Una (vera) carriera nell'IT

di Giuseppe Cubasia - Come inizia una carriera nell'IT? Cosa succede nelle imprese italiane col passare degli anni? Quando cambiare azienda? La via del Bravo Informatico è stretta, a volte sinuosa. Occhio ai vicoli

Roma - Esistono due strade principali per iniziare una carriera in questo lavoro, entrambe conducono allo stesso posto e per entrambe, come vedremo, è determinante un fattore chiave noto a tutti sotto il nome di "Scelta" aziendale, ma che in realtà nasconde molto di più di quello che dice.

La prima strada è quella tecnica che consiste nel fare a poco a poco tutti i gradini della scala gerarchica. Molti ingegneri, statistici, matematici, periti o gente di talento con un diploma hanno iniziato così, dal basso. C'è chi ha studiato tantissima teoria (il cui 90% nella realtà lavorativa non è applicata né applicabile, a meno di lavorare in nicchie di mercato), e chi ha iniziato da subito a battere i tasti sulla tastiera, per poi approfondire la teoria successivamente.

La carriera tecnica è rapida ed entro 4 - 6 anni ci si può fregiare del titolo di esperto, attualmente ottimi settori in cui specializzarsi sono il Web, l'IT Security ed il Datawarehouse. A questo punto la carriera ha un primo stop, a meno di non essere una risorsa molto richiesta per il proprio know-how specifico (ad esempio su alcuni CRM).
In genere a questo punto qualcuno vi appioppa il titolo (senza nessuna remunerazione aggiuntiva) di coordinatore, con la motivazione: tu ne sai più degli altri essendo il più "esperto".

Il coordinatore ha la perfetta conoscenza del ciclo di sviluppo del software (ISO 900x). Egli sa cosa serve per realizzare cosa. Ai suoi skill tecnici si aggiunge la capacità di saper scrivere documenti tecnici, i più diversi, dall'architettura, all'analisi dei requisiti, fino al piano di testing, e la grande disponibilità a supportare l'intero team per risolvere situazioni critiche.
Un buon coordinatore dopo qualche tempo si trasforma in una perfetta macchina d'assemblaggio: da una parte entrano i requisiti, dall'altra escono le soluzioni.
E qui il bravo informatico termina la propria carriera per abbracciare la professione del bravo manager.

La seconda strada invece inizia con una laurea in economia e commercio. Chi sceglie questa strada è quello che potremmo chiamare l'esperto di prodotto o di Business.

Per il nostro esperto il funzionamento interno del sistema è assolutamente sconosciuto, ma in compenso conosce perfettamente (o dovrebbe) il flusso dei dati e la tematica di Business che il sistema implementa.
Questi esperti li riconoscete perché lavorano quasi esclusivamente con sistemi di financial, bancari o logistici. Tra i loro skill vi sono una grossa capacità di comunicazione, l'accuratezza per i dettagli formali ed una conoscenza generale sul ciclo di sviluppo. Per tutto il resto fanno conto sulla professionalità dei bravi informatici.
Anche loro dopo 4 anni si fregiano del titolo di esperto, ma non è detto che debbano integrare il loro skill con altre approfondite conoscenze "tecniche", mentre è necessario che approfondiscano il Project Management (PM).

La conoscenza del PM è un requisito necessario per essere un Bravo Manager, così come lo è l'attenzione al ROI ed al Budget aziendale, ma non è condizione sufficiente per un avanzamento nella carriera di una persona IT. Si possono possedere ottimi Skill e comunque avere una carriera bloccata. Questo accade, a prescindere dal tipo strada che avete imboccato all'inizio, per un semplice ed unico motivo chiamato "Scelta" Aziendale.

Accade semplicemente che l'Azienda debba nominare dei responsabili su cui basare le sue scelte future e questa scelta non cade su di VOI. La scelta dovrebbe essere fatta in base ad un Assessment ed ad altri parametri oggettivi che l'ufficio del Personale raccoglie sulla personalità, sulle prestazioni e sui valori e skill della persona, ma quasi sempre è semplicemente il frutto di un'indicazione del diretto superiore.
Il motivo per cui si faccia così è da ricercare nei maggiori costi aziendali che una ricerca di dati oggettivi comporta, ma da ultimo vi è anche da considerare che è un indubbio vantaggio per un Responsabile poter nominare le persone che ritiene di sua fiducia.

