I nuovi fratellini di Photoshop e Premiere

Adobe aggiorna le versioni consumer dei suoi programmi di fotoritocco e editing video, includendovi alcune delle funzionalità introdotte di recente nei fratelli maggiori. I dettagli

Milano - Photoshop Elements 6 e Premiere Elements 4, le nuove major release di due fra i software consumer più diffusi nell'ambito dell'editing fotografico e video, sono appena stati lanciati sul mercato da Adobe nella versione Windows.

Il programma di fotoritocco Photoshop Elements 6 amplia le funzionalità dedicate alla modifica e alla gestione delle fotografie digitali, tra le quali si citano Photomerge, che permette di combinare più scatti in un'unica foto (particolarmente utile per creare Adobefoto panoramiche o di gruppo); Quick Selection, che velocizza le operazioni di selezione dei soggetti nelle foto; Editing Guidato, un wizard che conduce per mano l'utente attraverso le varie fasi del processo di fotoritocco; e migliorate funzionalità per la condivisione e la distribuzione delle immagini attraverso la creazione di gallerie fotografiche online e offline, presentazioni, cartoline, etichette ecc.

Il prezzo al pubblico di Photoshop Elements 6 è di 99,60 euro.
Il software di video editing Premiere Elements 4 ha tra i suoi punti di forza un nuovo gestore dei file, chiamato Organizer, condiviso con Photoshop Elements 6: grazie ad un database comune, a cui possono accedere entrambe le applicazioni, Adobe afferma che gli utenti di Premiere possono creare filmati a partire da sequenze di immagini statiche in modo più semplice e rapido.

Il software include poi un nuovo Audio Mixer, che funziona come una console di mixaggio in uno studio di registrazione, permettendo di regolare tutti i principali parametri audio a proprio piacere. Premiere Elements 4 è in grado di rilevare automaticamente il ritmo del sottofondo musicale e di sincronizzare l'inizio e la fine di ciascuna scena con il ritmo della colonna sonora.

Il nuovo Sharing Center permette invece agli utenti di caricare e condividere i filmati su molteplici supporti, tra cui DVD, Web e dispositivi mobili. I video possono essere inoltre esportati su siti Web in file compatibili con Flash, senza particolari codifiche. Il programma ottimizza e formatta automaticamente il video per renderlo compatibile con il media che lo conterrà, inclusi i nuovi supporti in alta definizione.

Anche Premiere Elements 4 viene venduto al prezzo di 99,60 euro, ed in bundle con Photoshop Elements 6 può essere acquistato a 150 euro.
5 Commenti alla Notizia I nuovi fratellini di Photoshop e Premiere
Ordina
  • A questo punto un photoshop elements mi sostituisce anche un browser di file, un convertitore ecc ecc. Ma è vero?

    ma le differenze sono ancora grandi? che strumenti ci sono in meno? Che metodi di selezione ci sono in meno?

    fusioni, livelli, livelli di regolazione eccetera... ci sono? non ci sono?

    salva-per-web c'è?

    tanti filtri metodi, automazioni... ci sono?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pex & Fast-d
    > A questo punto un photoshop elements mi
    > sostituisce anche un browser di file, un
    > convertitore ecc ecc. Ma è
    > vero?
    >
    > ma le differenze sono ancora grandi? che
    > strumenti ci sono in meno? Che metodi di
    > selezione ci sono in
    > meno?
    >
    > fusioni, livelli, livelli di regolazione
    > eccetera... ci sono? non ci
    > sono?
    >
    > salva-per-web c'è?
    >
    > tanti filtri metodi, automazioni... ci sono?

    e... supporta le ultime versioni di camera raw?
    non+autenticato
  • > ma le differenze sono ancora grandi?

    Presumo che la principale differenza rimanda la mancanza di supporto per il CMYK, ma è giustificata visto il diverso target del prodotto, come del resto era già per la versione precedente.
    non+autenticato
  • Calcola che degli strumenti di selezioni dell'attuale Photoshop cs3 sono usciti prima nella versione elements 5, il safe for web c'era gia' in elements 1, la differenza fondamentale, come gia' segnalato, e' nella gestione del colore che e' solo in RGB e non in CMYK, ma se non sei un professionista non lo noterai neanche, e nella mancanza di funzioni avanzate tipo le famose "action", una specie di macro, e dei nuovi smart object inseriti nella cs2.
  • - Scritto da: Noc77
    > Calcola che degli strumenti di selezioni
    > dell'attuale Photoshop cs3 sono usciti prima
    > nella versione elements 5, il safe for web c'era
    > gia' in elements 1, la differenza fondamentale,
    > come gia' segnalato, e' nella gestione del colore
    > che e' solo in RGB e non in CMYK, ma se non sei
    > un professionista non lo noterai neanche

    che termine abusato.
    professionsta di che cosa?
    Se non devi lavorare in prestampa non ti serve.

    Se sei un FOTOGRAFO professionista, allora il CMYK potrebbe non interessarti, dato che puoi lasciare che la conversione se la faccia il cliente.

    Però ci sono altre cosette che - e io non lo so - se fossero differenti potrebbero dare fastidio ad altri professionisti, fotografi compresi.

    Le professioni sono tante, anche nella grafica.

    >, e nella
    > mancanza di funzioni avanzate tipo le famose
    > "action", una specie di macro, e dei nuovi smart
    > object inseriti nella
    > cs2.

    ah, ecco, se mancano le azioni, allora si che son cazzi per tanti professionisti, anche quelli che non hanno bisogno del CMYK.

    comunque di convertitori CMYK ce ne sono anche di esterni eh...
    non+autenticato