Luca Annunziata

WiFi mesh per i pellegrini

Una rete wireless per offrire ai fedeli accesso gratuito ad Internet. L'hanno realizzata in Arabia Saudita, per l'annuale pellegrinaggio alla Mecca

Roma - Milioni di pellegrini di tutto il mondo diretti alla Mecca, per la consueta processione annuale dei fedeli musulmani, potranno restare collegati alla Rete. A renderlo possibile, una rete WiFi mesh, realizzata con 70 router disposti lungo il percorso seguito dagli Hajii, in grado di garantire accesso gratuito a chiunque ne faccia richiesta.

Ciascun router di questa rete è in grado di dialogare non solo con gli utenti, ma anche con gli altri router adiacenti: grazie a questo meccanismo è possibile ridurre il numero di dispositivi fisicamente collegati ad una linea fissa, visto che un pacchetto di informazioni è in grado di viaggiare da un router all'altro fino a quando non trova la strada per giungere in Rete. Un meccanismo identico a quello utilizzato per l'implementazione del WiFi negli XO, i laptop da 100 dollari di OLPC.

Il servizio è stato curato da un provider locale, Bayanat Al-Oula, mentre della gestione della rete e dei sistemi di autenticazione - la registrazione è obbligatoria per usufruire del servizio - si occupa invece Aptilo Networks, azienda con sede a Stoccolma.
La rete è stata realizzata con apparecchiature statunitensi, fornite da Tropos Networks. Quest'ultima era già nota per aver fornito analoghi dispositivi a Google, per la realizzazione della rete WiFi che copre tutta Mountain View, nonché per aver fornito un servizio analogo nella città di New Orleans dopo l'uragano Katrina. (L.A.)
3 Commenti alla Notizia WiFi mesh per i pellegrini
Ordina