La persona di fiducia diventa cosi PM (Project Manager), cui è dato l'obiettivo principale dichiarato di portare dei risultati economici all'azienda e quello implicito, secondario, e spesso mai dichiarato, d'adoperarsi per la crescita professionale delle persone di cui è responsabile.

È un dato di fatto che le aziende, quelle italiane specialmente, su quest'ultimo obiettivo abbiano previsto degli scarsi investimenti, anzi spesso i PM sono lasciati totalmente soli e suppliscono con l'improvvisazione e la faccia tosta alla mancanza di preparazione e metodo nello sviluppo della persona. La bassa preparazione alla gestione delle risorse (One minute Manager, chi era costui?!) dà cosi adito ad episodi degni del migliore Dilbert, che entrano di diritto nelle leggende aziendali.

Per coloro sui quali non è ricaduta la "Scelta" aziendale, la poca trasparenza sulle motivazioni che hanno portato ad essere stato escluso dalla selezione, unita alla mancanza di aggiornamento professionale ed alla sensazione di vivere giorno per giorno senza un preciso obiettivo professionale (per non usare parole grosse come Iter di carriera) sono tutti fattori che contribuiscono a portare la carriera del Bravo Informatico su un binario morto.

Dopo qualche tempo passato nella posizione (circa 15,18 mesi) ci si scopre ad essere degli esperti tecnici (e/o coordinatori e/o PM), ma degli assoluti sprovveduti nelle tecniche relazionali che appaiono l'unica strada percorribile per smuovere una carriera.
Quando si arriva a questa conclusione ci si comporta come i topi in gabbia, ci si sceglie un angolino all'interno dell'organizzazione e si evita ogni possibile coinvolgimento perché qualsiasi cambiamento si avverte come inutile o peggiorativo.
Meglio sarebbe cambiare ambiente, prima d'arrivare a questo punto, se si è ancora in tempo.
Non appena si cambia ambiente si scopre che le stesse qualità che la "Scelta" Aziendale aveva ignorato sono invece assai apprezzate, con il doppio vantaggio dell'accrescimento dell'autostima, ma soprattutto della cifra scritta in basso a destra che si legge alla fine del mese.

Non è che però le persone di fiducia se la passino meglio. Da una parte hanno lo stress di portare a casa dei risultati passando su tutto e tutti, dall'altra la necessità di motivare un team che di motivazioni ne ha ben poche. Per supplire a questo tendono ad accentrare il lavoro e a farsi carico di tutto, arrivando a lavorare anche 50-80 ore la settimana, perdendo di vista la capacità primaria di un PM, quella di saper delegare per non morire affogato.

Presto o tardi questo tipo di PM si trasforma in una persona poco gradita o cambia ambiente per la propria salute ed allora può darsi che la "Scelta" aziendale ricada su di VOI.

Nel frattempo lavorare nell'IT, per chi ha passione e voglia sperimentare, porta sempre qualche nuova interessante novità con cui cimentarsi ed alla fine qualcosa di buono esce sempre.

Le persone brave, capaci e che portano vantaggi all'azienda sono sempre ricercate, anche se non sempre hanno possibilità di arrivare in alto. Come diceva Machiavelli: anche il Principe più accorto ha solo il 50% di possibilità di riuscire.

Giuseppe Cubasia
Cubasia blog

I precedenti interventi di G.C. sono disponibili a questo indirizzo
130 Commenti alla Notizia Una (vera) carriera nell'IT
Ordina
  • ma poi tutti a frignare che vogliono tornare in italia.

    dove:

    -si mangia benissimo
    -tenore di vita alto
    -belle donne


    come diavolo fate ad andare in un posto:

    -dove non ti conosce nessuno
    -dove se ti prendere un infarto non ti raccoglie nessuno dalla strada
    -dove gli altri hanno una cultura diversa dalla tua.
    non+autenticato
  • Come al solito Cubasia fa un quadro realistico della realtà.

    La mia modesta esperienza dice che i criteri di promozione non sono mai tecnici (quella persona è in grado di fare quel lavoro), ma sempre "ambientali": la promozione arriva non a chi sa fare, ma a chi si fa vedere fino a tardi sul lavoro (anche se poi la mattina è arrivato alle 10.30), chi è accondiscendente con i superiori, chi è "funzionale" alla guerra personale del tal dirigente, ecc.

