Alfonso Maruccia

Il falso senso di sicurezza degli utenti PC

La stragrande maggioranza dei netizen ha un antivirus, ma la metÓ ha lasciato che la sottoscrizione scadesse ed Ŕ esposta ad ogni genere di pericoli. Lo rivela uno studio. La guerra agli zombie Ŕ giÓ perduta?

Roma - L'utente informatico medio degli States? Una cornucopia di vulnerabilità, false sicurezze e software di protezione non adeguati: a lanciare l'allarme sulla fragilità dell'infrastruttura IT del paese è uno studio congiunto della National Cyber Security Alliance e dello storico produttore di antivirus McAfee. I netizen credono di avere i cordoni protettivi adeguati alla navigazione e all'utilizzo sicuro del medium digitale per eccellenza, ma si tratta solo di una percezione erronea dalle pesanti conseguenze sia per gli utenti che per la Rete tutta.

La differenza tra quello che credono gli user e lo stato reale delle cose è da capogiro, sostiene Bari Abdul di McAfee. Se il livello di consapevolezza delle problematiche della sicurezza online si è alzato nel corso del tempo, l'esperto sottolinea la presenza di un "falso senso di sicurezza". Il 93% degli utenti intervistati dice di essere protetto adeguatamente dalle minacce del malware, mentre il 94% dichiara di avere installato un software antivirus sul proprio sistema.

In realtà, il 48% di questi ultimi ha lasciato che la sottoscrizione al programma scadesse, avendo in pratica le protezioni inattive. A poco sembrano servire gli avvisi che l'antivirus necessita di aggiornamento e attivazione: "Forse gli utenti non rinnovano il proprio antivirus perché si trovano in un periodo di crisi finanziaria o perché credono sia una seccatura. Sappiamo che molti consumatori ignorano i messaggi che gli vengono dal software. Il 65% dei consumatori non vuole cliccare manualmente su un update..." si lamenta Abdul.
Il 78% dei consumatori non è inoltre dotato di una combinazione adeguata di applicazioni antivirus, antispyware e firewall installate. E se l'81% degli utenti dispone di un firewall sul proprio sistema, solo il 64% lo tiene attivo quando necessario. Non stupisce quindi sapere che, secondo le scansioni fatte dalle security enterprise autrici dello studio, il 54% dei sistemi inclusi nella ricerca risulti infetto da un virus e il 44% da uno spyware.

Il peggior effetto del senso di falsa sicurezza è ad ogni modo quello di un aumento sostanziale della presenza di dati sensibili sul PC, per non parlare dell'incremento delle transazioni finanziarie online di cui vanno da sempre ghiotti backdoor, trojan keylogger e schifezzaware assortiti. "Se i consumatori vedono un pop-up - dice l'esperto McAfee - pensano sia soltanto un pop-up e non lo collegano direttamente ad una potenziale vulnerabilità".

La soluzione? Secondo Ron Teixeira, direttore esecutivo della National Cyber Security Alliance, occorre incrementare gli sforzi per educare gli utenti sulle tematiche della sicurezza online. "╚ per questo che stiamo chiedendo ai consumatori di proteggere se stessi prima di connettersi agli altri - scrive Teixeira in una dichiarazione - e spendere alcuni minuti per cercare i modi di assicurare una protezione migliore alle proprie identità, ai propri computer e all'infrastruttura di rete della nostra nazione contro le minacce cibernetiche".

Alfonso Maruccia
106 Commenti alla Notizia Il falso senso di sicurezza degli utenti PC
Ordina
  • ragazzi sono parecchi OT ma sono troppo curioso

    qual'è la sintassi "giusta"???? (io sono un non-informatico che smanetta con il proprio pc quindi perdonatemi se non conosco le finezze)

    io ragiono in temrini "cosa come dove" quando uso la shell quindi scrivo:
    remove, a file, recursively, the file is: root than all files

    ovvero

    rm -fR /*

    perchè lo scrivete tutti diversamente?
    a quanto ricordo (e lo ho fatto ben due volte, una per provare e l'altra per errore) dalla lettura della man decisi di usare la R maiuscola e non minuscola.

    ho sempre trovato affascianante l'idea che esistesse il comando "ucciditi" finchè non lo ho digitato per sbaglio, mi scappò il dito sull'enter prma che finissi di scrivere tutto l'indirizzo della directory con i file da rimuovere...ovviamente digitai la password di root senza rendemri bene ocnto che cosa c'era scritto sullla shell
    non+autenticato
  • -R (maiuscolo) e -r (minuscolo) sono equivalenti.

