Paolo De Andreis

L'abuso di immagini altrui su Web

Ne parla con Punto Informatico un webmaster di lungo corso, perplesso sul come spesso vengano utilizzate le immagini di altri su siti, forum, blog e via dicendo

Roma - Carissima redazione di Punto Informatico, volevo portare alla vostra attenzione quello che ritengo essere un aspetto del web di cui sarebbe interessante parlare. Sono ormai quasi 10 anni che navigo sul web e da quasi altrettanti gestisco diversi siti di varia natura fino ad arrivare, allo stato attuale, ad un unico sito dedicato alla mia principale passione: la fotografia.

Negli ultimi anni, con l'espandersi del fenomeno dei blog e dei forum, ho notato un enorme dilagare della prassi di "appropriarsi" di grafica e fotografie altrui, linkando tali immagini direttamente all'interno dei post sui blog e sui forum.

Non che io sia sempre stato corretto in questo senso; tra i vari siti gestiti, che riguardavano serie TV o fumetti, anch'io ho utilizzato immagini raccolte sul web. Ma l'origine di tali immagini erano generalmente le case di produzione delle serie ed il fine era quello di offrire informazioni e materiale ad altri fan, promuovendo di fatto le serie stesse.
Quello che noto invece, osservando le statistiche del mio sito, è che molto spesso le immagini vengono inserite in blog e forum direttamente dall'origine, senza preoccuparsi di avvisi relativi alla proprietà delle immagini e delle limitazioni di utilizzo. Tant'è che oramai attraverso le statistiche fornitemi da Webalizer non sono più in grado di stabilire quali siano i referrer effettivi.

Ci sono decine di "referrer" (con centinaia di contatti ogni mese) che in realtà altro non sono che utenti di forum e/o blog che hanno riportato nei loro post immagini o grafica caricati sul mio server. È vero che Internet è bello perché più libero, è vero che tutti noi abbiamo usato -consapevolmente o no- grafica e fotografie altrui. Ma mi sembra che ultimamente si stia un po' esagerando (probabilmente la prassi è: cerco un'immagine su Google, copio l'url e lo incollo sul mio forum/blog). Cosa ne pensa la redazione di Punto Informatico? Ed i lettori?

Giorgio "Gege" Perbellini
www.gegeonline.it

Caro Giorgio
tocchi un argomento molto scivoloso. Scivoloso perché viviamo in un'epoca dominata dal dio Copyright al quale si immolano giorno dopo giorno non tanto criminali ma soprattutto belle idee, strumenti utili, opportunità di progresso che sgorgano dalla rete. Scivoloso perché il fair use, l'uso "equo" di materiali altrui, si fa difficile e complicato in un mondo nel quale spesso la fonte di un'immagine altro non è che il suo ennesimo utilizzatore e in cui perdere di vista l'autore, o chi abbia diritto di disporne, è questione di un clic, è cioè persino troppo facile. Ed è scivoloso anche perché, come dici bene, le possibilità di ripubblicare un'immagine sono pressoché infinite, e in continua espansione.

Bloccare o limitare un fenomeno del genere è vano quanto tentare di impedire a qualcuno di cliccare sul proprio mouse. Cercare comunque quel risultato, però, può costare molto, ad esempio farci perdere di vista un pezzetto del fascino dell'imprevedibilità sociale che accompagna lo sviluppo della rete: inseguendo la chimera del controllo, potremmo dimenticare le promesse di un mondo "altro" da quello attuale, dove tutto, ma proprio tutto, sia diverso, e non per via di leggi, ma perché diversa è la nostra percezione, destinata com'è ad evolversi. Dobbiamo però consentirle di evolvere e per farlo occorre guardare avanti, anzi, il più avanti possibile.