    Ciò porta sempre e immancabilmente a dei disastri tecnici di cui comunque l'azienda pare fregarsene, in quanto assorbe tali inefficienze non pagando gli straordinari, concedendo poche ferie, facendo contratti con basi basse e superminimi alti, ecc.

    Non so all'estero, ma in Italia l'IT non è un fatto tecnico, ma prettamente politico. Non conta come si fanno le cose, ma se hai l'amicizia che ti fa avere l'appalto, o la talpa che ti fa vincere il bando. E' inevitabile che anche all'interno il bravo professionista IT conti niente a favore della personalità più portata alla politica.

    http://stargazer.homelinux.net
    non+autenticato
  • Bravi o fessi?
    Non ho visto nessuno che ha il coraggio di andare davanti a queste aziendine contratto a progetto tutto compreso, e dirgli

    Progetto? 250 euro al giorno
    io non vengo certo mica a casa sua a mangiare quando devo andare in pensione quelle 250 euro mi servono per costruirmi un mio FONDO PENSIONE

    P.IVa? 600 lorde giornaliere, sono un professionista? MI PAGHI DA PROFESSIONISTA!
    Iva sara' partita ma io purtroppo mi trovo ancora qua

    Tempo indeterminato 40 mila euro annui per iniziare, senno' cercate il vostro tecnico in qualche centro giotto, carrefour, mediaworld, prendono lo stesso stipendio che voi mi offrite.

    Se tutti noi davanti a questa gente cominciassimo a parlare in questo modo, vedrete che cambierebbe la musica.
    Ma il problema non e' il TECNICO IT E' L'ITALIANO IN GENERE!
    E allora affondate nella m... che questa nazione ci sta facendo affondare, e se bevete dovete pure dire uhmm meglio della cioccolata!
    No a me i tecnici IT non mi fanno pena.
    Ho letto certi NG come it.lavoro.informatica, e se quelli sono i tecnici allora quelli non valgono nemmeno i 1000 euro che gli rifilano.
    Ho visto troppa gente che scrive tante e tante strxxate sui cv che sembra di leggere lo storyboard di un film di fantascienza.
    E quei pochi (RIPETO POCHI) che ci capiscono qualcosa (E CHE IN ITALIA TRA PARENTESI SI CONOSCONO TUTTI!) fanno la fame per il resto di incompetenti che si fregiano della qualifica di tecnico IT.
    Per quanto mi riguarda ho fatto anche io le valigie due settimane fa e spero di non tornare piu'
    non+autenticato
  • >
    > Progetto? 250 euro al giorno
    > io non vengo certo mica a casa sua a mangiare
    > quando devo andare in pensione quelle 250 euro mi
    > servono per costruirmi un mio FONDO
    > PENSIONE

    Lordo moltiplicano almeno per 8 e trovi il tecnico venuto da noi qualche tempo fa.

    non ricordo bene la cifra, ma il fattore moltiplicativo e' circa quello.


    > Tempo indeterminato 40 mila euro annui per
    > iniziare, senno' cercate il vostro tecnico in
    > qualche centro giotto, carrefour, mediaworld,
    > prendono lo stesso stipendio che voi mi
    > offrite.

    se sei nel posto giusto e sai fare le cose bene li ottieni, altrimenti passa pure a 15k euro netti.


    > Ho letto certi NG come it.lavoro.informatica, e
    > se quelli sono i tecnici allora quelli non
    > valgono nemmeno i 1000 euro che gli
    > rifilano.

    ci sei arrivato.