    Dal manuale del comando `man`:

    -r, -R, --recursive
                 remove the contents of directories recursively

    Sempre sfogliando il manuale, esiste un'opzione che aiuta a cautelarsi contro eventuali cancellazioni accidentali della directory radice ('/'), utile ad esempio quando si opera come utente "root".


    --preserve-root
                 fail to operate recursively on `/'


    Dunque un comando come questo:

    `sudo rm -rf --preserve-root /`

    in realtà non cancella alcunchè.

    Inoltre pare che l'opzione preserve-root sia' la scelta di default:

    "--no-preserve-root do not treat `/' specially (the default)".

    Esistono poi versioni patchate di rm che impediscono, di fatto, che si possa cancellare "ricorsivamente" il contenuto della cartella ' / '.

    Saluti.
    non+autenticato
  • Centro commerciale:
    una dimostratrice: Ha mai provato Norton antivirus?
    io: ho mac OSX
    la dimostratrice: ah.. mi scusi..
    non+autenticato
  • Io sarei rimasto immobile a guardarla per una trentina di secondi poi gli avrei risposto... "si e il pc" ... altri 5 secodni ... "si comportava come " ... altri secondi ... "sto facendo io adesso"
    non+autenticato
  • A proposito di Norton, qualcuno mi vuole spiegare a chi è venuta in mente la geniale idea di aggiungere quel bottone giallo grande come una casa con la scritta "Norton" sulla barra delle applicazioni? Rotola dal ridere

    Comunque non mi pongo il problema... l'emoticon dice tutto: Fan Linux
    non+autenticato
  • Vi suggerisco di leggere questo ebook gratuito che consente in maniera chiara e divertente di correre ai ripari anche se il titolo parla di Xp molti concetti sono validi per tutti i sistemi.

    Buona lettura

    http://www.ismprofessional.net/pascucci/index.php/.../
    non+autenticato
  • - Scritto da: Me Medesimo
    > Anche questa è un'ottima lettura:
    > http://books.google.it/books?id=1sEJeK81ffIC&dq=te

    Peccato che i link per acquistarlo on line od in libreria, non funzionino...
    non+autenticato
  • Ecco fatto, ho installato Mc Afee:
    1. Il computer (core duo 2 GB di RAM)ha dimezzato le prestazioni
    2. Mi da un sacco di noie (falsi positivi, noie con il firewall, avvisi a non finire, ...)
    3. La licenza annuale di McAfee mi costa quanto l'intervento di un tecnico che eventualmente mi formatti e mi re-installi il sistema (supponendo che non sia capace di farlo da solo)

