Luca Annunziata

Il wiki dell'hardware libero

Bug Labs lancia il wiki per gli sviluppatori. E lo farcisce di materiale. Ma che si può chiedere di più?

Roma - Dopo l'hardware open source, ora anche il software open source: quelli di Bug Labs, che da poco più di un mese sono entrati in beta con il loro gadget componibile a sorgenti aperti, ora vogliono promuoverne la crescita affidandosi alla buona volontà dei navigatori.

Il BUG Wiki di BUG LabsPer questo hanno lanciato il wiki di Bug Labs, inaspettatamente chiamato BUG Wiki, che sarà "il posto dove scambiarsi informazioni su Bug Labs e i BUG" (i BUG sono i componenti aggiuntivi da infilare sulla BUGbase). Si comincia con un bel SDK per Dragonfly, il cuore della piattaforma, messo online con tutti annessi e connessi e fior di guide.

Ma per il futuro, si spera che il resto lo facciano gli appassionati: "Ci auguriamo che molto materiale venga prodotto dalla community BUG - dicono - E dunque, in perfetto spirito wiki, navigate, cercate e contribuite nel modo che vi pare più opportuno!".
Per tutti gli interessati: lo store virtuale di Bug Labs dovrebbe aprire i battenti entro la fine dell'anno. L'attesa è quasi terminata. (L.A.)