KompoZer resuscita Mozilla Composer

Dopo la morte di Mozilla Composer, e l'abbandono del progetto NVU, nel panorama degli editor web WYSIWYG si affaccia KompoZer, un software che aggiungere ai suoi predecessori nuove funzionalità e un miglior supporto ai CSS

Roma - Morto un papa se ne fa un altro, e nel mondo open source c'è pure il vantaggio che l'esperienza dell'estinto può essere ereditata dal nuovo arrivato. È il caso di KompoZer, un editor di pagine web WYSIWYG (What You See Is What You Get) nato sulle ceneri di Mozilla Composer e del più recente NVU, il cui sviluppo cessò nel 2005 con il rilascio della versione 1.0.

Con la recente release 0.7.10, che in questo articolo Linux.com descrive come "l'apice di più di un anno di lavoro", KompoZer si propone come un valido sostituto del non più freschissimo NVU e di altre applicazioni open source alternative a Dreamweaver e FrontPage.

KompoZerKompoZer non è una semplice release di manutenzione di NVU, ma un'applicazione che fin da subito ha cercato di aggiungere al software da cui trae origine nuove funzionalità, un'interfaccia grafica più ricca e user friendly e un più completo supporto agli standard del Web, in particolar modo le specifiche CSS.
Il programma, che gira su Windows, Linux e Mac OS X, si basa come il predecessore sul motore di rendering Mozilla Gecko: questo gli consente di visualizzare senza problemi la quasi totalità dei siti web. KompoZer implementa poi i tab, così da poter aprire contemporaneamente più file all'interno di una sola finestra, e consente di selezionare come linguaggio d lavoro HTML 4 o XHTML 1.

Nelle future release del software gli sviluppatori contano di migliorare significativamente il gestore di siti e di aggiungere il supporto ai protocolli SFTP e WebDAV.

KompoZer può essere scaricato dal sito ufficiale insieme ai vari language pack, tra i quali si trova anche quello per la lingua italiana.
29 Commenti alla Notizia KompoZer resuscita Mozilla Composer
Ordina
  • Ben venga ogni progetto open source, e sopratutto questo. Lavoro in linux, e, malgrado per linux ci siano a disposizione una marea di programmi per la programmazione web, mancava un editor WYSIWYG decente.

    Facendo i miei complimenti al gruppo che ha accettato la sfida e che ci sta lavorando con ottimi risultati, sento di dover fare una considerazione. Tutte le recensioni esaltano questo programma, dicendo che si candida come alternativa a DW. Spero che presto sia così, ma al momento siamo molto lontani dall'obiettivo. Qualcuno dice che è un buon programma per siti non professionali, purtroppo temo che al momento non sia adatto nemmeno a quello.

    La verità è che al momento il programma ha grossi limiti:
    1 - non permetti di lavorare con modelli modelli (lacuna gravissima)
    2 - manca la possibilità di creare mappe (non grave)
    3 - non è possibile scegliere un'immagine come sfondo di una cella o tabella (molto grave)
    4 - genera una marea di errori nella creazione del codice, in particolare negli attributi del testo e nell'inserimento delle immagini (grave)
    5 - gestione dei livelli e degli stili pressochè incomprensibile (questa volta di grave forse è la mia ignoranzaCon la lingua fuori )

    Tutto questo mi obbliga a lavorare con DW in una macchina virtuale (per altro si lavora benissimo).

    Ripeto, sono entusiasta del progetto e spero che continui a svilupparsi con il ritmo attuale, fino a diventare realmente un sostituto di DW, ma mi piacerebbe vedere anche delle recensioni un po' più obiettive. Comunque ringrazio per l'articolo, più se ne parla meglio è.
    non+autenticato
  • scusate la mia ignoranza, ma come faccio a installare compozer, visto che la cartella che scarico non ha l'estensione exe? ciao e grazie
    non+autenticato
  • Come scritto su wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Nvu Nvu/Kompozer sono editor che mirano a sostituire Frontpage che dal lontano 2003 non è più aggiornato ed è attualmente dismesso dalla Microsoft.

