Parte la Commissione open source

Nei giorni scorsi l'avvio ufficiale dell'organismo che dovrÓ stabilire le regole per l'adozione di software a codice aperto nella PA

Roma - In questi giorni ha preso l'avvio ufficiale la cosiddetta Commissione Open Source, relativa ai programmi a codice aperto, prevista da un decreto del ministro per le Riforme e le Innovazioni nella PA, Luigi Nicolais.

"L'organismo tecnico - conferma una nota - è presieduto dal prof. Raffaele Angelo Meo (Politecnico di Torino) ed ha tra i principali obiettivi lo studio delle modalità di acquisizione di soluzioni Open Source per i sistemi informativi della Pubblica Amministrazione, l'analisi di un mercato rivolto alla PA per tali soluzioni; la definizione di modalità per incentivare, sostenere ed integrare con la Pubblica Amministrazione il lavoro svolto dalle Community su progetti a codice sorgente aperto particolarmente fecondi".

"Le conclusioni del lavoro della Commissione - specifica l'Osservatorio Open Source presso il CNIPA - potranno tra l'altro costituire un punto di partenza per un futuro aggiornamento delle linee guida e delle disposizioni di legge relative all'uso dell'OS nella Pubblica Amministrazione".
Alla riunione di avvio formale dell'attività erano presenti tra gli altri il Sottosegretario sen. Beatrice Magnolfi, il presidente del CNIPA prof. Fabio Pistella, con il direttore generale Caterina Cittadino, che ha espresso tutto il supporto per tale iniziativa.

"╚ tra le intenzioni della Commissione - spiega ancora il CNIPA - quella di aprire anche un forum pubblico dove raccogliere suggerimenti, stimolare le idee e favorire il dialogo per lo sviluppo dei propri lavori".

La Commissione è composta da Giampaolo Amadori, Leonardo Bestini, Paolo Boscolo, Alfonso Fuggetta, Michele Marchesi, Riccardo Martina, Flavia Marzano, Angelo Raffaele Meo, Sandro Morasca, Vittorio Pagani, Vincenzo Patrono, Antonia Pasqua Recchia, Marco Rossi, Paolo Russo, Giovanna Sissa e Giorgio Ventre.
14 Commenti alla Notizia Parte la Commissione open source
Ordina
  • Sarà vero che la commissione non servirà a niente, non è la prima ne sarà l'ultima...
    Su linux ti sbagli, e di grosso...
    non considerare solo i sistemi operativi, che pure hanno superato Vista di secoli in quanto ad usabilità e affidabilità, oltre ovviamente che a sicurezza (nessuno ti spia con un s.o. linux installato....) ma considera i server e vedrai chi la fa da padrone!
    certo non ms che non riesce ad imporsi in un mercato chiave....
    Mi viene la depressione a leggere i post come i tuoi, che parlano di cose che non conoscono!
    Linux da tempo non si usa in maniera testuale, essendo nato a fine '90 era, ed è, un s.o. ad interfaccia grafica in cui chi vuole può usare il terminale ma non è obbligatorio...
    Parlare per sentito dire fa sempre fare delle pessime figure!
    usa linux prima di criticarlo!
    qualsiasi versione va bene!
    non+autenticato
  • Questo vale per tutti quelli che nn conoscono linux e parlano della CLI come una maledizione.

    Mi permetto solo di far notare , che linux, puo gestire i servizi facendo boot in run level 3 (solo testo) , risparmiando un sacco di RAM e snellendo il S.O.

    Se riuscite a farlo in Windows (provate a non tirare su l'interfaccia grafica) ..... fatemelo sapere.

    Bye
    non+autenticato
  • - Scritto da: xxx
    > Questo vale per tutti quelli che nn conoscono
    > linux e parlano della CLI come una
    > maledizione.

    Certo, è una maledizione quando sei costretto ad usarla. Avere la scelta va bene, ma non a tutti lgi utenti interessa conoscere a memoria centinaia di comandi incomprensibili ai più con opzioni.

    >
    > Mi permetto solo di far notare , che linux, puo
    > gestire i servizi facendo boot in run level 3
    > (solo testo) , risparmiando un sacco di RAM e
    > snellendo il
    > S.O.

    Nessuno lo nega. Ma non è questo il punto. Il punto è che all'utente finale non glie ne frega niente di snellire l'os. Alla casalinga di voghera interessa che il suo pc funzioni, che possa andare su inet, che possa scaricarsi la posta, ascoltarsi un mp3, guardarsi un dvd, il tutto senza rotture di balle.
    non+autenticato
  • >Certo, è una maledizione quando sei costretto ad usarla.
    >Avere la scelta va bene, ma non a tutti lgi utenti
    >interessa conoscere a memoria centinaia di comandi
    >incomprensibili ai più con opzioni.

    Appunto, avere la scelta va bene.

    Linux mi fa scegliere : posso usare un desktop a mia scelta KDE o Gnome, oppure installare il tutto senza server X.

