Intelligenza artificiale per la sicurezza

A Siena si parlerà di allarmi migliori ma anche dei percorsi in rete creati da sistemi intelligenti. Al centro sicurezza, MMS e futuro

Roma - Sistemi di allarme più efficienti, capaci di ridurre fino ad eliminare i falsi allarmi e di individuare le tipologie del pericolo, utilizzando anche media diversi contestualmente per avvertire e provvedere. Questo uno degli scenari dell'applicazione di sistemi di intelligenza artificiale alla sicurezza di cui si parlerà da oggi e fino al 13 a Siena, in occasione del convegno 2002 dell'AI*IA, l'Associazione italiana per l'intelligenza artificiale.

Il convegno analizzerà alcuni programmi software studiati per individuare e riconoscere un eventuale intruso, o comunque una persona diversa da quelle "autorizzate", a circolare o ad entrare in una determinata area. "E' solo un esempio di quello che presto sarà possibile fare con queste tecnologie - ha spiegato il presidente dell'Associazione Marco Gori - Nel caso degli impianti per la sicurezza le tecnologie oggi disponibili possono fare molto di più. La drastica riduzione dei costi delle telecamere e la creazione di reti di telecomunicazioni a larga banda potranno non solo evitare i falsi allarmi con il riconoscimento delle persone effettuato da un programma di intelligenza artificiale, ma addirittura trasmettere in tempo reale le immagini riprese sul posto su un computer in qualsiasi altro luogo o addirittura sullo schermo a colori di un palmare tascabile".

Gli esperti riuniti a convegno in questi giorni si occuperanno anche dell'aumento costante delle dimensioni del cyberspazio e del web in particolare, nonché dell'uso delle più moderne tecnologie di comunicazione, compresi gli MMS, i messaggi multimediali sui cellulari di nuova generazione.
Al centro dunque anche applicativi per creare percorsi informativi su internet basati su sistemi di intelligenza artificiale che, affermano quelli dell'AI*IA, "si propone di fornire strumenti di supporto per l'utente, che lo guidino nella navigazione verso le pagine affini ai suoi gusti ed interessi".
TAG: ricerca
5 Commenti alla Notizia Intelligenza artificiale per la sicurezza
Ordina
  • andiamo bene...
    meglio tornare alle cose tradizionali...
    non+autenticato
  • - Scritto da: blah
    > andiamo bene...
    > meglio tornare alle cose tradizionali...

    sei un coglione ignorante.

    Se prima di criticare conoscessi un po' di più quello che viene fatto
    nel campo della ricerca staresti zitto di sicuro.
    non+autenticato
  • Ovviamente, per parlare in questo modo, avrai sicuramente una vasta esperienza nel settore della sicurezza informatica e di quella fisica... vero?

    O ti pare, forse, roba di poco conto la realizzazione di un software in grado di scansionare le immagini acquisite da una videocamera alla ricerca di volti sconosciuti?

    Inoltre, ma forse nella tua caverna la notizia non è ancora arrivata, la società che gestisce le metropolitane londinesi sta studiando la possibilità di utilizzare software simili per riconoscere ed individuare in real-time "probabili" suicidi ed attentatori sulle banchine delle fermate.

    - Scritto da: blah
    > andiamo bene...
    > meglio tornare alle cose tradizionali...
    non+autenticato
  • - Scritto da: vinnie
    > Ovviamente, per parlare in questo modo,
    > avrai sicuramente una vasta esperienza nel
    > settore della sicurezza informatica e di
    > quella fisica... vero?

    Non credo, ma non è estremamente necessario.

    > O ti pare, forse, roba di poco conto la
    > realizzazione di un software in grado di
    > scansionare le immagini acquisite da una
    > videocamera alla ricerca di volti
    > sconosciuti?

    Tecnicamente un gran lavoro, niente da eccepire.

    > Inoltre, ma forse nella tua caverna la
    > notizia non è ancora arrivata, la società
    > che gestisce le metropolitane londinesi sta
    > studiando la possibilità di utilizzare
    > software simili per riconoscere ed
    > individuare in real-time "probabili" suicidi
    > ed attentatori sulle banchine delle fermate.


    Che fine nobile... anche polvere da sparo e
    dinamite furono inventate per nobili fini.. il
    loro uso moderno, però, non mi sembra così nobile;
    io non sono così convinto che possano essere
    tecnologie utili; e che sicurezza significhi
    necessariamente controllo totale; troppo vecchio
    e troppo semplice come concetto per essere
    ancora attuale.


    Saluti,
       Ryo Takatsuki
    non+autenticato
  • Re: se e questa la sicurezza del futuro
       di fDiskolo del 10/09/02 (8:51)

    - Scritto da: blah
    > andiamo bene...
    > meglio tornare alle cose tradizionali...

    sei un coglione ignorante.
    =====
    e se fosse ????

    Se prima di criticare conoscessi un po' di più quello che viene fatto
    nel campo della ricerca staresti zitto di sicuro.
    =====
    sto solo dicendo che se in futuro si basera la sicurezza su questo (che sono solo stronzate) e non sulle persone siamo a posto...
    non+autenticato