Non tutto ciò che accade è accettabile solo perché si manifesta, ma le tutele passano per vie nuove: quanto accade sul fronte della percezione del diritto d'autore impone almeno un primo passo verso nuove direzioni, ad esempio verso l'adozione delle licenze Creative Commons. La loro "istituzionalizzazione" e il riconoscimento del loro valore nel senso più ampio e diffuso è tanto più urgente quanto più spietati e vani, e per questo incontrollati e pericolosi, si fanno gli atti di chi ritiene di poter, invece, mantenere lo status quo. A me viene da dire che se in tanti prelevano le tue immagini allora è il caso di fornir loro uno strumento ancor più facile e comodo per farlo, un link prestabilito, o magari un codice da inserire nel sito o nel forum, che preservi a te la paternità della foto e a loro la possibilità di ripubblicarla senza limiti. Questo spingerebbe non tutti, ma almeno alcuni, a seguire le tue indicazioni anziché arraffare senza cura qualsiasi cosa capiti loro sott'occhio. Ma è solo una idea, anche certe tecnologie molto possono fare per ostacolare (non per fermare) questo anarchico fluire di clic.

Tornando a ciò che scivola, tutto scivola, e ci scorre sulle mani: c'è chi pensa che si possano chiudere i pugni per fermare quella corrente, e quei pugni prima o poi ne vengono inevitabilmente travolti, c'è invece - e noi possiamo scegliere di essere tra questi - chi ritiene che sia importante che questo fluire aumenti e si ingrossi il più possibile.

A presto Giorgio,
Paolo De Andreis
122 Commenti alla Notizia L'abuso di immagini altrui su Web
Ordina
  • Ho un sito di gossip non sono una testata giornalistica (a causa di costi eccessivi dovuti sopratutto alla necessita di assumere un giornalista) è molto difficile per un sito quindi amatoriale riuscire ad aquistare le foto necessarie è quindi necessario prenderle da altri siti (dove possibile naturalmente bisogna citare la fonte), o si fa cosi o non si ha nessuna speranza di crescere e magari far diventare quel sito un sito serio con qualche futuro e in grado di pagare le foto, ovviamente pagare le foto da più vantaggi che svantaggi (indubbiamente dipende pure dal costo), ad esempio sopratutto nel campo del gossip pagare una foto significa averla prima degli altri, poterla marchiare e questo porta un enorme publicità...
    Quindi che dire, il problema non sta nel rubare le foto, ma in dove vengono rubate se republica, la stampa o il giornale mi rubasse delle foto mi incaxxerei parecchioA bocca aperta
    non+autenticato
  • vi siete resi conto adesso che il copyright sulle immagini online è totalmente inesistente? lol
    non+autenticato
  • non trovo giusto inserire di default un'immagine residente in un server che non mi appartiene, dunque vedo legittimo copiare l'immagine su un piccolo server di proprietà, ma senza avere un server vero e proprio.

    se proprio vogliamo far visualizzare una foto, quasta deve essere nel nostro pseudo-server, magari creato da un programmillo apposito.
    non+autenticato
  • ...che s'è visto l'immagine sostituita:

    «quella che si dice una vera e propria figura di....    

    ora l'ho levata,ma il fatto è che io in quanto a tecnologia è già un miracolo che riesco ad accendere il pc e a scrivere su un forum...»

    Il problema è proprio questo. La gente oramai usa il computer e si collega a Internet come fosse un televisore...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gege
    > ...che s'è visto l'immagine sostituita:
    > «quella che si dice una vera e propria figura
    > di....   
    > ora l'ho levata,ma il fatto è che io in quanto a
    > tecnologia è già un miracolo che riesco ad
    > accendere il pc e a scrivere su un
    > forum...»
    >
    > Il problema è proprio questo. La gente oramai usa
    > il computer e si collega a Internet come fosse un
    > televisore...

    centro!
    il problema e' proprio "culturale"
    la causa? chi ama tanto zio Bill e i suoi "software" gli attribusce come primo merito quello di aver diffuso l'informatica nel mondo... e questi sono i risultati...
    non+autenticato
  • Io per il mio sito (www.ghigooo.it) ho deciso di firmare le immagini ma visto che ritengo che le scritte rovinino le foto ho fatto in modo che gli utenti del mio sito non vedano la firma sovrapponendo un pezzetto della foto sopra la scritta. è più facile da vedere che da descrivere!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 31 discussioni)