Luca Annunziata

India: free software obbligatorio nelle scuole

Il paese asiatico rilancia le applicazioni libere. Ribadendo l'impegno della nazione per il pluralismo informatico

Roma - A partire da marzo dell'anno prossimo, in tutte le scuole secondarie indiane diverrà obbligatorio l'uso di software libero. Con una circolare, il ministero dell'istruzione ha indicato in Linux il sistema operativo su cui basare lo svolgimento pratico degli esami della scuola secondaria, ed ha avviato inoltre una serie di iniziative per promuovere il software libero nel paese.

Che l'India sia uno dei principali produttori di software al mondo, è cosa nota ai più: meno noto che la nazione asiatica sia anche tra i principali promotori e sviluppatori di prodotti a codice aperto. Anche la comunità di sostenitori del mondo Linux è molto ampia, così come forte la presenza nel dibattito nazionale della divisione indiana di Free Software Foundation.

A quest'ultima, assieme allo SCERT (State Council Educational Research and Training) della regione di Kerala, è stato affidato il compito di redigere i nuovi libri di testo di informatica per le scuole: l'intero programma si basa su applicazioni sviluppate per Linux ed X, come ad esempio il celebre programma di fotoritocco The GIMP.
Proprio The GIMP, assieme a XPaint e TUX Paint, sarà al centro di un concorso di pittura riservato agli studenti dal titolo "la mia scuola e i dintorni", che li impegnerà nel raccontare per immagini il proprio quartiere utilizzando solo software open source. Analogamente, un concorso di composizione li catapulterà nel descrivere l'"IT e suoi benefici per la comunità": il tutto utilizzando, rigorosamente, OpenOffice.

L'India dunque pone decisamente la prua verso Linux e l'open source: i numeri in questo senso sono già evidenti, con il comparto degli sviluppatori di programmi open source per Linux che cresce al ritmo del 60 per cento all'anno, in alcuni casi addirittura raddoppiando il volume di affari rispetto all'anno precedente. A trarne beneficio sono tutti i settori, dalle strutture governative a quelle finanziarie, dall'industria manifatturiera a quella high tech. Persino Microsoft ha iniziato a distribuire gratuitamente software nel paese, forse nella speranza di "attaccare" il mercato prima che sia "troppo tardi".

Secondo gli osservatori, la scelta indiana potrebbe segnare una svolta per le ambizioni di Linux e del movimento del software libero: investimenti massicci nel campo dell'istruzione spingeranno sempre più giovani a prendere dimestichezza e familiarità con il pinguino, per la felicità del guru delle libertà informatiche Richard Stallman.

Luca Annunziata
38 Commenti alla Notizia India: free software obbligatorio nelle scuole
Ordina
  • viste le molte imprecisazioni, inizio col dire che linux non è un sistema operativo software libero, ma semplicemente un kernel. il sistema operativo software libero si chiama GNU/linux, si guardi

    http://www.gnu.org/gnu/initial-announcement.html

    >
    > SPERO CHE QUELLI CHE LA PENSANO COME ME, MA ANCHE >DIFFERENTEMENTE E SONO PIU'PROPENSI ALL'OPENSOURCE SI CHIARISCANO UNA VOLTA PER SEMPRE LE IDEE. FORSE SI
    >CAPIRA' LA NETTA DISTINZIONE FRA:
    >
    >
    > SOFTWARE LIBERO
    >
    >
    >
    >                                                                         ED
    >
    >
    > OPENSOURCE
    >
    >SONO 2 COSE DISTINTE FRA LORO E CHE FORSE LOR SIGNORI >DEBBANO INIZIARE AD ACCULTURARSI.
    >
    >
    > http://www.gnu.org/philosophy/categories.html QUESTO E' IL LINK IN INGLESE
    > http://www.gnu.org/philosophy/categories.it.html QUESTO E' IL LINK IN ITALIANO
    >
    >
    > http://www.gnu.org/philosophy/categories.it.html#F... QUESTO E' IL LINK IN ITALIANO RIGUARDO >AL TERMINE SOFTWARE LIBERO
    >
    >
    > http://www.gnu.org/philosophy/categories.it.html#O... QUESTO E' LINK IN ITALIANO RIGUARDO AL >TERMINE OPEN SOURCE
    >
    > IN INGLESE
    >
    > http://www.gnu.org/philosophy/free-software-for-fr... Why "Free
    > Software" is better than "Open Source"
    > http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.html The Free Software Definition
    >
    >NELL'OPENSOURCE SI SACRIFICA LA LIBERTA' PER IL SEMPLICE >USO DEL CODICE SORGENTE E PER CONDIVIDERE ANCHE PROGRAMMI >CHE SONO SOFTWARE NON LIBERO SU UN SISTEMA OPERATIVO COME >GNU/linux CHE E' UN SISTEMA OPERATIVO SOFTWARE LIBERO. >CIO' E' VERGOGNOSO. COMUNQUE QUESTO E' IL RIFERIMENTO >DELL'OSI SCOPIAZZATO NEL MODO PIU' BRUTTO DALLA GPL
    > DA PARTE DI ESR
    >
    > http://www.opensource.org/docs/osd
    >
    >
    > E NON SI NOMINA BENCHE' MINIMAMENTE LA PAROLA FREE OR >FREEDOM
    >
    > Relationship between the Free Software movement and Open >Source movement
    >
    > http://www.gnu.org/philosophy/free-software-for-fr...
    > IN
    > INGLESE