    MEGLIO I VIRUS!!
    non+autenticato
  • ╚ triste, ma hai ragione. Tutti gli antivirus commerciali sono affetti da grosse pecche:
    1. costano annualmente come la manutenzione di una petroliera
    2. usano più risorse di sistema della guerra in Iraq
    3. hanno manie di protagonismo, vogliono farsi notare con falsi positivi ridicoli; ad esempio un noto antivirus ora ha inserito anche il controllo per il "riskware" (termine coniato da loro stessi), questa funzione segnala file che non sono pericolosi, ma magari convince l'utente meno sveglio a cancellarli incasinandosi qualche programma!
    4. puzzano
    5. vogliono fare anche da firewall, crittazione del disco, gestore di mezzo sistema e, ci manca poco, da lettore multimediale; come conseguenza sono pieni di bachi che, a volte, vengono sfruttati dai virus/worms stessi per disattivarli!
    non+autenticato
  • I virus sono scritti dai produttori di antivirus, credo...
    però, per chi non può/vuole fare a meno di Microsoft Windows, ci sono anche soluzioni GRATUITE per ottenere una discreta sicurezza:
    Antivirus: AVG Free edition oppure Clam (consiglio AVG perchè è più veloce)
    Antispyware: Spybot Search and destroy FREE edition
    Firewall: Zone alarm Free edition
    POI: NON utilizzare MS internet Expoler, ma ad esempio Firefox, INSTALLANDO estensioni tipo ADBLOCK PLUS, NETCRAFT TOOLBAR, NOSCRIPT ecc.
    dulcis in fundo, con VIDALIA si può navigare in modo abbastanza tranquillo in modalità anonima (c'è anche l'estensione TORBUTTON per abilitare/disabilitare TOR in Firefox....
    Basta stare attenti....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dagda
    > I virus sono scritti dai produttori di antivirus,
    > credo...
    No no, li scrivono i coccodrilli bianchi delle fogne di New York
    ( i ragni del tronchetto della felicità scrivono i trojan)
    Andy
  • Antivirus gratuiti ? no grazie ho smesso...

    Dopo ne N-Mila formattazioni ai pc windows di gente che conosco non consiglio piu un antivirus free. anzi mi rifiuto di installarglielo.

    Gli dico che se vogliono si comprano Kaspersky a 35 euro l'anno che gli risove i problemi...

    se vogliono avast o avg non do garanzie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dagda
    > I virus sono scritti dai produttori di antivirus,
    > credo...

    Wow, tu sei uno che "ha capito tutto della vita"... Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dagda
    > I virus sono scritti dai produttori di antivirus,

    Conosco una tizia che lavora per un'azienda che produce antivirus. Un tempo (all'epoca dei virus su floppy) la tua affermazione era più che vera, ma al giorno d'oggi ci sono talmente tanti lamer che non hanno nulla di meglio da fare che creano talmente tanti virus che bastano e avanzano! Se poi ci si mettessero pure i produttori di antivirus la situazione diventerebbe insostenibile...
    non+autenticato
  • lol, vero!
    non+autenticato
  • Partendo dal presupposto che non sono un linaro convinto, anche se ho un Fedora Core 7 installato, ma in stato di abbandono da un mesetto. Principalmente gioco con il pc, quindi Windows ( XP ) è una scelta obbligata.

    Navigo tramite un router ADSL, al quale ho cambiato la password di default. Navigo principalmente con Firefox con estensione Noscript. Uso Avira Antivir come antivirus, è free. Scarico la posta su Outlook 2003, con anteprima dei messaggi disattivata ovunque. Scarico *di tutto* dai p2p.

    Non mi sembra di essere un grande esperto di sicurezza informatica, tuttavia senza altri mezzi (firewall, antispyware, ids etc) sopravvivo alle orde di virus che ogni giorno attentano alla vita del mio pc. Dopotutto bastano poche, poche cose.

    Se mi arriva una email con testo in inglese da indirizzi che non conosco non la apro. Se navigo cercando crack e seriali (perchè lo faccioAngioletto ) attivo il blocco completo degli script su noscript. Stessa cosa sui siti zozzetti(ogni tanto ci scappa). Se mi mandano un file lo analizzo con l'antivirus.
    Punto (informatico).
    Non mi sembra di essere un genio dell'informatica, eppure ho installato XP 4 anni fa e non ho mai formattato e non ho mai avuto uno straccio di virus o spyware(controllo ogni tanto -veramente taanto- con autoruns e hijackthis di non avere presenze sospette, ma non ho mai avuto sorprese).

    La conclusione: basta veramente poco, anche eliminare un impostazione di default per evitare tante minacce.
    Greetings.
    non+autenticato
  • Fossero tutti come te gli ut(o)enti di windows non esisterebbero piu i tecnici..
    non+autenticato
  • > La conclusione: basta veramente poco, anche
    > eliminare un impostazione di default per evitare
    > tante
    > minacce.
    > Greetings.

    per fortuna voi proUser siete in minoranza altrimenti sarei disoccupato! A bocca apertaOcchiolino


    Fan AmigaFan AppleFan Linux
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)