    Kompozer non ha un parser PHP per cui non capisce il PHP, quindi un
    <?php
    echo "ciao ?>";
    ?>
    crea una troncatura del codice. Per i siti statici Kompozer è ottimo e facile da usare. Inoltre Kompozer non mira a sostituire i programmi professionali come DW imho.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 ottobre 2007 14.36
    -----------------------------------------------------------
  • Io non sono un professionista, ma di siti ne ho sviluppati non pochi... giusto per citarne il principale www.mjj.it che non credo sia un sito fatto male

    uso principalmente DW... ma solo in vista codice
    non uso mai wyswyg
    ma DW lo trovo comodo perchè ha il syntax highlightining, ha una decente (a mio parere) gestione dei siti online/offline, ha i suggerimenti del codice (e fa comodo, almeno a me), gli aiuti contestuali (spesso se non ricordo esattamente in html o in css cosa fa un determinato tag... zac clicco sfifth+f1 e leggo un riassunto di cio che fa e mi ricordo)
    ogni tanto passo alla visualizzaizone wyswyg nel caso debba scrivere una montagnma di testo, risluta facile vedere gorssomodo l'effetteo visivo, dei grassetti, immagini eccetera

    insomma, mi servirebbe un editor testuale come DW, anche senza la parte wyswyg
    pensavo che komposer potesse essermi di aiuto... lo sto provando, ma pensare che cancella il codice php al di suori del body mi spaventa (e io lo uso spesso e volentieri... anche solo per degli include)

    qualcuno sa cosa consigliarmi? gabriele.prandini@gmail.com
    non+autenticato
  • I veri professionisti usano Visual Studio oppure Dreamweaver... dipende da che lato si tende maggiornamente (programmazione o grafica).

    Il resto, i linari, i falliti, usano NVU (o come caspita si chiama adesso).

    Fan Windows
    non+autenticato
  • > Il resto, i linari, i falliti, usano NVU (o come
    > caspita si chiama
    > adesso).
    >
    > Fan Windows

    Uh, forse sullo sviluppo della grafica web puoi anche avere ragione.
    Ma temo che sullo sviluppo di altro sia facile trovare professionisti molto competenti che utiizzano Linux, anche per applicazioni web. Tutto il reparto di sviluppo della Tom Tom per esempio. E non si sognerebbero di scrivere PHP con DW, te lo assicuroSorride
    non+autenticato
  • ma sei come sei fuori strada!
    la grafica eh?? see il codice te lo fai scrivere da photoshop o paint shop?? ma non farmi ridere!
    I veri professionisti (pochi) sanno la differenza tra un layout fluido e colonne, ad esempio, non usano le tabelle per i layout, ma solo ed esclusivamente i DIV e scrivono codice a MANINA, A MANINA... non con i programmoni come Dreamweaver, che non sono altro mattoncini specchietti per gli allodole, che magari compongono un pò meglio degli altri, ma sempre da visuale, con tutti i limiti che questo comporta. Se vuoi avere il controllo totale, rigo per rigo, del codice, lo scrivi a mano, oppure anche con lo stupidissimo blocco note di windows, oppure da programmi veri, SOLO TESTUALI, e seri. Tanto per citarne uno: Home Site. Ciao

    - Scritto da: font
    > I veri professionisti usano Visual Studio oppure
    > Dreamweaver... dipende da che lato si tende
    > maggiornamente (programmazione o
    > grafica).
    >
    > Il resto, i linari, i falliti, usano NVU (o come
    > caspita si chiama
    > adesso).
    >
    > Fan Windows
  • Chi ha la presunzione di essere Vero Professionista con un software WYSIWYG è il vero fallito =P

    Ormai anche i ragazzini usano il notepad per modificarsi il css!
    non+autenticato
  • Vabbè, non mettiamoci a insultare con epiteti nessuno.. molti, praticamente tutti, siamo partiti anni fa sognando finalmente uno spazio libero e democratico, tutto nostro, che solo il web ci ha dato, non ammazziamo l'innocenza di chi ha creduto e crede di far bene, solo che non si rendono conto che così facendo, non solo non lo migliorano il Web, ma lo rallentano.
    Ognuno è libero di prendere le proprie decisioni, sbagliando, se necessario, però dovrebbero sapere che usando i visuali, senza conoscere un minimo di html, rischiano concretamente di fare " siti " pesanti, ridondandanti, non sicuri, e innavigabili o poco usabili, non parliamo poi di accessibilità.
    E in questo, un altra bella responsabilità l'ha la scuola italiana, sempre ritardataria.. che aspettano a insegnare come si deve html e xhtml, CSS, standard e a spiegare almeno dell'esistenza del W3C e delle sue finalità???
    Invece a scuola che insegnano ai nostri ragazzi?? Spendono patrimoni per windows (soldi pubblici, tra l'altro) e ignorano l'open source.. bah.
    - Scritto da: Andrea
    > Chi ha la presunzione di essere Vero
    > Professionista con un software WYSIWYG è il vero
    > fallito
    > =P
    >
    > Ormai anche i ragazzini usano il notepad per
    > modificarsi il
    > css!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)