TRE, recedere dal contratto costa meno

Adiconsum annuncia il raggiungimento di un accordo per andare incontro ai consumatori che recedono da un contratto con cellulare in comodato d'uso

Milano - L'utente TRE che intende recedere dal contratto ed è in possesso di un telefono in comodato d'uso non sarà salassato: l'azione inibitoria intrapresa da Adiconsum nei confronti dell'operatore si è conclusa con un accordo - depositato presso il Tribunale di Milano - che rende meno onerosa l'operazione.

Č la stessa Adiconsum ad annunciarlo, spiegando la questione: "In merito alle clausole del Regolamento di servizio Scegli 3 New Abbonamento e Ricaricabile 2007 e Regolamento di servizio Tre.dati Scegli 3 New, Adiconsum ha ottenuto un abbassamento dei costi e un innalzamento della trasparenza".

Molti consumatori avevano esposto le proprie lamentele in seguito all'applicazione di penali (vietate dal pacchetto Bersani) che TRE avrebbe applicato agli utenti intenzionati a cambiare operatore. L'operatore, a suo tempo, precisò che non si trattava di penali, ma di compensazioni dei costi - terminale incluso - sostenuti per fornire il servizio a prezzi vantaggiosi. Molte offerte di TRE, infatti, prevedono la concessione di un videocellulare in comodato d'uso, gratuito o a pagamento, ma con costi sempre inferiori al prezzo di listino dell'apparecchio.
Č un do ut des: l'utente, ottenendo questo vantaggio, offre come contropartita la sua fedeltà (e il suo traffico telefonico) all'operatore per un certo periodo di tempo. Ma se il rapporto si interrompe anzitempo si viene a creare uno squilibrio tra i benefici ottenuti e i costi sostenuti, e l'operatore pretende di riportare in asse l'ago della bilancia, che in questi casi penderebbe a favore dell'utente. I contributi di recesso richiesti da TRE agli utenti in fuga, però, sono stati ritenuti eccessivi e in quest'ottica si è inserito l'accordo annunciato da Adiconsum.

"Ora - spiega l'associazione - quando si decide di chiudere ogni rapporto con TRE, esiste una differenza fra chi restituisce il cellulare concesso in comodato d'uso, e chi no". I primi pagheranno ora costi molto più bassi rispetto al precedente contratto e la quota varierà a seconda del periodo da cui partirà l'interruzione del contratto:
- chi riconsegna il bene in comodato dopo il dodicesimo mese, sostiene costi fra un massimo di 86 euro e un minimo di 30 euro (per il cellulare) e 100 euro e 30 euro (per il modem);
- chi, invece, trattiene il bene, è tenuto a versare fra i 350 e i 30 euro (per il cellulare), fra i 300 e 30 euro (per il modem).
"Inoltre ora - prosegue Adiconsum - è possibile, a fronte della scadenza dell'impegno che vincolava il consumatore ad effettuare una ricarica periodica di un certo importo, rimanere in possesso del cellulare in godimento gratuito".

Pur avendo sottoscritto l'accordo che ha portato alla riduzione dei costi, Adiconsum li ritiene però ancora troppo elevati e ha chiesto l'intervento dell'Autorità Garante per le garanzie nelle comunicazioni per determinare la correttezza dei costi applicati, a cui TRE ha dichiarato di impegnarsi con procedura automatica.
10 Commenti alla Notizia TRE, recedere dal contratto costa meno
Ordina
  • Ho un abbonamento top 400 con la 3 . Era l'unico modo x farmi l'i phone della Apple altrimenti dovevo possedere una carta di credito . Loro mi hanno fatto un contratto che diceva di avere 400 minuti al mese , 100 a settimana e 2 gb al mese di internet . Poi ho allegato un cube light x andare su internet a 6 euro con 3 gb al mese . Attento ai costi con le app d'estate inventavano banner se navigavi tipo vedere emoticon o orari del cinema che facevano attivare 2 , 50 a settimana scoperto e risolto questo ora ho una ricaricabile x la mia ragazza presa a mio nome che con una offerta da10 euro al mese illimitata in chiamate e internet , aveva 2 enigmi ,5 euro x le chiamate e 5 euro x internet . Sia i soldi di una che dell'altra , non bastavano mai. Lei arrivava anche a 60 euro al mese . Dopo negozi e chiamate ai call center ho capito che sti banner inspiegabilmente si arrivavano e addirittura la connessione internet dichiarata illimitata aveva pochi 100 mega al giorno se andavi col navigatore eri già fuori . Basta rivoglio i miei soldi
    non+autenticato
  • Signori, il 28.01.2010, ho sottoscritto un contratto ricaricabile TRE con telefonino in comodato d'uso, pagando 10 euro mensili. Allora lavoravo, ma dopo qualche mese ho perso il lavoro, e non mi è stato più possibile pagare la tre. Mi hanno tampinato di solleciti di pagamento, e a febbraio 2011 mi hanno disattivato la sim. Ora, siccome il contratto (credo sia così) vale 24 mesi, e ad oggi 14 marzo 2012, sono trascorsi i due anni, pagando il dovuto relativo all'importo che mi hanno sollecitato, posso disdire il contratto senza il rischio del pagamento di penale, e essere sicura che non mi arrivino ulteriori fatture in futuro da pagare? Oppure, mi riattiveranno la sim, facendo finire di scontare il contratto per un'altro anno? Attendo una risposta da qualcuno che è pratico. Anche perchè sono giorni che chiamo il 133, e non faccio altro che sentire sempre e solo la VOCE GUIDAAAAA
    non+autenticato
  • Da due mesi usufruisco di un contratto 3 top400 con in comodato d'uso un iphone da 35 euro al mese pattuiti al contratto da circa due mesi, oggi mi viene notificato un insoluto di 240 euro e al momento della conversazione con operatore cade la linea.Come posso difendermi trovando questa richiesta improvvisa ingiusta?Non rispettano il contratto e mandano tutto all'aria creando agitazioni.
    non+autenticato
  • Oggi ho telefonato a tre per recedere un contratto tre dati attivo dal da 02 07 2008 così come compare nel profilo direttamente sul sito tre, ma alla domanda se dovevo pagare una penale mi è stato comunicato che avrei dovuto pagare 300 euro. Io ho chiesto perchè dato che il contratto e del 2008, loro mi hanno risposto che nel luglio 2010 mi hanno mandato una nuova chiavetta e che il contratto ripartiva da quella data. Premetto che la chiavetta mi è stata mandata come sostituzione alla precedente per il miglioramento della funzionalità del servizio in termini di velocità.
    Quando io li ho informati che non avevo ricevuto nessun nuovo contratto in merito mi hanno risposto che me l'avevano mandato per E_mail però ad un indirizzo non corrispondente al mio.
    Come ci si può difendere di fronte a certi comportamenti?
    non+autenticato
  • Buonasera ieri ho stipulato un contratto con la 3, ricevendo gratuitamente un telefonino in comodato d'uso e una penna internet per la navigazione.
    Mi è stato garantito che nel paese dove sto vi era copertura umts..e copertura tre (o tim)
    ..invece niente di tutto ciò..internet non funziona proprio e il segnale del telefonino è a mopmenti.
    Ho pagato 40 euro alla fine di tutto (senza che neanche me lo comunicassero prima di firmare) ed ora non ho nessuna intenzione di usufruire di un servizio che non funziona nella mia zona.
    come posso fare?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)