    > Perché "Software Libero" è meglio di "Open Source"
    >
    > http://www.gnu.org/philosophy/free-software-for-fr... IN ITALIANO
    >
    > Cos'è il Software Libero? http://www.gnu.org/philosophy/free-sw.it.html IN ITALIANO
    >
    > SCORRERE LA PAGINA PER LEGGERE LA DEFINIZIONE DI >OPENSOURCE
    > Relazione tra il movimento del Software Libero e il >movimento Open Source
    >
    > http://www.gnu.org/philosophy/free-software-for-fr...
    > IN ITALIANO
    non+autenticato
  • Avranno scelto una distribuzione precisa (al limite una famiglia con relative derivate strette) così che questi studenti, se mai diventeranno programmatori, saranno naturalmente incoraggiati a sviluppare lì sopra creando il tanto famoso mercato linux che in genere latita altrove o il tutto è limitato solo alla miope visione di risparmiare qualche soldo in licenze e per i più bravi di imparare i meccanismi nascosti di un os ?
    non+autenticato
  • E' una notizia molto importante, in quanto l'India ha dei numeri enormi, e ancora in fase di piena evoluzione. Se la strada intrapresa non verrà lasciata, l'apporto della comunità indiana sarà determinante, anche a breve termine.
  • L'india avrà tutti i suoi problemi povertà caste ecc, ma che l'india è avanti nel settore informatico (non xkè oggi ha deciso che usa linux) si sa ormai da anni. Ma anni luce avanti.
    Basta vedere un po in giro e si scopre che le università americante nei settori scientifici hanno parecchi indiani, molti esperti internazionali di informatica internet ecc sono indiani...

    Più che altro (linux o non linux) bisognerebbe far notare che l'india ha un programma politico x l'informatica nelle scuole, roba che in italia in molte scuole facciamo finta di avere. (Vedi licei scientifici dove scegli l'indirizzo informatico e ti insegnano a usare il pascal (cioè ti dovrebbero insegnare xkè spesso i prof non sanno, non ne hanno voglia, non ci sono i pc, ecc. ecc.))
  • L'ho visto con i miei occhi, in villaggi da 30 case di fango e paglia ci sono i cartelli che invitano a partecipare a corsi di C++

    Essendo pochi anni che sono nell'Informatica al momento sono un po "paciugoni", ma vi assicuro che sono dei mostri, nel giro di pochi anni si raffineranno e daranno del filo da torcere a chiunque
    non+autenticato
  • Sono dei mostri perché hanno un costo del lavoro basso, CON LO STESSO COSTO se su un progetto metti dieci persone a lavorare che ti costano come una persona in Europa è ovvio che il lavoro venga meglio e magari anche in meno tempo...



    - Scritto da: khamel
    > L'ho visto con i miei occhi, in villaggi da 30
    > case di fango e paglia ci sono i cartelli che
    > invitano a partecipare a corsi di
    > C++
    >
    > Essendo pochi anni che sono nell'Informatica al
    > momento sono un po "paciugoni", ma vi assicuro
    > che sono dei mostri, nel giro di pochi anni si
    > raffineranno e daranno del filo da torcere a
    > chiunque
    non+autenticato
  • - Scritto da: ------
    > Sono dei mostri perché hanno un costo del lavoro
    > basso, CON LO STESSO COSTO se su un progetto
    > metti dieci persone a lavorare che ti costano
    > come una persona in Europa è ovvio che il lavoro
    > venga meglio e magari anche in meno
    > tempo...
    >
    >

    Mica tanto ....

    Se ti fai un giro nella silicon valley di indiani ce ne sono parecchi e ricevono paghe occidentali.