    > E quei pochi (RIPETO POCHI) che ci capiscono
    > qualcosa (E CHE IN ITALIA TRA PARENTESI SI
    > CONOSCONO TUTTI!) fanno la fame per il resto di
    > incompetenti che si fregiano della qualifica di
    > tecnico
    > IT.

    se sei bravo non fai la fame, anzi

    purtroppo io non lo sono e non ho problemi ad ammetterlo.
  • Qui di verità ce n'è, ma non tutta.
    Il Bravo Informatico NON è sottopagato: lavora gratis.
    Il Bravo Informatico spesso non fa carriera perchè all'azienda NON CONVIENE (è utile tenerlo buono)
    Il Bravo Informatico guadagna come un barman o un operaio.
    Non voglio descrivermi come Bravo Informatico, ma penso di essere perlomeno Buon Informatico.
    Svolgo spesso più compiti del previsto, ho indipendenza e intraprendenza anche se amo il contatto con le persone.
    Di tanto in tanto vengo "spostato" in giro per clienti (territorio nazionale).
    Di tanto in tanto mi viene richiesto qualche extra.
    La paga? La stessa da anni.
    Non mi vergogno, non ho pudore per il vil denaro, è carta che usiamo per ottenere ciò di cui abbiamo bisogno.
    1000 euro.
    Ho fatto il sistemista. 1000 euro.
    Ho fatto il docente: 1000 euro.
    Ho fatto il programmatore: 1000 euro.
    Ho fatto l'hardwarista: 1000 euro.
    I contratti? Tempo determinato. Co.Co.dè, ritenuta d'acconto.
    I colloqui di lavoro?
    D: "Come mai quest'anno ha cambiato 3 posti di lavoro?"
    R: "Se mi propinano tutti contratti a tre mesi come Lei..."

    Secondo livello del CCNL Metalmeccanico: in pratica sono una segretaria; potrei fare fotocopie e portare caffè.
    La soluzione: perseverare.
    E al cambio di posto di lavoro, vertenza sindacale e adeguamento del livello alle mansioni realmente svolte.

    E aff*****o il Bravo Imprenditore che il rischio d'impresa lo fa pagare ai dipendenti!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 09 dicembre 2007 07.03
    -----------------------------------------------------------
    H5N1
    1641
  • > Il Bravo Informatico NON è sottopagato: lavora
    > gratis.

    qualcosa di gratis lo fanno molti.

    > Il Bravo Informatico spesso non fa carriera
    > perchè all'azienda NON CONVIENE (è utile tenerlo
    > buono)

    dipende tutto da dove sei capitato.

    > Non voglio descrivermi come Bravo Informatico, ma
    > penso di essere perlomeno Buon
    > Informatico.

    Da cosa ti definisci Buon Informatico? Cosa sai fare?

    Io mi definisco semplicemente operaio di penultimo livello, i giudizio qualitativi li lascio agli altriSorride

    > Svolgo spesso più compiti del previsto, ho
    > indipendenza e intraprendenza anche se amo il
    > contatto con le persone.

    Svolgere piu' compiti e' abbastanza normale, nel mio lavoro il contatto e' con ottone o con olioSorride

    > Di tanto in tanto vengo "spostato" in giro per
    > clienti (territorio nazionale).

    segno che sei bravo, fatti conoscere ed apprezzare dai clienti e vedrai che qualcosa ritorna.

    > Di tanto in tanto mi viene richiesto qualche
    > extra.
    > La paga? La stessa da anni.

    Normale.

    > Ho fatto il sistemista. 1000 euro.
    > Ho fatto il docente: 1000 euro.
    > Ho fatto il programmatore: 1000 euro.
    > Ho fatto l'hardwarista: 1000 euro.
    > I contratti? Tempo determinato. Co.Co.dè,
    > ritenuta d'acconto.

    Per mia fortuna sono stato assunto prima della rivoluzione dei contratti e sono a tempi indeterminato, se dovessi cominciare oggi invece molto facilmente dovrei partire con assunzione con cooperativa.

    > R: "Se mi propinano tutti contratti a tre mesi
    > come Lei..."

    bellissima rispostaSorride
  • - Scritto da: pippo75
    > qualcosa di gratis lo fanno molti.
    Molti, ma non tutti.

    > Da cosa ti definisci Buon Informatico? Cosa sai
    > fare?
    > Io mi definisco semplicemente operaio di
    > penultimo livello, i giudizio qualitativi li
    > lascio agli altri
    >Sorride
    La falsa modestia è superbia ben celata. L'individuo può valutare se stesso dal riscontro oggettivo che il riflesso dell'altro genera.


    > segno che sei bravo, fatti conoscere ed
    > apprezzare dai clienti e vedrai che qualcosa
    > ritorna.
    Sono anni che vengo apprezzato, lo dico sinceramente, ma l'unico cambiamento che ho notato è che ora sono più vecchio e più stanco.

