Speciale/ Firefox mostra i muscoli

Mozilla vuole estendere il proprio business al settore dei dispositivi mobili, dove ha in mente di portare una versione leggera di Firefox. Su questo e sulle strategie di Mozilla Foundation l'intervista di PI a Tristan Nitot

Mountain View (USA) - Dopo un paio di esperienze che le hanno consentito di saggiare il fertile terreno del mercato mobile, Mozilla è ora decisa a fare sul serio e sviluppare una vera e propria versione mobile di Firefox. Ad annunciarlo è stato Mike Schroepfer, vice president of engineering di Mozilla, che nel proprio blog spiega perché sia giunto il momento di "portare l'esperienza e la tecnologia di Firefox sui dispositivi mobili".

"La gente ci chiede di continuo quali siano i piani di Mozilla per il web mobile, e sono davvero entusiasta di annunciare che siamo pronti a scuotere questo settore", ha proclamato Schroepfer.

La celebre società open source è dunque pronta a sfidare i molti microbrowser oggi sul mercato, tra i quali Opera Mobile e Opera Mini, NetFront, Mobile Explorer, Blazer e la versione embedded di Safari inclusa in iPhone. Sebbene si tratti di un settore tutto sommato giovane, i concorrenti non mancano di certo.
Mozilla MinimoMa perché scendere ufficialmente in campo proprio adesso? Il dirigente di Mozilla afferma che ci sono almeno due buone ragioni. La prima è che il settore mobile rappresenta ormai uno sbocco quasi obbligato per i browser web: il numero di dispositivi mobili batte infatti quello dei computer di 20 a 1, e Firefox potrebbe rappresentare anche qui un'alternativa open source ai browser, spesso proprietari, integrati in smartphone e computer handheld.

La seconda ragione è che i dispositivi mobili di nuova generazione, a partire dagli smartphone di fascia medio-alta, sono ormai idonei a far girare una versione "lite" di Firefox senza troppi compromessi, e soprattutto senza costringere Mozilla a sviluppare una piattaforma di browsing ex novo. A tal proposito Schroepfer ricorda come iPhone disponga di 128 MB di memoria DRAM e di un processore con clock compreso fra 400 e 600 MHz, e come ARM abbia già pianificato il lancio, per il 2010, di una CPU embedded multicore otto volte più veloce di quella utilizzata da iPhone.

Per creare quello che Schroepfer ha già battezzato Mobile Firefox, Mozilla si rifarà all'esperienza maturata con i progetti Minimo (ormai abbandonato) e MicroB. Lo scorso luglio quest'ultimo ha partorito un browser basato sulla piattaforma Mozilla in grado di girare sull'Internet tablet N800 di Nokia (ma ne esiste una versione anche per il precedente modello N770).

MicroBMicroB rappresenta un'anteprima molto importante di ciò che sarà Mobile Firefox, perché per la prima volta porta su di un dispositivo poco più grande di un PDA un browser fondato sulle stesse tecnologie di Firefox: tra queste, il motore di rendering Gecko 1.9 (lo stesso che si troverà integrato in Firefox 3), una versione ridotta del linguaggio per lo sviluppo di interfacce utente XUL, un'architettura modulare e il motore Javascript. Tali caratteristiche permettono oggi a MicroB, e permetteranno in futuro a Mobile Firefox, di supportare le applicazioni AJAX e Flash 9, i feed RSS, gli add-on (plug-in ed estensioni), i certificati digitali, le immagini e le animazioni in formato Scalable Vector Graphics (SVG), nonché gli standard CSS, DOM, XML, XSLT e XPath.

L'interfaccia XUL è un componente chiave, perché per mezzo di essa gli sviluppatori di terze parti saranno in grado non soltanto di personalizzare ogni aspetto di Mobile Firefox, ma anche di farvi girare sopra widget e rich Internet application.
27 Commenti alla Notizia Speciale/ Firefox mostra i muscoli
Ordina
  • 1) La prima novità "rivoluzionaria" che viene in mente a Tristan Nitot è la possibilità di assegnare tag ai Segnalibri.

    L'idea è carina, ma non completamente nuova.
    In Opera tramite il campo Ricerca veloce dei Segnalibri è possibile trovare immediatamente parole presenti nella descrizione di un Segnalibro. Si possono quindi mettere nella descrizione dei segnalibri delle tag, che non sono altro che "parole", e ritrovare immediatamente i siti che hanno queste tag tramite il campo di ricerca.


    2)"Prendiamo la navigazione a schede, che consentono di tenere aperte più pagine Web nella stessa interfaccia. Un'innovazione che Firefox ha introdotto per prima e che i nostri concorrenti hanno subito importato nelle loro soluzioni."

    Ancora con 'sta (falsa) storia? MAH...
  • - Scritto da: Tenoch52

    > 2)"Prendiamo la navigazione a schede, che
    > consentono di tenere aperte più pagine Web nella
    > stessa interfaccia. Un'innovazione che Firefox
    > ha introdotto per prima
    e che i nostri
    > concorrenti hanno subito importato nelle loro
    > soluzioni."
    >
    > Ancora con 'sta (falsa) storia? MAH...


    Forse intendeva che loro sono stati i primi a COPIARLA!

    http://groups.google.it/group/netscape.public.mozi...