    In genere gli indiani sono molto richiesti dall'industria occidentale e non solo per gli stipendi.
    non+autenticato
  • Allo scientifico ti insegnano ad usare il pascal ? Ma dove ? Ti fanno una testa così di latino ed epica e se provi a chiedere cosa centra con le materie scientifiche ti sanno solo rispondere "che serve"
    non+autenticato
  • Quando ho fatto io le superiori fai conto che ho finito le superiori 7 anni fa, al liceo scientifico c'era il PNI, piano nazionale informatico, che prevedeva 2 ore in + di scuola, che teoricamente servivano x insegnare +informatica e +matematica statistica.

    Ebbene si, il linguaggio di programmazione che avrebbero dovuto insegnare era il Pascal (cmq si parla di 1h a settimana). Ok si presta bene a scopo didattico, ma c'è un mondo la fuori!!!

    Naturalmente ti insegnavano a fare poco e niente, se te lo insegnavano.
    I principali problemi erano:
    1) nn ci sono i computer
    2) ci sono e bisogna trovare chi istalla il pascal su tutti
    3) ci sono il pascal è istallato ma il prof (che era quello di matematica) non sa una cippa di programmazione
    4) ci sono ma il prof visto che ha 2 ore in + cerca di finire il programma di matematica e non fa nulla di informatica (che non si sa mai xkè alle superiori non esiste corso dove si arrivi alla fine del programma)

    da aggiungere:
    5) gli studenti usano i pc x giocare a qualcosa

    Non so se sia ancora valido xò quando ho iniziato io era ai primi anni quindi penso di si.
  • La cosa la trovo di straordinaria importanza.

    Tanto per capire cosa è oggi l'India:
    Tutti avranno sentito parlare della Silicon Valley, a Bangalore lavorano circa 150.000 ingegnieri contro i 120.000 della Silicon Valley.
    Ogni anno in India sfornano 200.000 tra ingegneri laureati e superlaureati in materie scientifiche.
    Il 12% degli scienziati statunitensi è indiano, alla Nasa il 36% dei matematici arriva dall'India.
    (dati forniti da Teti all ITC Conference di Caramanico)

    Questi hanno scelto l'obbligo di Linux e Open Source nell'istruzione, quindi pensano che il futuro stia lì.

    Politici, riuscirete a capire che Linux e i sistemi aperti non sono una scelta ideologica ma qualcosa da rincorrere e favorire nell'interesse di tutti ?
  • stai rivolgendo un appello ai politici?A bocca aperta
    dubito che ti leggano, dubito che ti comprendano, dubito che sappiano cosa voglia dire sistema apert o linux.
    Arrendiamoci.
    Emigriamo se possiamo o viviamo da schiavi schedati e supercazzuolati in Italia.
    Sperando che i maya avessero ragione sul 2012..
    saluti



    > Politici, riuscirete a capire che Linux e i
    > sistemi aperti non sono una scelta ideologica ma
    > qualcosa da rincorrere e favorire nell'interesse
    > di tutti
    > ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: nec

    > Sperando che i maya avessero ragione sul 2012..
    > saluti

    Deluso
    Perchè? Scusa ma sono ignorante, che dicevano i Maya sul 2012? Non puoi lasciarmi così...
    non+autenticato
  • Ho trovato questo:

    Sabato 22 Dicembre 2012, fine del mondo?
    Questa data è riferita ad una profezia che la civiltà Maya fece più di 5000 anni fa, questa profezia non ci indica quella data come termine del mondo, ci indica invece il punto di conclusione di un anno galattico, ricordo che I Maya hanno scoperto che come la Terra gira intorno al Sole, tutto il sistema solare nel quale la Terra si trova gira anch'esso intorno alla galassia, così il giro completo del sistema solare intorno alla galassia dura 25625 anni, questo è chiamato "anno galattico", sabato 22 dicembre 2012 finisce "un anno galattico".
    La profezia ci dice che vi saranno dei grandi cambiamenti, climatici per quanto riguarda il nostro pianeta, spirituale tra gli esseri umani, ma il mondo dopo quella data continuerà ad esistere e a vivere.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 settembre 2007 11.37
    -----------------------------------------------------------
  • Tutto molto interessante, appena torno a casa dal lavoro vedrò di approfondire.

    Grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: leeooo
    > Ho trovato questo:
    > La profezia ci dice che vi saranno dei grandi
    > cambiamenti, climatici per quanto riguarda il
    > nostro pianeta, spirituale tra gli esseri umani,
    > ma il mondo dopo quella data continuerà ad
    > esistere e a
    > vivere.

    In pratica la fine del mondo come lo conosciamo...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)