    Window NOOOOOOOOOOOOO

    >Nessuno lo nega. Ma non è questo il punto. Il punto è che
    >all'utente finale non glie ne frega niente di snellire
    >l'os. Alla casalinga di voghera interessa che il suo pc
    >funzioni, che possa andare su inet, che possa scaricarsi
    >la posta, ascoltarsi un mp3, guardarsi un dvd, il tutto
    >senza rotture di balle.

    Scusami, io mi riferivo ad ambito Server e non casalingo, quersto credo sia un fraintendimento.

    Cmq ripeto la possibilità di scegliere me la da Linux , non Windows.

    Mi spieghi che bisogno c'e' di avere una GUI pesante piu di 300Mb per un server internet (IIS). Non basterebbe, anche per l'utente meno avvezzo alla CLI, configurare il tutto tramite la GUI e poi al riavvio fermarsi alla CLI startando tutti i servizi in automatico ?

    Mah

    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: xxx
    >
    > Appunto, avere la scelta va bene.
    >
    > Linux mi fa scegliere : posso usare un desktop a
    > mia scelta KDE o Gnome, oppure installare il
    > tutto senza server
    > X.

    Si, ma se io voglio l'interfaccia grafica, per un qualunque motivo, costringermi ad usare la shell per certe operazioni non vuol dire avere scelta. E' questo il punto. Tanto vale non usare la GUI, no?


    > Scusami, io mi riferivo ad ambito Server e non
    > casalingo, quersto credo sia un
    > fraintendimento.
    > Mi spieghi che bisogno c'e' di avere una GUI
    > pesante piu di 300Mb per un server internet
    > (IIS). Non basterebbe, anche per l'utente meno
    > avvezzo alla CLI, configurare il tutto tramite la
    > GUI e poi al riavvio fermarsi alla CLI startando
    > tutti i servizi in automatico
    > ?

    Questo è un discorso diverso, e non posso che essere d'accordo. Personalmente mi fanno cagare anche le inutili ombre sotto i puntatori. Il punto è che qui cmq non si sta parlando di sistemi server, o meglio non solo. Qui stiamo parlando di parlamentari (quindi con un qi a temperatura ambiente) a cui verrà data una macchina linux... E quelli sono gli utenti "casalinga di voghera mode".
    non+autenticato
  • - Scritto da: nellogala

    > Su linux ti sbagli, e di grosso...
    > non considerare solo i sistemi operativi, che
    > pure hanno superato Vista di secoli in quanto ad
    > usabilità e affidabilità,

    In usabilità? Ma tu sei sicuro davvero di conoscere il significato di usabilità? E puoi dire onestamente che linux è più avanti di Vista e di MacOS?

    > oltre ovviamente che a
    > sicurezza (nessuno ti spia con un s.o. linux
    > installato....)

    Certo, certo. Continua a sognare. Chi vuole ti spia a prescindere da quello che hai installato. Ma a volte basta molto meno. Per esempio un gestore di password scritto con i piedi.

    > ma considera i server e vedrai
    > chi la fa da
    > padrone!

    Uhm... Direi le ditte che ci guadagnano con linux. Quello che non hai capito, è che non c'entra che linux sia gratis o meno (cosa che resta comunque da vedere: l'apprendimento di linux richiede tempo, e il tempo è denaro, specie per un utente che non ha voglia di capire perchè diavolo X crasha copiando un file in usr/bin), perchè le aziende che distribuiscono linux latoserver si fanno pagare, e pure bene (vedi RedHat): le aziende che acquistano servizi e software non gli interessa la guerra di religione, lgi interessa avere qualcuno a cui tirare il collo se succede casino: la RedHat si fa pagare questo rischio, e molto bene. Quindi piantiamola con queste idiozie.

    > Mi viene la depressione a leggere i post come i
    > tuoi, che parlano di cose che non
    > conoscono!

    Senti da che pulpito. Hai un concetto di usabilità così deviato che pure un bambino ti riderebbe in faccia.

    > Linux da tempo non si usa in maniera testuale,
    > essendo nato a fine '90 era, ed è, un s.o. ad
    > interfaccia grafica in cui chi vuole può usare il
    > terminale ma non è
    > obbligatorio...

    Ma dai, non dire cazzate. Sei tu che non sai di cosa parli. Linux non era un os a interfaccia grafica. Non è nato così, è nato come clone di Unix, che era un sistema multiutente, nato nelgi anni '70 e che tutto aveva tranne l'interfaccia grafica. Fra l'altro cerca in rete la prima versione stabile del kernel linux a quando risale. Non dire puttanate, e informati prima di dire boiate.


    > Parlare per sentito dire fa sempre fare delle
    > pessime
    > figure!

    Eh, si vede. Però sei ancora in tempo a correggerti.

    > usa linux prima di criticarlo!
    Beh, buon consiglio. Davvero. Però se deve fare come me che ho smadonnato 2 settimane per far andare una scheda wifi che non va, mi sa che non ne esce bene, il tuo linux.

