Il vecchio BIOS è morto, lunga vita a EFI

Il prossimo mese MSI lancerà quella che definisce la prima scheda madre per PC che, al posto del tradizionale BIOS, utilizza un firmware basato sullo standard EFI. Lo stesso utilizzato da Apple sui Mac più recenti

Il vecchio BIOS è morto, lunga vita a EFITaipei - Sono trascorsi quasi otto anni da quando Intel pubblicò la prima specifica di Extensible Firmware Interface (EFI), una tecnologia pensata per sostituire gli attuali BIOS delle schede madri. Dopo essere stato impiegato per anni sui server Itanium e dal 2006 sui Mac Intel-based, EFI si appresta finalmente a debuttare nel mondo dei PC.

La prima motherboard generica ad implementare la specifica EFI è la P35 Neo3 di MSI, il cui lancio sul mercato dovrebbe avvenire entro la fine di febbraio. A differenza dei BIOS tradizionali, il firmware di questa scheda avrà un'interfaccia completamente grafica (qui alcuni screenshot), supporterà il mouse e sarà disponibile in 16 lingue, tra cui l'italiano. Grazie all'ambiente di esecuzione EFI, la P35 Neo3 sarà inoltre in grado di far girare alcune applicazioni - come tool di diagnostica e sicurezza - senza la necessità di caricare il sistema operativo.

MSI non ha fornito altri dettagli sul firmware utilizzato dalla propria motherboard, ma secondo alcune fonti questo includerà tool per il backup e il ripristino del sistema operativo.
Sembra che MSI sia intenzionata a fare di EFI il firmware standard di tutte le proprie future schede madri, una mossa che, da qui alla fine dell'anno, potrebbe essere seguita anche da buona parte dei suoi concorrenti.

EFIDal 2005 lo sviluppo e la promozione di EFI viene portato avanti dallo United EFI Forum (UEFI), un gruppo di aziende che oltre ad Intel comprende AMD, Apple, Dell, HP, IBM, Microsoft, Lenovo e i produttori di BIOS Phoenix Technologies (che controlla oltre l'80% del mercato), AMI e Insyde Software.

EFI è nato per piattaforme a 64 bit, ma il supporto alle architetture x86 a 32 bit è stato incluso da Intel all'interno dei suoi chipset più recenti. Se si escludono le edizioni per Itanium, oggi nessuna versione di Windows include il supporto nativo ad EFI: in Vista questo sarà introdotto con l'imminente rilascio del Service Pack 1. Non è un caso che MSI abbia deciso di commercializzare la propria scheda madre EFI proprio a febbraio, ovvero lo stesso mese in cui si attende il rilascio dell'SP1 per Vista.

Microsoft afferma che la mancanza del supporto ad EFI nelle versioni a 32 bit di Windows è da ricercare nello scarso interesse finora mostrato dai produttori e dai venditori di PC. Con l'annuncio di MSI, la situazione di mercato potrebbe però rapidamente cambiare, spronando BigM ad estendere il supporto ad EFI anche alle versioni mainstream di Windows Vista. Sul fronte Linux, la compatibilità con EFI è garantita dal boot loader elilo, oggi in grado di supportare le architetture IA-64, IA-32 e x86-64 (in beta).

Lo scorso novembre Phoenix ha presentato una tecnologia, chiamata HyperSpace, che estende significativamente le funzionalità dei BIOS EFI: tra le caratteristiche più interessanti c'è la possibilità di far girare le applicazioni prima, durante o dopo l'avvio del sistema operativo, e di supportare direttamente dal firmware vari tipi di connettività di rete.

Al momento non è dato sapere se il firmware incluso nella P35 Neo3 di MSI sia stato sviluppato da Phoenix e se, in tal caso, implementi HyperSpace.

Su EFI si vedano anche queste considerazioni di Alessandro Bottoni relative ai sistemi operativi open source e al Trusted Platform Module.
321 Commenti alla Notizia Il vecchio BIOS è morto, lunga vita a EFI
Ordina
  • Un nuovo Bios che può far girare applicazioni???
    Uhm... che bel regalo per gli sviluppatori di malware!