    > > La paga? La stessa da anni.
    > Normale.
    E' questo atteggiamento che non è normale. Persone prima di noi hanno combattuto per ottenere diritti che non abbiamo voglia o coraggio di reclamare. Non offenderò oltre la loro memoria.

    > > R: "Se mi propinano tutti contratti a tre mesi
    > > come Lei..."
    >
    > bellissima rispostaSorride
    Grazie.
    E' la veritàSorride
    La verità è sempre l'unica e sola risposta possibile.
    Forse questo è un mio difetto.
    H5N1
    1641
  • > La falsa modestia è superbia ben celata.
    > L'individuo può valutare se stesso dal riscontro
    > oggettivo che il riflesso dell'altro
    > genera.

    puo' essere, ma in genere preferisco non lodarmi, non credo di essere migliore di altri, anzi in molti punti non lo sono.
    Anche se devo ammettere che proprio zeo non lo sono.

    > E' questo atteggiamento che non è normale.
    > Persone prima di noi hanno combattuto per
    > ottenere diritti che non abbiamo voglia o
    > coraggio di reclamare. Non offenderò oltre la
    > loro
    > memoria.

    vogliamo spendere poco quando compriamo, allora non lamentiamoci se quando dobbiamo vendere bisogna vendere per poco.
  • Ognuno vale ciò che è pagato.
    Di amici che si sono laureati negli ultimi anni in ingegneria informatica ne ho parecchi.
    Alla soglia dei 30 anni (quindi dopo 4-5 anni di esperienza), NESSUNO di loro percepisce meno di 2000 euro netti al mese, alcuni raggiungono i 3000; tra l'altro chi ha fatto la scelta di mettersi in proprio guadagna ben di più.
    I casi sono due, o io vivo su marte, o qui parecchi si sopravvalutano.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gordon
    > Ognuno vale ciò che è pagato.
    > Di amici che si sono laureati negli ultimi anni
    > in ingegneria informatica ne ho parecchi.
    >
    > Alla soglia dei 30 anni (quindi dopo 4-5 anni di
    > esperienza), NESSUNO di loro percepisce meno di
    > 2000 euro netti al mese, alcuni raggiungono i
    > 3000; tra l'altro chi ha fatto la scelta di

    Che dici!?? Qali aziende pagano cosi in alto!!
    Vere a 30 4-5 anni di esperienza significa aver cominciato da subito... dimmi come hai fatto!! Almeno in che settore!!

    Anche io ne ho tanti e ti assicuro che sopra a 1500 € ne conosco solo 1 ...salvo i responsabili paraculati... di cui qui si spera di NON parlare!!!
    non+autenticato
  • -Premesso che parlo di ingegneri informatici e non di periti (che dirigenti non lo diventeranno mai)

    -Premesso che parlo di gente laureata con voti decenti (almeno 90/100 al poli di Milano, lauree vecchio ordinamento) e in tempi decenti (max un anno fuoricorso)

    -Premesso che si tratta di gente che sa parlare in italiano e inglese senza strafalcioni, e si presenta in ufficio in giacca e cravatta, con la barba rasata, e non ha l'aspetto da "alternativo sfigato contro il sistema", tipico di molti in ambito IT

    Fatte tutte queste premesse...
    ...in genere si tratta di chi ha perseguito la carriera di direttore dei sistemi IT in aziende medio-grandi a Milano e provincia. I settori sono i più vari, ad es. alimentari, o moda.
    Dopo essere entrati nella divisione IT di tali aziende, non hanno fatto altro che fare esperienza e aspettare che il direttore IT, cioè il loro capo, se ne andasse da qualche altra parte, in cerca di più soldi; cosa che i direttori IT fanno spesso, è uno dei ruoli con maggiore mobilità.

    E' andata un po' peggio a chi ha deciso di rimanere in aziende IT in senso stretto, ad es. multinazionali del software. Quelli spesso sono rimasti semplici programmatori a 29-30 anni.

    Io ho scelto la strada del lavoro in proprio ( e nemmeno in ambito informatico), quindi non faccio testo.


