Gaia Bottà

Premiati i fluidi più realistici

E' così naturale da sembrare vero il mare riprodotto al computer da un professore di Stanford. Verrà insignito di un premio per gli effetti speciali

Roma - Onde che si infrangono contro gli scogli negli ultimi due capitoli de I Pirati dei Caraibi, lingue di fuoco che serpeggiano dalle fauci del dragone nell'ultimo film che vede protagonista Harry Potter. Sono effetti speciali opera del team di Ron Fedkiw, che verrà premiato con l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences Award.

Onde che si infrangonoFedkiw, professore di informatica a Stanford, lavora da anni nell'ambito della computer grafica. Insieme a Nick Rasmussen e Frank Losasso, parte del team di Industrial Light & Magic, ha sviluppato un metodo innovativo per simulare e riprodurre il comportamento dei liquidi.

Le onde ricreate al computer da Fedkiw non si dissolvono in maniera innaturale contro gli scafi di una nave, né appaiono artificiosamente compatte, effetto che spesso si ottiene utilizzando la tecnica del level set method. Non hanno nemmeno l'aspetto artefatto e sgranato dei moti ondosi riprodotti con i sistemi a particelle.
Sferzata dal vento, la superficie del mare ricreata dal team di Fedkiw è increspata in maniera naturale, si infrange contro scogli e scafi in un nugolo di spruzzi. Lo si deve ad una integrazione delle metodologie finora utilizzate in computer grafica, lo si deve al particle level set method, una tecnica sviluppata da Fedkiw e colleghi.

Superficie increspataMa non è tutto, ha spiegato Fedkiw: il team di Industrial Light & Magic ha lavorato anche a una tecnica che consente di modellare dei fluidi sopra oggetti solidi, sistema che consente di riprodurre in maniera naturale il movimento di un corpo che interagisce con l'ambiente.

Il premio che l'Academy conferirà loro non è che un riconoscimento al valore del lavoro svolto da Fedkiw e dai suoi collaboratori: veder comparire il proprio nome fra i titoli di coda di Terminator 3, contribuire a opere cinematografiche come Star Wars: Episodio III, ha spiegato Fedkiw, sono la migliore gratificazione.

Gaia Bottà
12 Commenti alla Notizia Premiati i fluidi più realistici
Ordina
  • ...nell'analizzare le cose in profondità poi "come per magia" si "vedranno" le singole conseguenze e come queste si legano reciprocamente a loro volta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...nell'analizzare le cose in profondità poi
    > "come per magia" si "vedranno" le singole
    > conseguenze e come queste si legano
    > reciprocamente a loro
    > volta
    non+autenticato
  • Scusate?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Scusate?
    ok, x stavolta ti scusiamo..
    non+autenticato
  • Non si capisce ?

    1° Tentativo di sviluppare un "mare": prendi una superficie piana e falla ondeggiare --> assomiglia ad un mare ma è irrealistico a palla.

    2° Tentativo: la solita superficie di prima con più direttrici d'onda sfasate sulle coordinate di due dei tre assi cartesiani --> assomiglia sempre di più ad un mare ma l'impressione rimane quella di un un lenzuolo o di una melassa

    2° Tentativo e Mezzo: prendi il caso di prima, applica sulla superficie texture in alta risoluzione con canale alpha a palla e infila effetti grafici ovunque possibile a cominciare da bump mapping e pixel shader. Ultimo extra definisci un algoritmo che simuli il vento e cambi di tanto in tanto il gruppo delle direttrici d'onda --> l'acqua dei nostri vg (bella da vedersi quando non ci si interagisce troppo seriamente)

    3° Tentativo: buttare quanto visto prima alle ortiche e sviluppare tutta una serie di concetti diversi ad esempio descrivendo il volume della massa liquida (soprattutto non come blocco unico) e come questo interagisce col fondo del mare. Sostituire le direttrici d'onda (delle rette) con una simulazione delle correnti marine ("girano").
    non+autenticato
  • Gosh...

    Metti che mi stufo di fare telefonini e voglio andare a lavorare alla ILM o alla Pixar.
    Come si fa ad imparare queste cose?
    non+autenticato
  • Ti devi fare un po' di corsi di computer grafica o realtà virtuale o fai come tutti gli smanettoni e guardi il web. Il problema è più che altro come fai a inventarle.
    PS: x L'anonimo: 3° Tentativo: quello che hai detto non è necessariamente possibile visto l'attuale progettazione di schede e motori grafici etc. Il discorso è appunto che il professore ha inventato un nuovo metodo che non solo è realistico ma è anche economico dal punto di vista di risorse di calcolo o di visualizzazione.
    non+autenticato
  • Simulare l'equazione di Navier-Stokes in modo decente e aggiungere qualche effetto speciale per farlo sembrare più bello.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...nell'analizzare le cose in profondità poi
    > "come per magia" si "vedranno" le singole
    > conseguenze e come queste si legano
    > reciprocamente a loro
    > volta

    Tra il dire e il fare, c'è di mezzo il mare (simulato)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ...nell'analizzare le cose in profondità poi
    > "come per magia" si "vedranno" le singole
    > conseguenze e come queste si legano
    > reciprocamente a loro
    > volta

    già, lo stesso pensava Einstein...
    snem
    235
  • Signori, abbiamo dei genii.
    non+autenticato