    > qualsiasi versione va bene!
    Informati prima di parlare. Qualsiasi versione va bene? Sei sicuro? Poveraccio. Ok, vediamo, se io provo la Slackware, ultima release, poi ti posso coprire di insulti, si? Perchè dubito che molti utenti windows abbiano anche solo un'idea delle competenze necessarie per destreggiarsi su una Slack. Sei un poveraccio, che non sa nemmeno la storia di linux, e non sa nemmeno dare consigli sensati. Magari sei anche uno di quelli che è passato a linux perchè fa tanto moda e tanto fico... Vai a farti un giro sulla rete, leggi quello che c'è da leggere, studia bene, e torna a dirmi perchè queste quattro parole che hai scritto sono una cazzata di dimensioni galattiche. Poi torna indietro, rifatti un altro giro, e torna a scrivere perchè hai detto una puttanata anche prima riguardo all'interfaccia grafica. Però fallo davvero. Perchè se non ti informi prima di parlare, con gli altri poi devi solo tacere. Altrimenti fai figure di merda come questa.
    non+autenticato
  • macchessarammmai che tutti quelli che malparlano di Linux stranamente non lo usano.

    trovatemi un utente Linux che parli male di Linux in cambio vi posso trovare 1000 utenti windows che lo maledicono ogni giorno.

    bye.....e non scaldarti troppo eh? Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: machepiffer odici
    > macchessarammmai che tutti quelli che malparlano
    > di Linux stranamente non lo
    > usano.
    >
    E a te chi ti ha detto che non lo uso?

    > trovatemi un utente Linux che parli male di Linux
    > in cambio vi posso trovare 1000 utenti windows
    > che lo maledicono ogni
    > giorno.

    Io maledico entrambi.Anche se ultimamente le maledizioni le ho mandate più a linux che a vista.

    >
    > bye.....e non scaldarti troppo eh? Sorride
    Io non mi scaldo, do solo del deficiente a chi se lo merità (non sapere che linux non è nato alla fine degli anni 90, che non è di base a interfaccia grafica, e non conoscere il significato del termine usabilità e vantarsi di tutto questo vuol dire parlare di bubbole, di roba che non si conosce. Non basta usare un sistema per pretendere di conoscerlo.)
    non+autenticato
  • NON CI VENGANO ROMPERE I LINARI CON LE LORO STORIE SULLA ECONOMICITA' DEL LORO LINUX E DEI LORO TOOL RIGA A COMANDO.

    La commissione non so quanto soldi pubblici ci costera; visto i tempi che corrono e' porprio una brutta idea.

    linux ha fallito
    non+autenticato
  • sei ridicolo... devi solo ringraziare che esistono persone che lavorano per farti avere un sistema operativo stabile e sicuro rispetto alla concorrenza, e soprattutto senza sborsare una lira(euro) io, da utilizzatore di windows, li stimo moltissimo. Quindi se sei contento di spendere soldi per un s.o. ancora in stato embrionale o di farti rifilare ogni volta che acquisti un computer/portatile tale s.o., prego, nessuno ti dice niente, però perfavore, bisogna avere rispetto per i programmatori di linux, perchè loro non ti obbligano a nulla, ti offrono un sistema operativo GRATIS e te sei libero o no di usarlo.
    non+autenticato
  • Linux è distribuito gratis, le commissioni parlamentari... un pò meno...
    :)

    @polpetta
    >linux ha fallito
    Perché? Che centra la comunità di sviluppo del kernel linux con una Commissione Parlamentare italiana?
    Linux non ha fallito affatto.

    Ci sarà invece da vedere quali effettivi risultati porterà per la nostra nazione questa commissione.
    Aspetteremo...
  • - Scritto da: ultrastudio
    > Linux è distribuito gratis, le commissioni
    > parlamentari... un pò
    > meno...
    >Sorride
    >
    > @polpetta
    > >linux ha fallito
    > Perché? Che centra la comunità di sviluppo del
    > kernel linux con una Commissione Parlamentare
    > italiana?
    > Linux non ha fallito affatto.

    la community linux avrebbe potuto offrire VERE soluzioni open source, evitando la nascita di questa commissione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: polpetta

    > la community linux avrebbe potuto offrire VERE
    > soluzioni open source, evitando la nascita di
    > questa
    > commissione.

    Secondo me non sai cosa significa open source. Leggitelo sulla Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Open_Source

    Il kernel Linux E' Open Source e con esso anche la totalità dei prodotti distribuiti sotto licenza GNU/GPL che costituiscono generalmente tutte le distribuzioni di sistemi operativi basati su Linux.

    Se il governo italiano si sveglia una mattina e dice che gli serve una commissione per capire come applicare prodotti open source o la filosofia open source alla pubblica amministrazione, francamente... è un problema SOLO del governo italiano, non certo di una community di sviluppatori.

    Già oggi prodotti open source sono usati da molte grandi aziende e piccole amministrazioni locali (ed in realtà se ne farà un certo uso anche in ambito governativo). RedHat ed OpenOffice.org in FIAT e la miriade di server SUSE e Debian per la gestione delle webmail o dei siti comunali o come server di rete LAN. In più bisognerebbe vedere che uso se ne fa nei CED dei listati di codice sorgente che le comunità di sviluppo Open Source distribuiscono gratuitamente sul web...
  • WOOOOOOOOOOOOOSH!
    non+autenticato