    - Scritto da: pinco pallino

    > Che dici!?? Qali aziende pagano cosi in alto!!
    > Vere a 30 4-5 anni di esperienza significa aver
    > cominciato da subito... dimmi come hai fatto!!
    > Almeno in che
    > settore!!
    >
    > Anche io ne ho tanti e ti assicuro che sopra a
    > 1500 € ne conosco solo 1 ...salvo i responsabili
    > paraculati... di cui qui si spera di NON
    > parlare!!!
    non+autenticato
  • Allora dimmi in che azienda lavori che mando il curriculum.
    Io non sono laureato in ingegneria informatica.
    Ho una laurea di altra natura, ma faccio il sistemista da una vita.
    Per un certo periodo di tempo ho fatto il programmatore con una paga di 350€ mese.
    Ultime offerte in campo programmazione? 900€ mese.
    Abito a Roma e ti posso garantire che qui gli stipendi sono bassi.
    Il problema non è tanto la paga in sè quanto il pretendere mansioni superiori senza null'altro in più.
    Personalmente non mi viene riconosciuta la diaria nè l'indennità di turnazione.
    Fatti un giro su siti come infojobs.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 10 dicembre 2007 02.36
    -----------------------------------------------------------
    H5N1
    1641
  • - Scritto da: H5N1
    > Allora dimmi in che azienda lavori che mando il
    > curriculum.
    > Io non sono laureato in ingegneria informatica.
    > Ho una laurea di altra natura, ma faccio il
    > sistemista da una
    > vita.
    > Per un certo periodo di tempo ho fatto il
    > programmatore con una paga di 350€
    > mese.
    > Ultime offerte in campo programmazione? 900€ mese.
    > Abito a Roma e ti posso garantire che qui gli
    > stipendi sono
    > bassi.
    > Il problema non è tanto la paga in sè quanto il
    > pretendere mansioni superiori senza null'altro in
    > più.
    > Personalmente non mi viene riconosciuta la diaria
    > nè l'indennità di
    > turnazione.
    > Fatti un giro su siti come infojobs.

    imho gli informatici sono abbastanza da organizzare un loro sindacato di categoria per ricevere il giusto stipendio qualunque sia la ditta dove lavorano
    e per identificarli contasse ugualmente titolo di studio come attestato della ditta, basta che si partecipi
    non+autenticato
  • > Ho una laurea di altra natura, ma faccio il
    > sistemista da una
    > vita.

    sarai il meglio del meglio del meglio, ma ancoa non ci sei arrivato?

    Ci sono troppi sistemisti e troppa gente che lo vuole fare.

    Aumenta la concorrenza, scende il prezzo ( stipendio ).

    > Ultime offerte in campo programmazione? 900€ mese.
    > Abito a Roma e ti posso garantire che qui gli
    > stipendi sono bassi.

    hai dimenticato di dire che tipo di programmi trattavi, per fare il gestionale basta la terza media ( basta uno con la voglio di programmare ).
  • Forse non mi sono spiegato o forse qualcuno non vuole capire.
    INDIPENDENTEMENTE dalla preparazione scolastica l'assunzione come impiegato di secondo livello (1000€/mese) prevede che l'impiegato "svolga mansione per le quali non è richiesta particolare preparazione o competenza".
    Potrei essere il più bravo sistemista del mondo o anche una schiappa totale, ma per 1000€ non potrei (non lo dico io, ma il contratto):
    rimuovere malware
    collegarmi in remoto per assistenza
    leggere i log sei server
    creare/modificare/inserire account nel dominio
    creare/modificare/inserire permessi nel dominio
    Installare/disinstallare software e hardware
    redigere documentazione knowledge-base e procedurale
    organizzare e programmare interventi

    Personalmente ritengo che se il mercato è saturo è vero che la legge di mercato dice che i prezzi calano, ma c'è una legge ben superiore (quella Italiana) che indica che non possano calare sotto un minimo.
    E questo non avviene.

    Con uno stipendio così come fà uno a campare?
    Berlusconi una volta disse (non ricordo le parole esatte): "tutti, più o meno, hanno un secondo lavoretto..."
    H5N1
    1641
  • nell'altro articolo si parla di robotica, chi è capace puo' iniziare.

    siete meno capaci, c'è la robotica industriale, semplici bracci che devono fare dei lavori.

    macchine CNC.

    automazione transfer.

    CAD/CAM.

    automaziona casalinga.

    Nell'automazione ci stiamo facendo portare via il lavoro da giapponesi e cinesi.

