Su Internet2 il futuro corre a 100Gbps

La rete superveloce ha collegato ogni suo nodo alla vertiginosa velocitÓ di 100 gigabit al secondo, sperimentando nel contempo una tecnologia che permette collegamenti punto a punto da 10 Gbps

San Diego (USA) - Velocità oggi irraggiungibili persino dalle reti locali Ethernet più veloci, sull'Internet americana di nuova generazione sono già realtà. Il consorzio Internet2 ha infatti completato l'aggiornamento del proprio network superveloce alla capacità di 100 gigabit al secondo, un'ampiezza di banda ottenuta aggregando dieci link ottici da 10 Gbps ciascuno.

"La pietra miliare raggiunta oggi segna il completamento di uno sforzo ambizioso teso ad aumentare esponenzialmente la capacità e la flessibilità delle risorse di rete, risorse messe a disposizione delle esigenze in rapida mutazione della comunità di Internet2", ha dichiarato Doug Van Houweling, president e CEO del consorzio che sviluppa e gestisce Internet2. "Ancora più importante, noi crediamo che il network Internet2 e le sue nuove capacità giocheranno una parte essenziale nel consentire ai membri del nostro consorzio di fornire quella robusta cyber-infrastruttura di cui necessita la nostra comunità per supportare l'innovazione nella ricerca e nell'istruzione".

L'altra novità annunciata dal consorzio americano è l'implementazione della tecnologia Dynamic Circuit Network (DCN), che permette ai ricercatori di attivare una connessione point-to-point da 10 Gbps con altri colleghi che utilizzano Internet2. Queste connessioni dedicate on demand permettono di usufruire dell'intera ampiezza di banda di un link ottico, ma vengono concesse esclusivamente per trasferimenti di breve durata.
Una dimostrazione di DCN è stata data martedì da Carl Lundstedt, della University of Nebraska-Lincoln, che ha attivato una connessione punto a punto con l'istituto di ricerca di Fermilab, in Illinois. Grazie ai 10 Gbps di banda passante, equivalenti a 1.280 MBps, il ricercatore americano è riuscito a trasferire un terzo di terabyte di dati (circa 333 GB) nell'arco di tempo di cinque minuti. Con un tale collegamento, il trasferimento di un tipico film su DVD a doppio layer richiederebbe poco più di 6 secondi.

Il lancio vero e proprio della funzionalità DCN avverrà il prossimo gennaio insieme ad altre tecnologie volte ad ottimizzare la rete IPv6 di Internet2.

Il consorzio Internet2 si è già detto al lavoro su tecnologie di rete capaci di aggregare, grazie all'utilizzo di decine o persino centinaia di lunghezze d'onda differenti, fino a 100 Gbps su di un singolo collegamento ottico.

41 Commenti alla Notizia Su Internet2 il futuro corre a 100Gbps
Ordina
  • toccatevi i zebedei, ma prima che arrivi in italia saremo morti tutti noi, forse anche i nostri nipoti
    non+autenticato
  • non capisco cosa ce lo riportate a fare la notizia tanto ci fate solo sbavare e basta.........
    non+autenticato
  • Sbavi perchè non ne hai capito una ****
    non+autenticato
  • Me le vedo già le reti ultra veloci in Italia.... tra un migliaglio di anni!
    Checavolo qua da noi pur avendo adsl nominali a 4 mb a stento si naviga a 56Kb!
    Fare come in svizzera dove si sta lavorando per la 2 mb per tutti no?
    Allora si che non ci sarebbe più digital devide....
    Ma qua conta più controllare ciò che navighiamo che ciò che paghiamo, pure tanto per qvere una banda da skifo!
    non+autenticato
  • Ma perchè essere sempre cosi' pessimisti! Vuoi mettere una bella ATM del '900 in confronto ad una "internetta ciù" per centri di ricerca? Mah..
  • In realtà non ci trovo niente di particolarmente futuristico: sono anni che si parla di tecnologie a multiplexing di lunghezza d'onda, come DWDM ad esempio, che almeno nelle condizioni ideali permetterebbe 640 canali su una singola fibra (e ogni canale allocabile tra i 10 e i 64 Gbit).
    Chiaramente gli apparati costano molto, ma penso che questo sia l'ostacolo maggiore. Una rete dwdm + sonet non è niente di sorprendente, insomma.
    non+autenticato
  • Guardate che Internet2 cura la rete che collega la maggior parte dele università americane, non è un network a servizio dei singoli cittadini, L'americano non si connette ad internet a 100Gbps... Anche in Italia la rete GARR connette le principali università, non a 100 Gbps, ma a 10 nei tratti principali e a velocità inferiori su quelli secondari. Così come la rete GEANT2 connette le principali università europee e centri di ricerca a 10 Gbps. Certo c'è un abisso tra Italia e USA, ma non tutto è perduto eh...
    non+autenticato
  • mi piacerebbe crederti, ma basta girare un po il mondo per rendersi conto che l'italia sta andando indietro come i gamberi rispetto al resto dei paesi civilizzati. E' brutto da dire ma e' cosi'
    non+autenticato
  • Ripeto, come ho detto prima, ci separa un abisso dai veri paesi civilizzati. Però qua le gente parla senza neanche sapere cos'è internet2, pensa che sia un provider americano che ha lanciato una nuova offerta ADSL...
    non+autenticato
  • non tutto è perduto??qui si va di male in peggio....io mi domamdo ancora perchè si parli ancora di rame in questo cazzo di paese,dove le infrastrutture costano un botto e valgono niente,noi stia qui a parlare di rame mentre gli altri paesi,hanno investito in fibra,e non è che si so fermati, anzi programmano di moltiplicarla X 10 adesso provvedono per i centri di ricerca in via sperimentale poi lo faranno per le zone industriali e poi per le utenze abitative,e noi staremo qui a scannarci con il rame tra disservizi e a bestemiarci dietro a forse 100 mega bit che sarebbe sempre un miracolo cmq saremmo lo stesso nella terra di nessuno,dove tutti gli altri tra una 15 di anni in usa,norvegia canada australia svezia germania slovenia ecc viaggeranno a 10bgt,potranno scambiare file pesantissimi in modo rapido, perchè per i contenuti hd 3D avremmo bisogno della fibra e qui avremmo solo tanto rame,e non combineremo un piffero,ora come ora mi vengono in mente solo i contenuti hd 3D ma non sappiamo cosi ci aspetterà in futuro,so solo che gli usa sono sempre 10 metri avanti in sto campo,sanno già 20 anni avanti allorchè mi aspetto un salto per tutti,anzi non mi voglio sbilanciare ma prevedo che avremmo un grossissimo gap da colmare tra 15,come non fosse già abbastanza adesso.Internet 1 forever
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)