Alfonso Maruccia

UK, sorvegliati anche i rifiuti

Nel Regno Unito si sperimenta il monitoraggio della raccolta differenziata con scanner e codici a barre. Per chi sgarra ci scappa la letterina di avviso e una possibile denuncia

Roma - Le magnifiche sorti e progressive del controllo ubiquo e invincibile, che nel mondo ma soprattutto nel Regno Unito avanza senza freni, conquista anche i cassonetti della spazzatura dei sudditi di Sua Maestà. 27 municipalità inglesi stanno sperimentando l'impiego di tecnologie di sorveglianza semi-automatizzata, nella speranza di aumentare le percentuali di raccolta differenziata e quindi di riciclaggio.

secchi e felicitàIl controllo che i cittadini facciano il proprio dovere è affidato agli spazzini, che sono stati muniti di uno scanner portatile in grado di leggere i codici a barre dei nuovi bidoni hi-tech, raccogliendo informazioni come la corretta differenziazione dei vari tipi di spazzatura, le buste danneggiate e via di questo passo. Tali informazioni vengono inviate ad un sistema centralizzato per l'archiviazione, che si incaricherà poi dell'invio di "avvisi" ai cittadini meno virtuosi e su base casuale.

Dopo tre avvisi successivi il comune invierà manuali per aiutare gli impenitenti - o forse inconsapevoli del danno enorme che stanno causando alla comunità e quindi a se stessi con il loro comportamento sconsiderato - a gestire correttamente i rifiuti casalinghi. Se non dovesse bastare, tutti i dati raccolti con lo scanner e i codici a barre potranno essere usati in tribunale contro gli insozzatori.
"Se le persone sanno che i loro cassonetti vengono monitorati in maniera sistematica si sforzano di più" a trattare correttamente i rifiuti, sostiene il responsabile della gestione rifiuti della contea di Peterborough Michael Robb. Il sistema è appunto pensato per rendere più responsabili i cittadini nei confronti della spazzatura che producono quotidianamente, e per far passare l'idea che la comunità non possa pagare in denaro sonante e danni ambientali per la sconsideratezza di pochi.

Le tecnologie impiegate attualmente per i progetti pilota sono prodotte da PRISYMID, società specializzata nello sviluppo di soluzioni di monitoraggio con codici a barre, RFID ed etichette adesive.

Alfonso Maruccia
20 Commenti alla Notizia UK, sorvegliati anche i rifiuti
Ordina
  • Perchè non mettiamo i detenuti a smistare la nettezza invece di sbatterci l'anima dopo 9 ore di lavoro? Chip codici, rfid, controlli, valutazioni....
    Ma siamo matti?
    Io non abito in 200 mq. e non posso permettermi il lusso di mettere cassonetti anche nel cesso per ogni rifiuto che a costoro salta in testa di "differenziare". Prima selezionavo le bottiglie e le lattine. Poi è arrivata la carta. Poi il "biologico". Poi?
    Con questa storia della nettezza hanno scassato l'anima, altrochè! Costa sempre di più? L'Italia è piena di città schifose dove fare una bella discarica!
    non+autenticato
  • In 19 Comuni della Provincia di Pordenone questo "sofisticato" sistema di raccolta esiste già dal 2003. Ogni utente ha i propri contenitori con codice a barre, gli operatori controllano che il materiale conferito sia conforme, leggono il codice a barre e ritirano i rifiuti. Le letture vengono utilizzate per calcolare la tariffa di igiene ambientale. E' un peccato che queste buone prassi non vengano sufficientemente divulgate (le percentuali di raccolta sono passate dal 30% al 70% in pochi anni).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco
    > In 19 Comuni della Provincia di Pordenone questo
    > "sofisticato" sistema di raccolta esiste già dal
    > 2003. Ogni utente ha i propri contenitori con
    > codice a barre, gli operatori controllano che il
    > materiale conferito sia conforme, leggono il
    > codice a barre e ritirano i rifiuti. Le letture
    > vengono utilizzate per calcolare la tariffa di
    > igiene ambientale. E' un peccato che queste buone
    > prassi non vengano sufficientemente divulgate (le
    > percentuali di raccolta sono passate dal 30% al
    > 70% in pochi
    > anni).

