Alfonso Maruccia

Pac-Man? Un'avventura testuale

Il videogame dell'uomo-pizza aduso al consumo cronico di pillole è ora disponibile in una versione tutta retrò e lacrimucce. Si gioca come Zork, con un pizzico di claustrofobia in più rispetto all'originale. Wakka wakka!

Roma - Che Pac-Man sia un evergreen, che ha passato da tempo il confine dei videogame per approdare nell'immaginario collettivo di giovani e adulti, lo dimostra la presa che il personaggio ancora ha dopo 28 anni di labirinti, fantasmi e pastoni di pasticche dalla natura sconosciuta. Ma che un titolo tipicamente arcade, che fa dunque della frenesia delle sessioni di gioco il suo tratto distintivo, potesse sposarsi idealmente e concretamente con le vecchie avventure testuali risulta nondimeno sorprendente.

Zork, considerato il primo esponente del genere interactive fiction, per quanto sia nato nella stessa epoca di Pac-Man - siamo nei primi, magnifici anni 80 della golden age videoludica - vive e si nutre di sensazioni parecchio diverse. Se l'uomo-pizza evoca azione, frenesia e un gran senso di coordinazione tra la mente e il corpo che tiene in pugno il joystick, Zork e le avventure testuali sono il regno assoluto della fantasia, in cui la "grafica" di gioco se la immagina il giocatore stesso e il ritmo della vicenda lo dettano i comandi impartiti direttamente per mezzo della tastiera in plain english.

Una delle tante versioni del celebre videogameEppure, nonostante l'abisso tra i due titoli, c'è chi nell'universo sempre imprevedibile di Internet ha pensato bene di sperimentare la chimera Pac-Zork, provando a fondere l'atmosfera dell'interactive fiction e il classico schema "wakka-wakka" dell'uomo pizza pillole-dipendente. Così è nato Pac-Txt, il Pac-Man in cui il protagonista si sposta con i comandi da tastiera, le pillole fluttuano ad altezza di bocca e i fantasmi tendono a riempire l'immaginazione molto più di quanto possano fare in un titolo con grafica animata.
L'incipit dell'avventura, da sempre fondamentale per preparare l'immaginazione e introdurre l'atmosfera di gioco, recita così: "Ti svegli in un grande complesso, leggermente disorientato. Palline lampeggianti svolazzano all'altezza della bocca intorno a te in ogni direzione. In lontananza puoi sentire il debole ululare di quello che puoi immaginare essere solo qualche tipo di fantasma o diversi fantasmi".

Pac-TxT è certamente un'idea bizzarra e inconsueta, non per niente nata a margine di un festino a base di alcool verso le due di notte come lo stesso autore confessa sulla pagina del gioco. Un'esperienza forse improponibile per gli assatanati del joypad da PlayStation, ma certamente una sorpresa per chi avrà la pazienza di immergervisi.

Una delle tante versioni del celebre videogameCon la fantasia libera di sguazzare per un mondo di gioco che vive solo nella propria testa, i corridoi tendono ad essere ancora più claustrofobici, le pillole si ingeriscono con più gusto e i fantasmi, per quanto siano più rari da incontrare, incutono un timore inedito. Questo a ulteriore dimostrazione del fatto che l'essenzialità dei vecchi arcade ben si sposa - ancora oggi - con una immaginazione non completamente anestetizzata dalle mirabilie della grafica iper-realista delle produzioni videoludiche moderne.

Alfonso Maruccia
8 Commenti alla Notizia Pac-Man? Un'avventura testuale
Ordina
  • fico davvero, l'ho provato, e sei subito catapultato in un mondo soggettivo molto più realistico di qualsiasi versione super 3d. Le pillole, per esempio, invece di vederle le intuisici, le senti li vicino. Questo dovrebbe far pensare un bel po' gli attutali game designer...
    Secondo me vale sempre la solita regola: fastasticare è meglio che vedere, lo si dice sempre che una donna semisvestita è molto più sexy di una completamente nuda, ci sarà un motivo no?

    Nn mi è piaciuto il fatto che fosse online, questo matrimonio forzato fra nuovo e vintage, provo la stessa senzazione che ho quando gioco al pacman del mame: è affascinante perchè evoca vecchie sensazioni non per il gioco in se.
    Il pacman ha fatto la sua storia, e che storia, il tetris pure, vanguard anche, space-invaders, ...

    Ora è il momento di un nuovo gioco, che venga progettato dalle capacità di persone creative, e per favore non fate il solito gioco tirato fuori dal cilindro dei responsabili marketing...
    non+autenticato
  • http://uc.org/read/ZoIP

    Zork attraverso Asterisk, da giocare via telefono e pronunciando i comandi a voce...

    ... a questo punto! A bocca apertaA bocca aperta
  • - Scritto da: uibbs2
    > http://uc.org/read/ZoIP
    >
    > Zork attraverso Asterisk, da giocare via telefono
    > e pronunciando i comandi a
    > voce...
    >
    > ... a questo punto! A bocca apertaA bocca aperta

    NOOOooooo!
    grazie, sta cosa è una kikka!
    'mo l'installo sull'aziendale IndiavolatoAngiolettoA bocca aperta
  • Ricordo ancora le numerose avventure testuali giocate all'univ con i compagni di corso durante le ore vuote e le lezioni più noiose, col mitico emulatore frotz sul fido nokia communicator 9110!!!

    Bei tempi quelli :.|..
    non+autenticato
  • - Scritto da: the_m
    > Ricordo ancora le numerose avventure testuali
    > giocate all'univ con i compagni di corso durante
    > le ore vuote e le lezioni più noiose, col mitico
    > emulatore frotz sul fido nokia communicator
    > 9110!!!
    >
    > Bei tempi quelli :.|..

    Peccato che i tuoi genitori abbiano speso un sacco di soldi per pagarti l'uni e il nokia 9110.
    Vabe' sarà per la prossima vita.

    Eppoi un emulatore... ma che schifo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ilbignami
    > Peccato che i tuoi genitori abbiano speso un
    > sacco di soldi per pagarti l'uni e il nokia
    > 9110.

    Peccato che ci sia chi critica senza sapere nulla..
    Perchè sai l'univ l'ho finita con risultati più che discreti considerando che intanto lavoravo e il 9110 era stato comprato usato da un collega di mio padre e pagato quanto un normale c*zzuto cellulare nuovo.

    > Vabe' sarà per la prossima vita.
    >
    > Eppoi un emulatore... ma che schifo.

    Per eseguire le avventure IF in formato Z-machine sei obbligato ad usare un interprete (anche su PC) - sorry se l'ho chiamato "emulatore".
    Ma ovviamente stiamo parlando di cose che non conosci ne' hai mai visto.
    non+autenticato
  • Eh, ma hai provato a giocare con la disk image sull'emu del TRS-80, che ha pure gli effetti sonori del disk drive da 5.25"?Sorride
    non+autenticato
  • Non entro nel merito tecnico perché non è quello che mi interessa. Ma "che bei tempi" non dovrebbero dirlo quelli che le avventure testuali le hanno giocate in versione originale? Sorride

    Mi ricordo ancora la copertina di K con Fish in copertina...la prima! (1987 mi pare) E anche The Pawn (non l'ho mai finito), Corruption che giocai su Amiga.
    Ora purtroppo tra lavoro e impegni vari il mio videogiocare si è ridotto a una partita online ogni tanto a carte. L'ultimo game serio per cui ho ritagliato un po' di tempo (con estremo sacrificio di vita sociale), è stato San Andreas. Tristezza...

    - Un Vecio
    non+autenticato