    E in quel settore si puo' pendere dei bei soldini.

    Al tempo sentivo che una ditta di telefonia stava cercando persone capaci di gestire l'umts ( e non ne trovava ).

    Create un progetto e se questo è valido molto facilmente troverete chi lo compra ( non è necessario trasferirsi all'estero ).
  • > Create un progetto e se questo è valido molto
    > facilmente troverete chi lo compra ( non è
    > necessario trasferirsi all'estero
    > ).

    premesso che se hai una casa da mantenere con relativa famiglia... non puoi stare due mesi a casa a fare un "progetto" da poi provare a vendere...
    E poi... dai...in Italia davvero pensi che se fai un bel progetto qualcuno lo compra?
    Se hai l'idea di un progetto e conosci qualcuno che conosce qualcuno che lavora in un'azienda che ha un appalto per un'azienda che ha un lavoro con una grande azienda forse riuscirai a vendere la tua consulenza...A bocca aperta
    MeX
    16897
  • >
    > premesso che se hai una casa da mantenere con
    > relativa famiglia... non puoi stare due mesi a
    > casa a fare un "progetto" da poi provare a
    > vendere...

    allora vai a fare l'operaio, se vuoi uno stipendio altro, devi avere anche il coraggio di rishciare.

    > E poi... dai...in Italia davvero pensi che se fai
    > un bel progetto qualcuno lo
    > compra?

    Si.
    Sempre restando in italia puoi vendere sia a ditte italiane che straniere ( non è detto che devi dare l'esclusiva ) .

    Parlando di macchine utensili: Inventa un controllo che in presenza di qualsiasi collisione evita danni, diventerai ricco.
  • > allora vai a fare l'operaio, se vuoi uno
    > stipendio altro, devi avere anche il coraggio di
    > rishciare.

    infatti il mio rischio me lo prendo lasciando il mio paese.
    E prima di fare l'operario spero di mettere a frutto i miei anni di espserienza in questo settore, e poi, anche da operaio non riuscirei ad arrivare a fine mese e avrei un contratto ridicolo... oltre a rischiare la vita... leggiti la cronoca su Torino.

    > > E poi... dai...in Italia davvero pensi che se
    > fai
    > > un bel progetto qualcuno lo
    > > compra?
    >
    > Si.
    > Sempre restando in italia puoi vendere sia a
    > ditte italiane che straniere ( non è detto che
    > devi dare l'esclusiva )
    > .
    >
    > Parlando di macchine utensili: Inventa un
    > controllo che in presenza di qualsiasi collisione
    > evita danni, diventerai
    > ricco.

    non è nelle mie competenze, sono totalmente ignorante in materia, in quanto a "vendere" progetti... ti ripeto che se dopo 8 ore di lavoro, 1 ora al supermercato... torni a casa e non hai la forza di prepararti la cena... figurarsi creare un progetto...Sorride
    Io emigro, per ora, per quanto mi riguarda, è la scelta più giusta.
    Poi non voglio diventare ricco... voglio poter andare al cinema più di una volta ogni 2 mesi, mangiare carne che non siano gli hamburgherini Aia, non andare in giro in Scooter a Dicembre (unico mio attuale mezzo di locomozione)... diventare ricco non mi interessa.
    MeX
    16897
  • > arrivare a fine mese e avrei un contratto
    > ridicolo... oltre a rischiare la vita... leggiti
    > la cronoca su
    > Torino.

    Prmesso che mi spiace per quelle persone , ma dei giornali non mi fido piu' di tanto.
    Questi vendono quando fanno scalpore, quindi devono ingrandire sicuramente la notizia

    > non è nelle mie competenze, sono totalmente
    > ignorante in materia, in quanto a "vendere"
    > progetti... ti ripeto che se dopo 8 ore di
    > lavoro, 1 ora al supermercato... torni a casa e
    > non hai la forza di prepararti la cena...
    > figurarsi creare un progetto...

    sappi comunque che l'automazione rende e non poco.
    Purtroppo richiede conoscenze e non da poco, sopratutto se vuoi guadagnare bene.


    > Io emigro, per ora, per quanto mi riguarda, è la
    > scelta più giusta.

    se ritieni che sia l'unica cosa che puoi fare, allora si.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)