Virtualizzazione, Sun scende in campo

Sun è pronta a lanciare i primi prodotti e servizi basati sulla propria piattaforma di virtualizzazione xVM, alla base della quale si trovano porzioni del codice open source di Xen. L'azienda punta sull'accoppiata xVM/Solaris

Milano - Verso la fine della scorsa settimana Sun ha ufficialmente presentato xVM Ops Center, il primo prodotto commerciale della neonata famiglia di soluzioni xVM per la virtualizzazione dei datacenter. Il software verrà lanciato sul mercato il prossimo 8 gennaio, e farà leva sulla stretta integrazione con il sistema operativo Solaris.

Sun ha annunciato per la prima volta xVM lo scorso settembre, e a novembre ne ha incluso la prima versione beta nell'OpenSolaris Developer Preview, un'anteprima della prossima release del noto sistema operativo open source di Sun.

Componente chiave di questa piattaforma è xVM Server, un server gratuito di virtualizzazione progettato per girare su Solaris. xVM Server poggia sul codice del famoso hypervisor open source Xen, già alla base delle soluzioni per la virtualizzazione di Sun, Oracle (v. recente lancio di Oracle VM), Virtual Iron e Cytrix, che lo scorso mese ha firmato l'accordo definitivo per l'acquisizione di XenSource.
Sun ha spiegato che il nuovo xVM è Ops Center consente di semplificare aspetti quali rilevamento degli asset, monitoraggio, provisioning del sistema operativo, aggiornamenti software e firmware e gestione delle patch. Il software è in grado di supportare ambienti multipiattaforma x86 e SPARC basati su Linux e Solaris.

"Le necessità di business che impongono crescite sostenute contribuiscono a incrementare la complessità dei datacenter. Gli amministratori devono gestire, da un lato, volumi crescenti di dati, applicazioni e utenti in rete, e, dall'altro, la proliferazione di server e sistemi operativi", ha spiegato Steve Wilson, vice president xVM di Sun. "Grazie a Sun xVM Ops Center i clienti possono automatizzare una serie di task su scala globale al fine di migliorare il time-to-market e la produttività rispettando parametri SLA (Service Level Agreement) sempre più pressanti".

Una distribuzione di Sun xVM Ops Center sarà rilasciata come download gratuito all'inizio del prossimo anno. I programmi di supporto sul software, che includono assistenza e servizi erogati via rete, avranno prezzi che partiranno da 100 dollari per server gestito per arrivare a 350 dollari in base al set di funzionalità scelte dal cliente.

Sun ha creato una comunità, OpenxVM.org, dove pubblicherà progressivamente il codice di alcune delle tecnologie alla base di xVM: al momento l'azienda ha aperto il codice di Common Agent Container (CAC), e nel corso del prossimo trimestre renderà disponibile quello di Ops Center. Da notare come tutto il codice scritto da Sun (dunque ad esclusione di quello preso a prestito da Xen, che è GPL2) sarà rilasciato sotto GPL3: questa è la prima volta che la mamma di Solaris si avvale della più recente licenza GNU.