Luca Spinelli

eBay e la vendita dei sogni

Incontri con Ramazzotti ed Elena Santarelli, abiti della Pausini e di Tiziano Ferro. In vendita su Ebay tempo e oggetti di noti personaggi italiani, il tutto per beneficenza, ma con qualche sorpresa

Roma - Quanto costa un sogno? La risposta è su internet. Grazie ad un'iniziativa benefica di Amnesty International contro la violenza sulle donne nel mondo, fino al 12 dicembre è possibile comprarli all'asta, direttamente su Ebay.

Il celebre cantanteCi vogliono poco più di mille euro per il leggio di Vasco al Tour 2007. Per un pomeriggio con Elena Santerelli e Alessandro Cattelan ne bastano 400. Mille e cinquecento per un quadro di Dario Fo. Un abito di moda della bella Cristiana Capotondi costa 560 euro. Un po' più care le due ore insieme a Linus e Nicola di Radio Deejay, 2200 euro. Mentre per trascorrere una mezzoretta in compagnia di un capiroska alla fragola ed Eros Ramazzotti si deve quasi aprire un mutuo: 9350 euro (capiroska a parte).

Se sui personaggi internazionali gli italiani si dimostrano piuttosto generosi, per una certa parte dei pezzi in vendita - ironicamente - si rischia quasi di fare affari, in barba all'intento benefico. Come chi ha fatto propria una valida chitarra elettrica a soli 200 euro, il suddetto abito di Cristiana Capotondi a metà prezzo, la camicia di Roberto Cavalli indossata da Laura Pausini a 250 euro, e un pallone di cuoio Fifa a poco più di trenta euro.
Eccetto alcuni piccoli intoppi, il connubio fra la Rete e le operazioni di beneficenza si conferma comunque molto efficace, anche se lontano dai moti d'altruismo ormonale provocati nel 2001 dal galeotto bikini di Sabrina Ferilli (quasi diecimila euro) e nel 2005 dall'abito sanremese di Antonella Clerici (26 mila euro).

La lodevole iniziativa è anche un'occasione per esplorare con ironia vizi ed interessi degli italiani, così come per rinverdire le polemiche di chi pensa che la beneficenza dovrebbe avvenire anche lontano dalle feste natalizie e senza l'intervento dei polsini o delle buste per il pane di noti personaggi. Senza contare la pubblicità indotta verso eBay e le personalità coinvolte, che esiste ed è da più fronti criticata.

Il logo dell'iniziativaChi fosse interessato ad un acquisto particolare per una buona causa, può ancora accaparrarsi una maglietta indossata ed autografata da Tiziano Ferro, una di Ligabue, una di Luca Carboni, un giubbotto di Elisabetta Canalis, una bella chitarra dei Subsonica, una felpa di Valentino Rossi, un'armonica di Edoardo Bennato, ed altro ancora.

Stranamente disertata, per il momento, l'asta sulla scioccante e notissima fotografia di Oliviero Toscani, in tema con il soggetto dell'operazione: che sia più interessante la carissima forfora di Ramazzotti?

Luca Spinelli
www.lucaspinelli.com
6 Commenti alla Notizia eBay e la vendita dei sogni
Ordina
  • ...gente che apre mutui per la spesa, il natale con la carta di credito, tutti poveri, senza soldi ma per procurarsi l'abito indossato dalla gnocca di turno di colpo si trovano tutte le disponibilità economiche di sto mondo...

    (ma poi per quale motivo... feticismo ?)

    Se proprio si vuole fare beneficenza basta fare l'offerta senza aspettare la contropartita dal vip di turno
    non+autenticato
  • E' verissimo quello che hai detto, quanti pagliacci che ci sono in giro e stanno pure aumentando.
    non+autenticato
  • ciao, Anonimo

    - Scritto da: Anonimo
    > ...gente che apre mutui per la spesa, il natale
    > con la carta di credito, tutti poveri, senza
    > soldi ma per procurarsi l'abito indossato dalla
    > gnocca di turno di colpo si trovano tutte le
    > disponibilità economiche di sto
    > mondo...

    tipico dell'italiano: lacrime su lacrime ma sotto la mattonella c'e' sempre qualcosa...

    >
    > (ma poi per quale motivo... feticismo ?)

    penso di si': IMHO la vera carita' e' come l'amore per una persona: penso che ti debba "venire da dentro" e provi un sacco di soddisfazione nel farla. punto e basta.

    fabianope
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...gente che apre mutui per la spesa, il natale
    > con la carta di credito, tutti poveri, senza
    > soldi ma per procurarsi l'abito indossato dalla
    > gnocca di turno di colpo si trovano tutte le
    > disponibilità economiche di sto
    > mondo...

    Sono 30 anni che ad ogni natale c'è il solito servizio dei "poveri che quest'anno non compreranno nulla"...
    Fa parte del clichè... Certo che se vanno a fare le riprese in via MonteNapoleone o in via Condotti c'è poca gente che compra e spende... Ma vi sembra che sia uno spaccato della realtà sociale italiana quella di fare spese da Gucci, Ferrè, Armani...?

    Demagogismo tipico della televisione italiana... cosa ha portato?

    Antefatto: Un mese fa ogni giorno un ubriaco tirava sotto qualcuno e lo ammazzava. Oggi non si sente più nulla.
    Domanda: Che gli ubriachi fossero concentrati solo nel mese di Ottobre 2007?
    Conclusione e risultati: Leggi che ti mettono in galera se bevi due bicchieri di vino a cena e ti costringono a rivolgerti ad un SERT ed a fare le analisi del sangue ogni due mesi.

    Antefatto: tre mesi fa un video su youtube mostrava degli studenti che infilavano le loro mani nel tanga della professoressa.
    Domanda: le prof tro*e si sono estinte?
    Risultato: sms, chat, videotelefoni sono diventati strumenti di morte, tanto che (notizia di oggi di PI) se chatti con un minorenne puoi farti 3 anni di galera... potremmo limitare l'accesso ad internet ai minori di 18 anni... aspettiamo con fiducia il nuovo provvedimento "garantista"...
  • purtroppo il mondo è bello perchè è vario e ci dobbiamo tenere anche gente come questa...
  • Però gente così impedisce di vedere qual'è la vera faccia della attuale realtà.
    Un osservatore esterno come può pensare di notare la condizione penosa della nostra economia se c'è gente che pur non avendo i soldi per arrivare alla fine del mese non rinuncia a cambiare cellulare ogni mese, si vanta di aver cambiato TV con modelli da 1500 euro o entrambe le cose più molte altre ?
    Anche a livello psicologico che senso ha vantarsi di aver comprato un bordello di roba se poi lo si è fatto tutto a rate che andranno onorate in 10 e più anni (magari non gli dura neanche tanto la roba)
    non+autenticato