    per curiosità:
    -questi contenitori dove stanno? qualcuo potrebbe buttarci spazzatura non conforme?
    -hai una ricevuta\DDT quando ritirano la spazzatura di ciò che c'è dentro?
    -con che programma calcolano la tariffa? è opensource? il codice è stato analizzato x scongiurare eventuali bug? se sì, da chi?
    -chi ha accesso ai dati della tua spazzatura?
    -non è _leggermente_ invasivo? Potrebbero fare la stessa cosa sul cestino del tuo Pc senza la tua autorizzazione?

    non voglio fare polemica, piuttosto vorrei avere risposte a queste domande o ad alcune di esse se possibile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: con gnome
    > - Scritto da: Marco
    > > In 19 Comuni della Provincia di Pordenone questo
    > > "sofisticato" sistema di raccolta esiste già dal
    > > 2003. Ogni utente ha i propri contenitori con
    > > codice a barre, gli operatori controllano che il
    > > materiale conferito sia conforme, leggono il
    > > codice a barre e ritirano i rifiuti. Le letture
    > > vengono utilizzate per calcolare la tariffa di
    > > igiene ambientale. E' un peccato che queste
    > buone
    > > prassi non vengano sufficientemente divulgate
    > (le
    > > percentuali di raccolta sono passate dal 30% al
    > > 70% in pochi
    > > anni).
    >
    > per curiosità:
    > -questi contenitori dove stanno? qualcuo potrebbe
    > buttarci spazzatura non
    > conforme?
    > -hai una ricevuta\DDT quando ritirano la
    > spazzatura di ciò che c'è
    > dentro?
    > -con che programma calcolano la tariffa? è
    > opensource? il codice è stato analizzato x
    > scongiurare eventuali bug? se sì, da
    > chi?
    > -chi ha accesso ai dati della tua spazzatura?
    > -non è _leggermente_ invasivo? Potrebbero fare la
    > stessa cosa sul cestino del tuo Pc senza la tua
    > autorizzazione?
    >
    > non voglio fare polemica, piuttosto vorrei avere
    > risposte a queste domande o ad alcune di esse se
    > possibile.

    aggiungo:
    i risultati possono essere anche del 70%
    io ti posso fare avere anche un 99%: batsa usare una pistola alla tempia alla gente

    il problema dei rifiuti è serissimo e in qualche modo in italia deve cambiare;
    ma come abbiamo visto come le società con l'appalto spesso operino per prima in maniera dolosa e come anche funzionari pubblici siano spesso coinvolti.
    Non trovo nemmeno giusta una FLAT per la spazzatura nè tantomeno un calcolo in base alla metratura

    Forse sarebbe il caso di sensibilizzare e insegnare il semplice rispetto del Mondo e magari qualche bella multa:
    Butti una cartaccia per terra? 20 euro + riprendi la cartaccia e la butti in un cestino apposito
    non+autenticato
  • I contenitori sono personali e chi effettua la raccolta verifica quanto conferito. I rifiuti non conformi non vengono raccolti.
    Il programma utilizzato per il calcolo della tariffa non è open source, è stato realizzato e sviluppato appositamente sulle indicazioni della normativa e sulle caratteristiche del sistema di raccolta.
    I dati utilizzati per il calcolo delle fatture sono protetti e comunque non molto diversi da quelli presenti nelle anagrafi.
    Gli utenti sono più che soddisfatti del sistema, che riesce a contenere i costi di smaltimento (ogni anno in aumento). Comunque non ci sono molte alternative per contrastare gli effetti negativi che i rifiuti hanno sull'ambiente. O tutti ci impegnamo a produrne di meno e a differenziarli o presto ci anneghiamo dentro!
    PS: il 99% non lo ottieni neanche con la pistola perchè almeno un 20% dei rifiuti che produciamo non è riciclabile...
    non+autenticato
  • - Scritto da: con gnome
    > -questi contenitori dove stanno? qualcuo potrebbe
    > buttarci spazzatura non
    > conforme?

    Eccolo lì quello che vuole andare a buttare le pantegane morte nel bidone del vetro del vicino di casa...

    > -hai una ricevuta\DDT quando ritirano la
    > spazzatura di ciò che c'è
    > dentro?

    No: c'è un notaio sul camion della spazzatura che certifica la correttezza delle operazioni.

    > -con che programma calcolano la tariffa?

    Con un software sviluppato da scienziati NASA... "più immondizia = più paghi" e "più ricicli = più sconto hai" paiono concetti banali e superati.