    Perfetto! Ora dovremo installare anche un antivirus per il Bios!
    non+autenticato
  • tanto finche i governi sono composti da settantenni che non capiscono nulla di questa roba...il treno di cassandra crossing si è già bello che schiantato
    non+autenticato
  • In realtà non mi pare di aver letto da nessuna parte che il BIOS, a differenza di EFI, è tecnologia basata sui vecchi 16-bit mentre il 2008 potrebbe essere l'anno dei 64-bit. Come Apple ha dimostrato tramite bootcamp tutte queste eresie sulla retrocompatibilità lasceranno il tempo che trovano. Se icsppì e Linux girano su MacIntel a maggior ragione potranno girare su EFI non made in Cupertino
    non+autenticato
  • Certo ma se gireranno grazie a patch di terze parti ti sogni la garanzia sul funzionamento del picci' e del software da parte di microsoft e case software.
    non+autenticato
  • Ma quale garanzia ti dà Microsoft sul suo software se no di dirti che nelle prossima versione del software il probleme verra risolto ?
    non+autenticato
  • Giusto per rispondere ad alcune affermazioni lette da queste parti con fatti concreti e non parole, qui di seguito trovate 2 schermate - "catturate" dal sottoscritto - che testimoniano il pieno supporto da parte del Pinguino dei bios EFI.

    Nella prima è evidenziata la voce che c'interessa (siamo nella sezione di configurazione dell'ultimo kernel rilasciato da Torvalds & Co.):

    http://img222.imageshack.us/my.php?image=kernelefi...

    Sotto, una breve descrizione di come "funziona" la faccenda:

    http://img137.imageshack.us/my.php?image=kernelefi...

    Dedicato ai dispensatori di "saggezza", e a chi crede ai draghi volanti e a quelli conservati in formaldeide.Occhiolino

    ...
    non+autenticato
  • Cosa ne pensate? Secondo voi a quel punto sara possibile modificare l'EFI del PC ed installare OSX non modificato sul PC ?
    non+autenticato
  • Impossibile. Osx controlla i pci id della scheda madre e quelle apple (asus rimarchiate) ne hanno di loro specifici.
    non+autenticato
  • Peccato...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Impossibile. Osx controlla i pci id della scheda
    > madre e quelle apple (asus rimarchiate) ne hanno
    > di loro
    > specifici.

    sicuro?

    ora googolo
  • E' possibile craccare osx non fregare la scheda madre...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > E' possibile craccare osx non fregare la scheda
    > madre...

    e alla fine cosa cambia se tanto lo puoi installare ugualmente? c'è una differenza o è un puro discorso accademico?
    non+autenticato
  • La differenza sta nel fatto che craccando osx vai a patchare il kernel per essere eseguito su pc, e ciò significa che vari updates, quelli che toccano il kernel, non lo puoi fare, se no non ti parte piu osx.

    Nel caso ideale, che nessuno ancora è riuscito, è far credere a osx che sia installato su una macchina apple...e patchare il kernel è tutta un'altra cosa...

    Poi non so tutta sta mania di osx, io ce l'ho perché ho preso un macbook, installarlo su una piattaforma non adatta(vedi pc, gli hackintosh) ha poco senso imho, tanto vale comprare un mac...perché chissà che bello avere osx su un pc...con le app che alcune vanno, altre no e bug legati all'hack...
    non+autenticato
  • - Scritto da: GoldenBoy
    > La differenza sta nel fatto che craccando osx vai
    > a patchare il kernel per essere eseguito su pc, e
    > ciò significa che vari updates, quelli che
    > toccano il kernel, non lo puoi fare, se no non ti
    > parte piu
    > osx.
    >

    > Nel caso ideale, che nessuno ancora è riuscito, è
    > far credere a osx che sia installato su una
    > macchina apple...e patchare il kernel è tutta
    > un'altra
    > cosa...
    >
    > Poi non so tutta sta mania di osx, io ce l'ho
    > perché ho preso un macbook, installarlo su una
    > piattaforma non adatta(vedi pc, gli hackintosh)
    > ha poco senso imho, tanto vale comprare un
    > mac...perché chissà che bello avere osx su un
    > pc...con le app che alcune vanno, altre no e bug
    > legati
    > all'hack...

    perché forse manca un mac modello tower ma non Pro e che si piazzi tra gli imac e i MacPro e con un prezzo non da computer professionale?
    non+autenticato
  • L'hackintosh non è la risposta dai, siamo realisti. Si può dir tutto, come provare osx o sentirsi figo con osx nel pc/portatile...ma non perché manca un tower...usare osx patchato per fare qualsiasi cosa non sia di testing mi pare assurdo. Già ci sono problemi se hai una macchina simile come hw ad un mac, figuriamoci un pc qualunque...

    Che poi gli Apple costano...è vero, ma c'è poco da fare, e ripeto l'hackintosh non è la risposta economica.
    non+autenticato
  • > Nel caso ideale, che nessuno ancora è riuscito, è
    > far credere a osx che sia installato su una
    > macchina apple...

    Non all'installer ma con il pc_efi di netkas il kernel originale intel è usabile anche sui normali pc, aggiornamenti compresi e senza particolari grane.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 32 discussioni)