicola) e notare che il mirino (ottico, reflex) era intercambiabile: non necessariamente si usava il pentaprisma, ma era possibile usare quello a pozzetto; opzione che si rivelava utile anche in casi simili a quello citato nell'articolo.

    Naturalmente il display orientabile mi pare (a sensazione) molto più comodo.

    Mi aspetto che qualcuno si inventi qualcosa di ottico (fibre ottiche? specchio cardanico? speck e cardamomo? aperitaviti?) e mantenga il meccanismo reflex originale, ampliandolo o migliorandolo in qualche modo.

    Potrebbe anche essere già stato inventato anni fa e non essere stato preso in considerazione dall'industria che non era pressata dalla concorrenzaSorride

    possibile, no?

    Tutto interessante. Comunque si rischia di dimenticare che quel che conta sono sempre le ottiche... mi pare che puntino su ALCUNE tecnologie (OIS, pulizia sensore e live view) e ne dimentichino altre (ma se le dimenticano davvero? in certi casi quando poi vedi che alcuni componenti esterni fanno esattamente quel che poteva fare il software...).

    Per quanto riguarda la pulizia del sensore, poi, sento pareri molto dissimili... alcuni entusuasti, altri parlano di tecnici che ti mostrano chiaramente che la vera pulizia è inevitabile.

    boh!!

    io so che costa circa 50 euro, se non ti arrangi.
  • dovrei verificare, ma se usa lo stesso sistema di Olympus E330 non viene utilizzato il sensore principale, ma un sensore secondario piu piccolo che registra le immagini riflesse sullo specchio.
    non+autenticato