Gaia Bottà

Reiser, il processo per omidicio

Accusato di aver ucciso la moglie, il geniale sviluppatore open testimonierà in tribunale. Il suo avvocato teme che la sua intelligenza imprevedibile possa complicare la strategia di difesa

Oakland - Inizia oggi a Oakland il processo a carico di Hans Reiser, sviluppatore del file system open source omonimo, accusato di aver ucciso la moglie nell'ottobre dello scorso anno.

Lo sviluppatore in tribunaleNon è mai stato trovato il cadavere della donna, né esistono prove schiaccianti che inchiodino lo sviluppatore: Reiser si è sempre dichiarato innocente, ha sempre sostenuto che la moglie, di origini russe, avesse inscenato la sua sparizione per fare ritorno nella madre patria.

Reiser testimonierà in prima persona: una strategia che potrebbe complicare la faccenda, spiega a Wired William DuBois, avvocato della difesa. Ha memorizzato migliaia di pagine di documenti stilati nella fase precedente al processo, ma, ha dichiarato DuBois, "siamo in apprensione perché non sappiamo come potrà comportarsi": la sua mente è brillante quanto imprevedibile.
Seguirà il processo in diretta il blog del San Francisco Chronicle. (G.B.)
14 Commenti alla Notizia Reiser, il processo per omidicio
Ordina
  • probabilmente la sparizione della moglie è legata al fatto che se la faceva con un serial killer, leggete qui:

    http://pollycoke.wordpress.com/2007/05/04/hans-rei.../

    quindi evitiamo di dire che "lo si difende perchè ha fatto un file system!"

    chi uccide deve andare in galera, anche perchè i file system si possono sviluppare anche da lì! ma se uno è innocente... vedremo!
    non+autenticato
  • qui ti pagano tutto in quanto extracomunitario e ti mandano sui tiggi, fanno fare film, libri, e interviste ai programmi tv se ti perseguita la giustizia

    ma a differenza dei deliquenti veri (che pensano che violentare maschi e femmine sia un modo comune di dimostrare che sono uomini) potresti dare una mano ad esempio a migliorare italia.it
    non+autenticato
  • - Scritto da: nordest
    > qui ti pagano tutto in quanto extracomunitario e
    > ti mandano sui tiggi, fanno fare film, libri, e
    > interviste ai programmi tv se ti perseguita la
    > giustizia
    >
    > ma a differenza dei deliquenti veri (che pensano
    > che violentare maschi e femmine sia un modo
    > comune di dimostrare che sono uomini) potresti
    > dare una mano ad esempio a migliorare
    > italia.it

    Facendogli fare la stessa (presunta) fine di Nina? Angioletto Idea!Con la lingua fuoriA bocca aperta Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • "Non è mai stato trovato il cadavere della donna, né esistono prove schiaccianti che inchiodino lo sviluppatore"
    Ma la presunzione d'innocenza fino a prova contraria dov'è finita? Ma se non c'è neanche il cadavere come fanno a dire che si tratta di omicidio?

    P.s.: refuso nel titolo "Reiser, il processo per OMIDICIO"
    non+autenticato
  • Guarda che solo in inghilterra (MI PARE) non ti possono processare se non trovano il cadavere
    non+autenticato
  • il corpo del reato ... come diceva il tipo con la vasca d'acido in cantina ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Kolika
    > Guarda che solo in inghilterra (MI PARE) non ti
    > possono processare se non trovano il
    > cadavere

    Se non vado errato, salvo modifiche recenti, l'"habeas corpus" è stato ereditato praticamente da tutte le legislazioni dei paesi anglosassoni, con correttivi molto restrittivi (e non sono stati adottati dappertutto) solo per i casi in cui ci siano fortissime altre prove che l'imputato abbia fatto sparire il cadavere (esempio, se 100 testimoni avessero visto chiaramente e inequivocabilmente l'imputato uccidere uno e gettarne il cadavere in un altoforno, verrebbe condannato nonostante l'habeas corpus).
    Ma se le prove di omicidio ed eliminazione del cadavere sono deboli, dovrebbe prevalere l'habeas corpus, anche se con una giuria popolare non si può mai sapere quanto l'emotività possa influenzare, per fortuna, però, nei paesi anglosassoni la condanna dev'essere all'unanimità, non a maggioranza. In caso di prove molto deboli, comunque, il giudice può fermare il processo alle fasi preliminari, anche se non so se in tale evenienza l'imputato goda del diritto alla non ripetibilità del processo per un'imputazione per cui sia già stato assolto.
    non+autenticato
  • Mi sembra che nei paesi anglosassoni (correggetemi vi prego) se sei accusato di tali delitti devi dimostrare la tua innocenza così come l'accusa deve dimostrare la tua colpevolezza.
    Insomma se la partita è "patta" non vince la difesa come da noi...
    snem
    235
  • No, l'onere della prova è sempre a carico dell'accusa. Se però l'accusa ha abbastanza materiale per instillare un "ragionevole dubbio" a proposito della tua colpevolezza, allora meglio che il tuo avvocato si dia da fare.
    non+autenticato
  • Ok. Grazie per la correzione. Chissà da dove l'ho presa sta cosa (troppi telefilm?)
    Ciao!
    snem
    235
  • guarda che l'accusa deve portare le prove il ragionevole dubbio e' quello della difesa.

    minchia tutti esperti di diritto qui...

    Resta il fatto che forse lui ha ucciso la moglie e state tifando per lui perche' ha sviluppato un file system, complimenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mumble
    > "Non è mai stato trovato il cadavere della donna,
    > né esistono prove schiaccianti che inchiodino lo
    > sviluppatore"
    > Ma la presunzione d'innocenza fino a prova
    > contraria dov'è finita? Ma se non c'è neanche il
    > cadavere come fanno a dire che si tratta di
    > omicidio?
    >

    Se non ricordo male hanno trovato del sangue di sua moglie nella sua macchina. Visto che fanno il processo si vede che il cadavere non è obbligatorio.

    Comunque la cosa più curiosa è che sua moglie stava insieme con un tizio che poi si è scoperto essere un serial killer (ha ucciso diverse donne) e che odiava a morte Reiser.
    non+autenticato
  • e dove le hai lette ste cose?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Samuele C.
    > e dove le hai lette ste cose?

    In questi mesi le hanno riportate su slashdot.
    non+autenticato