    > è opensource? il codice è stato analizzato x
    > scongiurare eventuali bug? se sì, da
    > chi?

    Tutto controllato dalla ditta del figlio di Pisanu: dopo il voto elettronico delle ultime elezioni ha un sacco di richieste.

    > -chi ha accesso ai dati della tua spazzatura?

    Un sacco di persone che si danno al trashing: uno sport in crescita e prossima specialità olimpica. Proprio ieri ho fatto una partita ed ho beccato uno che non aveva messo nel bidone giusto due bottiglie di birra. Appassionante.

    > -non è _leggermente_ invasivo? Potrebbero fare la
    > stessa cosa sul cestino del tuo Pc senza la tua
    > autorizzazione?

    Sì, tanto io riciclo tutto: Separo i file .jpg dai .tif perché occupano meno spazio (poi i .jpg contengono anche cose personali quindi li shreddo), i .doc li metto da un'altra parte, vicino alla carta.
  • hahaha!! bella.
  • Anche a Mercato San Severino c'è già un sistema con codici a barre, certo non si utilizzano videocamere ma il sistema è efficiente se si considera che il 70% dell'immondizia viene effettivamente riciclata.

    Riciclare è un fattore culturale, non tecnologico.
    non+autenticato
  • in centro a padova dove vige ancora ordine e disciplina (circa)contenitori di rifiuti diversi per ogni rifiuto e in alcune zona raccolta porta a porta con verifica di cosa metto dentro il sacchetto (almeno anni fa era questa la regola)
    nulla da dire, si sa i delinquenti spesso prosperano con le discariche e la raccolta differenziata come metodo antidelinquenza la approvo   (a tal proposito la cronaca estiva sulle discariche piene al sud penso la sapete)

    quindi fare raccolta differenziata ok

    ma spiare cosa butto dentro i cassetti per farmi pagare di piu o fare spionaggio su cosa faccio (e magari pure studi di settore sull'immondizia no)
    senno si diventa come al sud
    non+autenticato
  • Considerare i cittadini sudditi, controllare, burocratizzare, non fa parte dello spirito "british" e questa storia della spazzatura con microchip, rfid, scanner, è da un bel po' che stressa i britannici, i politicanti non lo capiscono, hanno la forma mentis di chi istituiva i "campi di rieducazione", percarità, non hanno intenzione di cintare delle aree con del filo spinato, ma l'idea è la stessa: noi politicanti siamo esseri superiori, illuminati ed il nostro compito è quello di rieducare le grette menti dei cittadini. Questo non è gradito agl'elettori d'oltremanica, che pensano "oggi la spazzatura, domani metteranno un sensore nel wc e si potrà svuotarlo solo una volta la settimana" questo da una simpatica lettera di un lettore ad un giornale inglese, alludendo alla mefitica abitudine di un noto leader politico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giordano B.
    > Considerare i cittadini sudditi, controllare,
    > burocratizzare, non fa parte dello spirito
    > "british" e questa storia della spazzatura con
    > microchip, rfid, scanner, è da un bel po' che
    > stressa i britannici, i politicanti non lo
    > capiscono, hanno la forma mentis di chi istituiva
    > i "campi di rieducazione", percarità, non hanno
    > intenzione di cintare delle aree con del filo
    > spinato, ma l'idea è la stessa: noi politicanti
    > siamo esseri superiori, illuminati ed il nostro
    > compito è quello di rieducare le grette menti dei
    > cittadini. Questo non è gradito agl'elettori
    > d'oltremanica, che pensano "oggi la spazzatura,
    > domani metteranno un sensore nel wc e si potrà
    > svuotarlo solo una volta la settimana" questo da
    > una simpatica lettera di un lettore ad un
    > giornale inglese, alludendo alla mefitica
    > abitudine di un noto leader
    > politico.

    In UK possono permetterselo, perchè il cittadino medio PENSA che del governo e delle istituzioni ci si può fidare.

    (http://www.unisys.com/eprise/main/admin/corporate/...)

    Quando capiranno che troppa fiducia mal riposta finisce per essere pericolosa, magari sarà troppo tardi.
    non+autenticato
  • Allora facciamo tutti "gli alternativi" mischiando la plastica con gli avanzi degli spaghetti, più la bottiglia vuota di birra e la scatola dei pelati.

    Poi la nuova discarica la si fa a casa tua...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)