    ...inequivocabile oltre ogni ragionevole dubbio!
  • Beh come dire... la comunità open in quanto a fud non ha molto da invidiare a Ballmer... se penso che qualche giorno fa ho letto di Shuttlework che rivendica la proprietà intellettuale come una cosa solo della comunità open source... alla faccia della coerenza (secondo Davoli la Proprietà intellettuale non esiste ma a quanto pare questo discorso vale solo nei confronti delle società non certo della comunità open)... alla faccia del fatto che linux ha un concetto di innovazione estremamente ispirato a tutto meno che a roba "solo" sua...
    non+autenticato
  • Opera è "da una vita" che fa il browserino e va pure bene, era ora che firefox lo facesse, ma ora sono abituato ad Opera, Firefox deve proprio andar bene, ma bene, per convincere i pigri utenti di telefonino a cambiare navigatore
    non+autenticato
  • arrivare allo standard ormai imposto da Safari su iPhone, resta da vedere come gesitre così semplicemente la navigazione senza touchscreen... sul mio nokia 6680 opera mini non si installa... il browser nokia di default è stra lento... e cmq navigare con il "joistick" è davvero frustrante, le due cose messe insieme rendono DI FATTO impossibbile navigare su internet con il cellulare.IMHO
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > arrivare allo standard ormai imposto da Safari

    Caspita un paio di mesi di iphone e già siamo allo "standard imposto" da SafariRotola dal ridere.
    non+autenticato
  • standard di "qualità"
    Navigazione Ajax e rendering fedele ti pagine anche molto complicate... se poi vuoi accendere un flame rispondimi con un insulto o dammi del fanboy.
    Ciao.
    MeX
    16902
  • Sopravvivi con netfront, non sarà un capolavoro ma non ti lascia nelle mani del browser nokia
    non+autenticato
  • Questa versione lite dovrà essere LITE DAVVERO!
    Altrimenti col cavolo che girerà sui telefonini.
    I problemi di memoria che ha Firefox (qualche ora d'uso e occupa oltre 400 MB di ram...) sono noti a tutti.
    non+autenticato
  • Provato con le estensioni che svuotano la cache?
    Se poi pensi che explorer fa di peggio in una sola ora...
    Ti consiglio cache status.... non devi neanche riavviare il browser per azzerare il livello d'uso e imposti tu quanta ram usare....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Partito Democratic o: il vecchio avanza
    > Questa versione lite dovrà essere LITE DAVVERO!
    > Altrimenti col cavolo che girerà sui telefonini.
    > I problemi di memoria che ha Firefox (qualche ora
    > d'uso e occupa oltre 400 MB di ram...) sono noti
    > a
    > tutti.

    sono problemi sistemabili con alcuni tweak della configurazione... in parte è memoria usata effettivamente, in parte è un problema della gestione memoria di windows (in Vista già funziona meglio), in parte ci sono delle scelte progettuali non felici che si stanno rivedendo nella versione 3 (quando proverai la beta1 ne resterai stupito)
    non+autenticato
  • Bella iniziativa... peccato che iniziare ora da zero (a parte il motore di rendering basato su FF) significa che quasi sicuramente una beta non la vedremo prima di Luglio del prossimo anno.

    Nel frattempo Opera avrà tirato fuori la versione 9 se non la 10 del proprio browser mobile per Windows Mobile e Symbian.

    Perchè allora non partire da Minimo che io già utilizzo sul mio PPC ed è ottimo (attualmente l'unico browser per dispositivi mobili che supporta Ajax) non fosse che è incompleto come funzionalità e poco ottimizzato (leggi: piuttosto lento) al fine di migliorarlo ?

    Così già per il prossimo Natale ci sarebbe speranza di avere in mano qualcosa di realmente competitivo.

    Mah... certe scelte io proprio non le comprendo...
    non+autenticato
  • Non credo che Minimo rispecchi le roadmap di alre aziende con cui Mozilla si interfaccia (Intel, Nokia e anche Ubuntu per esempio), nel post di Mike Schroepfer http://yep.it/fsa4la il discorso verte molto sulle future e immediate risorse hardware dei dispositivi mobili, le quali diventano sempre più potenti e performanti; cmq dispiace anche a me che non vengano perseguite versioni per device mobili datati, i quali, volenti o nolenti, saranno molto più diffusi dei pc datati tra un paio d'anni (IMO)....
    non+autenticato
  • Non riesco a vedere il nesso: un hardware più potente richiede esplicitamente che il software sia altrettanto pesante così da spingere l'utente deluso dalle scarse prestazioni a comprare nuova ferraglia ?
    L'ottimizzazione di minimo non rispecchierebbe la roadmap futura perchè indubbiamente potrebbe girare anche su sistemi più datati che invece per ragioni di mercato dopo tot anni vanno tagliati fuori ?
    Ma se abbiamo tutta questa crisi energetica e tutto questo aumento del costo delle materie prime (non per dire ma non è da molto che si è cominciato a riciclare il vecchio hardware informatico, il più è ancora da qualche parte in thailandia ad inquinare le falde acquifere) perchè si spinge ad un continuo riciclo (non riciclaggio) commerciale dove uno dovrebbe cambiare hardware più spesso delle mutande altrimenti non può neanche avviare l'ultima versione del programma o os ?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)